La merenda ideale per i nostri bambini

Contents
  1. Merenda sana per i bambini: idee e ricette da preparare insieme
  2. Obesità infantile: i dati
  3. Una dieta sbilanciata: troppi zuccheri e proteine
  4. Educazione alimentare: imparare a tavola
  5. Qual è la giusta merenda per i bambini? Consigli e ricette
  6. Mele croccanti con crunchy d’avena
  7. Tartufi con datteri
  8. Hummus di ceci o di fagioli cannellini
  9. Crackers di semi misti
  10. Merende estive: 3 ricette sane, veloci e gustose 
  11. Gelo di anguria
  12. Gelato con frutta di stagione
  13. Chips di verdure
  14. Leggi anche
  15. Merenda per bambini? 50 idee sane, gustose e fatte in casa | Sitly Blog
  16. Merenda per bambini da consumare fuori casa
  17. 1. Castagnaccio
  18. 2. Barrette ai cereali fatte in casa
  19. 3 Muffin
  20. 4. Torta all’ananas
  21. 5. Frutta secca
  22. 6. Farinata di ceci
  23. 7. Biscotti secchi
  24. 8. Brownies fatti in casa
  25. 9. Parmigiano e frutta
  26. 10. Ciambellone
  27. 11. Frutta e verdura fresca
  28. 12. Panino
  29. 13. Mikado casalinghi
  30. 14. Pizza del fornaio
  31. 15. Pangoccioli fatti in casa
  32. 16. Frittatina di verdure
  33. 17. Camille fatte da te
  34. Idee per la merenda pomeridiana
  35. 18. Gelati di banana
  36. 19. Avocado toast
  37. 20. Frutta fantasia
  38. 21. Popcorn
  39. 22. Risolatte
  40. 23. Ghiaccioli di frutta fatti in casa
  41. 24. Girelle di piadina
  42. 25. Caldarroste
  43. 26. Budino senza busta
  44. 27. Chips di verdure al forno
  45. 28. Gelatine di frutta (vera)
  46. 29. Pinzimonio
  47. 30. Crostata al cioccolato
  48. 31. Popcorn di cavolfiore
  49. 32. Hummus
  50. 33. Sandwich di mele
  51. 34. Ceci croccanti
  52. 35. Fetta al latte fatta in casa
  53. 36. Composta di mele
  54. Merende veloci per bambini
  55. 37. Yogurt ricco
  56. 38. Pane e marmellata
  57. 39. Pane olio e sale
  58. 40. Pane burro e zucchero
  59. 41. Pane burro e alici
  60. 42. Pane e pomodoro
  61. 43. Pane e prosciutto
  62. 44. Frullato
  63. 45. Banana boat
  64. 46. Gallette di riso e…
  65. 47. Uova sode e olive
  66. 48. Bruschetta
  67. 49. Purè vegano e buonissimo
  68. 50. Latte al cioccolato
  69. Come deve essere la giusta merenda per i bambini
  70. La merenda ideale: come deve essere?
  71. Merenda mattutina
  72. Merenda pomeridiana
  73. Attenzione alle etichette dei prodotti
  74. Qual è la merenda più sana per i nostri bimbi? Lo abbiamo chiesto all’esperta di alimentazione
  75. Come sono ripartite le calorie nella giornata?
  76. Come varia la merenda da 1 anno a 12 anni?
  77. I motivi per i quali questo accade sono diversi:
  78. Al mattino
  79. Nel pomeriggio
  80. Come posso comporla?
  81. Cosa non deve mai mancare nella merenda?
  82. Qual è la Merenda Ideale per i Bambini?
  83. Qual è il ruolo della merenda nei bambini?
  84. Consigli per una merenda corretta
  85. Qualche pratico suggerimento per variare la merenda

Merenda sana per i bambini: idee e ricette da preparare insieme

La merenda ideale per i nostri bambini

La merenda è per i bambini un momento molto importante per ricaricarsi, ma è fondamentale tenerli lontani da cibi troppo dolci o da un eccesso di proteine.

Allontanare i bambini da snack e merendine sembra un’impresa impossibile, complici la pubblicità e le abitudini di amici e compagni di scuola dai quali non vogliono sentirsi diversi.

Avere delle buone abitudini alimentari, però, a pranzo come a merenda, è fondamentale per prevenire i rischi associati alle carenze nutrizionali, così come agli eccessi di una dieta poco equilibrata: primo fra tutti l’obesità.

Trovare delle soluzioni facili, veloci e al tempo stesso genuine, spesso per le mamme rappresenta un problema. Tuttavia, preparare uno spuntino salutare e gustoso non è così difficile e richiede meno tempo e fatica di quello che pensiamo.

In questo articolo vi proporremo alcune idee che possono trasformare la pausa mattutina o pomeridiana in un’occasione di gioco per grandi e piccini.

Scopriremo come, attraverso ricette alla portata di tutti, possiamo preparare una merenda sana per i bambini, anche da portare a scuola.

Markus Mainka/shutterstock.com

Obesità infantile: i dati

La dieta dei bambini di quasi tutti i Paesi europei sembra essere, da una parte, carente di vitamine, sali minerali, acidi grassi Omega3 (a causa del bassissimo consumo di frutta e verdura), dall’altra troppo ricca di proteine, grassi saturi e zucchero.

Carenze ed eccessi che favoriscono l’aumento di peso e predispongono a malattie croniche.

Dai dati raccolti da recenti studi, infatti, emerge che l’obesità infantile è aumentata 10 volte negli ultimi 40 anni: si tratta, quindi, di un problema che riguarda la sanità pubblica a livello mondiale ed è associata a una più precoce insorgenza di patologie tipiche dell’età adulta.

Secondo quanto emerge da un’indagine condotta dall’Istituto Superiore di Sanità, negli ultimi 10 anni in Italia il numero di bambini obesi e in sovrappeso si è ridotto. Tuttavia, a dispetto di questo dato, il nostro Paese resta tra i peggiori d’Europa.

Nonostante l’aumento del consumo di frutta e/o verdura e la riduzione del consumo di bevande zuccherate e/o gassate, sono ancora ampiamente diffuse abitudini alimentari errate tra i bambini tra cui, ad esempio, saltare la colazione, o farne una troppo ricca di zuccheri.

L’eccesso questo nutriente nella dieta è una delle cause di obesità, e inoltre produce sbalzi di glicemia che, soprattutto nei bambini, sono pericolosi perché li spingono a cercare ancora cibi dolci, innescando così un meccanismo di dipendenza da cui è difficile uscire.

Una dieta sbilanciata: troppi zuccheri e proteine

Ma c’è di più. Numerosi studi scientifici concordano nel mostrare che non è solo l’eccesso di zuccheri (e in particolare di bevande zuccherate) a essere dannoso, ma anche quello di proteine (>15% delle calorie) nelle prime fasi della vita è associata a un maggior rischio di sviluppare obesità e malattie croniche in età adulta.

Sia nel primo anno di vita, che nelle età successive, almeno la metà di bambini e ragazzi assume troppe proteine.

Poiché i pasti principali prevedono solitamente latte o yogurt (per la colazione), carne, formaggi (freschi o stagionati), uova o pesce (a pranzo e cena), tutti cibi che, in percentuali diverse, contengono proteine, sarebbe opportuno evitare di introdurle anche con la merenda sia di mattina che di pomeriggio, a vantaggio di preparazioni più semplici a base di frutta fresca o secca. Variare è fondamentale proprio per evitare gli eccessi.

Educazione alimentare: imparare a tavola

Nonostante i dati dell’ISS lascino intravedere i primi risultati positivi delle politiche sanitarie in atto, in collaborazione con le scuole, si può fare molto ancora per tutelare la salute dei nostri bambini.

Il primo cambiamento deve avvenire a casa: i bambini mangiano ciò che i genitori comprano e preparano, quindi, se vogliamo che abbiano un’alimentazione sana è necessario che le sane abitudini comincino in famiglia. Si può cominciare acquistando soprattutto cibi freschi e semplici, e il meno possibile cibi trasformati industrialmente, e imparando a leggere le etichette.

Inoltre, dobbiamo ricordare che per i bambini cucinare è un gioco e che sono più predisposti ad assaggiare ciò che cucinano loro: coinvolgerli nella preparazione di ricette semplici, come può essere una merenda, diventa occasione per stimolare la curiosità verso cibi nuovi e acquisire maggiore consapevolezza.

La dieta mediterranea tradizionale, secondo quanto emerge dagli studi, sembra avere dei benefici anche nell’infanzia. Ecco quindi che tra le idee per la merenda sana dei bambini troviamo  anche una fetta di pane con olio e poco sale, oltre a ricette sfiziose senza zucchero.

Qual è la giusta merenda per i bambini? Consigli e ricette

Ecco quindi alcuni consigli e buone regole da tenere in mente quando pensiamo alla merenda dei bambini:

  • Le merende salate sono ottime per evitare sbalzi di glicemia: una fetta di pane con olio e poco sale, o con il pomodoro fresco, sono soluzioni facili e veloci da preparare in casa.
  • Per una merenda dolce, possiamo optare per pane e crema di nocciole o di mandorle di buona qualità (alto contenuto di nocciole o di mandorle, senza zuccheri e grassi idrogenati).
  • Attenzione alle etichette: evitate di acquistare prodotti con troppi ingredienti sconosciuti e che contengono dolcificanti artificiali.
  • Mettete sempre nello zaino dei più piccoli semi e frutta secca (noci, nocciole, mandorle), che possono rivelarsi utili in caso di attacchi di fame.
  • Una spremuta di frutta fresca è certamente da preferire ai succhi industriali.
  • Anche la frutta è ricca di zuccheri: per rallentarne l’assorbimento, meglio abbinarla a uno yogurt bianco intero.

Vediamo adesso alcune ricette per una merenda dolce e salata, ma con il giusto equilibrio di zuccheri, sale e grassi.

Mele croccanti con crunchy d’avena

Brent Hofacker/shutterstock.com

Questa merenda unisce le proprietà della frutta fresca che, se mangiata sola, può risultare troppo zuccherina, ai grassi della frutta secca e della crema di nocciole – o del burro di arachidi – che, rallentando l’assorbimento degli zuccheri, li mantengono sazi e pieni di energia più a lungo.

Ingredienti

  • 2 mele rosse
  • q.b. di crunchy d’avena
  • q.b. di succo di limone
  • q.b. di crema di mandorla scura pura o burro di arachidi

Procedimento

  1. Lavate le mele ed eliminate il torsolo.
  2. Tagliatele a fettine spesse un paio di centimetri e spennellatele con il succo di limone per evitare che anneriscano.
  3. Spalmate su ogni fetta la crema di mandorle o il burro di arachidi e ricopritela con il crunchy d’avena. In alternativa, potete anche utilizzare del cocco grattugiato o granella di mandorla tostata, o ancora del cioccolato fondente tritato.

Tartufi con datteri

Amallia Eka/shutterstock.com

Ingredienti per 10 dolcetti

  • 8 datteri non trattati e senza zucchero (preferibilmente Medjoul)
  • 30 g di mandorle tostate
  • 30 g di nocciole tostate
  • 1 cucchiaio di cocco grattugiato
  • 1 cucchiaino di crema di mandorle pura
  • q.b. di acqua

Per decorare

  • granella di pistacchio
  • granella di Nocciole
  • cocco grattugiato
  • cacao amaro in polvere
  • pirottini

Procedimento

  1. Mettete tutti gli ingredienti nel mixer e frullate fino a ottenere un composto omogeneo, lavorabile con le mani.
  2. Formate delle palline e rotolatele nelle granelle che preferite.
  3. Servite questi dolcetti con un breve riposo in frigo di almeno 30 minuti.

Hummus di ceci o di fagioli cannellini

Jacek Bieniek/shutterstock.com

L’hummus di ceci è una crema di legumi, ideale da spalmare sul pane tostato, facile e veloce da preparare per proporre ai bambini una merenda salata, oppure semplicemente per far passare inosservati i legumi, spesso difficili da inserire nella loro dieta.

Ingredienti

  • una tazza di ceci o di fagioli cannellini già cotti
  • un cucchiaio di tahin (crema di sesamo)
  • succo di limone
  • un pizzico di sale
  • q.b. di prezzemolo, secondo i gusti

Procedimento

  1. Mettete tutti gli ingredienti nel mixer e frullate fino a ottenere una crema densa e omogenea. È possibile regolare la densità utilizzando la stessa acqua di cottura dei ceci, purché il risultato finale sia una crema spalmabile;
  2. Servite su una fetta di pane tostato.

Crackers di semi misti

Viktory Panchenko/shutterstock.com

Questa ricetta vi permetterà di preparare, con pochi ingredienti semplici, uno snack buono e sano, ideale da portare a scuola.

Ingredienti

  • 230 g di semi misti (semi di girasole, semi di zucca, semi di sesamo);
  • 100 g di farina di riso
  • 60 ml di olio extravergine di oliva
  • 300 ml di acqua
  • q.b. di rosmarino o altre spezie a piacere
  • q.b. di sale

Procedimento

  1. Mescolate tutti gli ingredienti in una ciotola, fino a ottenere un composto liquido.
  2. Versate il composto in una leccarda rivestita con carta da forno, creando uno strato sottilissimo.
  3. Mettete in forno precedentemente riscaldato a 170 °C per circa 40-50 min.
  4. Sfornate quando i crackers saranno croccanti e dorati, e rompeteli in pezzi rettangolari.

Merende estive: 3 ricette sane, veloci e gustose 

Quando il caldo comincia a farsi sentire, si ha voglia di qualcosa di più leggero e fresco. Eccovi allora 2 ricette dolci e una salata facili da preparare per uno snack alternativo ma comunque salutare.

Gelo di anguria

Oxana Denezhkina/shutterstock.com

Da un’antica tradizione siciliana, ecco l’idea per uno spuntino fresco e un modo diverso per fare apprezzare la frutta ai bambini. Noi ve la proponiamo con l’anguria, ma questa ricetta semplice si può adattare bene a qualsiasi frutto possa essere ridotto in succo e polpa, come fragole, pesche, agrumi.

Ingredienti

  • 750 g di anguria
  • 250 g di succo di mela al naturale
  • 3 g di agar agar in polvere
  • q.b. di sale
  • q.b. di cannella
  • una bacca di vaniglia

Per la decorazione

  • q.b. di gocce di cioccolato
  • q.b. di granella di pistacchio 
  • q.b. di cereali soffiati

Procedimento

  1. Dopo aver privato l’anguria dei semi, frullate la polpa fino a ottenere un succo denso. 
  2. Versate in una pentola insieme al succo di mela e l’agar agar, mescolando bene
  3. Aggiungete un pizzico di sale, cannella e vaniglia e poi accendete il fuoco per portare a bollore
  4. Lasciate bollire per circa 4-5 minuti, mescolando bene per evitare che l’agar agar si attacchi al fondo della pentola
  5. Spegnete il fuoco e versate subito in una pirofila, oppure negli stampi per budino bagnati. Lasciate intiepidire e poi riponete in frigorifero. Una volta raffreddato completamente, avrà l’aspetto di una gelatina molto compatta
  6. Trasferite la gelatina in un contenitore stretto e alto e frullate bene con minipimer
  7. Versate nelle coppette e decorate a piacere con granella di pistacchio oppure con le gocce di cioccolata fondente o ancora con cereali soffiati. 

Gelato con frutta di stagione

Kati Finell/shutterstock.com

Un gelato senza zuccheri e con ingredienti naturali e genuini, facile da preparare perché senza gelatiera. Per la frutta, potete scegliere quella che preferite, ovviamente privilegiando quella di stagione, come fragole, ciliegie, frutti di bosco o pesche.

Ingredienti

  • 250 g di frutta di stagione a scelta 
  • 250 g di yogurt bianco cremoso (classico, greco o vegetale)
  • 2-3 cucchiai di miele (dipende dal tipo di frutta) o mezza banana

Procedimento

  1. Lavate e sbucciate la frutta, se necessario, e mettetela in congelatore per qualche ora, meglio se una notte intera.
  2. Versate in un mixer la frutta congelata, insieme allo yogurt e il miele.
  3. Frullate bene fino a ottenere una crema omogenea.
  4. Potete servirla subito o lasciarla in freezer un paio d’ore, oppure potete mettere il gelato tra due biscotti per una merenda ancora più sfiziosa.

Chips di verdure

stockcreations/shutterstock.com

Non le solite patatine, ma un mix di verdure colorate e croccanti per uno snack salato decisamente sfizioso e sano.

Ingredienti

  • 1 barbabietola
  • 1 patata
  • 1 zucchina
  • 1 carota o una patata americana
  • q.b. di sale
  • q.b. di pepe
  • q.b. olio di semi di girasole

Procedimento

  1. Sbucciate la patata e la barbabietola e tagliatele a fettine sottilissime, conditele con olio sale e pepe e infornatele a 180° per 30 minuti in modalità ventilata, poi altri 10 minuti con funzione grill.
  2. Lavate e affettate sottilmente le zucchine, dopo averle asciugate bene tamponandole con carta assorbente. Conditele con olio e sale.
  3. Lavate e pelate le carote, poi,  aiutandovi con un pelapatate, tagliatele a fettine sottili per il lungo. Conditele in una ciotola con sale e olio, e disponetele in uno strato unico sulla leccarda del forno accanto alle zucchine. Infornate a 180°C per 25 minuti. Quando saranno belle croccanti, potete servirle e gustare!

Le ricette qui proposte sono solo alcune idee per merende sane, che richiedono poco tempo e ingredienti semplici. Provate a coinvolgere i più piccoli nella loro preparazione, il divertimento è assicurato. Cosa mangiano di solito i vostri bambini come spuntino?

Leggi anche

  • Come convincere i bambini a mangiare frutta e verdura?

Источник: https://www.ilgiornaledelcibo.it/merenda-sana-bambini/

Merenda per bambini? 50 idee sane, gustose e fatte in casa | Sitly Blog

La merenda ideale per i nostri bambini

La merenda per bambini è fondamentale in un’alimentazione corretta, ed è importante assicurarsi che sia sana, genuina e nutrizionalmente bilanciata. Aiuta i tuoi bambini a ricaricarsi di energia nel modo giusto, anche variando un po’ le ricette. Come? Continua a leggere per trovare ispirazione per 50 merende sane per bambini.

I pediatri ci dicono che la merenda per  bambini è “un momento molto importante nell’economia di una giornata alimentare, utile per ricaricare l’organismo (dopo lo sport) e la mente (prima e dopo lo studio). ” (Fonte: Rivista on line dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma). E che deve essere:

  • moderata (mai fare il bis!);
  • variata (per abituare i bambini a sapori diversi, meglio alternare dolce e salato);
  • accompagnata da acqua, non bibite né succhi di frutta industriali che hanno poca fruta e troppi zuccheri.

Insomma, la merenda è la giusta occasione per educare i bambini alla varietà e ad una alimentazione corretta. Anche per questa ragione, meglio evitare cibi troppo grassi, calorici ma vuoti (chi non ha mai visto un bambino rifocillato con un pacchetto di patatine dopo la piscina alzi la mano!).

Sterve una mano e stai cercando una baby sitter ? Trovala su Sitly. È gratis!

Voglio trovare una baby sitter

Per cominciare subito la ricerca, scarica la App di Sitly sul tuo telefono o sul tuo tablet!

Nei paragrafi che seguono troverai tante idee di ricette-merenda. Dolci o salate, da preparare in due minuti o che richiedono un po’ di prepazione come un dolce casalingo o una focaccia. Tutte sono però merende sane per bambini, che ti aiuteranno a proporre a tuo figlio quella varietà di gusti, colori e ingredienti che è così importante per la sua crescita e la sua salute.

Merenda per bambini da consumare fuori casa

Quando ti chiedi cosa dare ai bambini per merenda, pensa innanzitutto alla logistica. La merenda da mangiare quando sei fuori casa deve essere comoda da trasportare e tale resistere fuori dal frigo qualche ora! Meglio se contiene fonti energetiche a rapido utilizzo (carboidrati e zuccheri semplici) ma senza comportare una digestione troppo pesante.

1. Castagnaccio

Il castagnaccio, la torta di farina di castagne con pinoli e rosmarino. Puoi anche farla per più giorni e conservarla in frigo o freezer. Noi abbiamo trovato un’ottima ricetta di castagnaccio per bambini.

2. Barrette ai cereali fatte in casa

Le barrette di cereali fatte in casa: miele, cereali croccanti (detta così sembra un po’ una pubblicità, ma il croc piace ai bambini), frutta secca e pezzettini di cioccolata: c’è tutto. E in più sono leggere e facili da portare.

3 Muffin

Un muffin. Noi abbiamo scelto i muffin avocado e banana perché grazie all’avocado si può evitare di mettere grassi e sono adatti anche ai bambini intolleranti al lattosio, ma tu sbizzarrisciti con le ricette che trovi.

4. Torta all’ananas

Una torta che si  trasporta bene è la torta all’ananas. Che puoi fare anche con altra frutta, come le pere, le albicocche, la banana…

5. Frutta secca

Magica frutta secca,  ricca di vitamine, grassi buoni, proteine. Una manciata di noci, mandorle, pinoli, anacardi  sarà una merenda sana e veloce per i tuoi bambini (evidentemente se non allergici!). Una raccomandazione: aspetta almeno i 3, 4 anni per evitare anche remoti rischi di soffocamento.

6. Farinata di ceci

La farinata è super pratica, perché la puoi fare in anticipo e porzionare, facile da portare, non sporca e piace parecchio! Pratcamente l’ideale per gli spuntini dei bambini.

7. Biscotti secchi

Ottima idea di  merenda per bambini da portare con te in borsa: i biscotti, meglio se fatti in casa. Almeno sai quello  che ci metti. Guarda che buoni questi biscotti ai cereali.

8. Brownies fatti in casa

Variazione sul tema, i brownies, i biscotti a pasta densa e un po’ morbidi, al cioccolato. Lo sai che c’è anche una ricetta di brownies fatti con il pane, molto meno grassi di quelli che ci sono in circolazione?

9. Parmigiano e frutta

Dal dolce al salato: e se lo spuntino fosse un pezzettino di parmigiano reggiano? Bastano 20 o 25 grammi, accompagnato dall’uva, o da un frutto secondo stagione.

10. Ciambellone

Come merenda fuori casa, una fetta di ciambellone ci sta bene. Col burro, con l’olio, con lo yogurt:  ogni famiglia ha la sua ricetta per il più classico dei dolci fatti in casa.

11. Frutta e verdura fresca

La merenda più sana che c’è: frutta o verdura frescche! E consumarle fuori casa non è così complicato. Pensa per esempio alle carote, oppure ai pomodorini. Li lavi prima e li infili in un sacchetto o, ancora megli, in un barattolo.

Oppure semplicemente porti una mela e un coltello e sbucci la frutta al bisogno.

E la banana? Cosà c’è di più semplice di così? Se poi hai più tempo, e voglia di portare con te una piccola borsa frigo, puoi tagliare melone o cocomero a cubetti, oppure preparare una bella macedonia.

12. Panino

Il panino è un classico intramontabile delle merende, soprattutto per bambini più grandicelli. Però: che sia piccolo. E senza salse, ma con verdure come pomodori e lattuga,  e formaggi leggeri come la ricotta. Occhio al pane, meglio evitare quello industriale in busta.

13. Mikado casalinghi

E se sei un po’ abile in cucina, prova questi mikado fatti in casa. I grissini al cioccolato sono una delle merende preferite dai bambini, se riesci a produrne una versione casalinga, hai fatto bingo.

14. Pizza del fornaio

Siamo in Italia, quindi un pezzetto di pizza semplice del fornaio, bianca o rossa, non unta,  può essere la merenda perfetta.

15. Pangoccioli fatti in casa

Se hai tempo di cucinare, magari con i bambini, prova questi pangoccioli fatti in casa. Anche questi sono OK da surgelare e vanno quindi bene per  mamme stressate e sempre di corsa.

16. Frittatina di verdure

E se il tempo è poco e dalla cena è avanzata un fettina di fritatta alle verdure, magari al forno e  buona anche fredda, puoi darla al tuo bambino come spuntino.

17. Camille fatte da te

Ultima idea di merenda da sporto, un dolcetto amato dai bambini, reinterpetato in chiave casalinga, senza schifezze, con tante carote e senza latte né latticini: ecco a te la ricetta delle camille fatte in casa.

Idee per la merenda pomeridiana

Secondo gli esperti del Bambin Gesù:  “La merenda consente di arrivare con equilibrio al pasto serale e riprendere una buona energia da spendere nelle restanti ore pomeridiane. Inoltre, contribuisce ad evitare il “piluccare” continuo di cibo tra un pasto e l’altro.

Tra la merenda e la cena dovrebbero trascorrere almeno 3-4 ore per agevolare i processi digestivi ed evitare cali glicemici troppo alti. Non va quindi mai saltata né dimenticata  –  se si passa il pomeriggio fuori casa è bene prepararla prima di uscire e portarla con sé“.

Guarda come è facile trovare una baby sitter con l’app di Sitly!

Se invece la merenda è da mangiare a casa, ci si può sbizzarrire un po’ di più. E proporre ai bambini spuntini da mangiare caldi appena fatti, oppure col cucchiaino seduti a tavola.

18. Gelati di banana

Sembrano cremini ma in realtà sono banane questi gelati finti con cioccolato e granella di zucchero. Tra l’altro, già la semplice preparazione è per i bambini piccoli un gioco ispirato al metodo Montessori che li terrà impegnati a lungo. E se casomai ti avanzano gli stecchi, potrai continuare il pomeriggio con questi lavoretti con i legnetti del gelato.

19. Avocado toast

Una fetta di pane grigliato con avocado e uovo sodo, un po ‘di olio e un po’ di sale: la merenda sana per bambini è servita.

20. Frutta fantasia

Sappiamo che molti bambini non amano la frutta, ma una preparazione che soddisfi la vista e stimoli la meraviglia può aiutare (e diventare anche un’attività creativa da fare con loto).  Guarda questo video:

21. Popcorn

Sì, i pop corn. Il mais è ricco di ferro e vitamine e se lo “scoppi” in casa in pentola o al microonde è un’ottima merenda per bambini, in abbinamento con un frutto. Basta solo regolarsi con lo zucchero o il sale, e scegliere del mais bio no OGM. 

22. Risolatte

Spuntino pomeridiano per bambini, ma molto confortante anche per gli adulti è il risolatte, il budino di riso al latte tipico della cucina greca tanto facile da fare a casa.

23. Ghiaccioli di frutta fatti in casa

Hai mai provato a fare in casa i ghiaccioli di frutta? Dal fiordifragola fino ai classici solo a base di frutta, acqua e un po’ di zucchero. Geniali, i ghiaccioli fatti in casa.

24. Girelle di piadina

Una merenda dopo scuola molto nutriente ma leggera è la girella di piadina riempita di quello che piace al tuo bambino (ma ricorda che è meglio evitare i formaggi grassi): carotine, pomodori, arrosto di tacchino, parmigiano, etc…

25. Caldarroste

Se è stagione, le castagne al forno sono una merenda per bambini eccellente.

26. Budino senza busta

Lo sapevei che il budino in casa senza bustine si può fare, è buonissimo, sano e adorato dai bambini? Una delle migliori idee per la merenda pomeridiana.

27. Chips di verdure al forno

Invece delle patatine fritte industriali, le chips di verdure fatte in casa al forno sono uno snack per bambini super gustoso e sano. Basta avere una mandolina per tagliare sottili sottili carote, patate dolci, barbabietole, rape. Poi nel forno ventilato a media temperatura con un filo d’olio e sale.

28. Gelatine di frutta (vera)

Per la serie fare in casa cose che credevi si comprassero solo al supermercato: le gelatine di frutta fatte con l’estrattore. Se hai questa macchina e ti procuri un po’ di agar agar, un gelificante naturale, e qualche formina, il gioco è fatto e la merenda per bambini pure.

29. Pinzimonio

Piccoli vegani (e non solo) crescono. Crecono bene e in salute se ogni tanto come spuntino pomeridiano proponi il pinzimonio. Di carote, zucchine, sedano, cetrioli. Quello che ti suggerisce la stagione e che i tuoi bambini amano.  Come condimento olio e sale, yogurt greco oppure un guacamole non piccante. Tra l’altro il pinzimonio diverte molto i bambini.

30. Crostata al cioccolato

Per andare sul classico, proponi a merenda una fetta di crostata al cioccolato. Ma fatta in casa completamente. 

31. Popcorn di cavolfiore

I pop corn di cavolfiore sono molto meno classici della crostata, ma altrettanto graditi ai bambini. E sono un buon metodo per allargare la loro gamma di gusti.

Taglia il cavolo a pezzetti, cospargilo di olio e sale e infornali a 250 gradi per 20 minuti. Quando li sforni, cospargili con del parmigiano, Vedrai che successone.

Tra l’altro sono anche buoni come contorno a una cena veloce per bambini.

32. Hummus

A cucchiate, col pane, con le verdure, con le gallette di riso. La crema di ceci si fa in 10 minuti ed è ipocalorica, proteica, fresca, saporita.

33. Sandwich di mele

E se il panino della merenda lo facessi con le mele? Taglia due fette nel senso della larghezza, cospargile di limone e in mezzo mettici quello che hai. Del burro di arachidi mescolato allo yogurt, ricotta, crema fatta da te, pezzettini di cioccolato.

34. Ceci croccanti

Idea un po’ strana, che in Italia non è ancora diffusa ma che altrove è una comune merenda per bambini: i ceci tostati. Invece delle chips. C’è chi li insaporisce con paprika dolce, ma dipende un po’ dai gusti del bambino: c’è chi li fa anche con zucchero e cannella. Ma olio e sale vanno benissimo lo stesso.

35. Fetta al latte fatta in casa

C’è una merendina industriale che, se la fai tu, viene tale e quale, anzi meglio.  Sì! La fetta al latte fatta in casa esiste e i bambini la adorano.

36. Composta di mele

La composta di mela è uno spuntino adorato dai bambini più piccoli. Si fa nella pentola a pressione, con mele sbucciate, cannella, un po’ di zucchero. Pronta in 8 minuti.

Merende veloci per bambini

Ok, se non hai tempo di cucinare puoi risolvere la merenda del pomeriggio in 5 minuti. Dai un’occhiata alla lista qui sotto per scoprire che qualcosa dal frigo o dalla dispensa uscirà fuori di sicuro. E che merenda veloce può essere sinonimo di merenda veloce.

37. Yogurt ricco

Yogurt bianco (no a quelli zuccherati e aromatizzati, parti dallo yogurt bianco) e aggiungi frutta fresca, dei fiocchi di cereali se ne hai, un po’ di cioccolato e un po’ di miele. 

38. Pane e marmellata

Intramontabile classico parte 1: pane e marmellata. Pane vero, del fornaio, non pane in busta! E marmellate con la più alta percentuale di frutta e la minore di zucchero possibile.

39. Pane olio e sale

Intramontabile classico parte 2: pane e olio e sale

40. Pane burro e zucchero

Intramontabile classico parte 3: pane burro e zucchero. Ogni tanto il burro si può, eccome.

41. Pane burro e alici

Intramontabile classico parte 4: pane burro e alici (sì, burro: vedi sopra).

42. Pane e pomodoro

Intramontabile classico parte 5: pane e pomodoro.

43. Pane e prosciutto

 Intramontabile classico parte 6: ogni tanto, senza esagerare, ci sta bene un panino al prosciutto crudo ben stagionato.

44. Frullato

Il frullato, con latte di vacca o di soia o di riso, frutta fresca, un pizzico di cacao se ti va.

45. Banana boat

Il banana boat: la “barchetta” di banana che funge da supporto per spalmare un po’ di nutella fatta in casa (meraviglia!) e fragole, oppure ricotta e mirtilli, oppure frutta secca.

46. Gallette di riso e…

Se ti avanza un po’ di nutella fatta in casa, il giorno dopo utilizzala su gallette di riso, ancora delle fragole, o pere, o banana.

47. Uova sode e olive

Un uovo sodo, semplicemente, con delle olive verdi. Proteine, vitamine, sali minerali.

48. Bruschetta

La bruschetta in tutte le sue forme: al pomodoro, con un patè vegetale, con ricotta, con l’avocado…

49. Purè vegano e buonissimo

Un purè di avocado e banana, da fare al volo e da mangiare a cucchiaiate.

50. Latte al cioccolato

E per finire, un latte al cioccolato che sa come quello del supermercato, ma senza aromi chimici e altre schifezze.

Si fa con latte (di mucca o quello che prende il tuo bambino) cacao, un pezzo di banana e burro di arachidi.

Sembra incredible ma questo mix di ingredienti “ricostruisce” quel sapore intenso e particolare che i bambini amano. Calcio, fibre, proteine e zero zuccheri aggiunti.

E tu, cosa dai a tuo figlio per merenda?

Источник: https://www.sitly.it/blog/merenda-per-bambini/

Come deve essere la giusta merenda per i bambini

La merenda ideale per i nostri bambini

Fare la merenda durante il pomeriggio e a metà mattinata è importante per i bambini. Occorre però scegliere cibi leggeri e non grassi, evitando di dare loro snack e merendine. Ecco una serie di consigli per scegliere la merenda ideale, che sia, al tempo stesso, sana e nutriente.

La merenda per i bambini costituisce un momento fondamentale della giornata, utile per restituire energie all'organismo, magari dopo l'attività fisica, e alla mente, prima e dopo lo studio.

Inoltre, fare la merenda consente di riprendere la carica nelle ore mattutine o pomeridiane e di giungere non eccessivamente affamati al pranzo o al pasto serale.

Secondo quanto sostengono gli esperti dell'Ospedale Bambin Gesù, al fine di facilitare i processi digestivi e di evitare cali glicemici alti, ad esempio, tra la merenda e la cena dovrebbero passare almeno 3-4 ore. Dunque, è meglio non saltare mai la merenda ed è consigliabile prepararla prima di uscire e portarla con sé.

E' consigliato dai medici, poi, bere durante tutta la giornata. In particolare, con la merenda pomeridiana sono perfetti l'acqua minerale o naturale, i frullati, i centrifugati e gli infusi di frutta e verdura. Occorre invece evitare le bevande gassate contenenti zucchero, fruttosio e dolcificanti di sintesi, gli Energy drink e le bevande eccitanti.

LEGGI ANCHE: Alimentazione bambini, il cibo che rende intelligenti

La merenda ideale: come deve essere?

Sempre secondo i medici dell'Ospedale Bambin Gesù, la merenda giusta deve avere tre importanti qualità, che sono elencate di seguito.

  1. Deve essere moderata: occorre limitarsi a una sola porzione, non bisogna mai fare il bis!
  2. Deve essere proporzionata: per esempio, per evitare un carico di calorie, non bisogna bere insieme alla merenda scelta una bevanda gassata e zuccherata.

    Se non si è raggiunto un senso di sazietà è possibile abbinare alla merenda un frutto fresco di stagione.

  3. Deve essere variata: un'alimentazione sana è sempre basata sulla varietà. È bene abituare i bambini e i ragazzi a sapori diversi, alternando merende dolci e salate.

LEGGI PURE: 10 colazioni veloci e sane da fare prima di andare a scuola

Merenda mattutina

Lo spuntino mattutino ha il compito di spezzadigiuno ed è utile perché rappresenta una piccola pausa che consente di recuperare le forze. Via libera dunque a:

  1. un frutto,
  2. uno yogurt magro,
  3. un panino (30/50 grammi) piccolo (pane e pomodoro, ecc.).

Non bisogna esagerare con le porzioni e con i cibi grassi. Sono, invece, da evitare:

  1. Yogurt e budini pieni di panna e zuccheri.
  2. Bevande gassate o succhi di frutta ricchi di zuccheri e di coloranti.
  3. Panini con affettati o formaggi.
  4. Patatine fritte (o fritti industriali).

TI PUO' INTERESSARE: Prima colazione, come convicere i bambini che non vogliono farla

Merenda pomeridiana

La merenda pomeridiana è importante e deve prevedere fonti energetiche di rapido utilizzo, buone al gusto e idonee dal punto di vista nutrizionale. Ecco, proposte dall'Ospedale Bambin Gesù, sette merende differenti per sette giorni.

  1. LUNEDI': frutta fresca e secca di stagione.
  2. MARTEDI': un bicchiere di yogurt o di latte con l'aggiunta di frutta fresca di stagione.
  3. MERCOLEDI': una tortina rustica con verdure.
  4. GIOVEDI': una fetta di pane (meglio se 30 grammi integrale e a lievitazione naturale) con olio e pomodoro.
  5. VENERDI': una fetta di dolce o alcuni biscotti leggeri di lavorazione casalinga o una merendina non farcita.
  6. SABATO: una fetta di pane (30 grammi, integrale) con una fetta di prosciutto crudo, bresaola o formaggio fresco.
  7. DOMENICA: un gelato, meglio se preparato in casa.

Attenzione alle etichette dei prodotti

Spesso, per merenda, si propongono ai bambini snack e merendine. Spesso si tratta di alimenti molto dolci o salati o ricchi di grassi.

Secondo la Società italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) è importante ricordarsi sempre di leggere attentamente le etichette di ciò che si propone al bambino, evitando i prodotti confezionati che contengono grassi idrogenati, coloranti, conservanti e con un elevato contenuto calorico.

E' importante tenere a mente che la merenda deve essere uno spuntino e non un pasto completo. Può bastare un frutto o uno yogurt o cracker o pane con pomodoro e olio extravergine d’oliva.

LEGGI ANCHE: Il menu ideale per il pranzo e per la cena

vai alla gallery

Il tuo bimbo è stanco della solita merenda? Stupiscilo con questi piatti divertenti: una mucca, un gattino, Pinocchio con il Grillo parlante e tanti altri.

Источник: https://www.nostrofiglio.it/bambino/alimentazione/come-deve-essere-la-giusta-merenda-per-i-bambini

Qual è la merenda più sana per i nostri bimbi? Lo abbiamo chiesto all’esperta di alimentazione

La merenda ideale per i nostri bambini

Il termine merenda, deriva dal latino “Merere”, che significa meritare, infatti viene definito pasto accessorio ma può aiutarci ad arrivare al pasto principale meno affamati, specialmente nei bambini può essere utile farla.

Ogni bambino è diverso, ci sono bambini famelici ai quali, come si suol dire, “dobbiamo levare il pane di bocca” mentre altri che non mangerebbero mai. Il bambino non deve essere forzato a mangiare, né a finire necessariamente il pasto come facevano i nostri nonni. In questo caso andremmo ad inibire, a lungo andare, i segnali fisiologici di sazietà.

Il bambino è in grado, fin dalla nascita, di riconoscere stimoli come fame e sazietà e regolare l’introito energetico giornaliero mangiando ad esempio meno durante un pasto e di più a quello successivo. Inoltre, con il tempo, sviluppa i suoi gusti, in base a ciò che gli viene offerto.

Fin dalla tenera età è bene insegnare le corrette abitudini alimentari, basate sul principio della dieta mediterranea, che sono influenzate sia dall’esperienza del pasto sia da altre attività che coinvolgono il cibo, come fare la spesa, coltivare un orto, preparare e assaggiare i cibi insieme ai genitori/nonni/ amici.

È fondamentale far conoscere e parlare di cibo con il bambino, attraverso attività ludiche, per avvicinarlo ad alimenti che spesso si tende a scartare, come frutta e verdura, privilegiando invece cibi troppo calorici ricchi di zuccheri, ma privi di nutrienti.

Le nostre scelte alimentari spesso sono influenzate dalla grande disponibilità e abbondanza dell’offerta di cibo che ci può portare ad un aumento dei consumi e ad un’alimentazione troppo ricca o viceversa carente in certi alimenti o nutrienti.

Per gli Italiani un modello di riferimento per una sana alimentazione è quello della dieta mediterranea rappresentata dalla piramide alimentare, caratterizzata dall’elevato consumo di frutta, ortaggi, legumi, cereali, pesce e frutta secca, da un moderato consumo di latte e derivati, di carni e salumi e dall’abitudine al consumo di olio extravergine di oliva come condimento.

Come sono ripartite le calorie nella giornata?

  • Colazione 20%
  • Spuntino 5%
  • Pranzo 40%
  • Merenda 5-10%
  • Cena 25-30%

A differenza di quanto si pensi, un bambino non deve mangiare più di un adulto perché deve crescere, piuttosto il contrario e pensare al 5% del fabbisogno calorico totale di un bambino, è un piccolo pasto, che corrisponde all’incirca a 130kcal per i bambini dai 3 ai 6 anni e circa 230kcal per i bambini dai 6 ai 10-11 anni.

Il problema di oggi è che si tende a dare merendine, succhi di frutta, patatine che sono molto energetiche e spesso ai pasti il bambino non ha fame, oltre a non mangiare al pasto si abitua a spilluzzicare ad orari improbabili fuori dal pasto.

Come varia la merenda da 1 anno a 12 anni?

A partire dal primo anno di età, dopo il termine dell’alimentazione complementare, il bambino può gradualmente cominciare a mangiare tutti gli alimenti, ovviamente tenendo conto delle capacità masticatorie.

Nessun alimento è vietato, eccetto funghi e miele o altri alimenti a causa di allergie o intolleranze.

  • Dal primo anno di vita l’alimentazione del piccolo può cominciare a tutto tondo a rispecchiare le abitudini alimentari della famiglia e come quella dei più grandi, deve essere il più possibile varia.

È vero che ad un anno il bambino assume ancora il latte materno, ma inizia a scoprire i primi gusti e sapori e ricordiamoci che tutte le indicazioni per una sana alimentazione valgono anche per i più piccoli, ovviamente con le dovute accortezze.

  • Dal momento dello svezzamento, fino all’incirca a 5 anni di età, ma anche dopo, è fondamentale far attenzione al modo in cui somministriamo il cibo al bambino per evitare il rischio di soffocamento da cibo.

I motivi per i quali questo accade sono diversi:

  • fino alla pubertà, le vie aeree del bambino sono conoidi, a differenza di quelle dell’adulto: pertanto, un oggetto o un alimento non adeguatamente tagliato o somministrato possono rappresentare facilmente causa di ostruzione (con un effetto “tappo” nelle vie aeree);3%).
  • scarsa coordinazione dei riflessi e dunque incapacità di difendersi “naturalmente”;
  • capacità di masticazione non ancora adeguata;
  • deglutizione non ancora completamente efficiente;
  • presenza di denti decidui (ovvero i dentini da latte), che non sono molto efficaci nella triturazione del cibo;
  • spavento e perdita di controllo in caso di ostruzione delle vie respiratorie.

Far attenzione ad alimenti troppo piccoli come semini e arachidi o troppo grandi come pezzi di carne, frutta e verdura; alimenti molli e scivolosi, con forma tonda come uva, ciliegie o cilindrica come wustel, mozzarella, pomodori, olive, kiwi; alimenti duri e secchi e verdure a consistenza fibrosa (carote, finocchio, sedano); alimenti a consistenza appiccicosa come burro di arachidi.

È possibile dare al bambino questi alimenti ma sarà necessario farlo in sicurezza, modificandone la forma (ad esempio rimuovere i semi dal chicco d’uva e tagliare gli acini nel senso della lunghezza, tagliare le carote nel senso della lunghezza e poi in pezze più piccoli, o snocciolare le ciliegie tagliandole poi in piccoli pezze ni), la consistenza (ad esempio cuocere i cibi fin quando non siano morbidi), le dimensioni (tagliare in piccolissimi pezzi prosciutto, carne, frutta).

Fanno eccezione la frutta a guscio (in particolare le arachidi) ed i semi, che sono sconsigliati da tutte le Linee Guida nazionali ed internazionali fino a 4 anni, a causa dell’elevato rischio di aspirazione, in questi casi sarà necessario preferire le creme di frutta secca. A questi si aggiungono le gomme da masticare e le caramelle (gelatinose, dure e gommose, marshmallows) che, anche per motivi nutrizionali, è consigliabile evitare del tutto fino a quell’età.

Per la pesca, la prugna e la susina ci deve essere un’attenzione particolare per il nocciolo. Infatti, in questo caso dopo aver sbucciato, ad esempio la pesca, si dovrà rimuovere il nocciolo e tagliare a pezzettini piccoli le fette. Per i più piccini è anche consigliato omogeneizzare o frullare.

Nelle merende da 1 a 12 anni, oltre a cambiare la consistenza e la forma dei cibi somministrata, cambiano le porzioni e i gusti del piccolo ma gli alimenti possono essere gli stessi, eccetto alimenti pericolosi da deglutire per i più piccoli e da evitare nei primi anni di vita. Nei bambini più grandi magari si aggiungerà qualcosa in più.

Le mamme, nonne, fratelli, baby sitter e i bambini potranno fare merenda insieme con porzioni e consistenza dei cibi diversa a seconda dell’età del piccolo.

Al mattino

La merenda del mattino di solito viene fatta a scuola, solitamente è inserita all’interno del menù scolastico.

Se è compito dei genitori darla ai propri bambini, dovrebbe essere pratica e non appesantire troppo, potrebbe essere composta da della frutta, da del pane al cioccolato o panino alle olive, grissini e un frutto, pane e pomodoro o un pezzo di focaccia bianca o al pomodoro.

Unico problema è che crescendo, spesso, confrontando le merende con i compagni, il bambino, desidera omologarsi portando magari delle merendine o snack molto meno salutari. In questo caso sarà possibile trovare altre alternative o alternare le scelte.

Nel pomeriggio

La merenda del pomeriggio, invece, spesso viene fatta a casa con i genitori, gli amici, la baby sitter o addirittura in macchina, poco prima dell’allenamento del pomeriggio.

Come posso comporla?

Le proposte rappresentano una guida per una merenda equilibrata: le quantità sono variabili a seconda dell’età e delle caratteristiche individuali del bambino.

  • Se non consumano verdura, magari proporla in momenti fuori dal pasto come agli spuntini ad esempio una carota a stick, in piccole porzioni
  • Non amano la frutta? Non chiedete al bambino se la desidera, proponetela già tagliata come prima opzione e se hanno realmente fame, la accetteranno. È importante far vedere al bambino la frutta.
  • I prodotti più sfiziosi, metteteli dopo, in modo tale che prima mangino la frutta, ad esempio.
  • Alternate il pane a prodotti da forno, magari abbinati ad un frutto o qualcos’altro che necessita di masticazione, in questo modo migliorerete il senso di sazietà. Se consumate prodotti come crackers, grissini o altri prodotti da forno, preferite del pane o altri cereali ai pasti principali.
  • Provate a mettere alimenti “nuovi” anche per stimolare la curiosità del piccolo
  • Da bere? Acqua, è sempre la miglior scelta
  • La frutta disidratata? Si, può essere proposta come cips di mela, pera o ananas ma in piccole quantità perchè è sempre priva di acqua ed ha un potere saziante decisamente inferiore a quello della frutta normale

La prima scelta per le merende è sempre la frutta, abbinata ad altro, specie se non la mangiano ai pasti o tendono ed evitarla. Preferire la frutta fresca intera, magari grattugiata o tagliata adeguatamente nei primi anni di vita, specie per i bambini più famelici.

Alternarla con spremute, frullati ogni tanto va bene ma non sostituitela con i succhi di frutta, anche quelli 100%, spesso troppo dolci, in questo caso il bambino si abituerà al sapore eccessivamente dolce.

Frutta secca: fino a 4-5 anni è bene presentarla sotto forma di burri di frutta secca, che devono avere un solo ingrediente: la frutta secca.

Pane: è da preferire a prodotti da forno. Pane alle olive- al cioccolato- o normale e magari con ricotta e marmellata con una nocciolata o con olio e pomodoro

Grissini – taralli o crackerscialde di mais possono essere comodi da portare fuori di casa e sono ottime alternative.

Gli yogurt: evitare quelli dei bambini iperzuccherati che sono paragonabili a dei dolcetti. La miglior scelta è lo yogurt bianco intero a cui aggiungerci del burro di nocciola o della frutta fresca frullata o a pezzi e dei cereali per rendere cosi completa la merenda.

Lo yogurt greco, rispetto allo yogurt intero semplice contiene leggermente più proteine. Nel bambino, a differenza di quanto si pensi, l’apporto proteico è facilmente raggiungibile e spesso viene superato, quindi la porzione di yogurt greco sarebbe inferiore rispetto a quello bianco intero che è anche più gradito dai piccoli.

Per una merenda più golosa va bene anche una fettina di torta , magari di mele, allo yogurt, torta camilla alle carote, un gelato (potreste fare anche il gelato con frutta fresca e yogurt frullati e messi in congelatore), latte e dei cantucci alle mandorle, un pezzo di focaccia con una spremuta, una fetta di castagnaccio, dei dolcetti al cioccolato e riso soffiato e tantissime altre alternative golose, al bambino non va mai negato nessun alimento.

Cosa non deve mai mancare nella merenda?

L’Acqua, sempre come prima scelta in quanto l’idratazione è fondamentale, specie in estate dove i bambini giocano e sudano molto.

Sono consigliati almeno 6-8 bicchieri al giorno di acqua per garantire una corretta idratazione.

È sbagliato sostituire l’acqua con bevande dolci, non è altrettanto corretto mettere lo zucchero nella camomilla prima di dormire, in quanto non necessario.

Che acqua scegliere? Le acque da utilizzare devono avere una diversa composizione, a seconda che vengano utilizzate per diluire la polvere di una formula del latte o per bere: nel primo caso, è bene siano acque il più possibile oligominerali, per non alterare la composizione in micronutrienti della formula; nel secondo caso, invece, devono essere acque normo-minerali, ad elevato contenuto di calcio (con un contenuto superiore a 300 mg/L). Attenzione al contenuto di nitrati (che non devono superare i 10 mg/L) e al sodio, che deve essere quanto più basso possibile.

Merenda dolce o salata? Come preferisce il bambino, sarebbe meglio alternare.

Prima dell’allenamento? È bene che sia una merenda digeribile, non dovrebbe mai mancare una fonte di carboidrati quindi un piccolo panino sarebbe l’ideale.

Per i bambini celiaci? Valgono le stesse indicazioni, preferendo alimenti senza glutine. Per quanto riguarda i cereali, preferire alimenti naturalmente senza glutine. Una merenda golosa potrebbe essere snack fatti in casa di cioccolato e riso soffiato con una spremuta di arancia o un vasetto di yogurt bianco o un frutto.

Potete sbizzarrirvi per proporre nuove idee di merende, io vi ricordo che le cose semplici sono sempre le migliori.

Il team di MumAdvisor

in collaborazione con la Dottoressa Gaia Gagliardi Nutrizionista e Dietista  di Unisalus.

Источник: https://mumadvisor.com/qual-e-la-merenda-piu-sana-per-i-nostri-bimbi-lo-abbiamo-chiesto-allesperta-di-alimentazione/

Qual è la Merenda Ideale per i Bambini?

La merenda ideale per i nostri bambini

E’ importante la merenda nei bambini? Come evitare troppe calorie? Quali sono gli alimenti giusti da dare ai bambini?

Nei bimbi piccoli, come sappiamo,  vengono in genere consigliati 5 pasti giornalieri: la colazione, la merenda di metà mattino e pomeriggio, il pranzo e la cena. Spesso la merenda viene trascurata o considerata come un pasto di “riserva”. Scopriamo insieme che non è cosi!

INDICE

Qual è il ruolo della merenda nei bambini?

La merenda è anch’essa un pasto fondamentale nell’economia della giornata alimentare di un bambino, in quanto serve da “spezza-fame” ed evita che le ore di digiuno tra la colazione e il pranzo o tra il pranzo e la cena diventino eccessive, determinando, a causa di variazioni ormonali,  un maggiore senso di fame al pasto successivo con conseguente stimolo ad alimentarsi in modo quantitativamente e qualitativamente scorretto.

Dato il suo ruolo di “spezza-fame”, la merenda non dovrebbe fornire troppe calorie, giusto il 5-10% di quelle che il bambino, in base alla sua età e sesso, dovrebbe consumare nell’intera giornata.

Purtroppo ancora oggi la merenda, non essendone culturalmente diffusa l’importanza, non sempre viene gestita in maniera corretta dai genitori che tendono spesso o a sottostimarla o a sovrastimarla.

Per capire quanto sia facile “esagerare” facciamo un esempio pratico e consideriamo un ragazzino di 10 anni, di peso normale (cioè di circa 40-45 kg): per età e sesso un bambino con queste caratteristiche dovrebbe assumere durante la giornata in totale circa 1800 Kcal.

La merenda, come detto in precedenza, dovrebbe rappresentare il 5- 10% dell’energia giornaliera, dovendo  contenere quindi dalle 90 alle 180 kcal.

Quello che invece troppo spesso accade è che la merenda tipica un bambino di 10 anni sia costituita da 1 succo di frutta e una merendina farcita al latte (ovvero circa 230 kcal!) o addirittura, nel caso di una pizzetta farcita sfioriamo le 400 kcal (e oltretutto alla pizzetta si accompagna spesso una bevanda ad alto contenuto di zuccheri!)

Dunque la merenda non solo determina un eccessivo introito di calorie, zuccheri e grassi saturi, ma finisce per saziare troppo il bambino, facendogli saltare il pranzo e/o la cena e alterando i ritmi alimentari della sua giornata!

Consigli per una merenda corretta

Dunque care mamme, nonni, zie e baby-sitter:

  • aiutiamo i nostri bambini a consumare una merenda corretta dal punto di vista nutrizionale, incoraggiando, senza fornire alternative, il consumo di quella scolastica, laddove fornita, oppure dando loro della frutta di stagione, alternandola magari con dei cracker, uno yogurt e, 1-2 volte a settimana, anche con una piccola merendina non farcita.
  • impariamo a non sovrastimare il consumo energetico di un’ora di sport, valutando criticamente il tempo che realmente è effettivamente costituito da attività di movimento (se ci fate caso, spesso equivale a circa mezz’ora, decisamente non molto!).
  • non compensiamo con la merenda pomeridiana il mancato pranzo, perché in questo modo sosterremo il bambino nel suo rifiuto della mensa scolastica; invece, con fermezza, invitiamolo a consumare o almeno assaggiare il pranzo, e non cediamo alle comuni proteste per fame dopo la scuola: il pranzo lo aveva a disposizione, se lo ha rifiutato… dovrà imparare la lezione!

Qualche pratico suggerimento per variare la merenda

Questa tabella naturalmente ha solo un ruolo indicativo, ma può rappresentare un’utile guida per capire qual è la merenda più opportuna nei nostri bambini!

Età

Esempi pratici

0 a 6 mesiSolamente latte seguendo modalità suggerite dal pediatra
6 a 12 mesi– latte 200 ml formulato(primi 6 mesi) o di proseguimento (dai 6 mesi)

oppure

– yogurt 125 gr naturale intero o con frutta 80 gr frullata o fresca

1 – 3 anni– frutta fresca 80 gr

– yogurt naturale intero 125 gr

– frullato di frutta con latte

– 3 biscotti con latte o singoli

3 – 5 anni– biscotti secchi 3-4 + succo di frutta

-biscotti prima infanzia 3-4 + succo di frutta

– 1 volta a settimana 1 fetta di torta semplice con the o gelato nel periodo estivo

5 anni in suPane biscottato o 2-3 fette biscottate  con filo di marmellata o nutella (ogni tanto) oppure con prosciutto cotto,crudo,bresaola,tacchino (2 fettine)

Autrice: Dott.ssa Marianna Vernetti – Nutrizionista

10 Luglio 2015 26 Febbraio 2016 1 Novembre 2015 3 Novembre 2018 19 Settembre 2015 25 Agosto 2018 13 Maggio 2014

Источник: https://www.faropediatrico.com/educazione/merenda-ideale-bambini/

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: