“””La Sposa Bambina””, la Recensione del film”

“The Child Bride”, the review of the film

"""La Sposa Bambina"", la Recensione del film"

The Editors of Pianeta Mamma previewed “The Child Bride”, a film by Khadija Al Salami. Inspired by a true story, the film represents a condemnation of the practice, still widespread in many countries, of early marriage.

The Child Bride, the Review

To what extent is it right to respect and accept the tradition and culture of a people? It is unthinkable to believe that the Western model is law, or exportable anywhere, but it is undeniable that they exist universally valid principles, values ​​and rightsie that should be respected in any culture or nation. And if we talk about the children’s rights, there is no anthropological doubt that holds, because childhood must be respected and it is necessary to fight against those who deny it, do not respect it or carry out violence. And this reflection is at the center of the film “The Child Bride“a film by Khadija Al Salami, inspired by a true story, told in the book “I am Nujood, age 10 and divorced” by Nojoud Ali and journalist Delphine Minoui. The film is strongly autobiographical as it traces the experience of the director herself.

Synopsis

Nojoom is a 10 year old girl who lives with his family in a village in Yemen. all girls of her age she would to play, go to school, be loved and considered by those who should take care of her.

The dreams, the light-heartedness and the freedom typical of her age fail when her father, to be able to pay the rent and get rid of an extra mouth to feed, decides to “sell” her to a man 20 years older than her. .

Little Nojoom comes forced to marry early and suffer psychological and physical violence from a man and a family he doesn’t know. With a doll in hand, on her wedding day, she finds herself living in a house that is not hers and submitting to the wishes of a husband she has not chosen.

Desperate, she decides to assert her rights, enters a courtroom and asks the judge to divorce and take back her life and freedom. Nojoom then begins a battle against the archaic practice of adults of marrying girls, at any age, with men much older than themselves.

Traditions that are still accepted in Yemen, as in other countries of the world. A fight against the denied rights of girls, for the freedom of the women of her country and for the respect of universal principles which due to ignorance are not respected.

The film, absolutely recommended, is inspired by a true story and retraces the director’s experience Khadija Al Salami who thanks to her courage managed to escape from a tormentor husband at the age of 11.

She changed her fate by getting a divorce and became the first Yemeni director and producer. “The child bride. My name is Nojoom, I am 10 years old and I want a divorce” addresses the issue of early marriages and the violence that ensues.

There are 60 million women worldwide who suffer daily from physical and mental abuse caused by marriages contracted at an early age, while 70,000 young women die every year due to this horrendous practice.

Girls who, forced to undergo physical violence and sexual intercourse before puberty, often die from internal bleeding.

The film offers an interesting contrast between the beauty of the landscapes, the music and the culture of Yemen with the charm of its colors and the faces of the women who live there and the horror of an archaic practice that is the daughter of ignorance, of poverty. and violence. The telling of a story that wants to be a message of hope for the renewal of this country and a warning to all others who continue to allow these repugnant marriages that deny the fundamental rights of the child.

The film, supported by Amnesty International, has been highly regarded overseas and has won numerous awards, including: Best Fiction at the Dubai international film festival (DIFF), Jury Prize at the Arabian Sight Film Festival in Washington DC and Best Film of 2016 at the London Asian Film Award Festival. The film, produced by Hoopoe Film, will arrive in Italy on 12 May.

Child brides around the world. Amnesty International data from 2015

In Jordan Refugee women and girls tend to be married before the age of 18 according to a widespread practice especially in rural areas of Syria.

In Iran, the legal age for marriage for girls is 13, but they can also be married at an age younger than a person chosen by their father or paternal grandfather, if a court permit exists. In Burkina Faso, forced marriage even at the age of 11 is an extremely widespread phenomenon, especially in rural areas.

In the area of Maghreb, the phenomenon of forced marriages and violence against women is linked to the lack of a law that adequately protects the rights of women.

The Morocco it abolished the rule that provided for impunity in exchange for a “shotgun marriage” in the event of the rape of a minor, but lacks an organic legislative framework on violence against women and girls.

In recent years in Algeria there have been some measures to improve women’s rights, however the abrogated rule in Morocco remained in force, according to which men who rape girls under the age of 18 are not prosecuted if they marry their victim.

The phenomenon of early marriage is widespread in South Asia, where 46 per cent of girls are given in marriage before they turn 18. According to UNICEF data, the Bangladesh it is the country in the world with the highest rate of marriages of girls under the age of 15. In Afghanistan, a study conducted by the Ministry of Women’s Affairs in 2004 found that 57 percent of the women surveyed had been married before the age of 16, some even at just 9 years old.

gpt inread-other-0

Источник: https://parentfresh.com/family/the-child-bride-the-review-of-the-film/

La Sposa Bambina, la Recensione

"""La Sposa Bambina"", la Recensione del film"

La Redazione di Pianeta Mamma ha visto in anteprima “La Sposa Bambina” , un film di Khadija Al Salami. Ispirato ad una storia vera, la pellicola rappresenta una condanna alla pratica, ancora diffusa in molti paesi, dei matrimoni precoci

Fino a che punto è giusto rispettare ed accettare la tradizione e la cultura di un popolo? E' impensabile credere che il modello occidentale sia legge, o esportabile ovunque, ma è innegabile che ci siano principi, valori e diritti universalmente validi e che andrebbero rispettati in qualsiasi cultura o nazione. E se parliamo dei diritti dei bambini, non c'è dubbio antropologico che tenga, perché l'infanzia va rispettata ed è necessario lottare contro chi la nega, non la rispetta o attua violenza. E questa riflessione è al centro del film  “La Sposa Bambina”  un film di Khadija Al Salami, ispirato ad una storia vera, raccontata nel libro “I am Nujood, age 10 and divorced” di Nojoud Ali e della giornalista Delphine Minoui. La pellicola è fortemente autobiografica poiché ripercorre il vissuto della stessa regista. 

Sinossi

Nojoom è una bambina di 10 anni che vive con la sua famiglia in un villaggio dello Yemen. Come tutte le bambine della sua età vorrebbe giocare, andare a scuola, essere amata e considerata da chi dovrebbe prendersi cura di lei.

I sogni, la spensieratezza e la libertà tipica della sua età vengono meno quando il padre, per riuscire a pagare l'affitto e liberarsi di una bocca in più da sfamare, decide di “venderla” ad un uomo di 20 anni più grande di lei.

La piccola Nojoom viene costretta a contrarre un matrimonio precoce e subire violenze psicologiche e fisiche da un uomo e da una famiglia che non conosce. Con una bambola in mano, il giorno del suo matrimonio, si ritrova a vivere in una casa che non è la sua e a sottostare ai desideri di un marito che non ha scelto.

Disperata, decide di far valere i suoi diritti, entra in un aula di tribunale e chiede al giudice di divorziare e riprendersi la sua vita e la sua libertà. Nojoom inizia quindi una battaglia contro la pratica arcaica degli adulti di far sposare le bambine, a qualsiasi età, con uomini molto più grandi di loro.

Tradizioni che sono ancora accettate nello Yemen, come in altri paesi del mondo. Una lotta contro i diritti negati delle bambine, per la libertà delle donne del suo paese e per il rispetto di principi universali che a causa dell'ignoranza non vengono rispettati. 

Il film, assolutamente consigliato, si ispira ad una storia vera e ripercorre il vissuto della regista Khadija Al Salami che grazie al suo coraggio è riuscita a fuggire da un marito aguzzino all'età di 11 anni.

Ha cambiato il suo destino ottenendo il divorzio ed è diventata la prima regista e produttrice yemenita. “La sposa bambina. Mi chiamo Nojoom, ho 10 anni e voglio il divorzio” affronta il tema dei matrimoni precoci e delle violenze che ne conseguono.

Sono 60 milioni le donne che in tutto il mondo soffrono giornalmente di abusi fisici e mentali causati da matrimoni contratti in tenera età, mentre sono 70.000 le giovani donne che muoiono ogni anno a causa di questa pratica orrenda.

Bambine che, costrette a subire violenze fisiche e rapporti sessuali prima della pubertà, trovano spesso la morte per emorragia interna. 

Il film offre un interessante contrasto tra la bellezza dei paesaggi, la musica e la cultura dello Yemen con il fascino dei suoi colori e dei visi delle donne che lo abitano e l'orrore di una pratica arcaica che è figlia dell'ignoranza, della povertà e della violenza. Il racconto di una storia che vuole essere un messaggio di speranza per il rinnovamento di questo paese e un monito per tutti gli altri che continuano a consentire questi matrimoni ripugnanti che negano i diritti fondamentali dell'infanzia.

Il film, sostenuto da Amnesty International, è stato molto apprezzato all’estero e ha vinto numerosi premi, tra cui: Best Fiction al Dubai international film festival (DIFF), Premio della giuria all’Arabian Sight Film Festival di Washington D.C e Miglior film del 2016 all’Award London Asian Film Festival. La pellicola, prodotta da Hoopoe Film, arriverà in Italia il 12 maggio.

Le spose bambine nel mondo. I dati di Amnesty International del 2015

In Giordania donne e ragazze rifugiate tendono a essere date in sposa prima dei 18 anni secondo una pratica diffusa soprattutto nelle aree rurali della Siria.

 In Iran, l'età legale per il matrimonio per le ragazze è di 13 anni, ma possono essere date in sposa anche a un’età inferiore a una persona scelta dal padre o dal nonno paterno, se esiste il permesso di un tribunale.

In Burkina Faso, il matrimonio forzato anche all'età di 11 anni è un fenomeno estremamente diffuso, soprattutto nelle zone rurali. Nell’area del Maghreb, il fenomeno dei matrimoni forzati e della violenza sulle donne è legata alla mancanza di una legge che tuteli adeguatamente i diritti delle donne.

Il Marocco ha abolito la norma che prevedeva l’impunità in cambio del “matrimonio riparatore” in caso di stupro di una minorenne, ma è privo di un quadro legislativo organico sulla violenza contro donne e ragazze.

Negli ultimi anni in Algeria ci sono stati alcuni provvedimenti  per migliorare i diritti delle donne, tuttavia è rimasta in vigore la norma abrogata in Marocco, in base alla quale gli uomini che stuprano ragazze di età inferiore ai 18 anni non sono perseguibili penalmente se sposano la loro vittima.

Il fenomeno dei matrimoni precoci è diffuso in Asia meridionale, dove il 46 per cento delle ragazze viene dato in sposa prima di aver compiuto 18 anni. Secondo i dati dell'Unicef, il Bangladesh è il paese al mondo con il più alto tasso di matrimoni di bambine al di sotto dei 15 anni. In Afghanistan, uno studio condotto dal ministero degli Affari femminili nel 2004 ha rilevato che il 57 per cento delle donne intervistate era stato dato in sposa prima dei 16 anni, alcune anche a soli 9 anni.

gpt inread-altre-0

Источник: https://www.pianetamamma.it/la-famiglia/il-bimbo-nella-societa/la-sposa-bambina-film-recensione.html

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: