Orecchie a sventola: si possono prevenire?

Orecchie a sventola: cause, intervento e rimedi naturali

Orecchie a sventola: si possono prevenire?

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sui Consulenti Scientifici

Le orecchie a sventola sono un piccolo inestetismo del padiglione auricolare la cui causa è ereditaria. Esistono dei rimedi naturali per correggerle ma non sempre danno buoni risultati. Vediamo dunque come eliminare definitivamente il problema con l’intervento chirurgico.

Cosa sono le orecchie a sventola?

L’orecchio a sventola come viene comunemente chiamato, è una deformazione presente dalla nascita dell’orecchio esterno.

La cartilagine del padiglione auricolare non si piega e rimane dritta,staccata dalla nuca, dando la caratteristica forma alle orecchie.

La malformazione non comporta alcun problema di funzionalità, ma solo un disagio psicologico, in quanto altera l’armonia del volto.

Anatomia dell’orecchio.L’orecchio è l’organo dell’udito e dell’equilibrio ed è formato da tre parti che insieme convertono le onde sonore in impulsi nervosi che, arrivati al cervello, vengono percepite come suoni:
  • orecchio esterno,
  • orecchio medio
  • orecchio interno

L’orecchio esterno è formato da un padiglione auricolare costituito da cartilagine rivestita di cute che ha il compito di catturare le onde sonore, e da un condotto che le trasporta verso il timpano, la membrana che separa l’orecchio esterno da quello interno.L’orecchio medio formato da una camera riempita d’aria contenente tre ossicini (martello, incudine e staffa) serve ad amplificare le vibrazioni del timpano che poi vengono trasmesse all’orecchio interno;L’orecchio interno è composto da due parti principali, la coclea che è l’organo dell’udito ed il vestibolo che è l’organo dell’equilibrio: qui le vibrazioni vengono trasformate in impulsi nervosi e trasmessi, attraverso il nervo, al cervello.

Cause: di questo inestetismo

Con le orecchie a sventola si nasce, e che il difetto sia ereditario è comprovato dal fatto che ricorrono frequentemente nella stessa famiglia.

Molte sono le false credenze intorno a questo fastidioso inestetismo, circa un’eventuale prevenzione. In realtà essendo un difetto congenito che si forma circa al sesto mese di gravidanza, non è possibile prevenirlo in alcun modo.

Il bambino ribadiamo nasce con le orecchie a sventola e la cartilagine non viene deformata ne da una errata posizione durante il sonno, per esempio con l’orecchio piegato, ne dall’uso degli occhiali.Il padiglione auricolare è costituito da cartilagine elastica molto resistente che non si deforma con la compressione.

Come fare per correggere il difetto?

Per correggere il difetto delle orecchie a sventola si può ricorrere all’intervento di chirurgia plastica, tuttavia esistono dei rimedi naturali che possono, in qualche caso, apportare benefici e minimizzare il problema. Tuttavia tali rimedi vanno perseguiti con perseveranza e  non riescono a correggere definitivamente il difetto.

Rimedi naturali

I rimedi naturali, intesi nel senso che non richiedono intervento chirurgico, consistono in:

  • Applicazione della fascia. Anni addietro quando un bambino aveva le orecchie a sventola i genitori le incollavano alla testa con dei cerotti sperando che in tal maniera il difetto si attenuasse e difatti nei primi mesi di vita l’applicazione di una fascia può dare alcuni risultati, ma non correggere del tutto il difetto.
  • Il metodo Auri per i neonati ed i bambini piccoli. Oggi due medici danesi, Michael Miravet Sorribes e Mirko Tos, della Gentofte University, hanno sperimentato con successo il “ Metodo Auri”. Esso consiste nell’applicare una pinza in plastica ed un cerotto per riavvicinare uno o entrambe le orecchie alla nuca. La pinza viene applicata di notte e serve a distendere e schiacciare, senza dolore, il padiglione auricolare, mentre il cerotto va applicato di giorno e serve a tener ben attaccate le orecchie. Il metodo Auri pare dia buone percentuali di correzione, fino al 90% dei casi, ma va applicato con costanza e tempi lunghi su bambini molto piccoli dai tre mesi ai quattro anni.

Intervento chirurgico

Quando ormai si è troppo grandi per “ La Cura Dolce” non resta che ricorrere al bisturi.L’otoplastica è un piccolo intervento di chirurgia estetica, generalmente molto semplice, che corregge definitivamente le orecchie a sventola.

Esso consiste in una piccola incisione dietro l’orecchio, per eliminare la cartilagine in eccesso e posizionare il padiglione attaccato al cranio.

Si svolge in anestesia locale e non richiede degenza in ospedale. La durata dell'intervento è dell'ordine di minuti e quasi sempre richiede l'applicazione di un ridotto numero di punti che vengono rimossi dopo otto giorni.

Negli ultimi tempi l'operazione, come già detto in day hospital, viene praticata in anestesiologia che è una sedazione che accompagna la tradizionale anestesia locale. Il periodo giusto per l'intervento è l'età prescolare onde non ingenerare nel bambino complessi dovuti all'inestetismo delle orecchie a sventola che possano turbare la sua futura vita sociale.

L’intervento di Otoplastica è oggi un intervento comune per cui i costi sono decisamente accessibili. Il prezzo varia dai 2000 ai 4000 euro e su esso incide non solo la entità del difetto ma anche la struttura e la notorietà del chirurgo.

Puoi approfondire come si svolge un intervento di otoplastica.

Va naturalmente considerato che ogni intervento chirurgico richiede una struttura idonea ed un chirurgo esperto.

Operazione con il laser.

Oggi l’intervento di otoplastica può essere effettuato col laser CO2 pulsato. Il laser consente estrema precisione dell'intervento ed immediata coagulazione.

Evita edemi ed ecchimosi frequenti nell’intervento tradizionale e richiede solo un bendaggio elastico da portare per alcuni giorni.

I costi di tale intervento sono simili a quelli dell’intervento tradizionale: in media il prezzo è di 3000 euro.

Источник: https://www.medicina360.com/Orecchie_a_sventola.html

Correggere le orecchie a sventola senza intervento funziona? | Dr.Zaccheddu

Orecchie a sventola: si possono prevenire?

Le “orecchie a sventola” , meglio sarebbe a “ventola”, sono un inestetismo piuttosto comune. Non conosce distinzione di sesso. Può interessare solo una o entrambe le orecchie e spesso con diversi gradi di importanza.

Qualora fosse prontamente individuato, si potrebbe risolvere con metodi semplici e poco o per nulla invasivi. In altre parole, in casi selezionati correggere le orecchie a sventola senza intervento ed in modo definitivo è una possibilità concreta.

Ma quando si iniziano a notare le “orecchie a sventola”?

  • E’  l’unico inestetismo che si può definire già in tenerissima età.
  • Infatti le “orecchie a sventola” sono congenite. Un problema che nasce ancor prima del bambino, nel grembo della mamma attorno al sesto mese di gravidanza.
  • Solitamente però alla nascita risultano essere poco percepite. Mentre invece dopo qualche settimana iniziano a prendere più l’attenzione dei genitori.
  • Erroneamente c’è chi pensa che possano essere dovuti anche alla posizione del bambino. Parliamo di soggetti che passano sdraiati le loro giornate. E che dormono spesso con la testa reclinata e quindi con il suo peso su un padiglione magari piegato. Ma non è questa la ragione. Sta scritto infatti nel DNA.

Quando si possono correggere le orecchie a sventola senza intervento

  • Sarebbe ideale muoversi sin da subito per risolvere il problema appena individuato. Nelle prime settimane la cartilagine è morbidissima e quindi può facilmente prendere una forma imposta dall’esterno. 
  • Ecco che in questi casi correggere le orecchie a sventola senza intervento può avere un esito positivo. Ed in modo definitivo.
  • Più ci si allontana da questa scadenza, più la soluzione può essere solo chirurgica.

Per avere maggiori informazioni sulla correzione di questo inestetismo in tenera età: “Intervento orecchie a sventola per bambini: quello che devi sapere”.

Correggere le orecchie a sventola senza intervento: ecco come

  • Fascette elastiche o il più classico berretto. Entrambi non fanno altro che tenere le orecchie aderenti al capo. Dovendo essere portate praticamente tutto il giorno e la notte, sono nate proposte ad hoc traspiranti. Il berretto rappresenta la soluzione più indicata poiché non si può spostare, al contrario della fascia.
  • Tutore esterno per orecchio. Sono semplici cerotti, spesso in silicone, che uniscono il padiglione al capo. Questa soluzione può essere risolutiva sui neonati per quanto detto prima. Ovviamente deve essere utilizzata in modo costante.
  • Metodo Auri. Elaborato da due medici danesi, si può definire l’evoluzione del tutore esterno. Questo metodo prevede due diversi momenti in cui agire: il giorno e la notte. Durante la notte si avvicina l’orecchio alla nuca grazie all’aiuto di un’ apposita pinza. Durante il giorno si mantiene la posizione con del cerotto adesivo.

Per capire quanto questi rimedi possano essere efficaci: “Correggere le orecchie a sventola senza intervento è efficace?“.

Quando invece correggere le orecchie a sventola senza intervento non funziona più

  • Se al contrario lo sviluppo è già iniziato, se non addirittura terminato, allora l’unica via che dia un risultato stabile e duraturo è quella chirurgica.
  • Le “orecchie a sventola” sono un problema puramente estetico. Non rappresentano una questione “strettamente” di salute, anche se possono diventare una minaccia ad un sano strutturarsi dell’autostima.
  • Questo già da un età intorno ai 5-6 anni quando il bambino inizia lentamente a percepire delle forme del corpo diverse dalla norma. E, come si sa, già da quell’età e di più successivamente, i bambini non si trattengono certamente dal fare commenti al meno fortunato/a. Talvolta in termini di dileggio. Ovviamente non comprendendo minimamente che questo possa poi dare origine ad alterazioni comportamentali nel “dileggiato”.
  • Ecco perché questa è la prima fascia etaria in cui viene eseguita tale chirurgia. Giustificata appunto da quanto appena detto, prima che più seri problemi psicologici si stabiliscano.

Ma e’ proponibile correggere le orecchie a sventola senza intervento  agli adulti?

  • Per gli adulti non si può fare altro che nascondere il problematemporaneamente ed eventualmente, nel frattempo,  valutare la chirurgia. Quindi la funzione è più che altro quella quella di aiutare nel convivere con tale difetto, nell’attesa poi di essere pronti per l’intervento correttivo.
  • Esistono diversi “tentativi” atti a risolvere il problema. Solitamente non si tratta altro che di evoluzioni delle “soluzioni della nonna”, più  o meno personalizzate ed ottimizzate.
  • Vediamo allora quali sono le soluzioni più conosciute:
  1. nascondere banalmente le orecchie con i capelli .

    Sembra una soluzione stupida, anzi direi una “non” soluzione, ma non è meno valido delle altre proposte, soprattutto per adulti. Sicuramente può aiutare a temporeggiare nei mesi (o anni?) in cui si inizia prima a considerare l’idea della chirurgia per poi realmente pianificarla.

  2. uso di berretti, soprattutto per l’uomo.
  3. tutore esterno già menzionato per i neonati. Con la differenza che per gli adulti rappresenta invece un ripiego solamente temporaneo.

Mi soffermo  allora, solo un momento,  sull’ eventuale approccio chirurgico, unica soluzione per tanti. Parlare di otoplastica oggi significa individuare diverse soluzioni a seconda di quello che è il difetto della cartilagine. Alcune un poco più veloci e meno invasive, quali l’applicazione di una placchetta metallica (Earfold). Altre un  più aggressive ma anche più efficaci. 

Per concludere

Penso sia chiaro a questo punto che  la correzione senza intervento delle “orecchie a sventola”, a differenza di altre aree anatomiche, nella grande maggioranza dei casi rimane ancora nell’ambito di una idea immaginaria. Una sorta di sogno o desiderio irrealizzabile .

A meno di rendersi conto molto presto del problema. Infatti il tempismo nell’attuare una manovra correttiva, come visto, potrebbe fare la differenza se si ambisce ad evitare la sala operatoria.

Se vuoi approfondire: “Scopri tutto sull’Otoplastica”. Mentre per avere un parere tecnico e alcuni consigli su come migliorare le tue orecchie, non esitare a contattarmi per un consulto.

Источник: https://www.drzchirurgiaestetica.it/digital-magazine/correggere-orecchie-a-sventola-senza-intervento/

Tutti i rimedi per le orecchie a sventola: da quelli naturali all’innovativo EARFOLD

Orecchie a sventola: si possono prevenire?

Orecchie a sventola rimedi: le orecchie a sventola sono un fastidioso inestetismo che può causare disagio e imbarazzo in chi le ha.

Fortunatamente oggi, per chi lo desidera, può essere corretto in modi più o meno invasivi: dal trucco per un semplice effetto ottico fino a una soluzione permanente più invasiva come l’otoplastica.

C’è anche una straordinaria via di mezzo meno invasiva ambulatoriale ugualmente efficaci per la correzione delle orecchie a sventola: l’Earfold. Vediamo insieme tutto quello che è possibile fare.

Orecchie a sventola: le cause

Le orecchie a sventola sono una vera e propria malformazione legata a un blocco della rotazione della cartilagine nella parte esterna dell’orecchio che si verifica durante il sesto mese di gestazione.

Fortunatamente questo blocco non compromette in alcun modo l’apparato uditivo, ma causa un inestetismo davvero fastidioso che può essere oggetto di scherno sia negli adulti sia, in particolar modo, nei più piccoli.

I rimedi per rimuovere le orecchie a sventola

A giudicare dai racconti dei nostri nonni, quando un tempo un bambino nasceva con le orecchie a sventola, gli si fasciava la testa nella speranza che la sporgenza diminuisse e che che orecchie si avvicinassero al cranio. Purtroppo questo metodo, oltre a essere molto fastidioso per il bambino, è completamente inutile.

Questo inestetismo interessa in egual misura uomini e donne, adulti e bambini: e se le donne possono cercare di nascondere questo piccolo difetto con i capelli, per gli uomini è più difficile; per non parlare dei bambini che diventano oggetto di scherno e possono persino essere presi di mira in modo insistente.

Ma quali sono i rimedi per le orecchie a sventola? Vediamo insieme quali sono quelli più noti.

Rimedi naturali per le orecchie a sventola

I rimedi naturali per le orecchie a sventola hanno in comune il fatto di non essere definitivi. Si tratta di soluzioni non invasive che però possono aiutare molto la persona a recuperare la propria autostima e sentirsi più a suo agio.

Ecco quali sono i principali rimedi naturali per correggere le orecchie a sventola:

  • Per i bambini da tre mesi a quattro anni è possibile ricorrere a un rimedio noto come metodo Auri, che comprende una pinza da utilizzare durante la notte e un cerotto per il giorno, che dovrebbero riuscire a correggere questo inestetismo agendo sulla cartilagine ancora molto morbida.
  • Sempre tra i metodi naturali di correzione delle orecchie a sventola, c’è l’otostick, una protesi in silicone che permette alle orecchie di stare nella giusta posizione e che può essere utilizzata sia dai bambini che dagli adulti: l’effetto dura da 3 a 7 giorni semplicemente applicando un adesivo.
  • Per finire, anche se non si possono considerare dei veri e propri rimedi, è possibile provare a minimizzare le orecchie a sventola con i capelli, con fasce e cappelli.

Operazioni orecchie a sventola: l’otoplastica

Quando si parla di interventi veri e propri e operazioni per le orecchie a sventola, si parla di otoplastica, particolarmente consigliato quando ricorrono i seguenti casi:

  • orecchie sporgenti, orecchie a sventola o prominenti
  • orecchie ad ansa
  • orecchie troppo grandi
  • sporgenza asimmetrica tra i due padiglioni
  • lobi dismorfici o fessurati
  • asimmetria delle pieghe cartilaginee
  • malformazioni o dismorfie ad una o entrambe le orecchie

L’otoplastica può essere effettuata in adulti e bambini dopo i 5-6 anni, preferibilmente in età prescolare se si vuole eliminare alla radice l’eventualità di generare complessi e scherno da parte dei compagni.

L’intervento dura circa due ore andando a operare entrambe le orecchie e può essere eseguito in anestesia locale o totale a seconda del caso specifico. Si tratta di una procedura effettuata in day-hospital con una ripresa rapida da parte dei pazienti

In che modo viene effettuata l’operazione per le orecchie a sventola? Il chirurgo pratica delle incisioni per poter intervenire fisicamente sulla cartilagine del padiglione auricolare così da poterla rimodellare. L’incisione iniziale può essere effettuata anche tramite laser, ma la curvatura della cartilagine avviene sempre manualmente e il risultato varia proprio a seconda della bravura del medico specialista.

L’intervento non lascia cicatrici in vista, infatti esse, una volta guarite, saranno nascoste in modo naturale dalla piega dell’orecchio stesso.

Sempre nell’ambito dell’otoplastica c’è una novità sostanziale, ossia l’intervento con laser CO2 elettropulsato. Si tratta di uno strumento che rimodella la cartilagine del padiglione auricolare, modificandone la curvatura.

Rispetto alla chirurgia tradizionale, il laser è meno invasivo e assicura un recupero più rapido, inoltre è eseguito con anestesia locale in ambulatorio.

Altri rimedi: la novità EarFold

Grazie ai continui progressi della scienza, oggi esistono anche soluzioni meno invasive di un intervento come l’otoplastica, eppure ugualmente efficaci per la correzione delle orecchie a sventola.

È questo il caso di EarFold, un dispositivo ideato dall’azienda farmaceutica Allergan che si applica facilmente con una procedura mininvasiva e ambulatoriale e che proponiamo nel nostro centro medico estetico.

Earfold è una clip rivestita d’oro a 24 carati biocompatibile e che va inserita direttamente nelle orecchie sotto la cute, attraverso un intervento che va dai 15 ai 20 minuti e che richiede una semplice anestesia locale.

Qual è il vantaggio di EarFold? Una volta applicata, la clip mantiene la forma che si desidera dare al padiglione auricolare, e potrà essere successivamente modellata in base alle proprie esigenze estetiche.

Un dispositivo come EarFold rappresenta un’importante rivoluzione, in quanto consente di correggere il difetto estetico all’orecchio in modo efficace e definitivo con una semplice anestesia locale e senza ricorrere alla sala operatoria.

Chiedici di più e prenota una visita presso il nostro centro medico chiamando lo 06 902 024 79. Vi aspettiamo!

Источник: https://acaiamedical.it/orecchie-a-sventola-rimedi/

Orecchie a sventola: rimedi naturali per adulti e bimbi senza intervento

Orecchie a sventola: si possono prevenire?

Trasmesse dai genitori ai figli, le orecchie sporgenti – comunemente chiamate “a sventola” o in inglese “protruding ears” – sono molto diffuse e, pur non essendo un problema di salute, rappresenta un inestetismo fastidioso specie per chi sceglie di portare i capelli corti che – al contrario di quelli lunghi – tendono non solo a far vedere il difetto, ma addirittura ad enfatizzarlo. Quali sono le soluzioni possibili? Tralasciando il rimedio “della nonna” di fasciare la testa al bambino per “comprimere” le orecchie – del tutto inefficace a meno che non venga portato per anni, cosa quasi del tutto impossibile con un bimbo – le opzioni rimangono essenzialmente tre: chirurgia tradizionale, laser e correttori adesivi.

Chirurgia tradizionale

La prima è l’intervento chirurgico che prende il nome di “otoplastica“, dura circa mezz’ora per orecchio e può essere effettuata dai 6 – 7 anni in poi.

Si può effettuare in anestesia locale o generale: la prima è usata generalmente quando le due orecchie vengono operate a distanza di una settimana, la seconda se vengono operate nello stesso intervento o se il paziente è particolarmente ansioso.

Prima dell’operazione è necessario tagliare i capelli nella zona temporale intorno all’orecchio.

Le incisioni sono minime (alla fine rimarranno nascoste dall’orecchio stesso) e permettono di rimuovere e riposizionare parte della cartilagine del padiglione auricolare; infine viene posto per alcuni giorni un bendaggio compressivo che mantiene il padiglione aderente al resto della testa: tale bendaggio non va rimosso anzitempo.

Laser

Una delle ultime novità nel campo dell’otoplastica è il cosiddetto intervento con laser CO2 elettropulsato: questo strumento rimodella la cartilagine del padiglione auricolare, modificando quindi la sua curvatura. Il laser, rispetto alla chirurgica tradizionale, permette recuperi rapidi, è eseguito con anestesia locale ed è eseguibile in ambulatorio.

Correttori adesivi

Per risolvere il problema si possono usare particolari cerotti che mantengono l’orecchio schiacciato il più possibile in direzione della testa: questo metodo può decisamente migliorare l’aspetto dell’orecchio a sventola nell’adulto e curarlo nel bimbo. In quest’ultimo caso è però importante applicare il correttore adesivo entro 4 o 5 anni di età, cioè fino all’età in cui la cartilagine non si è ancora totalmente sviluppata. I migliori correttori per le orecchie a sventola sono:

  • per adulti: http://amzn.to/2DOR6Cq
  • per bimbi: http://amzn.to/2GwDxFr

Leggi anche:

  • Orecchio esterno: anatomia e funzioni in sintesi
  • Orecchio medio: anatomia e funzioni in sintesi
  • Orecchio interno: anatomia e funzioni in sintesi
  • Problemi all’orecchio e perdita dell’udito: cause, sintomi e cure
  • Orecchio: a che serve e come funziona?
  • Microtia ed anotia: la malformazione congenita dell’orecchio
  • Cattivo odore dal naso e muco maleodorante: cacosmia e ozena nasale
  • Come lavare i denti ai bambini in modo facile e corretto
  • Arinia: la mancanza congenita del naso
  • Naso chiuso: perenne, senza raffreddore, di notte, farmaci e rimedi
  • Sangue dal naso (epistassi) in bambini e adulti: cause, rimedi naturali, cosa fare e cosa NON fare
  • Il mio alito odora di feci: cause, quando è pericoloso e rimedi
  • Come e quando iniziare a lavare i denti ai bambini?
  • Strabismo nell’adulto: risultati dell’intervento
  • Differenza strabismo paralitico, non paralitico, eteroforia, eterotropia
  • Gli occhi più incredibili che abbiate mai visto, grazie alla eterocromia
  • Sensazione di corpo estraneo nell’occhio: cause e cure
  • Dottore ho un neo nell’occhio: sintomi e cure del melanoma oculare
  • Oftalmodinia solare: il dolore agli occhi che dipende dalla luce
  • Come cambiare in maniera permanente il colore degli occhi
  • Ollie, il “bambino Pinocchio” nato con il cervello nel naso
  • Laringite, asma, sinusite, raffreddore: riduci i sintomi con i suffumigi
  • Gemelli siamesi: italiani, i più longevi al mondo, quelli divisi
  • Sindrome del bambino scosso: i gravissimi danni della violenza sul neonato

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti alla nostra pagina  o seguici su , su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Bellezza e cura della persona, Inestetismi della cute, Medicina estetica e rigenerativa, Pediatria e malattie dell'infanzia e contrassegnata con adulti, bambini, bimbi, chirurgica, correttori, laser, orecchie, orecchie a sventola, orecchie sporgenti. Contrassegna il permalink.

Источник: https://medicinaonline.co/2018/01/31/orecchie-a-sventola-rimedi-naturali-per-adulti-e-bimbi-senza-intervento/

Come correggere le orecchie a sventola

Orecchie a sventola: si possono prevenire?

Le orecchie a sventola, dette anche ad ansa, sono un inestetismo che colpisce milioni di persone. La problematica riguarda una dimensione ed un’ampiezza che rispetto al viso mettono in risalto le orecchie.

Di conseguenza, le donne hanno maggior facilità a nascondere le orecchie, grazie alla lunghezza dei capelli, mentre per gli uomini rimane un problema molto evidente.

In alcuni casi, le orecchie a sventola arrivano a toccare la sfera psicologica di una persona, specie tra i più giovani.

Molto spesso infatti, chi sa di avere le orecchie grandi o molto aperte, si sente spesso in imbarazzo.

Ad oggi, l’unica tecnica disponibile per poter effettuare una riduzione permanente e sicura delle orecchie a sventola è l’otoplastica. Questa operazione di chirurgia estetica infatti, lavora sull’ampiezza delle orecchie riuscendo a dare una forma più lineare e leggera anche al viso.

L’efficacia di alcuni trattamenti per le orecchie a sventola

Molto spesso si sente parlare di prodotti realizzati con il fine di ridimensionare le orecchie per un periodo di tempo molto limitato.

Trattandosi di soluzioni provvisorie infatti, il risultato avrà una durata molto breve.

In altre parole, nonostante in alcuni casi si possa avere a che fare con prodotti di qualità, c’è da sottolineare che la loro applicazione alle orecchie non risolve il problema alla radice.

Di conseguenza, si otterrà un modellamento dell’orecchio solo nel momento in cui il prodotto venga applicato, ma una volta tolto, l’orecchio assumerà la stessa posizione di partenza. Tendenzialmente si parla di clip o stick che permettono di attaccare la punta dell’orecchio all’unica zona del cuoio capelluto che non presenta capelli.

In realtà, l’applicazione di questi stick non è pericolosa, ma potremmo definirla superflua.

Di fatto, chi desidera mettere un punto al problema delle orecchie a sventola, dovrà avvicinarsi all’intervento di otoplastica.

Come dicevamo prima infatti, questo è l’unico trattamento che consente di ridurre la dimensione delle orecchie, offrendo un risultato senza scadenza.

Otoplastica: l’intervento per le orecchie a sventola

L’otoplastica è un intervento chirurgico che si svolge su pazienti che desiderano ridimensionare la forma o l’ampiezza delle orecchie.

In alcuni casi è possibile che anche ragazzi al di sotto dei 18 anni desiderino sottoporsi a questa pratica, ma ci sono alcune considerazioni da fare.

Di fatto, nonostante possa essere eseguita su uomini e donne di tutte le età, è consigliabile che anche i più giovani abbiano terminato l’età dello sviluppo.

Questo è un aspetto importante, poiché tiene in considerazione lo sviluppo completo del padiglione auricolare.

Tuttavia, qualora ci fossero condizioni particolari, è possibile che l’intervento venga effettuato anche su ragazzi under 14.

A tal proposito, dobbiamo sottolineare che la percentuale di bambini che soffrono di orecchie a sventola non è poi così bassa come ci si aspetterebbe.

Di fatto, al di là dell’età dello sviluppo, l’otoplastica è un trattamento poco invasivo e che viene sempre ben tollerato da tutti i pazienti che vi si sottopongono. Inoltre, vi è da considerare che la pratica eseguita consente una ripresa molto rapida delle normali attività, grazie anche al regime con cui viene eseguita, ovvero il day-hospital.

Cosa aspettarsi dall’intervento

Come abbiamo avuto modo di sottolineare più volte, l’otoplastica è l’unica tecnica che consente di ottenere un risultato duraturo nel tempo.

Trattandosi di un’operazione infatti, le orecchie non torneranno alla loro forma e posizione, neanche a distanza di anni.

Per quanto riguarda l’intervento in sé, siamo di fronte ad una pratica soft, che non richiede particolari attenzioni o accorgimenti da parte del paziente.

Tuttavia, poiché ogni caso è singolare, ricordiamo sempre l’importanza di prendere un appuntamento conoscitivo con il dottore. Durante questo primo incontro, lo specialista potrà valutare la condizione iniziale del paziente, e fare tutte le dovute valutazioni.

L’otoplastica è un intervento che si svolge in circa due ore, nonostante si debbano poi tenere in considerazioni le esigenze del singolo paziente.La pratica prevede l’utilizzo dell’anestesia locale o generale, a seconda di quello che dovrà essere fatto dal medico.

Ad ogni modo, possiamo affermare che l’otoplastica per la riduzione delle orecchie a sventola preveda tre semplici passaggi:

  • Disinfezione dell’area interessata;
  • Incisione a forma di losanga sulla zona posteriore dell’orecchio per rimuovere parte della cute;
  • Micro tagli sulla cartilagine del padiglione auricolare.

Questi possiamo dire siano i punti principali che caratterizzano l’intervento.Tuttavia, per dare una forma e dimensione specifica all’orecchio, il medico applicherà dei punti di sutura interni. Ad operazione conclusa, le incisioni effettuate verranno sigillate con dei fili riassorbibili. Questi ultimi quindi, non necessiteranno di essere tolti dal chirurgo.

Per quanto riguarda le cicatrici, queste rimangono quasi del tutto invisibili, specie grazie alla zona poco esposta.

La fase del post-intervento è caratterizzata da alcuni accorgimenti che il paziente dovrà premurarsi di seguire.

In generale però, si tratta di pratiche indolore, attuate per ridurre i sintomi dovuti all’operazione (gonfiore e leggero dolore).

Источник: https://www.arturoamoroso.it/come-correggere-le-orecchie-a-sventola/

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: