Passeggini elettrici, inizia la nuova era per mamme e bambini

Passeggini elettrici: la tecnologia che avanza

Passeggini elettrici, inizia la nuova era per mamme e bambini

Sono presentati come i modelli delle famiglie del futuro per via delle loro funzionalità smart. Ecco alcuni esempi.

Cosa succede quando l’innovazione tecnologica incontra i passeggini? Al netto del fatto che i team che sviluppano i prodotti delle maggiori aziende della Prima Infanzia sono sempre al lavoro per proporre ogni anno nuovi miglioramenti alle famiglie, soprattutto in termini di praticità per i genitori e comodità per i bambini, sul mercato cominciano ad affacciarsi anche i passeggini elettrici, dotati di una serie di funzioni smart impossibili da trovare in un modello – per così dire – “normale”.

Oltre alla trazione elettrica, ci sono modelli che si guidano automaticamente col cellulare, altri dove è possibile anche caricare lo smartphone o quelli in grado di scaldare il biberon. Certo, si tratta ancora di pochissimi esemplari, spesso prototipi, ma segnano una strada che potrebbe essere la normalità per le famiglie del futuro.

Come sono fatti i passeggini elettrici?

Proprio come nell’industria automobilistica, si sta puntando molto sulle auto elettriche, soprattutto per una ragione legata alla sostenibilità ambientale, la stessa cosa sta succedendo con i principali mezzi di trasporto della Prima Infanzia, i passeggini, che pure sono ecocompatibili a prescindere.

Vanno aumentando, perciò, i modelli a trazione elettrica, alimentati da una batteria ricaricabile, che supportano il conducente soprattutto in specifiche situazioni. Si pensi, per esempio, alle salite particolarmente ripide.

Chi è interessato ad acquistare un passeggino elettrico, deve tenere in conto, quindi, anche il periodico “pit-stop” per ricaricare le batterie. La maggior parte dei passeggini elettrici, inoltre, sfrutta sensori e algoritmi che permettono una serie di funzionalità intelligenti.

Esempio di passeggino con motore elettrico: Cybex e-Priam

Altro aspetto comune a questi modelli è il costo: essendo i primi ad avere determinate funzioni, hanno un prezzo più alto della media. Succede sempre quando si tratta di evoluzioni tecnologiche, che, in qualche modo, anticipano i tempi.

Alcuni esempi di passeggini elettrici

Fra i primi modelli elettrici a entrare sul mercato, dobbiamo annoverare Myo Tronic, presentato nel 2013 fra i passeggini Foppapedretti, dotato di un motore elettrico, ricaricabile a batteria, di una seduta reversibile ruotabile a 180° – senza il bisogno di essere staccata – e di un indicatore di potenza regolabile dal maniglione unito.

Venendo, invece, a tempi più recenti, proprio lo scorso anno, ha fatto il suo ingresso sul mercato Cybex e-Priam, vale a dire uno dei modelli di punta del marchio internazionale tedesco, Cybex Priam, arricchito da un motore elettrico.

Semplice il funzionamento: sul maniglione sono presenti dei sensori che monitorano lo sforzo di spinta e trazione, mentre un algoritmo intelligente guida i motori integrati nel telaio per aggiungere supporto quando, ad esempio, si sta affrontando una salita molto ripida o una discesa impegnativa oppure se si percorrono tratti di strada con pavimentazioni accidentate o irregolari. Funzioni, queste, che possono essere anche inserite e disinserite spontaneamente da chi guida.

Anche l’azienda svedese Emmaljunga in collaborazione con Bosch ha lanciato, un paio d’anni fa, l’e-Stroller NXT90e, equipaggiato con due motori elettrici sviluppati appunto da Bosch, che facilitano la spinta con ogni carico e inclinazione.

Sensori e algoritmi rilevano il tipo di superficie su cui viaggia il passeggino e si comportano di conseguenza.

Questo modello frena automaticamente, ha una protezione antifurto, può essere controllato nelle sue funzioni tramite un’app e ha una porta Usb che, all’occorrenza, può servire per ricaricare lo smartphone.

Esempio di passeggino elettrico: l'e-Stroller NXT90e di Emmalijunga

Sul colosso del crowdfunding Indiegogo, ha fatto la sua comparsa nel 2016 un prototipo di passeggino tecnologico, Smartbe (lo si vede nella foto di copertina dell'articolo), che è poi entrato in commercio soprattutto negli Stati Uniti.

Presenta più di 10 funzioni attivabili tramite smartphone e smartwatch dotati di sistemi Android e IOS, come la guida automatica, la possibilità di regolare la temperatura della seduta, uno scalda biberon, il dondolio automatico, la chiusura automatica del passeggino, un sensore antifurto, microfono e web cam integrati.

Ti potrebbero interessare i seguenti articoli

Tra le novità dell’ultima edizione di Kind+Jugend, ha fatto molto parlare di sè: l’azienda svedese Emmaljunga in collaborazione con Bosch ha presentato l’eStr…

Источник: https://www.cercapasseggini.it/notizie-passeggini/passeggini-elettrici-quali-sono-249303.asp

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: