Gite: alla scoperta di Cracovia

Alla scoperta di Cracovia

Gite: alla scoperta di Cracovia

Tra il viaggio in Indonesia ad agosto 2015 e quello in Thailandia del dicembre successivo, io e Luca avevamo deciso di non inserire alcun viaggio intermedio, al massimo qualche gita fuori porta in Italia. Ma un pomeriggio mi arriva una di quelle mail di Ryanair dove si sponsorizzano voli low-cost… e vedo subito un’offerta per Cracovia.

Volo di andata e ritorno meno di 40 euro a persona (leggi qui come prenotare un volo).
Presa dall’euforia inizio a cercare post che parlino di Cracovia, perchè, detto tra noi, quasi non sapevo dove fosse. L’avevo sentita nominare per Papa Wojtyla ma niente di più. Più leggo e più me ne innamoro.

Sembra una di quelle chicche dell’Europa dell’Est rimaste sotto una campana di vetro.

Decido che questo sarà il mio regalo di compleanno per Luca. Prendo due biglietti per la fine di novembre e inizio a programmare il viaggio.

Prenoto su booking una camera vicina sia al centro storico sia alla stazione, tanto che ci permette di muoverci a piedi senza bisogno di usare mezzi pubblici. Il nostro hotel è il Navigator Apartments in Stare Miastro, nel cuore della città vecchia.

 L’unico mezzo pubblico che prenderemo sarà l’autobus di linea per raggiungere Auschwitz.

Cosa vedere in due giorni a Cracovia

Nonostante la città non sia molto grande, a Cracovia ci sono molte cose da vedere. In primis noi siamo rimasti affascinati dall’immensa piazza centrale, Rynek Glowny, divisa in due sezioni dal palazzo centrale (il Fondaco dei tessuti).

Pare essere la più grande piazza medievale d’Europa. Peccato, vediamo che nella piazza iniziano gli allestimenti per i mercatini di Natale, ma noi non riusciremo a vederli in quanto inizieranno solo la settimana successiva.

Ci consoliamo facendo un giro nella galleria del Fondaco, dove si trovano numerose bancarelle aperte tutto l’anno. Proseguiamo poi su Warszawka dove visitiamo la Basilica di San Florian, dedicata al patrono della città.

La Basilica fu costruita tra il 1180 ed il 1220 ed è la Basilica dove Papa Wojtyla ha lavorato come vicario.

Altra tappa è il The Barbican (chiamato anche Barbakan dagli abitanti di Cracovia). L’antico bastione aveva il compito di proteggere la città dagli invasori ed è situato proprio davanti alla porta Florianska. Oggi è l’unica porta antica ancora in piedi e consente l’accesso al centro storico della città.

Ci dirigiamo poi verso l’Oltrevistola.

Non siamo amanti dei musei, ma una visita alla Fabbrica di Schindler in questa città è d’obbligo. Le guide consigliano di prendere un taxi o un bus, noi optiamo per una bella passeggiata a piedi. La fabbrica dista circa quattro chilometri dal Wawel.

Sulla strada passiamo anche dalla Plac Bohaterow Getta con le sue caratteristiche grandi sedie in bronzo in memoria degli eroi del ghetto. Sempre in questa zona, molto interessante è l’Apoteka Pod Orlem.

Una antica farmacia trasformata in museo che racconta come fosse la vita nel ghetto durante la seconda guerra mondiale.

Infine, altro quartiere molto interessante è il Kazimierz, il quartiere ebraico, si trovano numerose sinagoghe.

Sicuramente una delle attività che a noi è piaciuta di più è stata quella di perderci tra le viuzze dello Stare Miastro, la città vecchia. Il centro storico di Cracovia si è salvato dalla furia distruttrice della guerra ed è divenuto patrimonio dell’UNESCO nel 1978.

Infine, visitiamo la collina del Wawel e con essa il castello e il suo drago che ancora oggi sputa fuoco a orari prestabiliti. Dalla collina si gode di una splendida vista sulla città e sul fiume Vistola.

Visitare Cracovia: Auschwitz

Una delle gite fuori porta da poter fare a Cracovia e che a nostro avviso è imperdibile, se non altro perché permette di toccare letteralmente con mano quanto avvenuto durante la seconda guerra mondiale, capire davvero cosa significa l’Olocausto e rendersi conto che la memoria è una delle cose più importanti per non ricadere negli errori commessi, è la visita al campo di concentramento di Auschwitz.

Per andare al campo, a circa 60 chilometri da Cracovia, ci sono diverse alternative. Si può affittare un’auto, prendere il treno dalla stazione di Cracovia fino alla stazione di Oswiecim, oppure si può partecipare a una visita organizzata. Infine, altra alternativa, che è quella che abbiamo scelto noi, è quella di servirsi dell’autobus di linea da Cracovia.

Ci sono diverse compagnie, noi abbiamo optato per la compagnia con il maggior numero di collegamenti: Lajkonik. Abbiamo preso il biglietto per la partenza delle 9:40 al costo di 14 zloty (3,20 euro). Il biglietto lo abbiamo preso la mattina stessa in biglietteria. Consigliamo di arrivare in largo anticipo, così da poter comprare il biglietto senza problemi.

L’autobus ci ha lasciati proprio nel parcheggio davanti all’ingresso del campo. Il biglietto lo avevamo prenotato in anticipo sul sito (qui). L’ingresso è gratuito e non è obbligatorio prenotare, tuttavia per ogni visita si ha un numero prefissato di partecipanti e quindi se non si ha la prenotazione, bisogna attendere il primo tour disponibile.

Conviene quindi prenotare in anticipo, così da esser certi di partecipare alla visita.

Nel sito, nella sezione reseravation, cliccando su “individual tour” e scegliendo la data, vi appariranno le diverse visite che sono programmate durante il giorno e potrete sceglierle in base alla lingua della guida. Oltre all’inglese, polacco, francese e tedesco, è disponibile anche la visita in italiano, anche se non sono molto frequenti.

Basterà scegliere l’opzione che si preferisce per prenotare. Il general tour dura circa tre ore e mezzo ed è il tour che consigliamo in quanto permette di visitare tutto il campo, compreso Birkenau (al ritorno si prende una navetta che conduce al parcheggio degli autobus di linea), e di capire a fondo la storia del campo. Il costo del general tour è 50 zloty.

Quando si varca la soglia del campo e si passa la famosa scritta “Arbeit Macht Frei” – il lavoro rende liberi -, le sensazioni che si provano sono indescrivibili.

Si esce dal campo con un senso di vuoto e di rabbia per quello che è accaduto. Si prova un magone che è difficile descrivere a parole. Si vedono cose che hanno un impatto emotivo fortissimo.

Tuttavia, nonostante il senso di stordimento e il malessere che si prova, è assolutamente una visita che è dovuta.

Al rientro, se avete optato per il bus, vi consigliamo di affrettarvi, soprattutto se rientrate tra le 16.00/17.00 perchè sono le ore in cui si ha il maggior numero di persone che finiscono la visita e si rischia di dover percorrere i 60 chilometri per Cracovia in piedi.

Vistare Cracovia: cosa mangiare

La cucina polacca per noi è stata una scoperta. Pensavamo che fosse monotona e senza troppi sapori… e invece ci sbagliavamo! Il piatto che più ci è piaciuto sono i pierogi, ravioloni a forma di mezzaluna con tantissime farciture diverse.

Forse i più comuni sono quelli con patate e ricotta, ma si possono davvero trovare di ogni gusto. Altra leccornia è la zapiekanka, tipico street food polacco.

Si tratta di una baguette tagliata in orizzontale con sopra formaggio, funghi, prosciutto, ketchup e tantissimi altri ingredienti. Ottimo per un pasto veloce.

Altro piatto tipico polacco che merita di essere assolutamente assaggiato è il Bigos, uno spezzatino di carne con crauti servito di solito all’interno di una forma di pane scavata. Risulta abbastanza piccante ma sicuramente è molto molto saporito.

Ristoranti e pub imperdibili a Cracovia

A Cracovia ci sono tantissimi pub che offrono una quantità di birre artigianali e polacche davvero estesa.

Tra i pub che più abbiamo apprezzato di più ci sono: House of beer che ci ha sorpreso per la vasta gamma di birre bionde, scure e ambrate; il Beer Gallery pub con più di 150 birre tra cui scegliere; il Singer che con il suo arredamento molto particolare ci ha davvero affascinato – come avrete capito dal nome, tutti i tavolini sono ricavati dai vecchi tavoli con macchina da cucire Singer -; Alchemia che è davvero un pub particolare, appena si varca la soglia sembra di essere catapultati nel passato, con caminetti accesi, luci soffuse e un armadio che conduce alla cucina. Qui potrete degustare anche la famosa birra calda polacca. A noi non è piaciuta molto, per noi birra è sinonimo di ghiacciato… però provarla è d’obbligo.

Infine, per quanto riguarda i ristoranti, ne abbiamo provati diversi e tutti sono stati all’altezza delle aspettative. Vi consigliamo di pranzare almeno una volta in una delle tante mense che si trovano nella zona di Stare Miastro.

Si mangia bene, i prezzi sono bassissimi e avrete la possibilità di mangiare con la gente del posto e gli impiegati degli uffici in pausa pranzo. Tra i ristoranti che abbiamo preferito c’è U babci Maliny con degli spettacolari pierogi e bigos. Altro ristorante che merita una tappa è il Pod Wawelem, in zona Stare Miastro.

Il ristorante è arredato come se fosse una stazione dei treni. La cucina è quella tipica polacca con succulenti grigliate di carne mista e salsicce, e ottime birre gelate.

Vistare Cracovia: costo della vita

Cracovia è una piccola cittadina della Polonia molto animata grazie al consistente numero di giovani universitari che arrivano da tutta Europa con il programma Erasmus. Il costo della vita è irrisorio se paragonato a quello delle principali città europee.

Ho trovato addirittura un articolo che la inserisce tra le città con il costo della vita più basso in Europa, basando la stima sullo strano indice della birra (un indice che si basa sul prezzo della birra locale). In effetti ci stupiamo di quanto spendiamo poco per i pasti e per le bevande.

In media a pranzo spendiamo dieci/dodici euro a coppia e la sera non sforiamo mai i venticinque a coppia per una cena completa. Uno dei motivi che fanno sì che questa città sia così economica per noi è il fatto che in Polonia non c’è l’euro, bensì lo zloto. Il cambio euro/zloty ad oggi è pari a 1 euro-4,16 zloty.

Ciò fa sì che per noi il costo della vita sia molto vantaggioso e ci permette quindi di goderci appieno la città e tutte le sue attrattive.

Источник: http://daestaovest.com/visitare-cracovia/

Tour della Polonia Cracovia e Varsavia

Gite: alla scoperta di Cracovia

Il Mini Tour della Polonia è un circuito per visitare Cracovia e Varsavia, le destinazioni principali della Polonia. Il programma si svolge in cinque giorni e prevede il soggiorno a Cracovia in hotel 3 stelle (3 notti) e a Varsavia in hotel 4 stelle (1 notte). Il trasferimento in treno veloce tra Varsavia e Cracovia avviene in tutta comodità in circa 3 ore. 

Incluso nel pacchetto di viaggio la visita di Cracovia con il pranzo tipico, l'escursione al campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau e facoltativamente la gita alla Miniera di sale.

Avrete la possibilità di degustare i cibi tradizionali polacchi: pierogi, rolada, kluski e la squisita torta szarlotka. L'idea è quella di trasferire al visitatore gli usi e le tradizioni del paese e l'aspetto culinario è fondamentale.

 

Oltre a visitare le bellezze storiche ed artistiche, immergervi nella storia recente della Seconda guerra mondiale, con la visita del quartiere ebraico Kazimierz ed il campo di concentramento di Auschwitz. Il meglio della Polonia in cinque giorni: Cracovia, Auschwitz e Varsavia.

Un circuito per visitare Cracovia, la principale destinazione della Polonia, la capitale Varsavia ed il campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau. Il tour include anche una visita guidata di Cracovia di sei ore ed un pranzo tipico per degustare una selezione di prodotti tradizionali polacchi e della regione Malopolska.

In programma durante tutto l'anno con voli diretti dai principali aeroporti e voli con scalo dal centro e sud Italia.

La bella Cracovia

Il cuore turistico della Polonia è certamente Cracovia.

Durante il tour guidato in italiano alla scoperta di questa graziosa città scopriremo il centro storico attraversando le vie della Città Vecchia, la Piazza del Mercato e visiteremo il cortile d’onore del Castello di Wawel.

Un’interessante e gustosa pausa pranzo in un ristorante da noi selezionato per provare la tipica cucina polacca. La visita del quartiere ebraico Kazimierz, e delle sinagoghe, cuore della principale comunità ebraica polacca.

Tre notti in Hotel 3* in centro cittàcon prima colazione, trasferimenti da e per l’aeroporto e visite in italiano con guide esperte, tutto questo con la nostra assistenza telefonica 24h.

Una delle motivazioni principali per visitare Cracovia è anche quella di chi non vuole dimenticare.

La visita guidata al campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau rende questo tour completo da un punto di vista storico e soprattutto aiuta a sensibilizzare su tematiche importanti per il presente e il futuro.

Emotivamente coinvolgente il tour al Museo di Auschwitz viene trattato con sensibilità ed esperienza da guide appassionate. 

Durante il trasferimento di andata a bordo del pullman viene proiettato un documentario in italiano per introdurre l’argomento. L’escursione ha una durata di circa 7 ore compreso il trasferimento e si svolge all’interno dei campi sia di Auschwitz che di Birkenau.

La Miniera di Sale Wieliczka

Interessante e ricca di attrattiva è la visita alla Miniera di Sale Wieliczka.

Un percorso sotterraneo alla scoperta di cunicoli e ampi saloni costruiti sottoterra e sculture di sale lasciate dai minatori dell’epoca per decorare il loro luogo di lavoro.

L’escursione alla miniera è facoltativa, sempre disponibile, della durata di 4 ore circa, accompagnati da un’esperta guida in italiano.  

La capitale Varsavia

Varsavia è una città poliedrica e particolare da visitare. 

Il centro storico della Città Vecchia sembra essersi fermato nel tempo, strade di mattoni e antichi palazzi intorno alla piazza del Castello Reale.

Il centro della vita cittadina odierna invece non solo è dislocato, ma ha uno stile decisamente diverso, moderno e austero. Si alternano enormi palazzi in stile comunista e moderne costruzioni dallo stile imponente, su ampie strade principali affollate e piene di negozi.

Famoso il Palazzo della Cultura e della Scienza, uno degli edifici più alti d’Europa. 

La visita guidata della città di Varsavia in Italiano dura circa 3 ore e attraversa sia l’una che l’altra parte della città.

Источник: https://www.sostravel.it/articles/viaggi-cracovia-varsavia.htm

Cosa vedere a Cracovia: le 10 migliori attrazioni e cose da fare

Gite: alla scoperta di Cracovia

Cracovia è il cuore della cultura polacca ed è immersa nella storia. Se sognate di venir qui per rilassarvi e per assorbire la storia e la cultura del luogo, non rimarrete certo delusi.

Numerosi caffè, ristoranti, musei, bar e club aspettano solo di essere visitati e vissuti.

La città è davvero piena di attrazioni e se vi state chiedendo quali siano le cose migliori da visitare assolutamente, ecco l'articolo perfetto per voi!

1 – Castello del Wawel

Cuore politico e culturale della Polonia nel 16° secolo, il Castello di Wawel è un forte simbolo di identità nazionale. Oggi ospita un museo con cinque sezioni distinte, ognuna delle quali richiede un biglietto separato per essere visitata.

A nostro avviso le aree più suggestive sono le Stanze di Stato e gli appartamenti Reali. Fino al 2020 all'interno del Castello era esposto uno dei capolavori del maestro Leonardo da Vinci: “La Dama con l'Ermellino”, ma da Gennaio 2020 è tornata al Museo Czartoryski.

VEDI ANCHE: visita al Castello di Wawel – cosa vedere, come arrivare, ticket e consigli

Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi

Posti limitati: Il Castello è il monumento più visitato di Cracovia, pertanto è molto probabile incontrare lunghe code all'ingresso.

Non solo, anche il numero di biglietti è limitato, quindi nei giorni di punta (estate e fine settimana), si esauriscono subito! Per evitare di perdere tempo in fila o addirittura di non trovare ticket disponibili, consigliamo fortemente l'acquisto dell'accesso prioritario, meglio ancora se combinato con un tour guidato per scoprire meglio tutte le leggende e le curiosità attorno all'attrazione.

La conversione cattolica della Polonia e la sua ascesa come importante sede della cristianità è un elemento storico-culturale strettamente legato all'identità della nazione. L'emblema di ciò è la Cattedrale del Wawel, situata nell'omonima collina, poco distante dal castello.

Per oltre 400 anni è stata la cattedrale dei re polacchi, e le sue volte hanno visto il regno cadere e rialzarsi più volte nel corso dell'ultimo millennio.

Anche per la Cattedrale, come per il Castello, vale il suggerimento dell'acquisto del biglietto salta la fila online possibilmente combinato con un tour guidato in Italiano.

Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi

Foto di Anna Tkachuk. Cracovia offre tantissime piazze affascinanti, ciascuna con le proprie caratteristiche e la propria storia, ma tra tutte spicca la piazza centrale: Rynek Główny.

E' di solito il punto di partenza della maggior parte dei tour guidati della città, poiché sempre qui sorgono anche la Basilica di Santa Maria ed il Mercato dei Tessuti, sede della galleria di pittura polacca, a sua volta sezione del Museo nazionale.

Giusto per dare l'idea della sua bellezza, grandezza e importanza, basta dire che è la più grande della Polonia e anche la piazza medievale più estesa d'Europa (circa 40.

000 mq)

Alla sera diventa il centro della movida di Cracovia, con bar e ristoranti all'aperto e un vivace movimento di giovani. Inoltre ogni ora, dalla torre più alta della Basilica di Santa Maria, un trombettista suona la melodia nota come “hejnal”.

Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi

Foto di Wintermute314. La Basilica di Santa Maria, situata nel centro storico cittadino, è una delle attrazioni da non perdere assolutamente. I suoi interni, recentemente restaurati, sono un incredibile sfoggio di opulenza gotica.

La pietra miliare è ovviamente l'altare gotico: un Polittico di 13 metri realizzato nel 15° secolo da Veit Stoss.

Dall'esterno si nota subito una particolarità: le due torri che fiancheggiano la facciata principali hanno un'altezza diversa.

La più alta è nota come torre hejnalica (da Hejnal, tromba), e veniva usata per avvisare in caso di incendi e per annunciare la chiusura delle porte nel periodo medievale.

L'ingresso alla Basilica è incluso nella Cracovia City Pass (Krakow Card).

Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi

Sali in cima alla torre: nel periodo estivo si può salire fino in cima alla torre e visitare la stanza del trombettista che fu assassinato per aver suonato la tromba come avviso dell'invasione dei tartari nel 1241. Inoltre dalla cima della torre si può ammirare un panorama meraviglioso della città per fotografie eccezionali! Ti consiglio però di andare alla biglietteria di prima mattina, i biglietti si esauriscono veramente in fretta.

5 – Miniera di Sale del Wieliczka

Circa 14 km ad est di Cracovia si trova la Miniera di Sale del Wieliczka, patrimonio UNESCO.Si tratta di un misterioso groviglio di pozzi, camere e tunnel scavate in profondità, con sculture scolpite a mano da blocchi di sale.

La miniera si estende per 300 km, distribuiti su nove livelli di profondità; il più profondo arriva a 327 metri sotto terra.

Vista la sua posizione fuori dalla città, è consigliabile prenotare un tour guidato con prelievo, in modo da evitare ritardi dovuti ai mezzi di trasporto o, peggio ancora, di sbagliare il mezzo!

VEDI ANCHE: visita alla Miniera di Sale – come arrivare, prezzi e visite guidate

Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi

6 – Museo Czartoryski

La collezione Czartoryski fu iniziata nel 1795 dalla principessa Izabela Fleming, la quale intendeva conservare e preservare il patrimonio artistico nazionale. Purtroppo la collezione ha avuto una storia alquanto turbolenta. Durante la Seconda Guerra Mondiale molte opere furono saccheggiate dai nazisti.

Molte vennero successivamente recuperate, ma non tutte! Ad oggi mancano ancora 840 reperti, tra cui un dipinto di Raffaello.
L'opera più famosa è senza dubbio la “Dama con l'Ermellino”.Il museo è aperto dal Martedì al Sabato dalle ore 10:00 alle 18:00, e la domenica dalle ore 10:00 alle 16:00.

L'ingresso al Museo è incluso nella Cracovia City Pass (Krakow Card).

Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi

La Dama con l'Ermellino: insieme al Castello, è sicuramente l'attrazione più vista e cercata di Cracovia. Quindi, in alta stagione le code rischiano di essere interminabili. Per questo, ti consiglio assolutamente la Cracovia City Pass (Krakow Card) che, oltre a questo, da accesso prioritario a tantissimi altri musei e a tutti i mezzi pubblici della città.

7 – Auschwitz

Poco più di 50 km ad ovest di Cracovia si trova la cittadina di Oswiecim, un posto che sarebbe certamente rimasto sconosciuto se solo i nazisti non avessero deciso di costruire proprio qui i campi di sterminio Auschwitz-Birkenau.

Dalla fine della guerra, il sito è stato conservato come un museo e memoriale, e riceve più di un milione di visitatori all'anno.

Dedicate almeno tre ore per la visita con un tour guidato di 1 giorno da Cracovia che comprende entrambi i campi: Auschwitz I e Auschwitz II-Birkenau. Sappiate che si tratta certamente di un'esperienza profondamente straziante, ma assolutamente dovuta.

L'ingresso al museo è gratuito, ma vari tipi di visita guidata sono disponibili a prezzi differenti.
VEDI ANCHE: visita ad Auschwitz – come arrivare, prezzi e consigli

Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi

Prenotazione obbligatoria online: nuove disposizioni prevedono che non è possibile accedere al museo senza prenotazione, che va fatta online.

Una volta presentata la prenotazione, si può scegliere tra la visita in autonomia o un ingresso con tour guidato.

In alternativa, per non correre il rischio di non trovare biglietti disponibili, consigliamo di prenotare un tour con transfer da Cracovia A/R, ingresso e guida in italiano, anche perché il numero di posti per ogni slot e lingua è limitato..

8 – Il Quartiere Kazimierz ed il Ghetto Ebraico Podgorze

Foto di Allie_Caulfield. Kazimierz era una volta il cuore pulsante della comunità ebraica di Cracovia, che è stata tristemente lacerata dalle truppe naziste. Oggi in questi luogo viene celebrata la cultura del popolo ebraico.

La zona è sede di molte comunità artistiche ed alternative ed è caratterizzata da un'atmosfera distinta dal resto della città. Kazimierz si suddivide in due parti, una cristiana ed una ebraica, quest'ultima coincide con il ghetto di Podgorze.

Le storie legate a questi quartieri sono molto interessanti, per questo si prestano molto ad essere visitati con un tour guidato del quartiere ebraico che comprende anche la Fabbrica di Schindler e il Ghetto Podgorze (da circa €22,00).

Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi

9 – Fabbrica di Schindler

Foto di This file is a work by Noa Cafri. Il Ghetto di Podgorze è il luogo dove sono avvenuti molti degli eventi descritti nel capolavoro cinematografico di Spielberg Schindler's List.

Fra le attrattive più interessanti segnaliamo la vecchia fabbrica Schindler, oggi trasformata in un enorme museo sulla storia dell'occupazione di Cracovia.
L'ingresso è incluso nella Cracovia City Pass (Krakow Card).

La storia legata alla Fabbrica è toccante: Schindler, scelto dalle SS come spia, acquisì una fabbrica per la produzione di pentole. Per risparmiare sulla manodopera, impiegò lavoratori ebrei. Quando scoprì le torture subite dagli ebrei ad opera dei nazisti, si impegnò, rischiando la vita, a proteggere i suoi operai, salvando oltre 1.

200 vite. Per conoscere questa ed altre storie, e vedere i luoghi iconici, consigliamo di seguire un tour guidato della Fabbrica di Schindler: senza un tour guidato, rischierebbe di sembrare solo una vecchia fabbrica vuota.

Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi

10 – Parco nazionale di Ojcow

Foto di Jan JerszyÅ„ski. Per ultimo segnaliamo il Parco nazionale di Ojcow. Pur essendo tra i più piccoli parchi fra i 23 nazionali polacchi, Ojców si classifica come il migliore. E' un grande giardino botanico situato a 24 km dalla città, con oltre 1.

000 specie di piante fiorite all'interno dei suoi confini. Al suo interno si trovano diverse attrattive di interesse storico e naturalistico.

Vi consigliamo di dedicare almeno mezza giornata alla visita del parco partendo con una gita di un giorno da Cracovia o esplorando sentieri e percorsi con un'escursione in bicicletta con guida.

Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi

5 cose da fare a Cracovia

Passeggia di prima mattina nei Giardini del Castello Non perderti una cena tipica Crociera panoramica sul fiume Vistola Visita Zakopane e i Monti Tatra 1/5

  1. Passeggia di prima mattina nei Giardini del Castello
    Sono un posto ideale per una passeggiata in mezzo al verde.

    Per di più aprono alle 6:00 del mattino, se ami alzarti presto, troverai una location mozzafiato per splendide foto e per goderti un po' di relax prima della calca delle ore di punta.

  2. Non perderti una cena tipica
    In tutta la città ci sono tantissimi ristorantini (alcuni anche sotterranei) per gustare cene tipiche. La cucina polacca è ricca di influenze tedesche, ebraiche e slave: pierogi, zuppe di barbabietole, birra artigianale, …

    puoi optare per un tour a piedi alla scoperta dei cibi di Cracovia o uno show tradizionale con cena inclusa.

  3. Crociera sul fiume Vistola
    Si, Cracovia è una città attraversata da un fiume, e se sei amante delle crociere fluviali e ami scattare foto indimenticabili, non puoi perderti una crociera panoramica sul fiume Vistola, per ammirare i luoghi più importanti da una prospettiva originale e scattare foto del Castello perfette per Instagram!
  4. Visita Zakopane e i Monti Tatra
    Se ti soffermi per più di un weekend e ami i panorami montani, Zakopane è il top. E' la meta invernale più famosa della Polonia ma è splendida in ogni stagione. con un tour da Cracovia (con pick up direttamente in hotel) potrai ammirare le vette dei Monti Tatra da Gubałówka, provare lo snowboard e le risalite in funivia, e scattare foto indimenticabilI!
  5. Terme di Chocholowska
    Ad appena 5 km dal centro, sono fra le terme più belle d'Europa con acqua termale che sgorga da ben 3.600 metri di profondità. Goditi le piscine idromassaggio, le cure termali, ma anche scivoli, pallavolo e altre attività! Il momento migliore? La sera naturalmente! L'ingresso è prenotabile online

Organizza il tuo soggiorno a Cracovia: voli, hotel e tour

Qual è il posto migliore dove dormire a Cracovia? La città è ricca di Hotel e Ostelli per tutte le tasche. E' consigliabile alloggiare in un hotel situato nei pressi di piazza del mercato (Rynek Glowny), in questo modo potrete raggiungere a piedi quasi tutte le principali destinazioni.

Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi

Источник: https://www.travel365.it/10-cose-vedere-cracovia.htm

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: