Le tradizioni di Natale da rivivere con i bambini

Feste e Tradizioni | Le tradizioni di Natale nella mia famiglia

Le tradizioni di Natale da rivivere con i bambini

Tempo stimato di lettura: 15 minuti

Le tradizioni di Natale cambiano in base alle regioni, alle città e alle famiglie. Ognuno ha le proprie usanze che vengono rispettate con dedizione ogni anno.

Oggi, però, vorrei raccontavi quello che succede e succedeva a casa mia durante queste festività.

Quando ero piccola, la mia numerosa famiglia si riuniva a casa dei miei nonni materni e, tra zii e cugini, c’era sempre una gran confusione,  allegria e un gran via vai. Tutti erano affancendati in qualcosa.

L’inizio delle feste

Per noi, l’inizio delle feste natalizie ricade l’8 dicembre, durante l’Immacolata Concezione, quando vengono preparati l’albero e il presepe.

I miei genitori si dividevano i compiti. Mia madre si occupava e si occupa tutt’ora dell’albero, che viene preparato con cura, mentre mio padre invece si occupava del presepe.

Ricordo ancora quando la prima capanna la faceva con un ceppo di legno ricurvo. Era davvero originale!

La superficie del presepe, invece, veniva ricoperta dal muschio, piena di casette, montagne ed alberi. Io li aiutavo un po’….attaccavo le palline e ponevo i personaggi nel presepe, tutto “un po’ a casaccio”!

Источник: https://www.elenavizzoca.it/rubriche/feste-e-tradizioni/le-tradizioni-di-natale-nella-mia-famiglia/

COME SI FESTEGGIA NATALE NEL MONDO? TRADIZIONI E USANZE

Le tradizioni di Natale da rivivere con i bambini

A Natale la maggior parte di noi si scopre “tradizionalista”, attaccata cioè a quelle abitudini e a quegli usi che contraddistinguono questo periodo dell’anno e che vengono tramandati di generazione in generazione.

Per molte persone a Natale la parola “tradizione” diventa una sorta di obbligo morale, che va a indicare una serie di azioni e abitudini da reiterate ogni anno per rivivere emozioni uniche e mai del tutto sopite, pronte e risvegliarsi alla comparsa della prima decorazione o all’ascolto della prima nota di una canzone natalizia.

Potremmo dire che lo stesso spirito tradizionalista invade tutti i paesi in cui si festeggia il Natale, ma con modalità diverse: quelle che per noi sono delle tradizioni, infatti, in altri paesi risulterebbero del tutto sconosciute, e viceversa.

Viaggiando in paesi diversi nel periodo natalizio ho potuto toccare con mano alcune usanze per me inedite; di altre, invece, ho (purtroppo) solo letto qualche informazione.

Adesso che il Natale si avvicina, facciamo un sunto delle curiosità più interessanti che ho imparato sulle tradizioni natalizie nel mondo!

Babbo Natale e altri personaggi natalizi nel mondo

Cominciamo dal personaggio natalizio per eccellenza: Babbo Natale. Conosciuto e amato in moltissimi paesi, non è però uguale ovunque; nei paesi scandinavi, per esempio, è popolarissimo lo “gnomo del Natale”, chiamato Tomte in Svezia e Nisse in Danimarca e Norvegia.

Nato come una specie di protettore della casa o della fattoria, in origine era un personaggio “chiaroscuro”, ossia non sempre buono e simpatico.

La somiglianza con Babbo Natale sta nel cappello rosso a punta (che in realtà riprende quello dei contadini di un tempo), ma l’associazione con il personaggio natalizio per eccellenza avviene solo nella prima metà dell’Ottocento, quando diventa il folletto del Natale.

In Austria e Germania Babbo Natale è del tutto simile a come lo conosciamo noi, ma in questi paesi esiste un suo corrispettivo al negativo: Krampus.

Si tratta di un demone che punisce i bambini cattivi e, girando per le città tedesche e austriache, potreste vederne una rappresentazione.

Nel giorno di San Nicola, infatti, per le strade delle città si aggirano delle persone mascherate da demone, con tanto di catene in mano, per “suggerire” ai bambini di fare i bravi.

Tradizioni natalizie nel mondo, dal pranzo alle decorazioni

Altra tradizione natalizia immancabile per noi italiani è il pranzo del 25 o la cena della vigilia. Se pensate che l’Italia sia la patria dei mangioni per eccellenza, non siete mai stati in Polonia a Natale! In questo paese, infatti, il pranzo natalizio prevede ben 12 portate, ossia una per ogni apostolo.

E le decorazioni? A Natale non possono di certo mancare, ma anche in questo caso vale l’adagio “paese che vai, usanze che trovi”: in Cina, per esempio, i pochi cristiani che vivono nel paese festeggiano il “festival della Santa Nascita” decorando le case con piante sempreverdi e addobbi luminosi. Non possono mancare le lanterne, usate anche come decorazione per l’albero di Natale. Anche nelle Filippine si usano delle lanterne per gli addobbi di Natale, che da queste parti è chiamato Pasko e dura ben tre settimane, mischiando credenze locali e tradizioni cristiane. Le lanterne, in particolare, si chiamano “parol” e vengono appese alle porte. Molto strana può apparire l’usanza ucraina di adornare albero e casa con decorazioni a forma di ragnatela, ma in realtà si tratta di un gesto benaugurante.

Natale è anche il periodo in cui si vuol ricevere un dono gradito, una buona notizia…o perfino l’arrivo di un amore! Non a caso, nella Repubblica Ceca, a Natale c’è un’usanza che riguarda proprio la sfera amorosa: le donne single, infatti, si mettono alla porta e gettano una scarpa alle loro spalle; se la scarpa atterra con la punta rivolta verso la porta, è il segnale che ci si sposerà presto!

Ecco, queste sono solo alcune delle usanze e delle tradizioni natalizie in giro per il mondo. Quel che è certo è che, in qualsiasi modo lo si festeggi, Natale resta per tutti una festa speciale, da celebrare con le persone giù care.

Источник: https://www.ipercity.it/come-si-festeggia-natale-nel-mondo-tradizioni-e-usanze/

Tradizioni di famiglia: 5 motivi per cui sono importanti

Le tradizioni di Natale da rivivere con i bambini

Durante le festività natalizie viene spontaneo il pensiero di voler lasciare ricordi unici impressi nella memoria dei nostri figli. Clichè a parte, è davvero la festa più attesa dell’anno dai bambini.

Ma credi che siano soltanto i regali a creare l’atmosfera magica e di aspettativa che ruota intorno a questa festa? Io penso proprio di no. Una delle cose che i bambini attendono con ansia sono le tradizioni di famiglia.

E’ il fatto di sapere che, in questo particolare periodo dell’anno, gira tutto intorno a loro.

Che ci saranno momenti indimenticabili come andare a scegliere l’albero di Natale e le decorazioni, fare l’albero tutti insieme con musica o un film natalizio di sottofondo, cioccolate calde a tutto spiano, biscotti, lavoretti fai-da-te, storie incantate e tanto altro ancora. E chiaramente anche la letterina a Babbo Natale e l’attesa dei regali giocano la loro bella parte.

Ma le tradizioni di famiglia sono importanti sotto tanti aspetti che non sono legate solo al Natale o altre festività importanti. Si possono creare tradizioni di famiglia che siano uniche e che rendano speciale uno o più giorni dell’anno.

Perchè è importante creare le proprie tradizioni di famiglia

Ci sono mille motivi per cui per me le tradizioni di famiglia sono importanti, ma da quando mi sono trasferita all’estero hanno acquisito ancora più rilievo.

Se questo è il primo articolo che ti capita di leggere sul mio blog, devi sapere che io sono nata e cresciuta nella periferia di Milano, ma nel 2015 mi sono trasferita a vivere negli USA. Perchè ha importanza? Beh, perchè se anche tu sei una mamma expat, saprai cosa significa vivere in un altro paese cercando di restare fedeli alle proprie origini.

E benchè le tradizioni di famiglia siano importanti per tutti, quando sei una mamma expat acquistano ancora più valore. E’ uno dei tanti modi per trasmettere le tue origini e la tua cultura a tuo figlio quando vivi in un Paese che ha tradizioni diverse dalle tue, e quando tuo figlio vive lontano da nonni e zii.

Ma veniamo ai motivi profondi e reali del perchè ogni famiglia, indipendentemente dalle origini, dovrebbe creare le proprie tradizioni di famiglia.

  1. I bambini cercano ripetività e stabilità in ogni cosa. L’attesa di un evento che hanno già vissuto e apprezzato li fa sentire al sicuro. Se poi l’evento è qualcosa di speciale e unico proprio della vostra famiglia ancora meglio. O come specifica questo articolo di Focus, dona loro un forte senso di appartenenza, oltre a creare sane abitudini.

  2. Come accennato sopra, tutti i grandi eventi creano aspettativa. Ma non solo legati alle cose materiali come il cibo o i regali. Ma ai momenti passati insieme.

    Per cui se tuo figlio si aspetta di fare i biscotti sotto Natale o la caccia alle uova sotto Pasqua, aspetterà con gioia anche il momento in cui (e qui sparo esempi a caso) potrà andare in campeggio per il solstizio d’estate, a raccogliere castagne il primo di Ottobre o più semplicemente il pranzo della domenica dove si cucina tutti insieme.

  3. Non necessariamente bisogna pensare che le tradizioni di famiglia siano grandi avvenimenti.

    Potrebbe anche essere la lasagna fatta in casa una volta al mese con della buona musica di sottofondo oppure una partita di calcio in giardino durante la prima bella pioggia d’estate, di quelle da infangarsi fino alle orecchie.

    Anche qui ho buttato nella cesta degli esempi a caso, ma il concetto è che l’importante è il tempo speso insieme con gioia, non l’attività in sè.

  4. I figli crescono in fretta. Quando ti fanno passare interminabili notti insonni può non sembrare così, ma la realtà è che un giorno ti svegli e sono diventati più alti del tavolo da pranzo. Poi più alti di te e infine escono di casa.

    Fra le innumerevoli cose che porteranno con sè, ci saranno i ricordi felici dei momenti passati con la propria famiglia.

    Creare tradizioni di famiglia ti permetterà di dare loro più occasioni di ricordare quanto la loro infanzia sia stata bella.

  5. Cosa c’è di meglio per i nonni (sì, parlo di te) del sapere che i loro figli hanno amato così profondamente le loro tradizioni di famiglia da volerle trasmettere a loro volta ai propri cuccioli? Creare un’atmosfera speciale e ripetibile, è qualcosa di insostituibile. Se si dà la giusta importanza alla cosa, non solo l’aspetteranno con ansia, ma la vorranno rivivere attraverso gli occhi dei loro figli.

Poi ci aggiungi la vita da Expat e tutto ha ancora più significato

Quando vivi lontano dalla tua famiglia di origine e hai dei figli, spesso ti chiedi come sarai in grado di trasmettere quegli stessi valori che hai ricevuto tu. Devi anche fare i conti che la tua nuova famiglia, è stata creata con una persona che ha vissuto altre tradizioni di famiglia, diverse dalle tue. E chiaramente entrambe le origini hanno importanza.

Per fare un esempio, mio marito è americano, io (ovviamente) italiana e nostro figlio è un orgogliosissimo Mezzosangue. Noi in Italia abbiamo la Befana, mentre qui negli USA neanche sanno cosa sia.

Santa Claus (o Babbo Natale) è colui che porta sia i dolci che i regali. Un po’ sessista no? (scherzo!). Come non hanno ferragosto o la notte di San Lorenzo.

E così abbiamo dovuto trovare un modo per trasmettere a nostro figlio entrambe le tradizioni e culture.

E allora diventa ancora più importante cercare di trasmettere a tuo figlio le tradizioni di famiglia che ti porti dietro dalla tua infanzia. Quelle che i tuoi genitori ti hanno trasmesso e che non vuoi si perdano nella quotidianeità di una vita diversa. Le abitudini che pensi siano importanti e che vuoi che tuo figlio assimili come valori di una vita piena di gioia e momenti felici.

E se non hai tradizioni di famiglia da trasmettere?

La risposta è semplice: creane di nuove!

Nella nostra famiglia non avevamo grandi tradizioni di famiglia che andassero al di là delle grandi festività. C’era la fatina che portava i soldi ad ogni dente caduto, l’uovo di Pasqua da aprire, l’albero da addobbare e i regali da scartare a Natale, le caramelle (o carbone dolce) da sgranocchiare all’Epifania e il costume da indossare a Carnevale.

Insomma, le classiche festività. Che sono state meravigliose, ma non avevano una nostra tradizione particolare. Poi però c’erano le vacanze estive. E lì si andava sempre nello stesso posto.

Mi ricordo l’attesa di andare in quel meraviglioso paradiso di spiaggia e rocce e mi ricordo la profonda delusione quando per la prima volta, dopo anni, abbiamo cambiato destinazione.

Per cui se anche tu arrivi da una famiglia che non ha tradizioni di famiglia particolari da trasmettere, divertiti a crearne una (o più) nuova e tutta vostra! E così in aggiunta alle grandi festività, avrete il vostro giorno speciale. Quello che solo voi conoscete e solo voi ne capite l’importanza.

Quindi cosa aspetti? Vai e crea le tue tradizioni di famiglia. Che siano la giornata della marmellata o una giornata a leggere un libro (Harry Potter ad esempio) davanti al camino con una bevanda calda, oppure la giornata fuori in barca, fai in modo che siano indimenticabili, scatta tante foto e portane il ricordo sempre con te.

Perchè quando i tuoi figli saranno grandi, questo sarà parte della tua eredità. E non c’è prezzo al valore che stai donando loro.

P.S. = se questo articolo ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo

Leggi anche

Calendario dell’Avvento bilingue fai-da-te (stampabile e gratuito)

Albero di Natale vero: come scegliere quello giusto

Il Giorno del Ringraziamento di una Mamma Expat

Guida per intagliare zucche di Halloween in 15 minuti

Halloween negli USA e la magia della Holiday Season

Campeggio con bambini – cosa portare? (parte 1)

Campeggio con bimbi (parte 2) – si può davvero fare?

Источник: https://mamamadeinitaly.com/it/tradizioni-di-famiglia/

Le tradizioni del Natale per bambini

Le tradizioni di Natale da rivivere con i bambini

Le tradizioni del Natale per bambini: l'albero di Natale, il presepe, il calendario dell'Avvento. Una guida alle più antiche tradizioni natalizie

Non esiste un altro periodo dell'anno in cui vengono celebrate antiche tradizionali familiari, riti e abitudini che si ripetono immutabili da secoli.

Il Natale è un momento magico soprattutto per i più piccoli e l'intero mese di dicembre è scandito da tradizioni e abitudini che condividiamo da generazioni e generazioni.

Dall'albero di Natale al presepe, dal Calendario dell'Avvento al panettone, ecco una guida completa alle tradizioni di Natale per bambini.

Babbo Natale

Dove nasce la leggenda di Babbo Natale? E chi è davvero? La storia narra di san Nicola, nato in Turchia da una famiglia molto benestante, che divenne vescovo di Myra. Secondo la leggenda san Nicola gettava del cibo nel camino delle case delle famiglie più bisognose.

San Nicola si festeggia il 6 dicembre in molti Paesi del mondo il giorno in cui arrivano i regali è proprio la notte del 6 dicembre.

Con gli anni, poi, san Nicola si è trasformato in Santa Claus, Babbo Natale panciuto con al folta barba, al quale vengono indirizzate ogni migliaia di letterine e che, nella notte di Natale, gira per tutte le case portando i regali ai bambini buoni insieme alle sue renne.

vai alla gallery

Ecco qualche pagina da scaricare per scrivere una meravigliosa lettera a Babbo Natale!

L'Albero di Natale

Non è Natale senza albero addobbato con palline, festoni e lucine. L'abete è uno dei più tradizionali simboli del Natale e probabilmente il più amato dai bambini.

Come racconta la leggenda, il primo abete addobbato per Natale fece la sua comparsa nel 1605 in Alsazia, dove gli abitanti addobbavano le proprie case con un albero decorato di fiori di carta colorata, oggetti dorati e frutta.

Ma la più moderna abitudine di addobbare un albero, vero o artificiale, si diffuse soprattutto nelle case delle famiglie più ricche verso la metà del Diciannovesimo secolo.

vai alla gallery

Natale è alle porte e una delle attività più creative da svolgere da soli o con i bimbi è la preparazione dell'albero. Su Pinterest  abbiamo scovato le…

Il vischio

L'usanza di regalare vischio durante le feste di Natale e a Capodanno ha un'origine nordica e serve soprattutto a scacciare i demoni. Infatti, proprio come un talismano, viene appeso fuori alla porta di casa.

Il presepe

Una tradizione antichissima che purtroppo in molte case è caduta in disuso. In realtà nelle famiglie c'era l'abitudine di costruire il presepe usando sughero, legno, ovatta, muschio e statuine dei pastori e della Sacra Famiglia. Serve a rivivere la nascita di Gesù bambino: attenzione a non mettere la statuetta del bambinello prima della Vigilia di Natale.

In alcune case a mezzanotte della sera del 24 dicembre, si fa un giro della casa cantando Tu Scendi dalle Stelle e i bambini portano la statuetta di Gesù bambino fino alla culla di paglia nel presepe. I personaggi, poi vanno aggiunti piano piano, fino al giorno dell'Epifania, quando vengono sistemati i Re Magi.

vai alla gallery

Statuine realizzate con tappi di sughero, sassi colorati o pigne; capanne di cartoncino o mollette; culle di noci, natività in barattolo… Ecco alcune idee per realizzare un presepe…

Il panettone

Sulle tavole natalizie il panettone, e anche il pandoro, non mancano mai. Che sia artigianale oppure acquistato al supermercato, il panettone è il più tradizionale e antico dolce di Natale. La ricetta è milanese.

La tombola

Chi di noi non ricorda meravigliose serate natalizie trascorse intorno ad un tavolo a giocare a tombola? Un gioco che coinvolge nonni e nipoti e che viene organizzato una volta l'anno: solo a Natale!

Per giocare serve un tabellone con 90 numeri, le cartelle simili al bingo e dei piccoli legumi per segnare i numeri usciti. Una persona tiene il cartellone – pagando l'equivalente di 6 cartelle – e dal paniere tirerà fuori uno alla volta i numeri dichiarandoli ad alta voce. I punti sono:

  1. ambo
  2. terzo
  3. quartena
  4. cinquina
  5. tombola

Calendario dell'Avvento

Quella del Calendario dell'Avvento è una tradizione di origine tedesca che negli ultimi anni si è diffusa sempre di più anche in Italia. In molte famiglie dove ci sono i bambini, il primo dicembre viene allestito questo calendario che segna, in un vero e proprio conto alla rovescia, i giorni che mancano al giorno di Natale.

Possiamo acquistare un Calendario già pronto – con cioccolatini da scartocciare ogni giorno – oppure possiamo crearlo noi stessi, in modo più originale, con i rotoli di carta igienica, panni in feltro, tessuti o scatoline dei fiammiferi e riempirlo con dolcetti, caramelle e piccole sorprese.

L'importante è che ogni giorno i bambini possano scoprire cosa c'è dentro la casella e contare quanti giorni mancano al Natale.

vai alla gallery

Si avvicina il Natale, la festa più magica e divertente dell'anno. Per prepararsi all'atmosfera natalizia e all'arrivo di Babbo Natale nel migliore dei modi, ecco 20…

Corona dell'Avvento

Accendiamo una candela ogni domenica del mese di dicembre, per trasmettere ai bambini il più autentico significato del Natale.

La Corona dell'Avvento ha una forma circolare e costituita da rami di piante sempreverdi, la corona è caratterizzata dalla presenza di 4 candele che vanno accese ciascuna in ogni domenica d'Avvento. L'eventuale quinta candela, da porre al centro, va accesa proprio il giorno del 25 dicembre

Santa Lucia

Santa Lucia è la Santa della luce e secondo la tradizione si festeggia in quella che dovrebbe essere la notte più lunga dell'anno. In molti paesi nordici e alcuen città italiane, la venuta della vergine cristiana è attesa con ansia dai bambini perché Santa Lucia porta i doni al posto di Babbo Natale.

Источник: https://www.nostrofiglio.it/feste/natale/le-tradizioni-del-natale-per-bambini

Tradizioni natalizie italiane: tutte da vivere con i bambini

Le tradizioni di Natale da rivivere con i bambini

Tornano le tradizioni natalizie italiane. In ogni famiglia, il Natale è il momento in cui grandi e bambini sognano ad occhi aperti e respirano l’incanto di un momento dell’anno assolutamente unico.

Le tradizioni di Natale sono molto amate sia dai grandi che dai bambini. L’albero, il presepe, le canzoni e le poesie da recitare insieme: momenti speciali da spiegare e tramandare ai piccoli di casa, coinvolgendoli nei preparativi per la festa.

Tradizioni di Natale con i bambini

Le tradizioni familiari legate al Natale resteranno nella memoria dei nostri figli, che tenderanno a portarle avanti nel tempo e a trasmetterle a loro volta.

L’atmosfera di Natale è per i bambini qualcosa di molto speciale, qualcosa che li conquista letteralmente, Ed ecco perché organizzare attività di Natale per bambini può essere un ottimo modo non solo per trascorrere insieme del tempo, ma anche per costruire dei ricordi indelebili.

Ogni famiglia ha le sue tradizioni natalizie: possiamo spiegarle ai bambini per tenerle vive, coinvolgendoli nei preparativi.

Per il resto, largo alla creatività, aggiungendo nuove idee, proponendo novità in base al tempo che abbiamo a disposizione e all’età dei nostri bimbi.

Non dimentichiamoci che anche i bimbi più piccoli recepiscono l’atmosfera magica e gioiosa del Natale. Creare in casa la giusta attesa anche per loro renderà davvero unico il Natale in famiglia.

Le tradizioni natalizie italiane sono già moltissime. Rubare qualche idea in più dai paesi esteri non può che rendere ancora più ricca la nostra festa.

Chi resiste all’albero di Natale?

Tradizioni natalizie in Italia e tradizioni natalizie nel mondo: la festa delle luci

Soprattutto negli ultimi anni, alle tradizioni natalizie italiane si sono aggiunti usi e costumi soffiati alla tradizione internazionale.

Come mai? Per prima cosa, perché scambiarsi idee è sempre affascinante e ci arricchisce. E poi perché soprattutto le tradizioni di Natale hanno un fascino speciale, un alone magico che resiste a qualsiasi latitudine.

Impossibile, dunque, resistervi.

Abbiamo, quindi, raccolto 10 idee ad alto tasso natalizio da trasformare in tradizioni natalizie per tutta la famiglia:

Ogni famiglia ha la propria tradizione. La scrittura della letterina segna per ogni bambino l’inizio dell’attesa.

 È questo il momento in cui i desideri vengono espressi e mamma e papà cominciano a mettersi all’opera per realizzarli, magari con l’aiuto di un Babbo Natale fidato.

Ma non vi limitate a usare un banale foglio di carta! Decorate, colorate e rendete unica la letterina con un tocco personale e, ovviamente, magico!

La ghirlanda sulla porta di casa, le luci e le vetrofanie alla finestra.

Con i bambini si possono realizzare decorazioni in pasta di sale da dorare e distribuire in vari angoli della cucina e del soggiorno.

Lo sappiamo che il buon gusto imporrebbe moderazione e stile, ma questo è soprattutto il momento magico dei piccoli di casa. Liberate la loro fantasia!

C’è chi non rinuncia al cioccolatino dietro la finestrella e chi inventa ogni anno un calendario diverso. E tu cosa preferisci?

La festa di Natale è così importante che in molte regioni si tramandano ricette tradizionali. Ma il Natale è anche il momento perfetto per creare in cucina e trovare ispirazione anche nella cucina degli altri Paesi. In più, dolcetti e biscotti sono ottime idee regalo.

Biscotti e dolcetti di Natale rallegrano le feste di grandi e piccoli

C’è chi non transige e chi invece ama variare. Ma il momento in cui il puntale o la stella vengono sistemati in cima all’albero di Natale rimane unico: chi avrà l’onore di mettere la ciliegina sulla torta sull’albero 2018? Non dimenticate il selfie di rito!

Il presepe è tra le tradizioni natalizie italiane più longeve e più amate. Tutti abbiamo in casa statuine che si tramandano da generazioni.

Ma c’è anche chi trova ogni anno l’idea folgorante per rendere innovativa la scena della Natività.

I presepi più fantasiosi? Quelli fatti di carta con la tecnica dell’origami, oppure con tappi di sughero decorati o ancora realizzati con la stoffa.

Avete già scritto la letterina a Babbo Natale?

Non è Natale se non c’è l’arrosto della nonna o le tagliatelle salmone e panna della zia.

Ma la tavola delle feste è anche piena di leccornie adorate dai bambini, ricette fatte apposta per i piccoli di casa.

Fatevi aiutare dai bambini a preparare un menù da stampare e mettere in tavola per gli ospiti.

Le fredde serate invernali davanti al presepe e l’albero diventano un pretesto eccezionale per leggere fiabe bellissime a tema natalizio.

Scegliere insieme ai bambini il libro da leggere nel periodo di Natale è fra le tradizioni natalizie italiane più belle e antiche, perché risale ai tempi dei racconti attorno al fuoco, quelli in cui i nostri bisnonni erano bambini.

È il momento di rispolverare vecchie e nuove hit natalizie, grandi classici e nuove uscite per una playlist natalizia da far girare ovunque: dallo stereo di casa alla macchina al cellulare. E da cantare a squarciagola con i bimbi!

Le tradizioni natalizie italiane, in merito, si dividono in due tendenze: c’è chi scarta i doni la notte della Vigilia e chi li scarta la mattina di Natale. La corsa dei bimbi che corrono a vedere cosa ha portato loro Babbo Natale, in tutti i casi, è assicurata!

Источник: https://www.planet.yestoys.it/tradizioni-natalizie-italiane/

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: