Liberi di esplorare, intervista ad Emma

Scrivere – Intervista

Liberi di esplorare, intervista ad Emma

29 Ago

Sono nata e cresciuta in un piccolo paese, poco distante dal sito archeologico di Eraclea Minoa laddove giacciono i resti del re Minosse.

Crescere vicina al mare, in un luogo dove l’odore della zagara degli agrumeti inebria i sensi, l’orrore delle industrie non avvilisce gli animi e ancora i sapori allietano il palato è stato per me straordinario.

I tramonti sul mare che ogni sera mi sorridevano, l’ombra degli ulivi che nei lunghi pomeriggi estivi mi proteggeva dallo scirocco hanno ispirato alcune delle mie poesie e dei miei racconti.

Per quanto possa sembrare banale credo che il contatto con i suoni anziché con i rumori assordanti della città, possa stimolare positivamente la riflessione e la scrittura. L’animo umano è comunque estremamente complesso, non esistono perciò condizioni assolute, ognuno può trarre ispirazioni da situazioni e contesti molto diversi fra loro.

È indubbio che poesie e riflessioni straordinariamente interessanti e affascinanti siano maturate nel più buio e remoto degli angoli, si pensi ad esempio a quanto è stato scritto nelle antiche segrete o nelle più recenti e altrettanto mostruose carceri, nelle situazioni più atroci, basta ricordare che Ungaretti si “illuminò d’immenso” in una qualunque mattina di guerra fra le aride e insanguinate trincee del Carso.

Crescere in un piccolo centro, di contro, ha molti svantaggi. Ad esempio al mio paese non esisteva una libreria. Ciò mi ha impedito, per lungo tempo, un libero e ampio accesso alla lettura. Credo sia difficile colmare certe lacune e mai potrò recuperare alcune letture.

Il punto non è se riuscirò nell’arco della mia vita a leggere tutti i libri che desidero, ma il fatto che a 13, 15, 17 anni alcune cose si assaporano in modo differente che a 30, 50, 80 anni d’età.

La celebrazione dell’amore, della seduzione, della sensualità di Ovidio conosciuta durante l’adolescenza avrebbe forse potuto distrarmi da quel subdolo senso di colpa di vivere senza indugi né pudori i desideri, inculcato da un’educazione fortemente cattolica.

Indietro non si torna. Solo a trent’anni, dopo aver letto Moby Dick, ho iniziato a guardare il mare con occhi diversi.

LeLettereScarlatte:

Hai parlato degli aspetti positivi dell’ambiente in cui sei cresciuta, ma ti rammarichi del fatto che le caratteristiche di quell’ambiente hanno fatto sì che non potessi avere libero accesso ad alcuni testi fondamentali. Quindi la cultura prolifera nelle città, nei grossi centri, ma trova ispirazione in luoghi isolati, non antropizzati, nei viaggi, nelle traversate… In un certo senso la cultura nelle città muore?

E.

Il mio non voleva essere un giudizio assoluto, mi riferivo al mio personale vissuto.

Il silenzio che dimora nelle spiagge deserte è per me fonte di ispirazione, mi aiuta a concentrarmi, contribuisce a conferirmi quella tranquillità d’animo grazie alla quale riesco a mettere su carta emozioni, deduzioni, riflessioni, fantasie. Ma questo, in assoluto, non significa niente.

Su alcuni il cielo stellato non esercita alcun fascino, ma gli stessi si emozionano profondamente dinnanzi ad un particolare ragionamento filosofico, ad un’intuizione artistica, ad un poema epico, indipendentemente quindi dall’ambiente in cui ciò accade.

Per qualcuno il frastuono di una metropoli è un’inaccettabile intrusione, per altri irrinunciabile fonte di ispirazione. La cultura nasce e si sviluppa dall’incontro-scontro costante delle relazioni umane, degli uomini con se stessi e con l’ambiente che li circonda, qualunque esso sia.

E.

Da piccola mi chiedevo continuamente il perché delle cose, come tutti i bambini. Negli adulti non sempre trovavo risposte e una volta adulta ho scoperto io stessa che per certi perché, risposte non ne esistevano.

Su dei fogli appuntavo più o meno banali quesiti, poi raccoglievo, ascoltavo, immaginavo e talvolta sognavo le risposte.

Rielaboravo e colorivo ogni aspetto che si delineava nei miei pensieri, le sensazioni prendevano corpo attraverso le parole.

La mia prima prosa poetica nasce da un incontro. Mentre passeggiavo in cerca di asparagi selvatici mi imbattei in un pittore che, immobile di fronte alla sua tela, osservava il paesaggio di fronte a sé.

Fantasticai a lungo su cosa provasse quell’uomo nell’atto di dipingere lo scorcio di mondo che aveva scelto. Cosa l’aveva attratto, cosa muoveva la sua mano. Immaginai di esplorare i pensieri del pittore e le sue emozioni.

Ancora oggi per quel suo mondo rimango un’estranea.

Maledetta primavera, Elisa Amoruso: “Un po’ di follia da piccoli può trasformarci in adulti più liberi”

Liberi di esplorare, intervista ad Emma
Maledetta primavera: Manon Bresch ed Emma Fasano in una sequenza

Dopo il passaggio alla Festa del Cinema di Roma 2020, arriva in sala il 3 giugno Maledetta primavera, film che prende il nome dalla canzone di Loretta Goggi e si ispira all'adolescenza della regista, Elisa Amoruso, che ha inserito nella storia diversi elementi autobiografici.

Maledetta primavera: Manon Bresch ed Emma Fasano in una scena

Siamo nella Roma del 1989, Nina (Emma Fasano) è l'alter ego della regista: ha 11 anni, un fratello più piccolo, Lorenzo (Federico Ielapi, Pinocchio nel film di Matteo Garrone), e dei genitori che sono agli antipodi.

La mamma, Laura (Micaela Ramazzotti), è più seria, si preoccupa di far quadrare i conti, mentre il padre, Enzo (Giampaolo Morelli), sogna in grande, sperpera soldi, è sempre fuori in cerca di avventure.

Nonostante non sia per nulla affidabile, Nina preferisce il padre e il suo senso di libertà.

Tutto si complica quando la famiglia è costretta a trasferirsi in periferia a causa di problemi economici e i genitori cominciano a non sopportarsi più.

In questo momento di crisi Nina conosce Sirley (Manon Bresch): ha 13 anni, viene dalla Guyana francese e vuole interpretare la Madonna nella processione del quartiere.

Le due diventano amiche, ma Nina comincia a provare un sentimento nuovo, che la travolge.

La video intervista a Elisa Amoruso e Giampaolo Morelli

Maledetta primavera, la recensione: Amarcord e viaggio di formazione

Maledetta primavera: padri e figli

Maledetta primavera: Emma Fasano con Manon Bresch in una scena

Questi genitori mi hanno ricordato quelli di Woody Allen, che il regista racconta nel libro A proposito di niente. Madre seria e pratica, padre totalmente inaffidabile ma più divertente. È possibile che, sul lungo termine, dei pessimi genitori possano far nascere dei talenti nei figli?

Elisa Amoruso: Ovviamente essendo figlia di un padre così, non posso dire altrimenti. Anche io, questa estate, leggendo la biografia di Woody Allen, ho pensato: vedi, anche lui! Suo padre poi ha perso tutto, giocava. Diciamo che sono delle persone che sono poco a contatto con la materia, però allo stesso tempo hanno una creatività e un temperamento che ti trascinano.

Mio padre è tuttora così ed è l'unico motivo per cui mia madre, nonostante 40 anni di litigate, ci sta ancora insieme. Sono dei personaggi strani, che però secondo me servono nell'infanzia, nella formazione di un bambino, soprattutto per la parte più libera, la parte dell'io più creativo, più profondo, quello che non vuole mettersi dei freni.

Per mio padre non c'era nessun freno, non esistevano le regole. Con lui potevo saltare sui letti, potevamo fare qualsiasi cosa. Quando c'era mia madre era esattamente l'opposto. Naturalmente avere le due facce della medaglia ti aiuta ad avere un equilibrio, o se non altro a cercarlo.

Però la componente di follia da parte di un genitore per un bambino può essere in realtà una risorsa inattesa.

Giampaolo Morelli, regista di 7 ore per farti innamorare: “La mia Napoli romantica come New York”

Maledetta primavera: una scena del film

Giampaolo Morelli: La componente di follia come anche, forse, la inevitabile dose di sofferenza che può portare una famiglia disfunzionale, così come, chi più chi meno, la abbiamo avuta tutti. Non esiste la famiglia perfetta.

La sofferenza inevitabilmente ti accende delle luci e, in alcuni casi, ti dà non dico una marcia in più, ma forse una strada diversa da intraprendere per contrastare quello che c'è stato.

Comunque dalla sofferenza nascono anche dei talenti.

Maledetta primavera: quella cosa misteriosa chiamata adolescenza

Maledetta primavera: Manon Bresch in una scena

Il film è ambientato nel 1989, ma i desideri e le insicurezze degli adolescenti sono sempre gli stessi. Se gli adolescenti si somigliano in ogni epoca, cosa è cambiato davvero rispetto ad allora?

Elisa Amoruso: Sicuramente i tempi sono molto cambiati: il primo enorme cambiamento per gli adolescenti di oggi è il rapporto con la tecnologia, che non è solo il rapporto con le macchine, ma anche con questi specchi virtuali, che rimandano l'immagine della loro identità su tanti schermi, su tanti social, su tante piattaforme.

In qualche modo gli consentono di avere più vite, si possono sentire come dei nuovi supereroi, perché effettivamente hanno tante maschere dietro cui possono nascondersi. Però anche prima della tecnologia ci si poteva nascondere dietro delle maschere: anche in un'era analogica come quella del film, avevamo una personalità di cui cercavamo i confini.

Il tema dell'identità resta sempre lo stesso.

Chiara Ferragni – Unposted: “Il segreto del mio successo è tanto lavoro di squadra”

Maledetta primavera: Emma Fasano in una scena

Da questo punto di vista i romanzi di formazione sono sempre delle storie universali, che parleranno, a livello trasversale, a tutte le generazioni di ragazzi che li leggeranno.

Se pensiamo a i Quattrocento colpi di Truffaut è un film in bianco e nero, eppure lo smarrimento di quel ragazzino che scopre il tradimento della madre è qualcosa di unico in cui anche gli adolescenti di oggi potrebbero riconoscersi.

Per cui secondo me il film, pur essendo ambientato nel 1989 può parlare ai ragazzi di oggi, perché in fondo quello che racconta è una ragazza che cerca di prendere le misure.

All'inizio attraverso il conflitto con i genitori, poi attraverso una nuova amica, che in qualche modo diventa anche il suo punto di riferimento sentimentale, verso la quale prova un sentimento che è più simile all'amore, che non all'amicizia. Questo travalicamento di confini secondo me i ragazzi di oggi lo capiscono molto bene, perché per fortuna i confini stanno cominciando ad ammorbidirsi, i limiti cominciano a essere un pochino più valicabili. Quindi la speranza di avere un mondo più aperto, in cui tutte le forme d'amore siano possibili arriva forte agli adolescenti di oggi.

Источник: https://movieplayer.it/articoli/maledetta-primavera-video-intervista-elisa-amoruso-giampaolo-morelli_24817/

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: