Quando finirà la scuola per i bambini italiani?

Contents
  1. Calendario scolastico 2020/2021: vacanze e ultimo giorno di scuola
  2. Abruzzo
  3. Basilicata
  4. Bolzano
  5. Calabria
  6. Campania
  7. Emilia Romagna
  8. Friuli Venezia Giulia
  9. Lazio
  10. Liguria
  11. Lombardia
  12. Marche
  13. Molise
  14. Piemonte
  15. Puglia
  16. Sardegna
  17. Sicilia
  18. Toscana
  19. Trentino Alto Adige
  20. Umbria
  21. Valle d'Aosta
  22. Veneto
  23.  
  24. A scuola fino al 30 giugno e tutti in classe il 6 settembre: le (possibili) novità
  25. Scuola, l'anno scolastico finirà il 30 giugno e ricomincia il 6 settembre 2021?
  26. Come sarà la maturità 2021: tesina all'orale, niente prove scritte
  27. Maturità 2021, niente scritti ma ci saranno novità: che cosa può cambiare
  28. Calendario scolastico 2019 / 2020 inizio delle lezioni, vacanze e ponti
  29. piccoli accorgimenti per cominciare o ricominciare la scuola materna con serenità nei primi giornii:
  30. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 TOSCANA 
  31. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 FRIULI VENEZIA GIULIA 
  32. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 LIGURIA 
  33. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 PIEMONTE 
  34. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 TRENTINO ALTO ADIGE 
  35. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 UMBRIA 
  36. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 VALLE D'AOSTA 
  37. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 BASILICATA 
  38. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 VENETO 
  39. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 CAMPANIA 
  40. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 CALABRIA 
  41. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 LAZIO 
  42. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 LOMBARDIA 
  43. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 MOLISE 
  44. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 SICILIA 
  45. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 BOLZANO 
  46. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 MARCHE 
  47. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 EMILIA ROMAGNA 
  48. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 SARDEGNA 
  49. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 ABRUZZO 
  50. CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 PUGLIA 
  51. La scuola secondo Mario Draghi: il prolungamento a giugno e tutte le ipotesi per cambiare il calendario
  52. A scuola tutto giugno
  53. Il rebus logistico
  54. I corsi ad hoc per chi deve recuperare
  55. L’incognita di Pasqua
  56. Rientrare in anticipo
  57. Quando finisce la scuola nel 2019
  58. Ma quando finisce la scuola nel 2021?
  59. Scuole materne
  60. Esame di Stato
  61. Fine anno ai tempi del Coronavirus
  62. Regali per le maestre per fine anno scolastico
  63. Campi estivi 2021
  64. Scuola, cosa cambia da lunedì. Studenti in dad in quasi tutta Italia
  65. In 11 regioni rosse scuole tutte chiuse
  66. In regioni arancioni apertura a macchia di leopardo
  67. La mappa sul territorio

Calendario scolastico 2020/2021: vacanze e ultimo giorno di scuola

Quando finirà la scuola per i bambini italiani?

Ogni anno le singole Regioni possono organizzare i vari ponti festivi in base alle festività nazionali e alle ricorrenze dei diveri territori, a patto di rispettare i criteri dettati dal Ministero. Normalmente, ad esempio, le autorità regionali possono “spalmare” a propria discrezione i giorni di vacanze, a patto che si garantiscano almeno 200 giorni di lezioni agli studenti.

Tale norma però è passibile di molte eccezioni, soprattutto nell'anno della grande emergenza sanitaria, dove decreti e disposizioni ministeriali possono cambaire le carte in tavola nel giro di poco tempo.

Che si tratti di lezioni in presenza o a distanza, poi, non fa differenza. Vediamo quindi, il calendario scolastico 2020/2021 regione per regione

Alcuni giorni festivi hanno valenza nazionale. Sono:

  • 1° novembre (Tutti i Santi);
  • 8 dicembre (Immacolata Concezione);
  • 25 dicembre (Natale);
  • 26 dicembre (Santo Stefano);
  • 1° gennaio (Capodanno);
  • 6 gennaio (Epifania);
  • 4 aprile (Pasqua);
  • 5 aprile (Lunedì dell'Angelo);
  • 25 aprile (Festa della Liberazione);
  • 1° maggio (Festa del Lavoro);
  • 2 giugno (Festa della Repubblica).

Durante queste giornate, tutte le scuole del Paese saranno chiuse (sia fisicamente che “virtualmente”)

La gestione dei giorni di vacanza (i cosiddetti “ponti”) e dell'ultimo giorno di lezione è affidata alle autorità regionali. Ecco dunque come si sono organizzate le varie regioni d'Italia.

Abruzzo

Vacanze di Natale: dal 24 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Carnevale: 16 febbraio

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile (compresi)

Ultimo giorno di scuola: 8 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Basilicata

Vacanze di Natale: dal 24 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile (compresi)

Altri ponti: 7 dicembre

Ultimo giorno di scuola: 8 giugno

Bolzano

Vacanze di Natale: dal 24 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Carnevale: dal 13 al 21 febbraio (compresi)

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile (compresi)

Ultimo giorno di scuola: 16 giugno

Calabria

Vacanze di Natale: dal 23 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile

Altri ponti: 7 dicembre

Ultimo giorno di scuola: 12 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Campania

Vacanze di Natale: dal 23 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Carnevale: 15 e 16 febbraio

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile

Altri ponti: 2 novembre, 7 dicembre

Ultimo giorno di scuola: 5 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Emilia Romagna

Vacanze di Natale: dal 24 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile (compresi)

Ultimo giorno di scuola: 5 giugno (I°ciclo e II° ciclo d'istruzione)

Friuli Venezia Giulia

Vacanze di Natale: dal 24 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Carnevale: al 15 al 17 febbraio (compresi)

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile (compresi)

Altri ponti: 7 dicembre

Ultimo giorno di scuola: 10 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Lazio

Vacanze di Natale: dal 23 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile (compresi)

Altri ponti: 7 dicembre, 31 maggio, 1 giugno

Ultimo giorno di scuola: 8 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Liguria

Vacanze di Natale: dal 24 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile (compresi)

Altri ponti: 7 dicembre

Ultimo giorno di scuola: 9 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Lombardia

Vacanze di Natale: dal 23 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Carnevale: i due giorni antecedenti al periodo quaresimale (19 e 20 febbario)

Vacanze di Pasqua: dal 1 aprile al 6 aprile (compresi)

Ultimo giorno di scuola: 8 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Marche

Vacanze di Natale: dal 24 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Vacanze di Pasqua: dal 1 aprile al 6 aprile (compresi)

Ultimo giorno di scuola: 5 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Molise

Vacanze di Natale: dal 24 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile (compresi)

Ultimo giorno di scuola: 5 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Piemonte

Vacanze di Natale: dal 23 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Carnevale: dal 13 al 17 febbraio

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile (compresi)

Ultimo giorno di scuola: 11 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Puglia

Vacanze di Natale: dal 23 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Vacanze di Pasqua: dal 1 aprile al 6 aprile (compresi)

Altri ponti: 7 dicembre

Ultimo giorno di scuola: 11 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Sardegna

Vacanze di Natale: dal 24 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Carnevale: la giornata antecedente l'avvio del periodo quaresimale.

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile

Altri ponti: 7 dicembre.

Ultimo giorno di scuola: 20 giugno.

Sicilia

Vacanze di Natale: dal 24 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile (compresi)

Altri ponti: 2 giugno

Ultimo giorno di scuola: 8 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Toscana

Vacanze di Natale: dal 24 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Carnevale: dal 15 al 17 febbraio (compresi)

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile (compresi)

Ultimo giorno di scuola: 10 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Trentino Alto Adige

Vacanze di Natale: dal 24 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Carnevale: 15 e 16 febbraio

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile (compresi)

Altri ponti: 7 dicembre

Ultimo giorno di scuola: 10 giugno. 

Umbria

Vacanze di Natale: dal 23 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Vacanze di Pasqua: dal 1 aprile al 6 aprile (compresi)

Altri ponti: 2 novembre, 7 dicembre 31 maggio e 1 giugno

Ultimo giorno di scuola: 9 giugno

Valle d'Aosta

Vacanze di Natale: dal 24 al 31 dicembre 2020 e dal 2 al 5 gennaio 2021

Vacanze invernali: dal 15 al 17 febbraio

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile

Altri ponti: 7 dicembre

Ultimo giorno di scuola: 8 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Veneto

Vacanze di Natale: dal 24 dicembre al 6 gennaio (compresi)

Carnevale: dal 15 al 17 febbraio (compresi)

Vacanze di Pasqua: dal 1 al 6 aprile (compresi)

Altri ponti: 7 dicembre

Ultimo giorno di scuola: 5 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

 

Источник: https://www.nostrofiglio.it/bambino/istruzione/calendario-scolastico-2020-2021

A scuola fino al 30 giugno e tutti in classe il 6 settembre: le (possibili) novità

Quando finirà la scuola per i bambini italiani?

Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, si è già messo al lavoro per elaborare un vero e proprio piano d’azione sulla scuola da far partire nelle prossime settimane, per recuperare il tempo perduto.

Molto dipende dall'andamento dei contagi, certo, ma un nuovo lockdown nazionale oggi come oggi non è nei piani del governo.

Quindi si guarda avanti, cercando di portare a termine nel migliore dei modi l'anno scolastico 2020-2021 (esame di maturità incluso) e di programmare con largo anticipo il 2021-2022. Ecco una panoramica delle possibili novità.

Scuola, l'anno scolastico finirà il 30 giugno e ricomincia il 6 settembre 2021?

Patrizio Bianchi ha aperto un tavolo con gli assessori regionali per protrarre l’anno scolastico in tutta Italia fino al 30 giugno. Al momento siamo ben lontani dall'ufficialità. Ma inutile negarlo: se ne parla.

Come stanno le cose al momento? Le Regioni possono organizzare in modo parzialmente autonomo il calendario scolastico. La fine delle lezioni dovrebbe avvenire tra il 5 e il 16 giugno prossimi.

Per “recuperare il tempo perso”, per usare le parole del premier Mario Draghi, si vorrebbe andare verso un prolungamento fino al 30 giugno in tutta Italia. I sindacati hanno già espresso tutti i loro dubbi. 

Il tema riguarda elementari, medie e soprattutto scuole superiori (le scuole dell'infanzia chiudono sempre a fine giugno).

Per le scuole superiori quello in corso è già stato un anno complesso, basti pensare che oggi si frequenta quasi ovunque in presenza al 50 per cento (tranne Alto Adige e Abruzzo), ma la didattica a distanza è stata la norma per tutto il primo quadrimestre.

Un’altra delle misure a cui lavora il Miur per recuperare il tempo perduto è quella di anticipare la ripresa dell’anno una settimana prima del previsto. Ovvero: tutti in classe il 6 settembre 2021.

 “Riporteremo gli studenti in classe, come abbiamo riaperto le scuole in Emilia dopo il terremoto del 2012. Gli istituti a pezzi erano centinaia, allora. La sicurezza delle scuole, sia pandemica che strutturale, sarà un punto forte del mio mandato.

Riporteremo i ragazzi in classe con la giusta cautela e gli investimenti del Recovery Fund” ha assicurato nei giorni scorsi il neo ministro.

Bianchi ha promesso che si deciderà in fretta: entro una massimo due settimane si sapranno le date certe.

In ogni caso un cambiamento del calendario scolastico per le conseguenze della pandemia non inciderebbe in alcun modo sull’esame di Maturità: sarà un esame solo orale, molto probabilmente, e si partirà quindi il 16 giugno, la medesima data che era originariamente prevista per la prima prova, anche se non ci sarà alcuna prova scritta. In pratica l'esame di Stato potrebbe iniziare con le scuole ancora frequentate normalmente dagli studenti degli altri anni per terminare l'anno scolastico, Dad permettendo. 

Come sarà la maturità 2021: tesina all'orale, niente prove scritte

Per la maturità 2021, la tesina scelta con il coordinatore e preparata prima dell’esame sarà protagonista assoluta. Maglie larghe per l'accesso alla maturità (è stato un anno difficilissimo per gli studenti. e se ne dovrà tenere conto in qualche modo) ma non ci sarà ammissione generalizzata.

 Non ci sarà quest'anno quindi una ammissione generalizzata, come ci fu un anno fa, quando tutti gli studenti dell'ultimo anno delle scuole superiori furono ammessi all'esame di Stato. Bisognerà avere la media dei voti sufficiente.

La percentuale di promossi alla maturità in ogni caso è rimasta sempre altissima negli ultimi anno, a prescindere dall'emergenza Covid: sopra il 99 per cento sia nel 2019 sia nel 2020.  E per quel che riguarda le commissioni e i voti? Si procede con presidente esterno e membri interni.

Il voto finale, a meno di ulteriori novità, per il 60 per cento dipenderà dai giudizi del triennio e il 40 per cento dall’orale della maturità 2021. 

“Non voglio sentir parlare di tesina! I maturandi sono ragazzi e ragazze alla fine del loro percorso scolastico di cinque anni: dovranno preparare un elaborato ampio, personalizzato, sulle materie di indirizzo concordandolo con il consiglio di classe. Lo discuteranno con la commissione, composta dai loro insegnanti.

Da qui comincerà l'orale che si svilupperà poi anche sulle altre discipline. Consentiremo loro di esprimere quanto hanno maturato e compreso nel corso degli anni anche con una visione critica”. Così si svolgerà l'esame di maturità 2021, secondo il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi che ne parla al Corriere della Sera.

Non prevede le tradizionali prove scritte ma soltanto l'orale e si comincia a metà giugno. “L'ammissione – continua – sarà disposta in sede di scrutinio finale, dal consiglio di classe”.

Purtroppo, spiega poi il ministro nell'intervista riguardo agli studenti che si sono persi nei mesi dell'emergenza e sulla Dad, “la pandemia ha esasperato problemi di diseguaglianza che erano già gravi. Ha mostrato come nel nostro Paese ci siano situazioni molto differenti.

E io voglio ripartire dal Sud che è la zona più in difficoltà perché per rilanciare il sistema si comincia da chi ha più problemi, da chi è più debole: non dimentichiamo che in certe zone della Calabria e della Campania uno studente su tre si perde per strada, che in Sicilia solo il 5 per cento dei bambini va al nido”.

Maturità 2021, niente scritti ma ci saranno novità: che cosa può cambiare

Источник: https://www.today.it/scuola/anno-scolastico-30-giugno-fine-6-settembre-inizio.html

Calendario scolastico 2019 / 2020 inizio delle lezioni, vacanze e ponti

Quando finirà la scuola per i bambini italiani?

Martedì, 20 Agosto 2019 11:24

Calendario Scolastico 2017/2018

Per chi voglia scoprire quando inizia la scuola, quando finirà e quali giorni di vacanza ci saranno a Natale e a Pasqua e le varie festività, di seguito vi riportiamo i giorni di festa nazionali, in cui tutte le scuole sono chiuse per l'anno 2019/2020.

Gli alunni e i loro genitori possono quindi già sapere quando inizia la scuola, quando finirà e quali giorni di vacanza ci saranno a Natale e a Pasqua.
Di seguito vi riportiamo i giorni di festa nazionali, in cui tutte le scuole sono chiuse, e più sotto i calendari dell'anno scolastico 2019/2020.

Vi ricordiamo che può accadere che ogni scuola decida di aggiungere uno o due giorni di vacanza durante l'anno, che si aggiungono ai giorni di chiusura stabiliti dalla singola Regione, vengono decisi dal collegio docenti che li propone al consiglio di istituto che li deve deliberare ed approvare. Anche nelle singole regioni si possono riscontrare piccoli cambiamenti di data per cui controllate con cura.

Altra cosa da ricordare è che la chiusura delle scuole dell'infanzia è prevista per il 30 giugno 2018, mentre per quanto riguarda la fine delle lezioni nella scuola primaria, le medie e le superiori, i giorni sono stabiliti dai calendari scolastici che trovate di seguito.

  • venerdì 1 novembre 2019 : Tutti i Santi;
  • domenica 8 dicembre 2019 : Immacolata Concezione,
  • mercoledì 25 dicembre 2019: Natale;
  • giovedì 26 dicembre 2019: Santo Stefano;
  • mercoledì 1 gennaio 2020: Capodanno;
  • lunedì 6 gennaio 2020: Epifania;
  • domenica 12 aprile 2020: Pasqua
  • lunedì 13 aprile 2020: Lunedì dell’Angelo;
  • sabato 25 aprile 2020: Festa della Liberazione;
  • venerdì 1 maggio 2020: Festa del Lavoro;
  • martedì 2 giugno 2020: Festa nazionale della Repubblica.

piccoli accorgimenti per cominciare o ricominciare la scuola materna con serenità nei primi giornii:

  • Il sonno è estremamente importante per i bambini,riprendere i ritmi del sonno è fondamentale
  • Preparare insieme il materiale necessario per un buon inserimento
  • Ricordare le amicizie dello scorso anno o, se è il primo approccio , raccontargli della possibilità di incontrare nuove amicizie
  • parlargli della moltitudine di giochi presenti a scuola
  • raccontare delle attività che si svolgono a scuola
  • rassicuratelo che il distacco da voi che è solo temporaneo e voi tornerete puntuali a riprenderlo
  • ditegli che sarà accolto dalle maestre che lo aspettano per cominciare un percorso insieme  
  • leggete i nostri articoli per approfondire meglio l'argomento. 

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 TOSCANA 

Il calendario scolastico 2019-2020 della regione Toscana:

  • Primo giorno di scuola: lunedì 16 settembre
  • Ultimo giorno di scuola: mercoledì 10 giugno (30 giugno per le scuole dell'infanzia)
  • Vacanze di Natale: da martedì 24 dicembre a lunedì 6 gennaio 2020 (compresi)
  • Vacanze di Pasqua: da giovedì 9 aprile a martedì 14 aprile 2020 (compresi)

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 FRIULI VENEZIA GIULIA 

  • Primo giorno di scuola: 12 settembre
  • Ultimo giorno di scuola: mercoledì 10 giugno (30 giugno per le scuole dell'infanzia)
  • Vacanze di Natale: da lunedì 23 dicembre a lunedì 6 gennaio 2020 (compresi)
  • Vacanze di Pasqua: da giovedì 9 aprile a martedì 14 aprile 2020 (compresi)
  • Vacanze di Carnevale: da lunedì 24 al 26 febbraio 2020
  • Altri ponti: sabato 2 novembre; sabato 2 maggio e lunedì 1 giugno

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 LIGURIA 

  • Primo giorno di scuola: 16 settembre
  • Ultimo giorno di scuola: mercoledì 10 giugno (30 giugno per le scuole dell'infanzia)
  • Vacanze di Natale: da lunedì 23 dicembre a lunedì 6 gennaio 2020 (compresi)
  • Vacanze di Pasqua: da giovedì 9 aprile a martedì 14 aprile 2020 (compresi)
  • Altri ponti: sabato 2 novembre; sabato 2 maggio; lunedì 1 giugno e la Festa del Santo Patrono.

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 PIEMONTE 

  • Primo giorno di scuola: 9 settembre
  • Ultimo giorno di scuola: mercoledì 10 giugno (30 giugno per le scuole dell'infanzia)
  • Vacanze di Natale: da lunedì 23 dicembre al 4 gennaio 2020 (compresi)
  • Vacanze di Pasqua: da giovedì 9 aprile a martedì 14 aprile 2020 (compresi)
  • Vacanze di Carnevale: da lunedì 22 al 26 febbraio 2020
  • Altri ponti: sabato 2 maggio e lunedì 1 giugno

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 TRENTINO ALTO ADIGE 

  • Primo giorno di scuola: 12 settembre 2019 (2 settembre le scuole dell'infanzia)
  • Ultimo giorno di scuola: 10 giugno (30 giugno le scuole dell'infanzia)
  • Vacanze di Natale: 23 dicembre – 6 gennaio 2020
  • Vacanze di Pasqua: 9-14 aprile 2020
  • Vacanze di Carnevale: 22-25 febbraio 2020
  • Altri ponti: 1 e 2 novembre, 7 dicembre, 25 aprile, 1-2 maggio, 1-2 giugno

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 UMBRIA 

  • Primo giorno di scuola 2019: 11 settembre 2019
  • Ultimo giorno di scuola: 9 giugno (30 giugno le scuole dell'infanzia)
  • Vacanze di Natale: 23 dicembre – 7 gennaio 2020
  • Vacanze di Pasqua: 9-14 aprile 2020
  • Altri ponti: 1 e 2 novembre, 7 dicembre, 24 aprile, 1-2 maggio, 1-2 giugno

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 VALLE D'AOSTA 

  • Primo giorno di scuola: 12 settembre 2019
  • Ultimo giorno di scuola: 12 giugno
  • Vacanze di Natale: 23 -31 dicembre e 2-4 gennaio 2020
  • Vacanze di Pasqua: 9-14 aprile 2020
  • Vacanze di inverno: dal 24 al 26 febbraio
  • Altri ponti: 2 novembre, Fiera di Sant'Orso 30 e 31 gennaio, 2 maggio, 1 giugno

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 BASILICATA 

  • Primo giorno di scuola: 11 settembre 2019
  • Ultimo giorno di scuola: 10 giugno
  • Vacanze di Natale: 23 dicembre – 6 gennaio 2020
  • Vacanze di Pasqua: 9-14 aprile 2020
  • Vacanze di Carnevale: 24, 25 febbraio
  • Altri ponti: 2 maggio, 1 giugno, 2 novembre

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 VENETO 

  • Primo giorno di scuola: 11 settembre 2019
  • Ultimo giorno di scuola: 6 giugno 2020
  • Vacanze di Natale: dal 23 dicembre al 6 gennaio 2020
  • Vacanze di Pasqua: 9-14 aprile 2020
  • Vacanze di Carnevale: dal 24 al 26 febbraio
  • Altri ponti: 2 maggio, 1 giugno, 2 novembre
  • La Regione Veneto ha previsto le Giornate dello Sport per il 27, 28, 29 febbraio 2020; la Giornata della Legalità per il 20 marzo 2020 e quella della Musica per il 4 marzo.

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 CAMPANIA 

  • Primo giorno di scuola: 11 settembre
  • Ultimo giorno di scuola: mercoledì 10 giugno
  • Vacanze di Natale: da lunedì 21 dicembre a lunedì 6 gennaio 2020 (compresi)
  • Vacanze di Pasqua: da giovedì 9 aprile a martedì 14 aprile 2020 (compresi)
  • Vacanze di Carnevale: 24-25 febbraio 2020
  • Altri ponti: sabato 2 novembre; sabato 2 maggio e lunedì 1 giugno

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 CALABRIA 

  • Primo giorno di scuola: 16 settembre
  • Ultimo giorno di scuola: 9 giugno
  • Vacanze di Natale: da lunedì 23 dicembre a lunedì 6 gennaio 2020 (compresi)
  • Vacanze di Pasqua: da giovedì 9 aprile a martedì 14 aprile 2020 (compresi)
  • Altri ponti: sabato 2 novembre; sabato 2 maggio e lunedì 1 giugno

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 LAZIO 

  • Primo giorno di scuola: 16 settembre 2019
  • Ultimo giorno di scuola: 8 giugno
  • Vacanze di Natale: 23 dicembre e 6 gennaio 2020
  • Vacanze di Pasqua: 9-14 aprile 2020

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 LOMBARDIA 

  • Primo giorno di scuola: 12 settembre (5 settembre per le scuole dell'infanzia)
  • Ultimo giorno di scuola: 8 giugno (30 giugno per le scuole dell'infanzia)
  • Vacanze di Natale: da lunedì 23 dicembre a lunedì 6 gennaio 2020 (compresi)
  • Vacanze di Pasqua: da giovedì 9 aprile a martedì 14 aprile 2020 (compresi)

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 MOLISE 

  • Primo giorno di scuola: 16 settembre
  • Ultimo giorno di scuola: mercoledì 6 giugno (30 giugno per le scuole dell'infanzia)
  • Vacanze di Natale: dal 23 dicembre al 4 gennaio 2020 (compresi)
  • Vacanze di Pasqua: da giovedì 9 aprile a martedì 14 aprile 2020 (compresi)
  • Altri ponti: sabato 2 novembre; sabato 2 maggio

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 SICILIA 

  • Primo giorno di scuola: 12 settembre
  • Ultimo giorno di scuola: 6 giugno per gli studenti che frequentano 6 giorni su 7; il 10 giugno per chi frequenta 5 giorni su 7
  • Vacanze di Natale: 23 dicembre – 7 gennaio 2020
  • Vacanze di Pasqua: da giovedì 9 aprile a martedì 14 aprile 2020 (compresi)

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 BOLZANO 

  • Primo giorno di scuola: 5 settembre
  • Ultimo giorno di scuola: mercoledì 16 giugno
  • Vacanze di Natale: da lunedì 21 dicembre a lunedì 6 gennaio 2020 (compresi)
  • Vacanze di Pasqua: da giovedì 9 aprile a martedì 14 aprile 2020 (compresi)
  • Vacanze di Carnevale: 22-29 febbraio 2020
  • Altri ponti: da sabato 26 ottobre a domenica 3 novembre; lunedì 1 giugno

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 MARCHE 

  • Primo giorno di scuola: 16 settembre
  • Ultimo giorno di scuola: mercoledì 6 giugno
  • Vacanze di Natale: dal 24 dicembre a lunedì 6 gennaio 2020 (compresi)
  • Vacanze di Pasqua: da giovedì 9 aprile a martedì 14 aprile 2020 (compresi)
  • Altri ponti: 2 novembre

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 EMILIA ROMAGNA 

  • Primo giorno di scuola: 16 settembre
  • Ultimo giorno di scuola: mercoledì 6 giugno
  • Vacanze di Natale: dal 23 dicembre a lunedì 6 gennaio 2020 (compresi)
  • Vacanze di Pasqua: da giovedì 9 aprile a martedì 14 aprile 2020 (compresi)

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 SARDEGNA 

  • Primo giorno di scuola: 16 settembre
  • Ultimo giorno di scuola: mercoledì 6 giugno
  • Vacanze di Natale: dal 23 dicembre a lunedì 6 gennaio 2020
  • Vacanze di Pasqua: da giovedì 9 aprile a martedì 14 aprile 2020
  • Altri ponti e vacanze: 2 novembre e 28 aprile

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 ABRUZZO 

  • Primo giorno di scuola: 16 settembre
  • Ultimo giorno di scuola: 8 giugno
  • Vacanze di Natale: dal 24 dicembre a lunedì 6 gennaio 2020
  • Vacanze di Pasqua: da giovedì 9 aprile a martedì 14 aprile 2020
  • Vacanze di Carnevale: 25 febbraio
  • Altri ponti e vacanze: 2 maggio

CALENDARIO SCOLASTICO 2019-2020 PUGLIA 

  • Primo giorno di scuola: 18 settembre
  • Ultimo giorno di scuola: 10 giugno
  • Vacanze di Natale: dal 23 dicembre a lunedì 6 gennaio 2020
  • Vacanze di Pasqua: da giovedì 9 aprile a martedì 14 aprile 2020
  • Vacanze di Carnevale: 25 febbraio
  • Altri ponti e vacanze: 2 novembre; 2 maggio; 1 giugno

Letto 6527 volte Ultima modifica il Martedì, 20 Agosto 2019 11:50

Источник: https://www.scuola-materna.net/novita/calendario-scolastico-2019-2020-inizio-delle-lezioni-vacanze-e-ponti

La scuola secondo Mario Draghi: il prolungamento a giugno e tutte le ipotesi per cambiare il calendario

Quando finirà la scuola per i bambini italiani?

In attesa di capire come, il sindacato Snals si dice contrario all’allungamento dell’anno scolastico: «L’intervento del prof.

Draghi, sul mondo della scuola, lascia perplessi- dice la segretaria Elvira Serafini – Nell’affermare che l’anno scolastico debba proseguire, mostra di dare per scontato che nulla fino ad oggi sia stato fatto, annullando con un colpo di spugna tutto il lavoro di mesi e comunicando alle famiglie e agli alunni la sensazione che quanto finora costruito insieme, non rappresenti nulla, anzi, sia stata una mera perdita di tempo». Dubbi anche dalla Cgil: «La scuola ha retto e ha fatto la sua parte, nonostante scelte sbagliate – nota Francesco Sinopoli, Cgil – La soluzione non è il prolungamento, ma programmi mirati al recupero degli apprendimenti». E pure per Maddalena Gissi (Cisl) «prima di parlare di rimodulazione dei giorni parlerei di incremento del tempo scuola e di qualità dell’offerta formativa per chi oggi frequenta le nostre scuole e pagherà i nostri debiti tra 20 anni. In merito all’avvio dell’anno scolastico c’è un solo bisogno: fare presto». Mentre Pino Turi (Uil) spiega: «Noi non sappiamo cosa pensi Draghi sulla scuola, ma se si parla di cambiamento del calendario, allungandolo, si apre una valutazione che non riconosce alla didattica a distanza la funzione di vera scuola che è solo in presenza. Si riconosce, come noi andiamo dicendo da tempo, la Dad come strategia didattica di emergenza».

A scuola tutto giugno

Il prolungamento a fine anno – che resta una delle ipotesi più discusse in questi mesi – si scontra con altri due problemi: gli esami di maturità – che saranno la prima decisione che il nuovo ministro della Scuola dovrà prendere: farli ridotti come lo scorso anno o cambiare formula? – cominciano a metà giugno per finire entro la metà di luglio.

Si possono far slittare di una o due settimane al massimo ma non di più, pena il prolungamento nel mese di agosto, troppo tardi per chi vuole provare le selezioni per le università straniere (oltre che troppo caldo).

Non va dimenticato che la durata dell’anno scolastico è decisa per legge ma che il calendario è modulato regione per regione, anche a seconda delle esigenze climatiche: mandare in classe gli studenti oltre la metà di giugno in scuole senza aria condizionata potrebbe essere più deleterio che proficuo.

«Da insegnante trovo inutile protrarre le lezioni di un paio di settimane-conferma Rino Di Meglio, segretario Gilda scuola – A parte le difficoltà oggettive che comporterebbe, sia da un punto di vista organizzativo con gli esami di fine ciclo, sia da un punto di vista climatico, con edifici scolastici perlopiù inadeguati, un tale provvedimento si rivelerebbe inefficace rispetto al recupero degli apprendimenti da parte degli alunni. Piuttosto, risulterebbe più opportuno finanziare corsi di recupero individuali per gli studenti rimasti realmente indietro».

Il rebus logistico

Se il prolungamento sarà fino a fine giugno, non ci dovrebbero essere problemi particolari con gli insegnanti che sono a disposizione fino alla fine del mese per scrutini e incombenze varie, anche se i sindacati sono contrari a cambiare il calendario.

Fanno notare che, se si opterà per questa opzione, sarà necessario sapere la capienza – a giugno- delle aule: allungare di un paio di settimane la scuola, se gli studenti delle superiori faranno in presenza soltanto il 50 per cento delle lezioni – significa di fatto allungare una sola settimana trasformando le nuove misure in un gesto simbolico.

I corsi ad hoc per chi deve recuperare

L’ipotesi sulla quale invece si era cominciato a ragionare già il mese scorso è quella di corsi ad hoc per gli studenti che hanno bisogno di un ripasso o di recuperare gli apprendimenti in alcune materie.

Corsi come quelli che si fanno solitamente a fine anno per chi ha le insufficienze e che dovrebbero già essere attivati anche dopo il primo quadrimestre. Si tratta di solito di 8-10 lezioni di una materia di quelle principali (italiano, matematica, lingue).

Questi corsi potrebbero essere rimodulati e messi a disposizione di una platea più ampia, visto tra l’altro che sono a disposizione anche maggiori fondi.

L’incognita di Pasqua

Già lo scorso anno si era parlato di far saltare le vacanze di Pasqua agli studenti e ai professori per recuperare i giorni perduti. L’ipotesi resta sul campo: permetterebbe di recuperare due o tre giorni di scuola al massimo, e dunque di nuovo avrebbe più un valore simbolico che pratico.

Rientrare in anticipo

Infine resta l’idea di far ricominciare il prossimo anno scolastico in anticipo, cioè il primo settembre. Se ne era già invano parlato l’anno scorso: le Regioni si erano messe di traverso perché questo avrebbe comportato una contrazione per il turismo.

In realtà il vero problema su cui lavorare per l’inizio anticipato dell’anno scolastico riguarda le cattedre: quest’anno decine di migliaia supplenti sono stati designati a dicembre.

Se non si riesce ad anticipare e a velocizzare la procedura durante l’estate, portare i bambini e i ragazzi a scuola per tempo potrebbe rivelarsi semplicemente inutile.

9 febbraio 2021 (modifica il 9 febbraio 2021 | 17:45)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Источник: https://www.corriere.it/scuola/secondaria/21_febbraio_09/scuola-secondo-mario-draghi-prolungamento-giugno-tutte-ipotesi-cambiare-calendario-36891cba-6aa3-11eb-8b10-8eef7b7ae281.shtml

Quando finisce la scuola nel 2019

Quando finirà la scuola per i bambini italiani?

Quando finisce la scuola quest'anno nelle diverse regioni italiane? Ecco il calendario delle chiusure per ogni regione e le modalità di festeggiamento

Con l'arrivo delle giornate più calde e con la fine del mese di maggio inizia per gli studenti il conto alla rovescia per l'arrivo delle vacanze estive.

E se i bambini iniziano ad assaporare aria di festa e di libertà, i genitori vengono assaliti dall'ansia e dal panico di organizzare i tre mesi senza scuola. Se non ci sono i nonni e le finanze scarseggiano non è semplice scegliere dove lasciare i propri figli.

C'è chi cerca centri estivi a buon prezzo, chi si organizza con le amiche mamme che non lavorano, etc.

Ma quando finisce la scuola nel 2021?

Come per la data di apertura, anche per quella di chiusura l'inizio delle vacanze può variare da Regione a Regione, calcolando che devono comunque essere raggiunti i giorni di lezione stabiliti dallo Stato.

Abruzzo: 8 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Basilicata: 8 giugno

Bolzano: 16 giugno

Calabria: 12 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Campania: 5 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Emilia Romagna: 5 giugno

Friuli Venezia Giulia: 10 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Lazio: 8 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Liguria: 9 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Lombardia: 8 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Marche: 5 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Molise: 5 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Piemonte: 11 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Puglia: 11 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Sardegna: 20 giugno

Sicilia: 8 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Toscana: 10 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Trentino: 10 giugno

Umbrai: 9 giugno

Valle d'Aosta: 8 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Veneto: 5 giugno. Le scuole d'infanzia invece chiuderanno il 30 giugno.

Scuole materne

Anche quest'anno per quanto riguarda le scuole materne, la chiusura è prevista per il 30 giugno 2021, ma alcune regioni possono scegliere di anticipare la chiusura in caso manchi il personale, o se le famiglie stesse ne faranno richiesta in previsione dell'assenza già programmata dei figli.  

Esame di Stato

E anche quest'anno dovranno pazientare i ragazzi della quinta superiore perché li attende, in presenza, l'esame di Stato. L'esame di Stato 2021 inizierà ufficialmente il 16 giugno 2021 alle ore 8.30 in tutta Italia.

Ancora una volta, come già accaduto l'anno scorso, la maturità 2021 si svolgerà attraverso un'unica prova orale che verrà articolata in quattro fasi differenti.

La sua durata sarà di circa un'ora ma potrebbe variare a seconda della commissione e delle abilità del maturando.

Fine anno ai tempi del Coronavirus

Con la fine della scuola arriva anche la voglia di fare festa. Ecco quindi che i festeggiamenti si faranno, ma sempre in sicurezza. Molti insegnanti puntano su giornate al parco o al cinema, su passeggiate o lezioni all'aperto.

Le feste, intese come assembramenti di tante persone con contatti fisici, secondo gli attuali provvedimenti in vigore non sarebbero consentite.

Ma tante classi si sono organizzate con piccole festicciole, per un brindisi e i saluti, con mascherine, gel per le mani, ancora meglio se all'aperto. Non è consentito portare cibo da casa, inteso come cibo da condividere.

Quindi no ai pacchi di patatine o i bicchieri da cui bevono più persone. Ma in molti si sono adattati portando box con una merenda individuale.

Resta fondamentale il distanziamento da rispettare: le classi non possono mischiarsi o unirsi in una sola festa. La mascherina va sempre indossata (dai sei anni in su).

Quest'anno non è stato ancora possibile organizzare saggi musicali o recite di fine anno in aule o teatri al chiuso. Tranne il caso di cortili spaziosi, questi appuntamenti sono stati visibili dai genitori solo online.

Regali per le maestre per fine anno scolastico

In vista della chiusura dell'anno scolastico, la rappresentante di classe starà già domandando all'uscita di scuola cosa regalare alle maestre: quesito non sempre di facile soluzione, che si ripete immancabile ad ogni Natale e ad ogni estate.

Se non si tratta della fine del ciclo, di primarie, materne o medie inferiori, vi consigliamo di regalare qualcosa di divertente, simpatico, magari un vasetto di vetro con tanti bigliettini o disegni fatti realizzare dai bambini per le maestre, oppure un kit con matite, penne e accessori tutto nuovo, o, ancora, un regalo solidale che renda felice la maestra e contribuisca alla ricerca scientifica, alla tutela dei bambini e delle famiglie in difficoltà. Se invece bisogna salutare le maestre alla fine del ciclo scolastico, allora regalate un gift box con soggiorno per due oppure un ciondolo personalizzato dove avrete fatto incidere una frase di ringraziamento o simbolo del suo lavoro.

Campi estivi 2021

E adesso veniamo all'annosa questione dei campi estivi. Sì, perché le scuole finiscono ai primi di giugno, al massimo, per i più piccoli, a fine giugno, ma noi genitori continuiamo a lavorare per tutto luglio.

E quindi, come organizzarci? Alla domanda negli anni ha risposto la crescente offerta di cambi estivi, sia residenziali (cioè che consentono ai bambini di trascorrere una settimana fuori, dormendo nel campo insieme ai coetanei) sia cittadini, che aprono al mattino e chiudono nel primo pomeriggio, garantendo, quindi, una copertura simile a quella dell'orario scolastico. Ce ne sono di tutti i tipi:

E se volete avere una mappa più o meno completa dei campi estivi divisi per aree geografiche, eccola:

  •  Nord Italia
  • Centro Italia
  • Sud Italia

gpt inread-altre-0

Источник: https://www.pianetamamma.it/il-bambino/nido-asilo-e-scuola/quando-finisce-la-scuola.html

Scuola, cosa cambia da lunedì. Studenti in dad in quasi tutta Italia

Quando finirà la scuola per i bambini italiani?

Il passaggio in rosso da lunedì 15 marzo di oltre la metà delle Regioni italiane avrà un effetto immediato sulla scuola. Con la chiusura di tutti gli istituti di ogni ordine e grado. Complessivamente si calcola che su poco più di 8 milioni di alunni oltre 7 rimarranno a casa. Con relativo ricorso alla didattica a distanza.

Già da lunedì 8 marzo circa 5,7 milioni di studenti erano in Dad (didattica a distanza): oltre che nelle tre Regioni già in rosso — Campania, Basilicata e Molise — le scuole erano già tutte chiuse in Lombardia (aperti solo i nidi), in gran parte dell’Emilia-Romagna, in metà del Piemonte e nelle medie e superiori del Friuli Venezia Giulia e delle Marche.

Ora ci si avvia verso un lockdown quasi totale della scuola. Solo in poche regioni gli istituti vedranno ancora suonare la campanella lunedì mattina.

«Una situazione peggiore dai tempi del lockdown di un anno fa – ha detto il sottosegretario alla scuola Barbara Floridia – credo che alcune regole vadano riviste mi riferisco in particolare alle chiusure degli asili nido, delle scuole dell'infanzia e di quelle elementari. Almeno queste dovrebbero restare aperte anche nelle zone rosse».

In 11 regioni rosse scuole tutte chiuse

Ma cosa cambia esattamente con il passaggio di tutte le regioni in arancione o rosso? Nelle zone rosse è sospesa la didattica in presenza in tutte le scuole, dai nidi alle superiori.

Quindi da lunedì 15 marzo solo didattica a distanza nelle scuole di Lombardia, Piemonte, Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia-Giulia, Emilia-Romagna, Marche, Lazio, Campania, Molise, Puglia. Resta salva la possibilità di andare in classe solo per gli alunni disabili o con bisogni educativi speciali.

E per tutti gli studenti dei tecnici e dei professionali che prendono parte a dei laboratori. Non è prevista invece la possibilità di frequentare la scuola per i figli dei lavoratori essenziali (medici, infermieri e poliziotti).

Anche se il governatore della Lombardia, Attilio Fontana ha detto di aver chiesto nuovamente al governo che venga prevista la possibilità, per i figli del personale sanitario, di proseguire la frequenza della scuola in presenza.

Loading…

In regioni arancioni apertura a macchia di leopardo

Nelle regioni arancioni le scuole possono restare aperte.

Gli studenti delle scuole superiori possono andare in classe ma non al cento per cento: ciascuna scuola in base all'autonomia garantisce la presenza in istituto di almeno il 50 per cento degli studenti ma non più del 75%.

Ciò vuol dire che i ragazzi vanno a scuola a giorni o settimane alterni. Tutti gli altri alunni, dalla scuola di infanzia alla terza media vanno regolarmente a scuola (con la mascherina dai 6 anni in su). Ma esiste un ampio margine discrezionale.

I governatori possono infatti optare per la chiusura delle scuole in tutte le aree regionali o provinciali nelle quali l'incidenza cumulativa settimanale dei contagi sia superiore a 250 casi ogni 100.000 abitanti oppure in caso di motivata ed eccezionale situazione di peggioramento del quadro epidemiologico.

La mappa sul territorio

Le regioni in fascia arancione da lunedì sono: Valle d'Aosta, Liguria, Calabria e Sicilia, Toscana, Umbria e Abruzzo. In attesa di eventuali nuovi provvedimenti delle autorità locali, questo è il panorama attuale.

La Liguria ha optato dall’8 marzo per la didattica a distanza di tutti gli studenti delle scuole superiori.

In Valle D'Aosta le scuole sono in presenza per tutti tranne che alle superiori, dove la dad è al 50% In Calabria il Tar ha sospeso l'ordinanza del presidente della Regione Nino Spirlì che aveva chiuso tutte le scuole (ad eccezione dei nidi).

La didattica in presenza è al 50% nelle scuole superiori. In Toscana tutte le scuole scuola chiuse nelle province di Arezzo, Pistoia, Prato – e in altri 10 comuni dichiarati zona rossa. La Basilicata, finora in rosso, scala in arancione, ma è improbabile una riapertura a stretto giro delle scuole.

In Abruzzo le scuole sono chiuse. Il governatore Marco Marsilio, nei giorni scorsi, aveva ipotizzato una possibile riapertura dal 15 marzo, ma alla luce dei dati odierni la Regione ha deciso che la didattica proseguirà a distanza per la scuola primaria e secondaria in tutta la Regione.

In Umbria dal 15 marzo nidi e scuole d'infanzia saranno in presenza, fatta eccezione per i distretti in cui si registrano particolari situazioni di diffusione del virus. Le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado svolgeranno le lezioni con modalità a distanza al 100% in tutto il territorio regionale.

In Sicilia scuola in presenza fino al 50% alle superiori, ma scuole chiuse nei comuni dove sono stati superati i 250 casi positivi al Covid su 100mila abitanti.

Источник: https://www.ilsole24ore.com/art/scuola-cosa-cambia-lunedi-studenti-dad-quasi-tutta-italia-AD5rZlPB

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: