La forza delle mamme single

Mamme single e tutto quello che le aspetta

La forza delle mamme single

Essere mamme single può essere una decisione volontaria o dipendere dalle circostanze. Dalla fine di una relazione alla mancanza di responsabilità da parte di un padre assente, sono molte le circostanze che possono portare una madre ad assumersi interamente l’onere di crescere un figlio.

Non è facile essere mamme single. Si tratta di una sfida. Tuttavia, da sempre ci sono donne che crescono ed educano i propri figli da sole. In milioni hanno cresciuto bambini felici e amati, diventati adulti soddisfatti e realizzati che sanno amare ed essere felici.

Crescere un figlio da sole è una decisione importante

La maternità è una tappa importante della vita di una donna. Allo stesso tempo, però, è molto complessa. Se si può contare sull’aiuto di un partner, crescere un figlio può essere molto più facile. Purtroppo, tuttavia, non sempre è così.

Sono molte le donne che decidono di proseguire la loro gravidanza e crescere i loro figli da sole perché hanno terminato la relazione con il padre del nascituro.

Ci sono anche donne che sono state abbandonate da uomini irresponsabili. Diventare mamme single probabilmente non faceva parte dei loro piani quando hanno iniziato la relazione; si ritrovano dunque piene di dubbi, ma assumono con amore e coraggio la sfida di crescere i propri figli da sole.

D’altra parte, sono sempre di più le donne che decidono di ricorrere all’inseminazione artificiale per avverare il loro sogno di essere madri. Sono deluse dalle relazioni con gli uomini o non hanno trovato il partner giusto e l’orologio biologico scorre inesorabile.

Leggete anche: Anch’io ho avuto una relazione tossica e dannosa

Mamme single e le sfide da affrontare

L’assenza del padre non per forza stigmatizza i bambini. Dovrete affrontare alcuni problemi, ma per ognuno di essi ci saranno anche delle soluzioni. Che i vostri figli crescano sani, amati e felici dipende solo da voi.

È senz’altro più difficile senza l’aiuto di un partner, ma non è impossibile. Le raccomandazioni basilari affinché possiate organizzare il vostro nuovo ruolo di mamme single sono le seguenti.

Organizzare una rete di sostegno

Probabilmente non siete completamente sole. Pensate alle persone che vi accompagneranno durante la vostra gravidanza, il parto e la cura del neonato. I vostri genitori, fratelli, cugini o amici sono la vostra rete di sostegno.

Se il vostro partner ha deciso di non volersi assumere la responsabilità di accudire voi e il vostro bambino, evitate di farvi prendere dallo sconforto. Sicuramente incontrerete intorno a voi più di una persona che sarà felice e disposta ad aiutarvi.

Alcuni vi aiuteranno in compiti più complessi, altri in attività più semplici. Ogni contributo, per quanto piccolo, vi aiuterà ad alleggerire le difficoltà.

Organizzare lavoro, tempo e budget

Tutte le spese associate alla cura dei vostri figli sono a vostro carico. Non esiste spazio per l’improvvisazione. Farete i salti mortali per prendervi cura dei vostri figli, rispettare i vostri impegni lavorativi ed essere madri.

Dovrete trovare un lavoro compatibile con l’accudimento dei vostri figli. Accompagnarli all’asilo o a scuola, fare i compiti, portarli dal medico e un lunghissimo eccetera.

Allo stesso tempo, le vostre entrate devono permettervi di coprire la somma che avete stabilo come budget per prendervi cura dei vostri figli: cure mediche, alimenti, vestiti, educazione e passatempi.

Dovete organizzare la vostra agenda senza opprimervi. Tutto a suo tempo. Spazio per le responsabilità, ma anche per il divertimento. Questo include un’importante dose di pazienza per quando le cose non vanno come avevate pianificato. Quello che non è stato fatto oggi può sempre essere fatto domani.

Prepararsi per la grande domanda

Evitate di essere colte alla sprovvista quando vi chiederanno informazioni sul padre dei vostri figli. Non ha senso che questo sia causa di problemi o che i bambini vi vedano turbate.

Se avete preso la decisione di ricorrere all’inseminazione artificiale, dovete riuscire a parlarne con naturalezza. Questa stessa naturalezza vi permetterà un giorno di spiegare ai vostri figli come sono venuti al mondo.

Se il vostro partner vi ha abbandonato o è deceduto, dovete riuscire a parlarne senza mostrare sentimenti contrastanti. Ci vorrà del tempo, ma arriverà il giorno in cui darete questa risposta senza dolore o rabbia. Ricordate che saranno molte le volte in cui dovrete parlare dei padri dei vostri figli, sopratutto a loro.

Se avete avuto una relazione tossica o sfortunata con i padri dei vostri bambini, evitate che i sentimenti di frustrazione, ira o rancore vi invadano o vi portino a colpevolizzare i vostri figli. Non è colpa loro se il rapporto non ha funzionato.

I vostri figli hanno il diritto di conoscere la propria origine e voi dovete fornire loro le informazioni più esatte e neutrali possibile. Evitate di influenzarli negativamente nei confronti del padre. Anche se fate fatica a riconoscerlo, è responsabile al 50% della vita dei vostri figli.

Lasciate che conoscano la verità  e prendano le decisioni che credono più convenienti per se stessi. Questo è importante sopratutto per i figli concepiti per mezzo dell’inseminazione artificiale. Prima o poi chiederanno chi è o dov’è il loro padre.

Coltivare il perdono

Perdonare un padre assente sicuramente non è facile. Si tratta di un processo che richiede tempo. Prima dite “ti perdono”, prima vi accorgerete che siete riuscite a perdonare.

Se il partner è deceduto o se n’è andato, non dovete solo perdonare lui, ma anche voi stesse. In qualsiasi momento, potete sentirvi colpevoli di quanto successo. Siete state voi a decidere di voler un figlio con questa persona. È stato proprio lui a darvi la meravigliosa opportunità di essere mamme. Quindi, perdonatevi.

Nelle stessa misura in cui riuscirete a perdonare, potrete aiutare i vostri figli ad attivare i loro meccanismi di perdono verso il genitore assente e verso di voi. Il perdono è una grande espressione d’amore. L’amore che vi unisce e che coltivate con vostro figlio è uno dei sentimenti più importanti.

Cercare aiuto specializzato

Una super mamma non è quella che può fare tutto. È quella capace di riconoscere quando ha bisogno di aiuto. Se necessario, quindi, cercate l’aiuto psicologico affinché i vostri figli superino l’assenza del padre. Fatelo!

Ospitare sentimenti oscuri non è di nessun beneficio per il vostro benessere personale né per quello dei vostri figli. La terapia familiare può aiutarvi a capire e risolvere i vuoti emotivi.

Se non avete le possibilità di pagare un servizio di questo tipo, cercate i gruppi di sostengo nella zona in cui vivete. Gruppi su social network o società che offrono consulenze familiari come centri sociali o congregazioni religiose.

Può interessarvi anche: Essere una super mamma: 7 utili consigli

In conclusione

Anche se non riempirete il vuoto lasciato da un padre assente, date il meglio di voi stesse come mamme single. Avrete bisogno del doppio di amore, pazienza, comprensione e impegno. È difficile, ma potete farcela. I vostri figli ve ne saranno grati e riconosceranno i vostri sforzi.

Potrebbe interessarti …

Источник: https://viverepiusani.it/mamme-single-tutto-aspetta/

Mamme Single: 5 Ottimi Motivi Per Ringraziarle Ogni Giorno

La forza delle mamme single

Inutile negarlo: essere madre è il lavoro più difficile del mondo.

Un lavoro che richiede inesauribile energia, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, non importa quali siano le condizioni di salute.

Si continua ad essere madri e a preoccuparsi dei propri figli anche quando questi diventano maggiorenni o prendono il volo, cambiando casa, sposandosi, diventando genitori a loro volta.

Il tutto è elevato alla N per le madri che, per un motivo o l’altro della vita, si ritrovano a gestire tutto da sole.

Le mamme single non possono permettersi di perdere nemmeno un minuto di tempo.

Sono cresciuta da madre single e fin dal primo giorno io so che ha fatto tutto il meglio per me, in funzione di me, pensando prima di tutto a me.

È sempre stata una figura presente e molto esigente, spronandomi ad essere il meglio e circondarmi solo di persone positive.

La sua gravidanza non era prevista.

Aveva solo 20 anni e stava lottando per ottenere un buon contratto in almeno uno dei 3 lavori che stava facendo per potersi pagare l’università senza pesare sui miei nonni.

Eppure l’amore si è messo in mezzo. E sono arrivata io.

Lei, nonostante tutto, non ha mai pensato di sbarazzarsi di me. Ha preso coraggio e ora, posso solo ringraziarla, non ci manca niente e poco centra la fortuna, questa è tutta una questione di tenacia.

Ha buttato al vento il suo orgoglio e ha fatto tutto il necessario per darmi la vita migliore che potessi immaginare.

Una madre single so che capisce benissimo quello di cui sto parlando.

Ecco alcune caratteristiche delle madri single che le rendono ancora più forti, quel pizzico in più di tutte le altre madri.

1. Fieramente iperprotettive

(foto: Tumblr)

Se si pensa ad un’esagerazione, in realtà ci si sbaglia.

Molte cose non mi son mai state permesse, ma ora come ora, non posso fare altro che ringraziare.

Coprifuoco rigido, nessun ragazzo a dormire a casa (nemmeno il mio migliore amico, palesemente omossessuale, ma per mia madre comunque era un No)

Alcune delle sue regole erano eccessive per la mia giovane età, ma ora, che io sto per diventare madre, le capisco tutte e so che seguirò il suo esempio.

Per una mamma single è doppiamente difficile tenere i figli al sicuro. Non aveva nessun altro a cui rivolgersi e quindi era doppiamente apprensiva.

2. La migliore educazione

(foto: Tumblr)

Mia madre mi iscrisse alle migliori scuole private, fino all’università.

Non le importava il costo, voleva la migliore educazione per me.

Per una madre single, una buona scuola era davvero un sollievo e un investimento sul mio futuro.

Faceva un doppio lavoro per potermela permettere, aveva la ricrescita ai capelli e si arrangiava con la tinta fatta in casa.

Io venivo prima, a prescindere.

E questo è un ricordo che porterò sempre con me.

I sacrifici sono davvero incredibili in una famiglia e quando ci si trova sole è tutto enfatizzato.

3. Lei si ammala ogni volta che mi ammalo

(foto: Tumblr)

È una cosa bizzarra, forse un’empatia davvero speciale.

In realtà, proprio per questo motivo, mi ha tenuta lontana da asili etc. al primo segnale di varicella e malattie varie.

Con affetto ricordo quei pomeriggi invernali, entrambe influenzate, sotto la coperta, a guardare per la centesima volta tutti i miei film Disney preferiti.

4. Pensa sempre prima a te

(foto: Tumblr)

In qualsiasi situazione tu sei il suo primo pensiero.

Qualunque cosa ho desiderato ho ottenuto, nelle nostre possibilità.

Qualsiasi genitore si comporta in questo modo, ma le madri single devono arrangiarsi in tutto.

Non possono avere mai una spalla su cui piangere, un aiuto economico, qualcuno con cui sfogarsi in una giornata no prima di affrontare la quotidianità.

Mia madre ha davvero sempre pensato solo a me e alla mia felicità, che per proprietà transitiva rendeva felice anche lei.

5. Una madre single è anche un padre, un insegnante, un cuoco, un eroe e allo stesso tempo un angelo e un martire

(foto: Tumblr)

La vita da madre single non è certo quella che nessuna di noi pianifica fin da piccolissima, ma di sicuro da origine a qualcosa di unico, frutto di una grande forza interiore: la nostra felicità.

Grazie mamma.

Grazie a tutte le mamme single che coraggiosamente decidono di continuare a donarci la vita.

Articolo originale pubblicato il 29 Agosto 2014

Источник: https://mamma.robadadonne.it/ringraziamenti-mamme-single/

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: