Poesie di Pasqua da leggere e recitare

Poesie e citazioni sulla Pasqua: le migliori da leggere e inviare come auguri

Poesie di Pasqua da leggere e recitare

La Pasqua è ormai alle porte e per questa giornata abbiamo scelto alcune delle migliori citazioni di grandi autori e le poesie più belle. Di seguito la nostra selezione da leggere, inviare come auguri o scrivere per un biglietto speciale.

La Pasqua è un momento di gioa e felicità che spesso viene descritto in maniera molto suggestiva da alcuni scrittori e poeti.

In occasione della Pasqua abbiamo quindi deciso di raccogliere alcune delle migliori citazioni sulla Pasqua di scrittori e scrittrici in modo che le possiate non solo leggere, ma anche inviare ai vostri amici come auguri.

Oltre alle classiche frasi di auguri di Pasqua sarà un’idea diversa inviare un messaggio di auguri con le frasi di grandi scrittori del passato e con la loro personale interpretazione di questa festività.

Non solo frasi e citazioni di grandi scrittori, ma anche poesie e filastrocche per la giornata che celebrano la resurrezione di Cristo. Di seguito potete leggere le migliori poesie sulla Pasqua, le filastrocche per i più piccoli e soprattutto le citazioni dei grandi autori che ci spiegano in maniera impeccabile la bellezza di questa festa religiosa.

Citazioni sulla Pasqua: le parole degli scrittori

Con la Pasqua alle porte abbiamo selezionato alcune delle migliori citazioni di scrittori sulla Pasqua, in modo da comprendere come viene interpretata questa festa.

  • Il periodo che precede la Pasqua è il periodo in cui la vita si muove nuovamente verso la sua pienezza e, con questa sua forza oggi così poco compresa, spinge anche noi a rinnovarci, ad abbracciare con una nuova visione lo scorrere incerto della vita. (Susanna Tamaro)
  • Allora sia Pasqua piena per voi che fabbricate passaggi dove ci sono muri e sbarramenti, per voi apertori di brecce, saltatori di ostacoli, corrieri a ogni costo, atleti della parola pace. (Erri De Luca)
  • Pasqua ci invita a mettere il nostro respiro in sintonia con quell’immenso soffio che unisce incessantemente l’istante e l’eterno, il visibile e l’invisibile, la nostra povertà e la ricchezza di Dio. (Ermes Ronchi)
  • Cristo, come lievito divino, penetra sempre più profondamente nel presente della vita dell’umanità diffondendo l’opera della salvezza di Lui compiuta nel Mistero pasquale. Egli avvolge inoltre nel suo dominio salvifico anche tutto il passato del genere umano, cominciando dal primo Adamo. (Papa Giovanni Paolo II)
  • Il Nostro Signore ha scritto la promessa della Risurrezione, non solo nei libri, ma in ogni foglia di primavera. (Martin Lutero)
  • Vi ricordo che è mattino di Pasqua, E la vita e l’amore e la pace sono appena nati.(Alice Freeman Palmer)
  • Pasqua era giunta, la festa della luce e della liberazione per tutta la natura! L’inverno aveva dato il suo addio, ravvolto in un fosco velo di nebbie, e sopra le turgide nuvole in corsa s’avvicinava ora la primavera. Aveva spedito innanzi i suoi messaggeri di tempesta per destare la terra dal lungo sonno, ed essi fremevano su boschi e piani, battevan le ali sulle cime possenti dell’alpe e sconvolgevano il mare dal profondo. Era nell’aria come un lottare e un muggire selvaggio, e ne usciva tuttavia quasi un grido di vittoria: ché tra le burrasche di primavera, frementi di vita, s’annunciava la resurrezione. (Elisabeth Bürstenbinder)
  • Il mistero pasquale personale di Cristo si estende nel mondo condensando il mondo in lui. (François-Xavier Durrwell)
  • Non c’è una differenza biologica fra animali. Perché allora ci fa orrore il pensiero di mangiare il nostro cane, ma massacriamo a ogni Pasqua centinaia di agnelli per fare festa? (Umberto Veronesi)
  • Il Natale mi deprime quanto la Pasqua mi riempie di gioia. Un Dio che si fa bambino è avvilente. Un poveraccio che si fa Dio è tutt’altra cosa. (Amélie Nothomb)
  • Pasqua è meglio di Natale perché Papà ci porta alla chiesa redentorista dove tutti i preti sono vestiti di bianco e cantano. Sono felici perché Nostro Signore è in cielo. (Frank McCourt)

Poesie sulla Pasqua: i componimenti sulla resurrezione di Cristo

Non solo scrittori, ma anche tanti poeti hanno dato la loro personale visione di questo momento così importante dal punto di vista della religione. Di seguito trovate una selezione delle migliori poesie scritte sulla Pasqua che vi permetteranno di inviare auguri per questa festività molto particolari e sentiti, ma anche di leggere i bei pensieri di tanti autori.

Oggi, domenica di Pasqua, prestoUn’improvvisa tempesta di nevesi e’ abbattuta sull’isola.Tra i cespugli verdeggianti c’era neve. Il mio ragazzomi ha portato verso un piccolo albicocco attaccato alla casastrappandomi ad un verso in cui puntavo il dito contro coloroche stanno preparando una guerra che il continente, quest’isola, il mio popolo,la mia famiglia e me stesso. In silenzio sopra all’albero tremante di freddo. sta il coperchio rovesciato:come un forte inebbriato , Era l’alba; e molli il visoMaddalena e l’altre donnefean lamento in su l’Ucciso; alla mesta che ‘l richiesedié risposta quel cortese: Campane di Pasqua festoseche a gloria quest’oggi cantate, che Cristo risorto annunciate, Fratelli, vogliatevi bene!Tendete la mano al fratello,aprite la braccia al perdono;nel giorno del Cristo risortoognuno risorga più buono!E sopra la terra fiorita,cantate, oh campane sonore,ch’è bella, ch’è buona la vita,se schiude la porta all’amore. prendo la strada della vita:lascio la morte delle parole cattiveper aprirmi all’amicizia;lascio l’oscurità delle bugieper essere limpido e sincero;lascio i pugni e le canzonaturee tendo la mano per chiedere perdono;allontano l’egoismo dalle mie mani credo in te, Signore della vita,che hai sconfitto la morte. O sepolcro, tu non non tenerlo più a lungo;La morte è forte, ma la vita è più forte;Più forte del buio, è la luce;Più forte del male, è la giustizia… se abbracciassimo con l’anima se alzassimo bandiera biancadavanti ad ogni provocazionese guardassimo oltre al buio il vero senso della pasqua,che è fatto di pace e serenità. Credevo che avessero ucciso Gesù,e oggi l’ho visto dare un bacio a un lebbroso.Credevo che avessero cancellato il Suo Nome,e oggi l’ho sentito sulle labbra di un bambino.Credevo che avessero crocefisso le Sue mani pietose,e oggi l’ho visto medicare una ferita.Credevo che avessero trafitto i Suoi piedi,e oggi l’ho visto camminare nelle strade dei poveri.Credevo che l’avessero ammazzato una seconda volta con le bombe,e oggi l’ho sentito parlare di pace.Credevo che avessero soffocato la Sua voce fraterna,e oggi l’ho sentito dire:“Perché, fratello?”, a uno che picchiava.Credevo che Gesù fosse morto nel cuore degli uominie seppellito nella dimenticanza,ma ho capito che Gesù risorge anche oggiogni volta che ogni uomo ha pietà di un altro uomo. In mezzo a quest’incendio E irrimediabilmente perse. E con un ramo di mandorlo in fiore,a le finestre batto e dico: «Aprite!Cristo è risorto e germinan le vitenuove e ritorna con l’april l’amoreAmatevi tra voi pei dolci e bellisogni ch’oggi fioriscon sulla terra,uomini della penna e della guerra,uomini della vanga e dei martelli.Aprite i cuori. In essi irrompa interadi questo dì l’eterna giovinezza ».lo passo e canto che la vita è bellezza.Passa e canta con me la primavera. A festoni la grigia parietariacome una bimba gracile s’affacciaai muri della casa centenaria. Il ciel di pioggia è tutto una minacciasul bosco triste, ché lo intrica il rovospietatamente, con tenaci braccia. Quand’ecco dai pollai sereno e nuovoil richiamo di Pasqua empie la terracon l’antica pia favola dell’ovo. Cristo in croce cantava come un tenore Era stato tentato poco primadal diavolo vestito da donna nuda.Questa è la religione del ventesimo secolo.Probabilmente la notte di San Bartolomeoo la coda troncata di una lucertolahanno lo stesso peso nell’Economia fondata sul principio dell’Indifferenza.Ma forse bisogna dire che non è verobisogna dire che è vera la falsità,poi si vedrà che cosa accade. Intantochiudiamo il video. Al restoprovvederà chi può (se questo chi

Conoscete altre poesie sulla Pasqua? Se la vostra preferita non è presente nella nostra selezione segnalatecelo nei commenti!

© Riproduzione riservata SoloLibri.net

Segui Sololibri sui social

Segui Sololibri sui social

Источник: https://www.sololibri.net/Poesie-e-citazioni-sulla-Pasqua-le.html

Filastrocche di Pasqua per bambini

Poesie di Pasqua da leggere e recitare

Filastrocche di Pasqua per bambini: filastrocche pasquali per bambini piccoli, per la scuola dell'infanzia o primaria, filastrocche in inglese da stampare

A Pasqua è abitudine imparare una filastrocca, una poesia e dei versi in rima, a scuola o insieme ai genitori, per poi magari recitarla o scriverla su un bel biglietto di auguri. Ecco una selezione delle più belle filastrocche di Pasqua per bambini, tradizionali e d'autore.

Filastrocche di Pasqua per bambini della scuola primaria

Alla scuola primaria i bambini, insieme alle loro maestre, impareranno nell'ambito delle attività didattiche delle filastrocche d'autore, tradizionali ed in rima che poi potranno recitare a casa.  Eccone alcune

E' Pasqua!

Sul mandorlo in fiore.

il vento d'Aprile

sussurra gentile

la prima parola d'amore.

E' Pasqua!

Con garrulo grido,

signora dell'aria

la rondine svaria

cercando la fronda e il nido.

E' Pasqua!

Tra candidi veli

di nubi, giocando

trasluce sul mondo

lo smalto azzurrino dei cieli.

E' Pasqua!

Nei cuori sublime

con Cristo risorto,

rinasce il conforto

che esalta, soccorre, redime.

di Luisa Nason

Il sole stamattina è molto affaccendato

a risvegliare i fiori del frutteto e del prato.

Poi bussa d'ogni nido alla porta piccina:

– Su, cinguettate, presto: è festa stamattina.

Alle campane dona il raggio più lucente

e prega: – Sorelline, chiamate tanta gente!

Chiede mammina rondine: – Che succede laggiù?

Cantano i bimbi in coro: – E' risorto Gesù!

Ogni bimbo ha nel cuore un fiore ed un sorriso;

Gesù tutto contento li porta in Paradiso.

di Cesare Zavattini

Anche il sole stamane

è arrivato per tempo,

anzi con un leggero anticipo.

Anche io mi sento buono,

più buono del solito.

Siamo tutti un po' angeli oggi

mi pare quasi di volare

leggero come sono.

Esco di casa canticchiando,

voglio bene a tutti.

Filastrocche di Pasqua per bambini scuola infanzia

Alla scuola dell'infanzia i piccoli saranno certamente impegnati nella creazione di deliziosi lavoretti con la carta, dove potranno inserire anche un foglio o un cartoncino con la loro filastrocca o i versi in rima. Ecco alcune proposte, che rimandano soprattutto al significato più autentico e religioso di questa festa.

  • Uccellino venuto dal bosco

Uccellino venuto dal bosco,

che piangendo fuggivi,

cos'hai visto laggiù?

Ho veduto di sotto gli ulivi,

sanguinare Gesù.

Uccellino venuto dal monte,

che scappavi veloce,

cos'hai visto lassù?

Ho veduto tre uomini in croce,

ed in mezzo c'era Gesù.

Uccellino venuto dal piano,

che cinguetti nel volo,

cos'hai visto laggiù?

Ho veduto dal bianco lenzuolo,

risvegliarsi Gesù.

Campane di Pasqua festose

che a gloria quest'oggi cantate,

oh voci vicine e lontane

che Cristo risorto annunciate,

ci dite con voci serene:

“Fratelli, vogliatevi bene!

Tendete la mano al fratello,

aprite la braccia al perdono;

nel giorno del Cristo risorto

ognuno risorga più buono!”

E sopra la terra fiorita,

cantate, oh campane sonore,

ch'è bella, ch'è buona la vita,

se schiude la porta all'amore.

Filastrocche di Pasqua per bambini in inglese

Anche con le insegnanti di inglese i bambini faranno dei lavoretti pasquali, dipingeranno dei disegni e impareranno dei versi in rima, per apprendere sin da piccoli la diversa musicalità di una lingua diversa dalla nostra.

We wish a Merry Easter

we wish a Merry Easter

we wish a Merry Easter

and a basket full of eggs!!!

Easter is time

for peace and love,

for spring and nature!

the sky os blue,

flowers are red,

leaves are green!

Quick children!

It's time for this!

Filastrocche di Pasqua per bambini piccoli

I bambini piccoli, che frequentano l'asilo nido o sono in casa con la mamma, possono comunque godere delle parole in rima delle filastrocche più brevi e semplici e inoltre adorano che gli si legga ad alta voce una filastrocca. Vediamone qualcuna.

E' Pasqua stamattina,

è Pasqua, mio Signore!

Per questo la collina

si sveglia tutta in fiore.

L'argento degli ulivi

illumina i declivi;

ogni fontana aspetta

con l'acqua benedetta;

campane e campanelle

sono tutte sorelle

festose, umili, chiare

cominciano a cantare.

Gianni Rodari

Ho visto , a Pasqua, sbarcare

dall'uovo di cioccolato

un pulcino marziano.

Di certo il comandante

di quell'uovo volante

di zucchero e cacao

con la zampa ha fatto ciao.

E il gatto. Per la sorpresa

non ha detto neanche: “Miao”.

vai alla gallery

Biglietti e auguri di Pasqua da colorare e stampare per i bambini

Filastrocche di Pasqua per bambini di 3 anni

I bambini che frequentano il primo anno di asilo cominciano a lavorare sulla memoria, una abilità importante che va allenata con grande impegno e costanza. E queste feste rappresentano senza dubbio un'occasione preziosa per proporre filastrocche semplici, in rima e brevi che possano essere imparate a memoria.

Le uova a sorpresa,

le rondini e i fiori,

rallegran la Pasqua

di vivi colori.

Ma il dono più bello,

regalo migliore,

lo porta la pace

in fondo al cuore

Vien un suono sa lontano

lieve lieve, piano piano.

Entra dolce in ogni cuore

Come un dono del Signore.

Tutti quanti son felici

tutti quanti sono amici.

Con la Pasqua del Signore

c'è la pace in ogni cuore.

Pasqua è nel cielo immenso e chiaro

Pasqua è nei fiore appena sbocciato.

Pasqua e nel ruscello dove beve

l'agnello appena nato.

Pasqua è nel cielo che saluta

la Resurrezione del Signore

Filastrocche di Pasqua per bambini da stampare

In rete si trovano tanti siti che propongono filastrocche da stampare. Ad esempio sul sito di Maestra Mary c'è una ricca sezione dedicata alla Pasqua.

Ma si può anche trovare la filastrocca preferita, copiarla su un foglio word, modificare carattere e colore e stamparla in modo da poterla, poi, incollare al lavoretto pasquale che si sta preparando o semplicemente usarla come biglietto di auguri. Noi ve ne proponiamo due, da stampare e leggere con i bambini.

Nei miei sogni ho immaginato

un grande uovo colorato.

Per chi era? Per la gente

dall'Oriente all'Occidente:

pieno, pieno di sorprese

destinate ad ogni paese.

C'era dentro la saggezza

e poi tanta tenerezza,

l'altruismo, la bontà,

gioia in grande quantità.

Tanta pace, tanto amore

da riempire ogni cuore.

Nei miei sogni ho immaginato

un grande uovo colorato.

Per chi era? Per la gente

dall'Oriente all'Occidente:

pieno, pieno di sorprese

destinate ad ogni paese.

C'era dentro la saggezza

e poi tanta tenerezza,

l'altruismo, la bontà

gioia in grande quantità.

Tanta pace, tanto amore

da riempire ogni cuore.

gpt inread-altre-0

Источник: https://www.pianetamamma.it/il-bambino/giocare-e-crescere/filastrocche-di-pasqua-per-bambini.html

Poesie sulla Pasqua per bambini

Poesie di Pasqua da leggere e recitare

Pasqua si avvicina e, nell'attesa che arrivi questa festa importante e ricca di significati, possiamo insegnare ai bambini della scuola dell'infanzia e della primaria molte tra le poesie più belle che si rifanno al tema pasquale. Abbiamo selezionato alcuni tra i più divertenti e simbolici componimenti poetici d'autore per bimbi sulla Pasqua. Ecco quali sono.

Oh, i bei rami d'ulivo! chi ne vuole?

Son benedetti, li ha baciati il sole.

In queste foglioline tenerelle

vi sono scritte tante cose belle.

Sull'uscio, alla finestra, accanto al letto

metteteci l'ulivo benedetto!

Come la luce e le stelle serene:

un po' di pace ci fa tanto bene.

2. Dall'uovo di Pasqua (Gianni Rodari)

Dall'uovo di Pasqua

è uscito un pulcino

di gesso arancione

col becco turchino.

Ha detto: “Vado,

mi metto in viaggio

e porto a tutti

un grande messaggio”.

E volteggiando

di qua e di là

attraversando

paesi e città

ha scritto sui muri,

nel cielo e per terra:

“Viva la pace,

abbasso la guerra”.

3. Resurrezione (Giovanni Pascoli)

Che hanno le campane

che squillano vicine,

che ronzano lontane?

È un inno senza fine

or d'oro, ora d'argento

nell'ombre mattutine…

4. E' Pasqua (Roberto Piumini)

Alla Pasqua

dell'anno passato

un palloncino

mi era scappato.

Mi era scappato

nell'alto del cielo,

io lo guardavo

e piangevo piangevo.

Anche quest'anno

un pallone è volato

ma io ho riso

felice e beato.

Il palloncino

è andato lassù

ma io quest'anno

non piango più.

5. Pasqua (L. Schwartz)

I cieli sono in festa

la Pasqua si ridesta,

canta felice il cuore:

è risorto il Signore!

6. Il pulcino marziano (G.Rodari)

Ho visto, a Pasqua, sbarcare

dall'uovo di cioccolato

un pulcino marziano.

Di certo il comandante

di quell'uovo volante

di zucchero e cacao

con la zampa ha fatto ciao.

E il gatto. Per la sorpresa

non ha detto neanche: “Miao”.

A festoni la grigia parietaria

come una bimba gracile s'affaccia

ai muri della casa centenaria.

Il ciel di pioggia è tutto una minaccia

sul bosco triste, ché lo intrica il rovo

spietatamente, con tenaci braccia.

Quand'ecco dai pollai sereno e nuovo

il richiamo di Pasqua empie la terra

con l'antica pia favola dell'ovo.

8. La Domenica dell'Olivo (Giovanni Pascoli)

Hanno compiuto in questo, dì gli uccelli

il nido (oggi e la festa dell olivo)

di foglie secche, radiche, fuscelli;

quel sul cipresso, questo su l'alloro,

al bosco, lungo il chioccolo d'un rivo,

nell'ombra mossa d'un tremolio d'oro.

E covano sul musco e sul lichene

fissando muti il cielo cristallino,

con improvvisi palpiti, se viene

un ronzio d'ape, un vol di maggiolino.

9. La Domenica delle Palme (Marino Moretti)

Chinar la testa che vale?

E che val nova fermezza?

Io sento in me la stanchezza

del giorno domenicale,

mentre la madre mia buona

entra con passo furtivo

nella mia stanza e mi dona

un ramoscello d'ulivo…

E se'n va. Tutto quello

ch'ella vuol dirmi lo dice

a questo suo ramoscello

che adornerà una cornice:

adornerà la cornice

dorata a capo del letto

l'ulivo ch'è benedetto,

l'ulivo che benedice;

porterà pace e abbondanza

nelle casette più sole,

rallegrerà un po' la stanza

dell'infermo, senza sole,

ricorderà poi con tanta

fede l'ingresso solenne

di Cristo a Gerusalemme

nella domenica santa!…

Ulivo, e a me che dirai?

Le stesse cose anche tu?

se una parola: giammai,

se due parole: mai più?

Nulla tu doni al mio cuore

che lo consoli un istante,

ed il mio sguardo tremante

non vede in te che un colore:

il color triste di tutto

il mondo che non ha sole

e piange tacito e vuole

vestirsi di mezzo lutto;

il colore della noia

e dei fiori di bugia,

il colore della mia

giovinezza senza gioia;

il colore del passato

che ritorna ben vestito,

il color dell'infinito

e di ciò che non è stato;

il color triste dell'ore

così lente a venir giù

dai lor numeri, il colore

che non è colore più.

10. Gesù (Giovanni Pascoli)

E Gesù rivedeva, oltre il Giordano,

campagne sotto il mietitor rimorte,

il suo giorno non molto era lontano.

E stettero le donne in sulle porte

delle case, dicendo: Ave, Profeta!

Egli pensava al giorno di sua morte.

Egli si assise, all'ombra d'una mèta

di grano, e disse: Se non è chi celi

sotterra il seme, non sarà chi mieta.

Egli parlava di granai ne' Cieli:

e voi, fanciulli, intorno lui correste

con nelle teste brune aridi steli.

Egli stringeva al seno quelle teste

brune; e Cefa parlò: Se costì siedi,

temo per l'inconsutile tua veste;

Egli abbracciava i suoi piccoli eredi:

-Il figlio Giuda bisbigliò veloce-

d'un ladro, o Rabbi, t'è costì tra 'piedi:

Barabba ha nome il padre suo, che in croce

morirà.- Ma il Profeta, alzando gli occhi

-No-, mormorò con l'ombra nella voce

e prese il bimbo sopra i suoi ginocchi.

11. Pasqua (Ada Negri)

E con un ramo di mandorlo in fiore,

a le finestre batto e dico: «Aprite!

Cristo è risorto e germinan le vite

nuove e ritorna con l'april l'amore

Amatevi tra voi pei dolci e belli

sogni ch'oggi fioriscon sulla terra,

uomini della penna e della guerra,

uomini della vanga e dei martelli.

Aprite i cuori. In essi irrompa intera

di questo dì l'eterna giovinezza ».

lo passo e canto che la vita è bellezza.

Passa e canta con me la primavera.

12. Specchio (Salvatore Quasimodo)

Ed ecco sul tronco

si rompono gemme:

un verde più nuovo dell'erba

che il cuore riposa:

il tronco pareva già morto,

piegato sul botro.

E tutto mi sa di miracolo;

e sono quell'acqua di nube

che oggi rispecchia nei fossi

più azzurro il suo pezzo di cielo,

quel verde che spacca la scorza

che pure stanotte non c'era.

Источник: https://www.nostrofiglio.it/feste/pasqua/poesie-pasqua-bambini

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: