Pentolaccia fai da te: come crearla

Come costruire una pentolaccia fai da te: 3 modi divertenti + 1

Pentolaccia fai da te: come crearla

Home » Fai da te » Come costruire una pentolaccia fai da te: 3 modi divertenti + 1

Come fare pentolaccia fai da te: che festa sarebbe senza un po’ di colore e tanta dolcezza in più garantita da una pioggia di caramelle? Tutto quello che ti serve per stupire i bambini è racchiuso al suo interno. Che ne dici di realizzarne una con il nostro aiuto? Mettiti comodo e assapora tutti i nostri suggerimenti. 

Se devi celebrare qualche occasione in particolare, non c’è modo più divertente di farlo che rompere una pignatta (o pentolaccia che dir si voglia). Facendo un giro per negozi o in rete hai più di un’occasione d’acquisto ma vuoi mettere il divertimento di realizzarne una tutta tua? Proviamoci insieme.

Facile, veloce, divertente, economica, colorata e personalizzata: intrattieni i tuoi ospiti in modo speciale e con noi scoprirai quant’è bello farla ma soprattutto romperla. Iniziamo con il preparare l’occorrente: è ora di far festa!

Leggi anche: 10 idee regalo fai da te per la festa della mamma

Per realizzare una pignatta davvero originale servono pochi elementi purché quelli giusti, prendi nota. Il corpo centrale sarà facile da creare tenendo da parte un po’ di materiale da riciclo come carta, cartone e cartoncini vari delle confezioni di uova, di merendine, di scatole di fazzolettini e chi più ne ha più ne metta.

Per le decorazioni, invece, largo alla fantasia ma strumenti utili restano:

  • paio di forbici
  • colla a caldo
  • carta velina colorata
  • matita 
  • righello
  • filo
  • nastro adesivo
  • caramelle
  • coriandoli.

Una volta preparato tutto inizia quest’avventura assieme a noi: leggiamo insieme il primo modo, quello più rapido da fare a quattro mani con i più piccoli.

1. Come fare pentolaccia fai da te con un sacchetto

Sacchetti per il pane ne abbiamo? Non li buttare: parola d’ordine è riciclare.

Quale modo più divertente se non quello di realizzare una colorata pentolaccia? Qualunque sia il tema scelto per la festa, sarà facile modellare il sacchetto in base alle tue esigenze.

Prima operazione è riempirlo di lecca lecca, caramelle e cioccolate varie poi richiuderlo con del nastro adesivo.

Pratica un piccolo foro nella parte superiore lo spazio necessario per inserire un filo che sosterrà il sacchetto al momento della rottura, poi arriva il bello.

Divertiti a rivestirlo con carta velina colorata o cartoncini più rigidi per disegnarci su il volto del personaggio più amato dai bambini.

Tempo di realizzazione? Qualche minuto! Veniamo alla seconda idea.

Potrebbe interessarti: Armadi divertenti per le camerette dei bambini

2. Come fare pentolaccia fai da te con un cartone

La seconda idea è quella più creativa in assoluto: cartoni che si trasformano in auto, farfalle o unicorni: chi lo ha detto che non esistono? Realizzali con l’aiuto della fantasia e ci sarà davvero da divertirsi. Quale il modo migliore di procedere? Butta giù uno schizzo e segui il progetto, vediamo come:

  1. Scegli un cartone della misura che vuoi
  2. Con l’aiuto di una matita disegna su di esso la sagoma che vuoi realizzare
  3. Ritaglia e assembla i vari lati
  4. Riempi di caramelle e crea un foro alla base da cui cadranno
  5. Sbizzarrisciti a coprirlo o colorarlo: cartoncini, carta velina, colle glitterate, fiocchetti e nastrini. Tutto è ammesso!

Passiamo all’ultima idea.

Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

3. Come fare pentolaccia fai da te in cartapesta

Questo procedimento vi farà tornare un po’ bambini tra colla, palloncini e strisce di giornale. Sei pronto a tuffarti in quest’ultimo progetto? Comincia con il prendere della colla vinilica o se preferisci un’alternativa fai da te, mescola una parte di acqua con una di farina fino ad ottenere un miscuglio appiccicoso.

Prendi un palloncino e comincia a soffiare, annodalo e ritaglia delle strisce di giornale, una dopo l’altra, fa che aderiscano al tuo palloncino fino a ricoprirlo del tutto.

Abbi cura di fare almeno due o tre strati e lascia asciugare per un giorno intero. Trascorso tale tempo, prendi un ago e fallo esplodere. Ti ritroverai con una sagoma che non aspetta altro che essere impreziosita.

Non dimenticare di riempirlo di dolcezze e di legarlo con un filo.

Idea in più: mini pentolaccia

Come idea regalo fuori dal comune o per sorprendere chi ami in modo originale che ne dici di comporre una versione più piccola tutta da assaporare? Scegli il modo giusto per farlo e stupisci con forme simpatiche ed inusuali.

A forma di anello per una dichiarazione d’amore o una mongolfiera per sognare insieme posti lontani: diversi sono gli spunti e le occasioni per realizzarle. Basta solo mettersi in gioco e perché non farlo partendo proprio da questa versione ristretta? Ti aiuterà ad acquisire manualità e sicurezza per pensare in grande.

Come realizzare bastone per pentolaccia fai da te

Ti salutiamo con la realizzazione di un accessorio indispensabile per la pentolaccia: come far piovere le dolci sorprese all’interno se non con il bastone ideale? In tema con la pentolaccia, nella forma e nei colori, sarà sufficiente mettere da parte anche in questo caso un po’ di cartone resistente e nessuna arma in più.

Abbelliscilo e personalizzalo come fantasia suggerisce: et voilà che il divertimento abbia inizio.

Come fare pentolaccia fai da te: foto e immagini

Se dopo aver letto il nostro articolo non vedi l’ora di metterti all’opera e far felice i tuoi bimbi con una pentolaccia personalizzata, dai un ultimo sguardo a qualche immagine in più che abbiamo inserito per te in galleria. Quale occasione migliore della Pasqua imminente? Trova l’ispirazione giusta sfogliandola con noi.

Источник: https://www.pianetadesign.it/fai-da-te/come-costruire-una-pentolaccia-fai-da-te-3-modi-divertenti-1.php

Cartapesta per rivestire o creare nuovi oggetti decorativi

Pentolaccia fai da te: come crearla

Cartapesta è il termine utilizzato per andare a definire un oggetto realizzato artigianalmente tramite la lavorazione di vecchi fogli di giornale.

Lavorare la carta per trasformarla in cartapesta ha oggi più che mai un valore non solo artistico, ma anche green che rimanda al riutilizzo e al recupero di materiali, proprio come la carta di giornale, che andrebbe gettata nell'apposito bidone dei rifiuti quando il quotidiano, già il giorno seguente all'acquisto, diventa ormai obsoleto o abbiamo finito di leggere la rivista.

CLICCA PER INGRANDIRE LA GALLERY

Anche oggi fin dalla scuola dell'infanzia si dedica attenzione a stimolare la creatività dei bambini, facendoli lavorare con i materiali più semplici. Uno dei più comuni e sicuro è la carta di giornale.

Non solo i bimbi più piccoli però possono diventirsi a dar vita a creazioni in cartapesta, perché la sua lavorazione può essere per molti un piacevole hobby e per alcuni artisti anche un lavoro.

Scopriamo o riscopriamo come si realizza fai da te la cartapesta, andando a ripassare quelle che sono le tecniche e i materiali più comuni adatti alla sua lavorazione.

Come si fa la cartapesta?

La lavorazione della carta, da giornale ma non soltanto, da vita a un materiale, frutto di un impasto come vedremo, che può essere utilizzato per realizzare oggetti e mini sculture fai da te, dando così forma e vita a oggetti e suppellettili adatte a rendere più originale un ambiente con complementi che interagiscono in maniera originale con gli elementi di arredo di casa.

La cartapesta colorata è versatile e viene lavorata e utilizzata spesso per creare maschere, elementi dei carri di Carnevale, come anche scenografie per spettacoli teatrali.

Ovviamente, un risultato più semplice o al contrario molto accurato dipende dall'abilità nel modellare la cartapesta che ciascuno ha. Eppure la facilità di trasformazione della materia prima, carta stampata, fino al manufatto finale è davvero alla portata di tutti, anche bambini e principianti. Sembra che l'utilizzo di carta pesta risalga addirittura all'antica Grecia.

Ecco come fare la cartapesta

Iniziamo con il ricordare che la tecnica di trasformazione della carta in cartapesta si può fare a fare molte semplicemente, basta procurandosi il necessario.

Oltre a vecchi giornali, come riviste, cataloghi, pieghevoli pubblicitari e quotidiani non deve mancare la colla.

Quella comunemente utilizzata è normale colla vinilica, facile da reperire anche in casa perché utile nei piccoli lavoretti creativi. Servono poi dei pennelli, acqua, una ciotola come contenitore e una pinza.

Lavorare la carta dei giornali ha anche un potere distensivo e liberatorio visto che il primo step consiste nel creare strisce di carta di forma e misura casuale e non tutte uguali.L'unica accortezza che bisogna avere per creare l'impasto addensante è seguire le proporzioni: nel contenitore vanno versate una parte d'acqua per il doppio della quantità di colla.

Per la misurazione si possono usare dosatori da cucina o bottiglie d'acqua vuote.

Chi è alle prime armi potrà prepararsi un impasto piuttosto minimo per sperimentare, le proporzioni tra colla e acqua verranno mantenute invariate anche aumentando il dosaggio in vista della quantità di cartapesta che si vorrà ottenere e lavorare.

Mentre acqua e carta restano necessari, esiste una tecnica che non ricorre alla colla vinilica, preferendo un ingrediente che si trova nella dispensa della cucina di casa. Questo è la farina.

Il mix di acqua e colla piuttosto che quello tra acqua e farina, va benissimo la normale doppio zero, funziona pressoché allo stesso modo. Variano invece le proporzioni: se nel primo caso la colla era il doppio dell'acqua, ora acqua e farina vanno utilizzate e mischiate tra loro nella stessa quantità.

Scelta la versione e la tecnica preferita, nel contenitore gli ingredienti vanno uniti e lavorati fino a ottenere una consistenza fluida e non pastosa, priva di grumi e regolare.L'impasto è ora pronto e a questo punto al carta strappata in strisce va immersa, un pezzo per volta, per poi adagiarla sull'oggetto che si vuole rivestire di cartapesta.

Ci si aiuta a stendere la carta e a farla aderire con precisione alla forma utilizzando i pennelli, meglio se piatti per spalmare la carta con tocchi verticali, ma nulla vieta di aiutarsi anche con le mani, specie se si vuole fare un lavoro preciso dove non vengano a crearsi bolle d'aria, pieghe e altre imperfezioni.

Ovviamente il risultato sarà artigianale e manuale quindi la perfezione non è l'obiettivo da raggiungere, specie le prima volte che ci si cimenta nella tecnica di lavorazione.

Ogni articolo al quale si lavora va ricoperto però integralmente, stratificando più strisce per non lasciare spazi vuoti. La copertura in cartapesta infatti deve essere piuttosto resistente.

I vari strati possono susseguirsi senza dover lasciare asciugare la colla: l'asciugatura deve avvenire a opera conclusa, ossia ricoperta per intero.

Solo una volta che si sono asciugate carta e colla (lo si capisce perché la superficie rivestita a questo punto deve risultare dura e rigida) si può procedere alla decorazione con colori, tempere, glitter, insomma sbizzarrendosi a piacere.

Un'altra variante consiste nel lavorare la cartapesta di per sè, come un oggetto realizzato ex novo con questo materiale ancora morbido, liscio e malleabile. In questo caso la carta con aggiunta di colla o farina non va a rivestire un articolo già esistente, ma prende vita secondo l'idea e la destinazione d'uso che ha in mente chi la lavora.

Questo è il caso di chi la utilizza appunto per dar vita ad elementi scenografici, magari di scena, ma anche oggettistica decorativa per la casa.

I nuovi manufatti, vanno ovviamente lasciati asciugare per poi essere posizionati.

Se avete in mente di realizzare oggetti che devono durare nel tempo, quindi essere più resistenti, è consigliabile sostituire la normale colla vinilica con colla da carta da parati.

Questo vale soprattutto per oggetti di dimensioni grandi.

La tecnica di realizzazione della cartapesta fai da te è facile, davvero economica perché punta su ingredienti comuni o di riciclo e spesso aiuta per cambiare aspetto ad oggettistica magari un pò obsoleto o in stile che stona con il resto del contesto abitativo.

Forse non tutti sanno che la cartapesta può essere resa impermeabile e quindi utilizzata per essere esposta all'aperto semplicemente aggiungendo all'impasto del sigillante.

Lo stesso, da esterno, va spennellato come passaggio finale a lavoro completato e fatto asciugare.

A volte all'impasto oltre alla colla può essere aggiunta polvere di gesso, sempre nell'ottica di rendere più duro e resistente il lavoro finito.

Realizzazioni in cartapesta: lavoretti con carta di giornale e colla

Tutta la famiglia, bimbi compresi, può cimentarsi nella realizzazione della cartapesta e dopo aver sperimentato e preso manualità ci si può dedicare a replicare progetti pensati per esempio per la casa.

Un progetto piuttosto semplice e di grande effetto è quello intrapreso dal blog Americanbaby.weebly.com.

La decorazione proposta consiste nel rivestire dei palloncini gonfiabili, i classici che si usano per le feste, con carta pesta. In questo modo i palloncini dureranno nel tempo e saranno perfette decorazioni permanenti per la cameretta.

A colorare i palloncini, che si possono far diventare anche mongolfiere aggiungendo un cestello alla base, potranno essere secondo i propri gusti gli stessi bambini.

Infine sempre restando in tema feste, si può replicare l'idea di realizzare una pentolaccia fai da te da rompere bendati a turno con un bastone fino a quando non cadrà in terra la sorpresa contenuta al suo interno. Divertente il progetto di Myowlbarn.com

Semplice ma di grande effetto è l'idea di realizzare ciotole contenitori per la casa, da usare per esempio come portafrutta seguendo il tutorial di Redtedart.com.

Qui la carta in striscioline è stata immersa nell'acqua, lasciata macerare e poi frullata con un frullatore ad immersione da cucina e poi, una volta strizzata e asciutta, è stata aggiunta alla farina. Il preparato viene poi steso su una ciotola che si utilizza per fare la stessa forma al nuovo oggetto. Anche questa tecnica rappresenta una delle tante variazioni sul tema.

Ricordiamo anche che spesso, una volta asciutta, la superficie in cartapesta può essere decorata in vari modi, non solo con i colori e la pittura, ma anche facendo seguire per esempio il decoupage.

Источник: https://www.lavorincasa.it/cartapesta-le-tecniche-piu-conosciute/

Come costruire una pignatta per bambini “fai da te”

Pentolaccia fai da te: come crearla
Pignatta grande!

Stai organizzando una festa per i tuoi bimbi e hai bisogno di qualche idea simpatica per farli divertire? Vieni a scoprire con noi come costruire una pignatta per bambini fai da te per dare un tocco speciale alla tua festa! La bellezza è nelle cose semplici come il gioco della pentolaccia!

Cos’è e come fare una pignatta per bambini

Bimba che gioca alla pignatta!

Quando si organizza una festa per bambini è sempre meglio andare sul sicuro e puntare a idee e giochi classici, che però sanno sempre stupire e intrattenere i tuoi piccoli ospiti! La pignatta (o pentolaccia) è un gioco molto antico che da sempre ha intrattenuto e deliziato i partecipanti, dai più grandi ai più piccoli!

Vediamo insieme il gioco pignatta e come costruire una pentolaccia.

Cos’è la pignatta

Pignatte colorate!

La pignatta o pentolaccia è un gioco molto antico e tradizionale che si pensa abbia origini cinesi o messicane. In Italia veniva praticato soprattutto dai genovesi con un festa che si celebrava nella prima domenica di Quaresima come breve interruzione del digiuno.

Il giococonsiste nella presenza di un contenitore appeso, ovvero la pignatta stessa, e deipartecipanti bendati che con l’aiuto di bastoni devono colpirla fin quando nonsi rompe.

Anticamente, i genovesi riempivano la pignatta con pinoli e frutta candita, oggi invece viene riempita con i più svariati dolci. La variante della pignatta per festa per bambini nasce ufficialmente in Messico.

Come si costruisce una pignatta per bambini fai da te

Per costruire una pignatta per bambini fai da te occorrono pochi materiali. La classica pignatta è quella fatta di cartapesta! Per costruire la pignatta con sacchetti di carta occorrono:

  • Palloncini gonfiabili
  • Colla vinilica
  • Acqua
  • Pennelli
  • Carta di giornale

Bisogna tagliare la carta di giornale e immergerla in una bacinella d’acquaper ammorbidirla. Poi bisogna preparare la soluzione di acqua e colla vinilicache non deve essere troppo liquida e rivestire il palloncino con essa perrenderlo appiccicoso.

Poi bisogna tagliare le strisce di giornale, strizzarle e rivestire il palloncino fino a creare uno strato bello spesso lasciando l’estremità del palloncino libera. Aspettare che si asciughi e bucare il palloncino all’estremità. Infine, bisogna decorarla e riempirla con quello che si desidera!

Eccoti spiegato come si fa una pignatta!

Con cosa riempire la pignatta per bambini fai da te

Spesso la pignatta fai da te viene riempita con la farina in modo tale che appena viene rotta ogni partecipante al gioco viene completamente sommerso da essa. Per pignatte per bambini ovviamente può risultare molto divertente perché ogni gioco dove ci si sporca per loro diventa puro divertimento!

Se però si vuole evitare qualsiasi pastrocchio, si può pensare di riempire la pignatta di coriandoli, stelle filanti e brillantini di tutti i tipi. Inoltre, oltre a questo si possono aggiungere tanti dolcetti come caramelle, biscotti, liquirizie, lecca-lecca, caramelle gommose e altro.

Per rendere il tutto ancora più interessante, si può pensare di riempire la pignatta con dei regalini come ad esempio pastelli, matite colorate, macchinette giocattolo, figurine, elastici e mollette per capelli e molto altro ancora!

Idee su come fare una pignatta per bambini fai da te

Finora abbiamo parlato di come fare lapignatta classica fatta di cartapesta che con la giusta fantasia può essere trasformata in un vero e proprio capolavoro colorato e divertente! Ma ci sono tante altre idee su come costruire una pentolaccia per bambini!

Certo è che costruire una pignatta velocemente non è possibile: ci vuole in ogni caso la giusta dose di pazienza!

La pignatta adatta alla tua festa

Sono in molti coloro che cercano come fare pignatta, ma in pochi trovano la risposta che desiderano.

Con la pignatta classica ne puoi costruire una a forma di palloncino che dà sempre un bellissimo risultato! Ma se volessimo altre forme? Altre idee su come fare una pentolaccia? Prendi del cartone o dei sacchi di carta con un po’ di nastro adesivo e dai sfogo alla tua fantasia!

Ci sono tante bellissime idee per creare una pignatta. Per esempio si può pensare di fare una pignatta a forma di animale, una pignatta a forma di numeri di compleanno del festeggiato oppure delle mini pignatte come premio per i vincitori a un determinato gioco di gruppo.

Noi abbiamo elencato qualche idea su come realizzare una pignatta che può esserti utile ma se vuoi vederne altre nello specifico ecco un link con 10 idee per fare la pignatta: https://www.paneamoreecreativita.it/blog/2012/07/10-idee-per-fare-la-pignatta-o-pentolaccia/

I tuoi bimbi impazziranno dalla felicità! Personalizzale, adattale a loro e rendile il più possibile colorate e invitanti. Non resisteranno dalla voglia di giochi pignatta!

Precauzioni per il gioco della pignatta per bambini

Ora che hai capito qualcosa in più su come si fa la pignatta, cercheremo di darti qualche consiglio extra a riguardo.

Oltre ad essere un gioco divertentissimo, la pignatta bambini è anche un gioco da fare con la giusta cautela in quanto i partecipanti sono tutti bendati e inoltre sono anche piccoli!

Come consiglio principale per i bimbi più piccoli ti consigliamo di farepignatte piccole, meno elaborate e piùfacili da rompere per evitare qualsiasi inconveniente. Inoltre, è bene che anzichéutilizzare i manici di scopa, ai bimbi piccoli vengano dati dei piccoli bastoni o di plastica o di cartaper evitare che colpendosi si possano fare del male!

Infine, se gli invitati sono tanti, per far giocare tutti e per evitare che troppe persone si ammassino sotto la stessa pignatta creando magari degli sconvenevoli è meglio farne di più di una! Almeno tutti giocano, tutti sono contenti e tutti sono sicuri!

Come creare una pignatta per bambini fai da te in sintesi

Abbiamo cercato di darti i giusti consigli per capire come creare la pignatta ideale per te: il gioco della pentolaccia per bambini.

Metti in atto le più svariate idee creative che ti vengono in mente e trasforma una festa in un puro e piacevole divertimento con la pignatta per bambini fai da te!

Источник: http://www.sos-festa.it/come-costruire-una-pignatta-per-bambini-fai-da-te/

10 idee per fare la pignatta o pentolaccia

Pentolaccia fai da te: come crearla

La pignatta o pentolaccia è un gioco divertente che si può proporre a grandi e bambini alle feste e ai compleanni.

Si tratta di un contenitore creato con cartoncino o cartapesta in cui vi si possono inserire giochi, dolciumi e coriandoli. Il gioco consiste nel colpire la pentolaccia per far uscire il ricco contenuto!
In questo post ho cercato 10 idee per creare delle pentolacce originali!

1. La pentolaccia a forma di gelato

Per fare la pentolaccia a forma di gelato vi servirà un palloncino e un cono di cartone; inoltre dovrete procurarvi dei giornali, della colla vinilica, uno spago e della carta crespa per decorare. Per prima cosa spezzettate il giornale in tanti pezzi e preparate la colla diluendola con un po’ d’acqua.

Rivestite il cono di cartone con i pezzi di giornale macerati nella colla. Mettete ad asciugare il cono e poi inseritelo in un vaso in modo che rimanga eretto.

Appoggiate poi il palloncino sul cono e rivestitelo anch’esso di carta di giornale, facendo in modo che cono e palloncino si uniscano insieme, quindi mettete la carta sia sull’uno, sia sull’altro per attaccarli.

Quando anche il palloncino sarà asciutto, rompete quello di plastica all’interno con uno spillo, fate una piccola apertura nella cartapesta in modo da poter inserire i dolci al suo interno, chiudete con il nastro adesivo. Aggiungete lo spago per poter appendere il gelato pignatta ed infine rivestite il tutto con la carta crespa leggermente piegata a fisarmonica.

Il tutorial originale lo trovate da simplymodernmo

2. La pentolaccia a forma di Panda

Materiali: giornali, palloncini, colla bianca multiuso, 2 tazze di acqua, 1 tazza di farina, forbici, corda, strisce di carta crespa e carta.

Come prima cosa strappate il giornale in strisce. In una grande ciotola mescola l’acqua, la farina e la colla. Gonfia il palloncino grande quanto vuoi che sia il pignatta.

Una ad una, prendi le strisce di giornale, immergile nella pasta e inizia a coprire il palloncino gonfiato [ricorda di lasciare una piccola apertura dove hai legato il nodo al palloncino, nella parte superiore della pentolaccia. Questa apertura verrà utilizzata, in seguito, per inserire le caramelle ed inoltre, la userai per infilare la corda in modo da poter appenderla.

Una volta che hai finito di coprire il palloncino con la cartapesta, aspetta che il primo strato si asciughi, di solito in 24 ore è asciutta.Quando il primo strato di cartapesta è asciutto, applica un altro livello, aspetta che si asciughi e applica un altro livello, non di più perché potrebbe diventare poi difficile romperla.

Una volta che tutti gli strati saranno completamente asciutti, prendi uno spillo, colpisci il palloncino e liberalo. Prendi le strisce di carta crespa piegate ordinatamente e impilane insieme alcuni strati, quindi taglia una frangia. Incolla le frange di carta crespa alla pignatta.

Crea il muso del Panda

Ora, dal cartoncino nero, ritaglia le orecchie, gli occhi e il naso del Panda. Taglia i semicerchi per le orecchie (puoi usare un piatto per tracciarlo), gli ovali per il naso, ecc. Usa la colla a caldo per fissarli.Riempi la pentolaccia a forma di Panda con caramelle, adesivi, piccoli giocattoli, ecc. Inserisci poi lo spago per appenderla

Tutorial di  blueberryjunkie

3. La pentolaccia a forma di Kermit, la rana dei Muppet

Materiali: cartone ondulato, spago, nastro adesivo, colore acrilico.

Per la pentolaccia a forma di Kermit non è stata usata la cartapesta ma il cartone ondulato. Prima è stato disegnato Kermit su un pezzo di cartone e poi è stata costruita la scatola tutta attorno, aggiungendo quindi le pareti laterali e il retro.

Tutorial di  aliciapolicia

4. La pentolaccia con i numeri di compleanno

La stessa tecnica usata per la pentolaccia di Kermit è stata usata anche per fare la pentolaccia con i numeri.

Anche qui è stato usato il cartone ondulato ed è stato ritagliato a forma di numero.

Tutorial di ohhappyday

6. La pentolaccia a forma di corona

Materiali: almeno 2-3 scatole, nastro, forbici, matita, colla, carta velina.

Per questo progetto va benissimo usare una scatola di riciclo. Aprila bene e poi disegna la forma che desideri creare, in questo caso una corona. Tagliane due, una per ciascun lato.

Da una seconda scatola crea delle strisce lunghe per fare i lati della corona e con il nastro adesivo incolla i pezzi tutti insieme, non metterne troppo perché potrebbe risultare difficile per i bambini romperla. Lascia un’apertura per aggiungere caramelle. Taglia la carta velina in quadrati uguali e poi con questa vai a ricoprire tutta la scatola.

Tutorial di jenerallyspeakingblog

7. Mini pentolacce

La pentolaccia non serve sia enorme, se ne possono costruire anche di molto piccole usando anche solo la carta.

Nel tutorial che vi suggerisco, hanno creato dei cavallini con la carta e poi li hanno ricoperti con strisce di carta velina.

Tutorial di campfirechicblog

10. La pentolaccia con i petali di rosa

La pentolaccia con i petali di rosa è in assoluto la più veloce, fatta con un palloncino rivestito di carta pesta e poi una volta asciugata ricoperto da tanti petali ritagliati dalla carta crespa rosa.

Il tutorial è di amelieshouse 

Pentolacce ecologiche

Per creare la pentolaccia usate carta riciclata e colla fatta in casa, in questo mio post troverete la ricetta per la colla: http://www.paneamoreecreativita.it/blog/2011/04/uova-di-cartapesta-come-le-ho-create/

Источник: https://www.paneamoreecreativita.it/blog/2012/07/10-idee-per-fare-la-pignatta-o-pentolaccia/

Pignatta e Pentolaccia con Uovo di Pasqua

Pentolaccia fai da te: come crearla

A primavera la voglia di creatività si fa sentire. L’aria profumata porta con sé il desiderio di addobbare casa con oggetti creati insieme ai tuoi bimbi.

Un po’ come si fa a Natale… ma con più freschezza! A volte è proprio bello sedersi attorno ad un tavolo tutti insieme, tra cartoncini colorati, colle e carta crespa delle più svariate sfumature, circondandosi di risate e fantasia.

A proposito di lavoretti manuali: perché non preparare una pignatta (o pentolaccia) super colorata? In questo modo i più piccoli avranno l’occasione di costruire un gioco con le proprie mani. Anzi: mentre preparate la pignatta tutti insieme, puoi anche raccontare loro come questa tradizione è arrivata fino a noi. Un avventuroso viaggio attorno al mondo da vivere tra le mura di casa. Partiamo?

La pignatta (o pentolaccia):

La pignatta tra storia e leggenda: un viaggio senza fine

In primavera tutto rifiorisce: la natura, la vita, persino i sogni. Ecco perché in Cina il Capodanno corrisponde a questo periodo. Non è un caso che oggetti molto simili alla pignatta, venissero usati durante le celebrazioni.

Erano davvero particolari: statuette a forma di mucca, bue, bufalo, rivestite con un’allegra carta multicolor. Queste forme venivano riempite di semi e poi rotte con bastoni colorati.

Dopodiché si bruciava la carta che le circondava e si conservava la cenere, come buon auspicio per l’anno nuovo.

Pare che sia stato Marco Polo a portare in Italia queste statuette… solo che al posto dei semi, noi abbiamo iniziato a riempirle di dolci, gioielli oppure ninnoli di vario genere.

Un vero “calderone delle sorprese”! Un’idea che sicuramente è piaciuta molto, dato che la tradizione si è diffusa anche in Spagna e da qui è arrivata oltreoceano, fino al Messico, dove in realtà esisteva già un’usanza simile.

Sai perché la tradizione vuole che si rompa la pignatta con gli occhi bendati? Perché in Messico i missionari spagnoli le diedero la forma di una stella a sette punte, che rappresentava i peccati capitali. Chi la rompeva a suon di bastonate, dimostrava la fede cieca nel bene che sconfiggeva il male e veniva ricompensato da una cascata di dolciumi.

La pignatta ha assunto un significato completamente religioso, per tornare poi al suo valore benaugurante. Non prima di aver fatto un viaggio attorno al mondo tra diverse culture!

La pentolaccia, protagonista delle feste più divertenti

La pignatta, o pentolaccia come ormai la chiamiamo in modo familiare, conserva ancora oggi un senso di buon augurio: in effetti è protagonista apprezzata di compleanni, feste ed eventi importanti.

Ad esempio in occasione della Pasqua, si possono creare pentolacce dalle più svariate forme.

Tutto dipende dalla fantasia: anzi, perché non sfidarsi in una gara a chi prepara la pignatta più originale? A forma di ape, coniglietto, pulcino, dolcetto… oppure di uovo di Pasqua.

E, perché no, anche a forma di frutto gigante. Magari scegliendo quello che più rappresenta la stagione primaverile, ossia la fragola.

Un gioco simpatico e super creativo, da condividere in famiglia.

Come realizzare una pignatta con i bambini

Preparati a fare tante risate e a riempire la casa di colore: è arrivato il momento di creare una pignatta fai da te con i bimbi.

Anzi, se vuoi uno spunto per rendere ancora più originale la vostra creazione, non uscire a comprare i dolci con cui riempirla: preparateli a casa tutti insieme.

Biscotti, cioccolatini, gelatine… quando si tratta di golosità non bisogna avere limiti.

Ora passiamo alla ricetta (perché si, è una vera ricetta da seguire divertendosi!) della pignatta. Ci sono tanti modi per realizzare una pentolaccia: abbiamo pensato di proporti la variante con acqua e farina, (al posto della colla vinilica) per facilitare la rottura. Va bene che il gioco deve essere divertente, ma senza penare troppo ottenere il premio!

Materiali

• Acqua, Farina e sale• Fogli di giornale• Palloncini• Cartoni, per forme più complesse• Forbici• Tempere e pennelli• Carta crespa, piume, lustrini per decorare(opzionale)• Colla, scotch• Cordicella, nastrino o spago• Dolcetti o piccoli regalini da mettere all’interno• Per tutti: vestiti comodi, facilmente lavabili e una tavola ben protetta da carta o da una vecchia tovaglia.

Источник: https://www.italyfamilyhotels.it/blog/family-lifestyle/pignatta-uovo-di-pasqua.html

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: