Pannolini usa e getta ecologici: una scelta consapevole

Contents
  1. Pannolini biodegradabili: scopri i migliori
  2. Rinascere più ecologici insieme a tuo figlio
  3. Composizione pannolini biodegradabili
  4. No ai pannolini usa e getta classici
  5. Pannolini biodegradabili usa e getta migliori
  6. Pannolini Pingo
  7. Pannolini ecologici Bambo Nature
  8. Pannolini biodegradabili Eco Boom
  9. Salviette neonati biodegradabili Eco By Naty
  10. Pannolini ecologici per genitori green
  11. PANNOLINI LAVABILI
  12. PANNOLINI USA E GETTA BIODEGRADABILI
  13. Pannolini lavabili o usa getta ??: quale scegliere?
  14. Pannolini lavabili o usa getta: salute del bimbo
  15. Pannolini lavabili o usa getta: praticità
  16. Pannolini lavabili o usa getta: costo
  17. Pannolini lavabili o usa getta: tempo
  18. Pannolini lavabili o usa getta: impatto ambientale
  19. Quale scegliere allora?
  20. E tu?
  21. Pannolini ecologici: un esempio virtuoso
  22. Una scelta economica ed ecologica
  23. Il sindaco che dà l’esempio
  24. I benefici per i bambini
  25. Pannolini Ecologici Biodegradabili Ecobio, i migliori del 2021
  26. Perché scegliere i Pannolini Ecologici Biodegradabili Ecobio?
  27. Aziende che producono pannolini biodegradabili
  28. Tipi di Pannolini Ecologici Biodegradabili Ecobio
  29. 1. Migliori Pannolini usa e getta biodegradabili ed ecologici
  30. Mum & You: Pannolini Nappychat Ipoallergenici
  31. Nappynat MIDI: Pannolini usa e getta
  32. Beaming Baby: Pannolini Ecobio Mini per neonati
  33. 2. Migliori Pannolini Ecologici lavabili
  34. Petit Lulu: Pannolino Ecologico riutilizzabile
  35. EasyPu: Pannolini lavabili
  36. 3. Migliori Pannolini Ecologici misti: lavabili e usa e getta
  37. Charlie banana: All-in-One pannolini Ecobio con dodici inserti riutilizzabili

Pannolini biodegradabili: scopri i migliori

Pannolini usa e getta ecologici: una scelta consapevole

Pannolini biodegradabili: la soluzione che unisce sicurezza, praticità e rispetto per l’ambiente.

Ogni bambino merita il meglio per la sua salute e la sua crescita: con i pannolini biodegradabili vai sul sicuro!

I pannolini biodegradabili uniscono la praticità di un usa e getta classico alla qualità dei materiali naturali, più sicuri per la pelle di tuo figlio e per l’ambiente.

Rinascere più ecologici insieme a tuo figlio

La nascita di un bebè è sempre un momento gioioso in ogni famiglia e i neogenitori vengono proiettati in un mondo di poppate, notti insonni, piccole e grandi sfide quotidiane.

Infatti tra queste troviamo anche quella dei pannolini… tanti pannolini, una montagna di pannolini!

Ma quali scegliere e come?

La salute del proprio piccolo deve essere il primo dei parametri per la scelta di qualcosa che sta a contatto ravvicinato per lungo tempo con le parti più delicate di tuo figlio.

Tuttavia non sempre è facile capire cosa stiamo mettendo a contatto diretto con la sua pelle.

I produttori dei pannolini usa e getta comuni infatti, pur producendo dei veri e propri capi d’abbigliamento, non specificano mai la composizione esatta dei materiali e delle sostanze contenute all’interno degli strati dei pannolini.

Molto strano, non trovate?

Infatti questa cosa è da indicare in maniera obbligatoria per tutti gli indumenti.

Quindi, non trovando queste informazioni specificate, non avremo mai la certezza di ciò che si nasconde all’interno di un pannolino e i rischi per la salute di tuo figlio possono essere molti:

  • Dermatiti da contatto
  • Arrossamenti
  • Infiammazioni
  • Eritemi
  • Alterazioni delle funzionalità ormonali
  • Compromissione del sistema endocrino

Leggendo queste parole, chiaramente diventa fondamentale conoscere la combinazione dei materiali che stanno a contatto con la pelle del tuo bambino, per effettuare consapevolmente la scelta più giusta e meno rischiosa.

Preferendo i pannolini biodegradabili, si può stare tranquilli al 100% perché vengono realizzati esclusivamente con materiali di origine vegetale certificati e garantiti che rispettano anche l’ambiente, deteriorandosi per il 98% in tempi molto brevi.

Ricordiamo sempre che un pannolino monouso classico ci mette almeno 500 anni per decomporsi e mai del tutto, rilasciando sostanze tossiche nell’ambiente.

Composizione pannolini biodegradabili

Abbiamo visto che il primo parametro di scelta per i pannolini deve sicuramente basarsi sulla composizione, quindi sulla garanzia di qualità dei materiali che siano il più possibile naturali e ipoallergenici per rispettare la pelle del bebè.

Questa scelta va di pari passo con un’attenzione attiva verso l’ambiente, in quanto i materiali naturali mantengono bassa l’impronta ecologica del bambino così come di tutta la famiglia.

Arrivando a cambiare (quindi buttare) pannolini fino a 8 volte al giorno, la produzione di rifiuti sarà continua e sostenuta.  

Ma vediamo nel dettaglio perché non scegliere mai più un pannolino usa e getta non biodegradabile.

No ai pannolini usa e getta classici

Negli anni ’80 nasce il pannolino usa e getta così come lo conosciamo al giorno d’oggi: forma a clessidra, sottile e “sicuro”, con elastici, adesivi e materiali assorbenti composti da gel chimici (SAP).

Anche se i pannolini usa e getta, come abbiamo già visto, non riportano tutti i materiali e le sostanze di cui sono composti.

Sappiamo che contengono multi materiali contenenti gel chimici assorbenti, derivati del petrolio, glifosato e sbiancanti, come il cloro, che vanno a contatto diretto con la pelle del bambino in un ambiente caldo umido.

La tecnologia dei moderni pannolini usa e getta inoltre è pensata in modo tale da non far percepire la sensazione di bagnato al bambino, grazie a sostanze chimiche che ne aumentano l’assorbenza a discapito della salute del piccolo.

Questo comporta un utilizzo prolungato dei monouso nel tempo, in quanto viene occultato il disagio dovuto al sentirsi bagnati.

Così facendo passare al vasino sarà sempre più difficile e di conseguenza si utilizzeranno più a lungo i pannolini con un maggiore rischio di incorrere in frequenti dermatiti e arrossamenti.

Dunque il processo di spannolinamento, come si dice in gergo, sarà più lungo e complesso per il bambino e di conseguenza per i genitori.

Tu che sei un genitore green ovviamente ti starai già chiedendo quale alternativa sicura ed ecologica poter scegliere per evitare il più possibile danni al tuo bambino e un uso prolungato di prodotti usa e getta dannosi all’ambiente.

Ecco che ti vengono incontro i pannolini biodegradabili! Andiamo a conoscerli.  

Pannolini biodegradabili usa e getta migliori

I pannolini biodegradabili o pannolini compostabili, nonostante rimangano usa e getta, sono composti da materiali naturali vegetali e contengono 0% di plastiche e materiali tossici rendendo il loro utilizzo più sicuro per il vostro bambino e meno impattante per l’ambiente.

Anche la cellulosa che li compone deve essere certificata FSC (Forest Stewardship Council), l’organizzazione non governativa che attesta la gestione responsabile delle foreste da cui provengono i vari prodotti.

Facendo delle ricerche si possono trovare molte marche che propongono pannolini ecologici e non è sempre facile scegliere, per questo abbiamo creato una selezione che ti aiuterà a trovare il migliore pannolino biodegradabile per il tuo bambino!

Se vuoi conoscere delle opzioni ancora più green e sostenibili per l’ambiente, ti consigliamo i pannolini lavabili (trovi tutte le informazioni in questo nostro articolo).

Tuttavia se per qualsiasi motivo non riesci a trovarti a tuo agio con l’utilizzo del pannolino lavabile, la soluzione migliore è sicuramente quella dei pannolini biodegradabili o compostabili.

Un’altra possibilità potrebbe essere quella di alternarli a quelli lavabili per cercare di raggiungere un grado di sicurezza e sostenibilità più alta, basandoti sui diversi parametri fondamentali: salute, materiali, ambiente, costi.

Ecco dunque la nostra selezione dei migliori pannolini ecologici usa e getta.

Pannolini Pingo

Eco-Friendly
Zero Waste
Durata/Risparmio

Pingo pannolini è una marca svizzera che dal 2004 produce pannolini in cellulosa a coltura sostenibile, utilizzando energia verde e senza spreco di materiale e test sugli animali.

La cellulosa, che viene sbiancata senza l’utilizzo di cloro, presenta una certificazione che ne attesta la provenienza da foreste gestite in maniera sostenibile. Inoltre le emissioni di CO2 prodotte vengono compensate tramite progetti certificati myclimate.

Oltre alla certificazione myclimate, i pannolini Pingo hanno certificazione FSC, Naturemade e ovviamente OEKO TEX standard 100 classe 1.

Questi pannolini sono dermatologicamente testati, hanno ottima capacità di assorbimento e sono completamente anallergici, privi di cloro, pvc o profumi.

Si possono ordinare in diverse taglie che vanno da 1-5 kg fino a 15-30 kg.

I pannolini Pingo sono biodegradabili in parte (36-39% in base alle taglie) ma l’utilizzo consapevole delle materie prime, il rispetto di ambiente e animali e l’impegno nella riduzione delle emissioni ne fanno un prodotto con una bassa impronta ecologica.

Acquista adesso al miglior prezzo

Pannolini ecologici Bambo Nature

Eco-Friendly
Zero Waste
Durata/Risparmio

I Bambo Nature sono pannolini ecologiciusa e getta prodotti dall’azienda danese Abena certificati Northen Ecolabel, FSC e dermatologicamente testati.

Hanno uno strato assorbente di polpa di cellulosa che proviene da foreste sostenibili e non viene sbiancata attraverso l’uso di cloro.
Inoltre sono liberi da profumi, sbiancanti e altri agenti chimici e hanno una biodegradabilità complessiva dell’ 80%.

I pannolini Bambo Nature sono ultra assorbenti, sottili e traspiranti e sono adatti sia per il giorno che per la notte.
Disponibili in diverse taglie dai 2 ai 30 kg, ogni confezione ne contiene 33.

Acquista adesso al miglior prezzo

Pannolini biodegradabili Eco Boom

Eco-Friendly
Zero Waste
Durata/Risparmio

I pannolini Eco Boom sono biodegradabili al 70% grazie agli strati superiori e inferiori realizzati in fibra di bambù, morbidi, traspiranti e assorbenti.

Realizzati in polpa TCF senza cloro e progettati per assorbire rapidamente, durano fino a 12 ore, sono certificati da OEKO STANDARD 100, OKBIO e hanno certificazione FSC, per la salvaguardia delle foreste.

La confezione è in plastica biodegradabile, i pannolini sono di colore bianco puro senza stampe, inoltre sono privi di lattice e sostanze chimiche, presentano solo olio naturale di aloe, per idratare la pelle del bambino.

Le bande elastiche contenitive e le parti adesive sono in materiale plastico riciclabile.
Morbidi, elasticizzati e naturalmente ipoallergenici, sono disponibili in ben 4 taglie: S, M, L e XL.  

Acquista adesso al miglior prezzo

Salviette neonati biodegradabili Eco By Naty

Eco-Friendly
Zero Waste
Durata/Risparmio

Vuoi essere ancora più green?

Fantastico!

Allora ti consigliamo di scegliere anche le salviette umidificate biodegradabili e compostabili Eco by Naty: 100% plastic free realizzate con fibre vegetali che si decompongono in 4-6 settimane dopo lo smaltimento.

Sono adatte all’utilizzo sui neonati perché sono composte al 98% di acqua pura e ogni ingrediente è ipoallergenico, certificati da Ecocert COSMOS, sono anche cruelty free con Vegan Label.

Maxi formato convenienza, ben 12 confezioni da 56 salviettine, per un totale di 672 salviettine compostabili!

Acquista adesso al miglior prezzo

Come vedi, essere ecologici anche durante l’infanzia dei propri figli è assolutamente possibile!

Ecco quindi la nostra selezione che, insieme a quella dei pannolini lavabili, ti aiuterà a destreggiarti nel magico mondo dell’infanzia green per il tuo bambino.

Vuoi usufruire della spedizione gratuita rapida su Amazon per 30 giorni?

Iscriviti ad Amazon Prime cliccando qui e potrai beneficiare di tutti i servizi inclusi tra cui consegne gratis in 1 giorno lavorativo, Amazon Prime Video e Amazon Prime Photos!

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo con i tuoi amici!

Hai dei commenti o delle informazioni da aggiungere?
Scriviceli qui sotto!

Источник: https://www.prodottiecologici.net/pannolini-biodegradabili-scopri-i-migliori/

Pannolini ecologici per genitori green

Pannolini usa e getta ecologici: una scelta consapevole

Perché i pannolini usa e getta sono un problema e le alternative

La sovrappopolazione è un problema serio che prima o poi dovremmo affrontare: se oggi, che siamo 7 miliardi e mezzo di persone, già non riusciamo a farci bastare le risorse del pianeta, come faremo quando nel 2050 arriveremo a 9-10 miliardi?

In realtà le risorse non sono poche, sono sicuramente sfruttate male: secondo la FAO si potrebbero sfamare anche 20 miliardi di persone, a patto però di una gestione più responsabile. La soluzione perciò è una sola: ridurre l’impatto sull’ambiente di ciascuno di noi, partendo dalle azioni quotidiane, che è quello che cerco di diffondere con questo blog.

Abbiamo parlato spesso di cosmetici bio per tutta la famiglia (anche dei migliori marchi per bambini), eco detersivi, abbigliamento e moda green anche per i più piccoli; un argomento che non abbiamo ancora affrontato, ma a cui ho dedicato un capitolo nel mio libro “Ecocentrica”, sono i pannolini.

Fino al 1961, anno in cui venne inventata la versione usa e getta, si utilizzavano stoffe a forma triangolare da lavare, far asciugare e riutilizzare: le mamme di allora avranno tirato un bel sospiro di sollievo! Se però i pannolini che conosciamo noi sono più pratici e più veloci da utilizzare, c’è anche il rovescio della medaglia.

Primo, l’ambiente:i pannolini usa e getta sono la principale fonte di inquinamento che si produce quando si ha un bambino.

Costituiscono una montagna di rifiuti non riciclabili impossibile da smaltire, e con “montagna” intendo 6 milioni al giorno in Italia, quasi 3 miliardi l’anno, tanto che costituiscono il 20% dei rifiuti prodotti ogni anno.

La produzione mondiale di pannolini impiega 82mila tonnellate di plastica e 1,3 milioni di tonnellate di polpa di legno: un bambino in 3 anni ne usa circa 4.500, che costano la vita a 10 alberi di grandi dimensioni.

Inoltre, per decomporsiimpiegano 500 anni (e nel frattempo inquinano con sostanze inquinanti).

Secondo aspetto, il peso economico: circa 1.500 € per ogni bambino!

Terzo aspetto, la salute. Non si può sapere con esattezza come ogni pannolino sia composto, ma essendo materiali sintetici, c’è il rischio che contengano sostanze dannose, a cominciare dai coloranti e profumi di sintesi, responsabili delle sempre più frequenti allergie e dermatiti da contatto.

Ma c’è di peggio: lo strato interno per assorbire il bagnato è a base di gel chimici, derivati dal petrolio; i pannolini vengono sbiancati con cloro, che può rilasciare diossina, una sostanza tossica e cancerogena; i materiali plastici flessibili poi contengono quasi sempre ftalati, pericolosi interferenti endocrini, soprattutto per bambini e neonati. Per finire, una rivista francese, “60 milioni di consumatori”, ha svolto delle analisi su 12 marche di pannolini usa e getta, trovando nella maggior parte dei prodotti anche tracce di glifosato e altri pesticidi.

Ho usato argomenti abbastanza convincenti? Se volete passare alla versione ecologica dei pannolini, vi do subito due alternative.

PANNOLINI LAVABILI

Non sono più come quelli utilizzati dalle nostre nonne: o meglio, hanno gli stessi punti di forza, ma sono comunque molto più pratici. Si possono trovare di diversi tipi e modelli, ad esempio con la parte esterna staccabile dalla parte assorbente, così da dover lavare solo l’inserto.

Sono realizzati in materiali naturali come canapa, bambù, cotone biologico, che non irritano la pelle.
La differenza rispetto al passato è che oggi abbiamo la lavatrice: e i pannolini si possono tranquillamente lavare insieme al resto del bucato.

Per quanto riguarda il lato economico, un kit da 20 pezzi è considerato sufficiente a coprire i cambi e la spesa può variare dai 250 ai 500 € (contro i 1.500 di quelli usa e getta!).

E se vi preoccupa il costo di lavatrice, acqua, energia e detersivi, vi tranquillizzo subito: il risparmio è comunque almeno del 50%.

La cooperativa italiana ItalMami nasce dall’esperienza personale delle donne che l’hanno fondata; i loro pannolini sono realizzati con materiali quanto più possibile italiani, in bambù o cotone biologico certificato ICEA.

Sul portale Altramoda invece trovate quelli di Charlie Banana, unisex e a taglia unica, composti da canapa e cotone bio, mentre su Ecoalma ci sono vari marchi e modelli, tutti ecologici, realizzati in bambù, canapa, cotone biologico.

Anche Popolini, un marchio che abbiamo visto quando abbiamo parlato di abbigliamento, propone i pannolini lavabili: in particolare quelli della linea Organic, 100% in cotone biologico.

PANNOLINI USA E GETTA BIODEGRADABILI

Se proprio non volete rinunciare all’usa e getta, almeno preferite quelli biodegradabili, a basso impatto per l’ambiente e sicuri per i bambini: la cellulosa, certificata FSC per la gestione responsabile delle foreste, non viene trattata con il cloro e la parte impermeabile, anziché in plastica, è in Mater-bi, materiale che si decompone velocemente ed è anche compostabile.

Un esempio sono i pannolini Nappynat, che a dispetto del nome sono di un’azienda italiana: il 98% del prodotto si degrada in 3 mesi (tutto tranne le alette adesive, che vanno tolte e gettate nell’indifferenziata), le materie prime sono di origine vegetale, come il cotone organico, ed è biodegradabile anche la confezione esterna, sempre in Mater-bi e con inchiostri atossici e certificati bio.

Made in Italy anche quelli di Bebè Nature, che trovate online o nelle farmacie: sono in cellulosa naturale, non sbiancata con additivi chimici, atossici e ipoallergenici, e l’azienda aderisce a un programma per la riforestazione.

Ma la scelta in rete è vasta: potete trovarli anche su alcuni portali come Minimo Impatto, dove ci sono tantissimi marchi, come la linea Naturaè, in fibre vegetali (la cellulosa proviene da foreste gestite in maniera responsabile), con lo strato esterno in bioplastica derivata dal mais, sono certificati Ecolabel e sono biodegradabili e compostabili.

Le alternative non mancano, quindi non ci sono davvero scuse: essere genitori green è fondamentale per crescere figli consapevoli e rispettosi dell’ambiente!

pannolini biodegradabilipannolini ecologicipannolini lavabili

Источник: https://ecocentrica.it/pannolini-ecologici-genitori-green/

Pannolini lavabili o usa getta ??: quale scegliere?

Pannolini usa e getta ecologici: una scelta consapevole

Per decidere se usare pannolini usare usa e getta o lavabili bisogna innanzi tutto capire l’impatto che entrambi i pannolini hanno:

Solo così potrai fare una scelta consapevole. Vediamo insieme ogni punto e chi vince la sfida punto per punto.

Pannolini usa e getta o lavabili?

Pannolini lavabili o usa getta: salute del bimbo

Per quanto riguarda la salute del bambino, non c’è molta differenza nell’usare i pannolini lavabili o usa e getta.

Già nei primi giorni di vita del neonato avrai imparato che l’importante è che il bimbo venga cambiato regolarmente ogni volta che è sporco.

I pannolini sporchi aumentano infatti il rischio di dermatite.

I pannolini usa e getta sono più traspiranti, ma ricchi di prodotti chimici idratanti e assorbenti che possono irritare la pelle del bambino più facilmente.

Per questo alcuni bambini potrebbero preferire quelli di stoffa.

Alcuni genitori non scelgono i pannolini usa e getta perché credono che questi prodotti chimici siano cancerogeni. In realtà non c’è nessuna ricerca che confermi questa tesi.

Possiamo quindi dire che per questo aspetto la battaglia tra pannolini lavabili o usa e getta è pari.

Pannolini lavabili o usa getta: praticità

I pannolini di stoffa non sono più quelli di una volta. Non fanno mille pieghe e non hanno bisogno di grosse spille da balia per essere indossati.

Anche i pannolini di stoffa si sono adattati ai tempi moderni.

Ora sono dotati di chiusure di velcro o a scatto che rendono rapido e facile il cambio.

Anche la forma dei pannolini di stoffa è cambiata, ora sono ben progettate e adatte al neonato.

Sono dotati di fasce impermeabili intorno alla vita e alle gambe per evitare perdite sgradevoli.

Nonostante ciò sono però meno assorbenti, per cui dovrai cambiarli molto più spesso.

Su questo punto, nella sfida tra tra pannolini lavabili o usa e getta diamo quindi un punto ai pannolini usa e getta.

Pannolini lavabili o usa getta: costo

Il costo dei pannolini lavabili è inferiore rispetto a quello dei pannolini usa e getta.

Questo è uno dei principali motivi per cui tanti genitori optano per i pannolini lavabili.

Una normale famiglia in circa 3 anni può arrivare a spendere quasi 1.800 euro per i pannolini usa e getta (il costo varia anche in base alle marche che si usano).

Un kit per pannolini lavabili costa invece intorno ai 400 euro.

Inoltre i pannolini lavabili possono essere riutilizzate con i figli successivi.

Ovviamente il costo per il kit dei pannolini lavabili si presenta subito, ma non andrà poi ad aggravare continuamente sul budget.

Inoltre ormai molti pannolini lavabili sono taglia unica, per cui grazie ai bottoni, si adattano all’aumento di peso e dimensione del bambino.

Per quanto riguarda il costo quindi, la battaglia tra pannolini lavabili o usa e getta è vinta dai pannolini lavabili di gran lunga.

Pannolini lavabili o usa getta: tempo

Molti genitori scartano la scelta dei pannolini lavabili in quanto non vogliono perdere tempo ed energia nel lavarli.

Sotto questo punto di vista i pannolini usa e getta fanno decisamente risparmiare. Infatti puoi organizzare il fasciatoio in modo da essere molto veloce nel cambio, e gettarli subito via.

Non creano un lavoro extra e non vanno ad aggravare sulle altre faccende domestiche.

In realtà molto dipende dal tipo di pannolino lavabile che si compra, ma sicuramente questa scelta porta a dover fare un paio di lavatrici in più a settimana.

Per quanto riguarda il tempo quindi, la sfida è vinta dai pannolini usa e getta.

Pannolini lavabili o usa getta: impatto ambientale

I pannolini usa e getta hanno un maggior impatto ambientale poiché per produrli servono risorse come il petrolio e le piante. Inoltre vanno poi smaltiti.

E’ anche vero che ormai il 40% dei pannolini usa e getta in commercio è biodegradabile, ma nelle discariche se ne trovano comunque grandi quantità.

Per i pannolini lavabili serve solamente acqua ed energia e viene prodotta solamente acqua sporca. Sono quindi molto più ecologici.

Un mezzo punto quindi a favore dei pannolini lavabili.

Quale scegliere allora?

Abbiamo visto che la sfida tra pannolini lavabili o usa e getta è più meno alla pari, dipende quindi da te.

Il nostro suggerimento è questo:

Hai bisogno di stare attenta al costo? Magari hai in programma di avere altri figli? Hai qualcuno che può aiutarti a prenderti cura del bimbo e delle faccende di casa?

➡️ Allora prendi i pannolini lavabili. Dovrai fare qualche lavatrice in più e cambiare più spesso il tuo bimbo, ma potrai risparmiare migliaia di euro.

Hai invece bisogno di ottimizzare i tempi? Magari perché hai 2 gemelli? Non hai nessuno che può aiutarti con le faccende domestiche?

➡️ Allora scegli i pannolini usa e getta. Spenderai di più, ma ne guadagnerai in tempo per te stessa e per la cura del tuo bimbo.

E tu?

E tu? Quale scelta farai? Hai provato entrambi i pannolini? Con quale ti trovi meglio? Raccontaci la tua esperienza nei commenti qui sotto!

Источник: https://mammedioggi.it/neonato/attrezzatura/pannolini-lavabili-o-usa-getta-%F0%9F%92%A9-quale-scegliere/

Pannolini ecologici: un esempio virtuoso

Pannolini usa e getta ecologici: una scelta consapevole

Silvia Bencivelli, giornalista scientifica

Una tonnellata di rifiuti tossici, un pezzetto di bosco in fumo, 34.000 litri di acqua consumata, 500 chili di anidride carbonica in più nell’atmosfera e quasi 100 litri di petrolio.

Chi è che provoca tanti danni all’ambiente? Una fabbrica fuori norma? Un vecchio Tir senza bollino verde? Uno speculatore spregiudicato? Niente di tutto questo. Per consumare tante risorse e produrre tanti rifiuti basta un bambino di tre anni. O, meglio, i suoi pannolini.

Dalla nascita al traguardo del vasino, ogni bambino consuma circa 6.000 pannolini, più o meno cinque ogni giorno.

Che, moltiplicato per il numero dei bambini sotto i tre anni presenti nel nostro Paese, fa circa sei milioni di pannolini al giorno, due miliardi e duecentomila ogni anno.

Una scelta economica ed ecologica

Per smaltire ciascuno di essi sono necessari almeno cinquecento anni, cioè una ventina di generazioni.

E, visto che siamo in un periodo di dibattito sull’impatto ambientale del nostro stile di vita, sui cambiamenti climatici e sul possibile esaurimento delle risorse del pianeta, non dobbiamo dimenticarci che il mondo sarà loro: dei bambini che non hanno ancora raggiunto il vasino e delle generazioni future.

Chissà se, potendo farlo, non ci pregherebbero di inquinare di meno, almeno per smaltire la cacca e la pipì dei loro primi anni di vita.
Se lo devono essere chiesti anche gli amministratori di alcuni Comuni particolarmente sensibili ai temi ambientali, che da qualche tempo a questa parte hanno cominciato a incentivare l’uso dei pannolini lavabili.

Per loro, c’è anche un ovvio risparmio immediato, quello sullo smaltimento dei rifiuti urbani, di cui i pannolini usa e getta costituiscono in media il 4% del volume: con i pannolini lavabili di ultima generazione, infatti, si producono otto chili di rifiuti in tre anni, cioè meno del dieci per cento di quelli dei pannolini usa e getta.

E un risparmio immediato, sostengono, c’è anche per i genitori, che passano da una spesa compresa tra i 1.200 euro e i 1.800 euro l’anno (a seconda della marca) per gli usa e getta, ai circa 500 euro dei lavabili. Senza contare gli incentivi e i secondogeniti, che sono praticamente gratis.

Scarica lo speciale

Il primo anno

Grazie!

Controlla la tua casella di posta elettronica, tra qualche minuto riceverai il PDF. Se non trovi il messaggio nella posta in arrivo, controlla nella cartella di posta indesiderata.

Buona lettura

Il team di Uppa

SPECIALE

Il primo anno

Allattamento, coliche, pianto, igiene e accudimento: la guida per iniziare con il piede giusto

Scarica il PDF

Speciale

Il primo anno

Allattamento, coliche, pianto, igiene e accudimento: la guida per iniziare con il piede giusto

Scarica il PDF

Il sindaco che dà l’esempio

Uno che se ne intende è Luciano Lanfredi, sindaco di Acquanegra Cremonese, 1.200 abitanti in provincia di Cremona, che prima di proporre la cosa ai suoi concittadini ha voluto provare di persona: «Ho sei figli e l’ultima arrivata ha i suoi pannolini lavabili. In questo modo abbiamo verificato che non c’è molto di più da lavorare, rispetto ai pannolini usa e getta».

 I pannolini lavabili, come suggerisce il nome stesso, devono essere lavati circa ogni tre giorni. Nel frattempo stazionano in un bidoncino, a mollo con acqua e bicarbonato. E comportano, ovviamente, un maggior impegno in termini di attenzione igienica e di impegno domestico.

«Ma non moltissimo, visto che possono essere lavati in lavatrice con gli altri panni a 50-60 °C», prosegue Lanfredi. Quanto al ritmo delle lavatrici, «ho calcolato che ne faremo circa 200 in più, che con una lavatrice di quelle moderne (di classe A) peseranno sulla bolletta soltanto nei termini di cinquanta euro nei tre anni».

In più, ad Acquanegra Cremonese il Comune rimborsa il 50% dei costi, che sono effettivamente cospicui all’inizio (quando si devono comprare i 20-25 pannolini che costituiscono il corredo del neonato): quindi per i primi tre anni di vita di un neonato i cittadini spendono circa 300 euro, con un risparmio medio superiore ai mille euro.

Un’iniziativa di questo tipo parrebbe proprio una di quelle cose destinate al successo.

E invece no: ad Acquanegra Cremonese le famiglie che hanno beneficiato del bonus sono solamente due, compresa quella del sindaco, «probabilmente perché si pensa che i pannolini usa e getta siano molto più comodi da usare», spiega Lanfredi, «ma questi pannolini sono ben diversi da quelli di stoffa di una volta».

Non i vecchi Ciripà, dunque, decisamente complicati da indossare e ancor più seccanti da togliere e lavare. «Questi hanno il velcro e si mettono come gli altri. In più, hanno un velo speciale di materiale biodegradabile che si posiziona tra il sederino del neonato e il panno e che serve a raccogliere le feci. Quando si cambia il bambino, il velo si raccoglie, con tutto il suo contenuto, e si butta nel water». L’unica scomodità vera, se vogliamo, è quella di dover fare un paio di cambi in più al giorno, perché la tenuta del pannolino di stoffa è inferiore a quella dei pannolini normali.

I benefici per i bambini

Come sta un bambino con un pannolino lavabile? «Benissimo. Non sono affatto più scomodi o irritanti di quelli normali. Anzi, so di genitori interessati all’uso di questi prodotti proprio per limitare gli arrossamenti e le irritazioni nei bambini predisposti», prosegue Lanfredi.

I produttori sostengono anche che i pannolini di stoffa permettono alla pelle di respirare meglio, evitano il surriscaldamento dei genitali (possibile causa di sterilità nei neonati maschi) e che il fatto di non avere la pelle a continuo contatto con i gel ultrassorbenti dei pannolini usa e getta eviti lo sviluppo di dermatiti. C’è anche qualcuno che sostiene che questi ultimi pannolini, proprio per il fatto di essere ultrassorbenti, inibiscano il fastidio per lo sporco e il bagnato e quindi ritardino il passaggio al vasino. E allora, signor sindaco, perché non cominciare a usare i pannolini lavabili negli asili nido comunali? «Ad Acquanegra non abbiamo asili nido. Ma sono stato contattato personalmente dal sindaco di un Comune qui vicino che stava proprio pensando di sperimentare la cosa. In quel caso, i bambini uscirebbero dall’asilo ciascuno con il proprio sacchettino di pannolini da lavare». E le famiglie dovranno adeguarsi.

Bibliografia:

Источник: https://www.uppa.it/ambiente/ecologia/pannolini-ecologici/

Pannolini Ecologici Biodegradabili Ecobio, i migliori del 2021

Pannolini usa e getta ecologici: una scelta consapevole

Abbiamo parlato spesso di prodotti naturali e antiallergici per i bambini e per tutta la famiglia che puoi consultare nella sezione BEMBINI di questo sito. Non abbiamo mai parlato dei Pannolini Ecologici Biodegradabili che dispongono della certificazione Ecobio.

In questo articolo ho pensato di selezionare per te i migliori pannolini ecologici e biodegradabili. Infatti, di seguito troverai dei validi spunti per una scelta consapevole nel rispetto della salute del bambino e dell’ambiente.

Scegliere i pannolini di tipo ecologico con materiali biodegradabili fa certamente parte di una scelta responsabile e matura che ogni genitore dovrebbe fare.

Non dimentichiamoci che le nostre nonne, fino agli anni ’60 utilizzavano stoffe a forma triangolare da lavare, far asciugare e riutilizzare. Probabilmente, a quel tempo tutte le mamme trovavano faticoso dover rilavare i pannolini a ogni cambio. Infatti, a quel tempo, la produzione e vendita dei pannolini usa e getta ebbe un grande successo.

Anche se i pannolini usa e getta risultano più pratici e più veloci da utilizzare sono ritenuti la fonte principale d’inquinamento a seguito della nascita di un bambino. Infatti, oggi questo tipo di pannolino formano una montagna di rifiuti non riciclabili difficili da smaltire.

Cambia atteggiamento e scegli una soluzione green che fa la differenza.

Perché scegliere i Pannolini Ecologici Biodegradabili Ecobio?

Scegliere un pannolino Pannolini Ecologici Biodegradabili Ecobio è una scelta responsabile. Infatti, i pannolini tradizionali sono composti da materiali sintetici che contengono sostanze dannose per la salute del bambino.

Non dimentichiamoci che la plastica e tutte le sostanze che compongono lo strato interno (quello a contatto con la pelle) è a base di gel chimici e ftalati.

Queste ultime sostanze, inoltre, interferiscono con la normale funzionalità endocrina.

Prima dell’invenzione dei pannolini in cellulosa venivano realizzati in tessuto di cotone

Wikipedia

La tossicità dei pannolini tradizionali è stata rivelata dalle indagini e analisi condotte dal mensile francese dei consumatori 60 Millions de consommateurs.

Infatti, la rivista ha analizzato 12 prodotti scelti tra le marche leader del settore com i Pampers a quelli con marchio dei distributori, come Carrefour o ancora convenzionali ed ecologici.

Passa alla versione ecologica dei pannolini, per assicurare un mondo migliore ai tuoi figli. Di seguito ho selezionato per te una vasta scelta di Pannolini Ecologici Biodegradabili Ecobio per agevolarti nella scelta dei prodotti giusti.

Aziende che producono pannolini biodegradabili

Di seguito un breve elenco di aziende che producono pannolini biodegradabili. Infatti, questi marchi utilizzano materie prime di origine vegetale (cotone organico) e sono biodegradabili (di solito il 98% si degrada in 3 mesi). Inoltre, questi pannolini sono senza sostanze chimiche tossiche e alcuni sono certificati Ecolabel.

Dobbiamo tener presente che la maggior parte dei pannolini sono compostabili al 90%. Infatti, non potrebbero essere inseriti nell’umido. Rimuovendo le linguette di alcuni pannolini, i prodotto può essere gettato nell’umido.

Tipi di Pannolini Ecologici Biodegradabili Ecobio

In commercio troverai molte proposte che si auto definiscono Ecologiche ma, molto spesso non è così.

Infatti, per il consumatore diventa quasi impossibile capire quale azienda produce davvero pannolini Biodegradabili e molto spesso compie la scelta sbagliata nel momento dell’acquisto.

Per aiutarti a selezionare i prodotti giusti che rispettano le tue esigenze e che sono davvero Ecologici e Biodegradabili, ho suddiviso i pannolini in principali categorie che sono:

  1. Pannolini usa e getta biodegradabili,
  2. oppure, pannolini lavabili ecologici e naturali,
  3. pannolini misti con parti riutilizzabili e parti usa e getta.

Per aiutarti nella scelta, di seguito ho selezionato per te i migliori pannolini Ecologici biodegradabili Ecobio per ogni categoria.

La classifica dei migliori pannolini ecologici è stata formulata tendendo conto di alcuni fattori molto importanti come ad esempio il rapporto qualità prezzo, la caratteristica dei materiali utilizzati e la reputazione dell’azienda che li produce. Scegli il meglio in tutta sicurezza.

1. Migliori Pannolini usa e getta biodegradabili ed ecologici

I pannolini usa e getta sono molto pratici, pertanto, se proprio non volete rinunciare all’idea, scegliete almeno quelli biodegradabili. Infatti, i pannolini bio sono sicuri per la salute dei vostri bambini e a basso impatto ambientale.

Inoltre, sono composti prevalentemente da cellulosa, certificata FSC per la gestione responsabile delle foreste. Infine, questo tipo di pannolini non viene trattato con il cloro per lo sbiancamento. Inoltre, la parte esterna impermeabile è composta da Mater-bi una bioplastica.

Infine, a differenza della plastica tradizionale, si decompone velocemente.

Mum & You: Pannolini Nappychat Ipoallergenici

Questi pannolini proposti da Mum & You offrono una protezione fino a 12 ore. Inoltre, i pannolino sono dermatologicamente testati, senza profumi o sostanze tossiche per l’organismo. Infatti, il prodotto è ipoallergenico e dermatologicamente testato.

Particolarmente adatto a tutti i tipi di pelle, specie quelle più delicate come quelle dei neonati. Infine, offre una sensazione unica di morbidezza e asciutto. Inoltre, ogni pannolino M&Y raccoglie fondi per aiutare un’altra mamma in difficoltà economiche.

Nappynat MIDI: Pannolini usa e getta

I pannolini Nappynat sono ipoallergenici e prodotti con sostanze di derivazione naturale. Infatti, sono composti da fibre vegetali senza ftalati né additivi chimici dannosi per la salute del bambino.

Offrono una protezione esterna ma allo stesso tempo sono traspiranti e hanno una chiusura laterale riposizionabile ed elasticizzata. Inoltre, sono composti da soffici filtranti in bio-tessuto e cotone organico.

Infine, sono interamente prodotti in Italia e disponibili in diverse colorazioni.

Beaming Baby: Pannolini Ecobio Mini per neonati

Questi pannolini usa e getta proposti da Beaming Baby sono particolarmente delicati e rispettano la pelle dei bambini. Inoltre, offrono una protezione fino a 12 ore senza irritare la pelle.

Non contengono sostanze tossiche e sono particolarmente indicati per i bambini che soffrono di eczema e hanno la pelle molto delicata.

Infine, lo strato a contatto con la pelle dei bambini è molto traspirante, mentre lo strato esterno è prodotto con fibre naturali ricavate dall’amido di granturco.

2. Migliori Pannolini Ecologici lavabili

Per chi non ama i pannolini usa e getta, quelli lavabili e riutilizzabili rappresentano l’alternativa per voi. In commercio esistono diversi modelli e forme.

Infatti, alcuni prodotti prevedono la possibilità di lavare solo la parte esterna, mentre quella assorbente di tipo usa e getta per una maggiore praticità.

Sono realizzati con materiali naturali come il cotone bio, il bambù o la canapa per rispettare la pelle dei bambini. Inoltre, i pannolini possono essere tranquillamente lavati in lavatrice fino a 60 gradi.

Non dimenticare di utilizzare un detergente Ecologico certificato Ecobio per lavare i pannolini. Ti suggerisco Fysio il Bio Detersivo in Polvere per Bambini/Neonati che puoi comodamente acquistare cliccando sul link.

Petit Lulu: Pannolino Ecologico riutilizzabile

Questo pannolino lavabile proposto da Petit Lulu è composto da Bambù e Bio-cotone. Infatti, l’azienda, per la produzione dei suoi prodotti, usa materiali di alta qualità. Inoltre, troverete una vasta gamma di colori a disposizione per una maggiore comodità.

EasyPu: Pannolini lavabili

Questo Pannolino è formato da uno strato esterno di tessuto impermeabile traspirante e uno strato interno di pile che mantiene asciutta la pelle del bambino grazie all’effetto drenante.

I due tessuti sono separati da una tasca interna (pocket) nella quale si possono inserire uno più fogli assorbenti.

Con ogni pannolino vengono inclusi anche due inserti in microfibra, uno con doppio strato e uno, più grande, con triplo strato, da utilizzarsi assieme o singolarmente a seconda delle necessità.

3. Migliori Pannolini Ecologici misti: lavabili e usa e getta

Se non ami i pannolini usa e getta e nemmeno quelli lavabili, esiste un’alternativa molto valida. Infatti, sto parlando dei pannolini misti. I pannolini misti sono composti da una parte lavabile e una usa e getta. In altre parole, il pannolino consiste in una mutanda con un inserto intercambiabile di origine vegetale e completamene biodegradabile.

Charlie banana: All-in-One pannolini Ecobio con dodici inserti riutilizzabili

Questo pannolino proposto da Charlie Banana, permette di lavare solo una parte e di eliminare un inserto.

Stiamo parlando di uno tra i migliori pannolini di tipo misto che dispone delle certificazioni biodegradabili ed ecologiche attualmente in commercio.

Inoltre, il prodotto è composto da un sistema safe-snap che si adatta man mano che il bambino cresce.

Sei riuscita a trovare il pannolino giusto per il tuo bambino? Se hai dubbi o domande da farmi, contattami su Messenger, rispondo a tutte.

Condividi questo articolo su per far scoprire anche alle tue amiche i vantaggi di usare i Pannolini Ecologici Biodegradabili Ecobio.

Источник: https://www.amametia.com/pannolini-ecologici-biodegradabili-ecobio-i-migliori-del-2021/

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: