Giornata della Memoria, uno spettacolo per i bambini

10 film da vedere sulla Shoah per il Giorno della Memoria

Giornata della Memoria, uno spettacolo per i bambini

Il ricordo prima di ogni cosa, per evitare che le brutalità si ripetano: con questi 10 film da vedere sulla Shoah commemoriamo i caduti dell'Olocausto in vista del 27 gennaio, Giorno della Memoria 2021

È estremamente difficile riuscire a restituire gli orrori e le tragedie che l'Olocausto ha inflitto a milioni di persone. Ricordare questa tremenda pagina di storia è, però, un dovere: per questo, in vista del Giorno della Memoria, ci sono almeno 10 film da vedere sulla Shoah.

Con gli occhi dei protagonisti ci immergiamo in storie drammatiche di speranza e disillusione, perché non c'è niente di più valido dell'immedesimazione per urlare a gran voce: mai più!

Il bambino con il pigiama a righe

L'innocenza e la dolcezza di due bambini si scontra con l'immane tragedia dell'Olocausto: Il bambino con il pigiama a righe, oltre a essere uno dei libri che raccontano la Shoah più emozionanti del secolo, è anche un film che spacca il cuore.

Protagonisti sono Bruno, bambino tedesco di otto anni figlio di un ufficiale nazista, e Shmuel, un bambino con un pigiama a righe: si tratta di un piccolo ebreo che vive nel campo di concentramento dove il padre di Bruno lavora.

I due, seppur separati da un filo spinato, giocano e diventano amici. Il finale li vedrà uniti nel modo più drammatico, testimoni inconsapevoli di un sistema deplorevole.

Il diario di Anna Frank

È uno dei film da vedere sulla Shoah più significativi: arriva infatti sul grande schermo nel 1959, a soli 14 anni dalla morte di Anna Frank nel campo di concentramento di Bergen-Belsen, cosa che rende la pellicola ancora più intensa e drammatica.

Come è chiaro, il film si basa su quanto narrato nel diario di Anna Frank, ma il punto di vista è differente: a raccontare la storia, infatti, è Otto Frank, padre di Anna e unico sopravvissuto della famiglia.

Il film raggiunge il suo apice nel finale, quando Otto legge la frase più toccante ed emozionalmente devastante di sua figlia: Nonostante tutto, io credo ancora che la gente in fondo sia buona.

Il pianista

Diretto da Roman Polanski, Il Pianista è basato sull'omonimo libro autobiografico che racconta le memorie di Władysław Szpilman, pianista e compositore ebreo-polacco.

La potenza narrativa della pellicola è indiscutibile: il tormento e la paura di Szpilman sono magistralmente restituite dal protagonista Adrien Brody, acclamato per la sua performance.

Brody è riuscito a raccontare l'improbabile alleanza con un ufficiale tedesco, affascinato dal talento musicale del protagonista, con un'espressività e una capacità attoriale fuori dal comune.

Jona che visse nella balena

Un film diretto da Roberta Faenza, dove ancora una volta ritroviamo il netto contrasto tra l'innocenza infantile e la cruda realtà dei rastrellamenti. Protagonista della pellicola infatti è Jona, bambino olandese di tre anni.

Jona, deportato in un campo di concentramento, vivrà vicino alla mamma in una baracca soffrendo la fame e il freddo, subendo molestie e privazioni. I suoi genitori muoiono mentre lui, pur sopravvivendo, sembra aver perso ogni emozione.

Solo con il tempo, Giona riuscirà a ritrovare la gioia, memore di una madre che, come un fiore in un mare di cemento, non ha fatto che ripetergli di non odiare nessuno, mai.

Schindler's list

Non è solo un film da vedere sulla Shoah, è IL film: in Schindler's List dolore, disperazione, spirito di sacrificio e speranza si intrecciano grazie all'ingegno di Steven Spielberg.

Per chi non lo sapesse, il film segue le vicende di Oskar Schindler, industriale tedesco che insieme alla moglie Emilie è riuscito a salvare più di mille rifugiati ebrei.

Divenuta una delle più viste nel Giorno della Memoria, la pellicola narra tutti gli sforzi di Schindler per corrompere ufficiali tedeschi e proteggere gli ebrei che ha impiegato come forza lavoro, tenendoli lontani dai campi di concentramento.

Il film è stato girato interamente in bianco e nero, fatta eccezione per poche scene a colori divenute iconiche: la scena iniziale, in cui due candele si spengono; la scena del rastrellamento e della riesumazione, dove appare la bambina dal cappotto rosso e il finale, dove appare la tomba del vero Oskar Schindler.

La signora dello Zoo di Varsavia

Una pellicola più recente (risale al 2017) ma estremamente meritevole e d'impatto: La signora dello Zoo di Varsavia si ispira a una vicenda realmente accaduta.

Narra la storia di Antonina e Jan Żabiński, marito e moglie a capo dello zoo di Varsavia. Con l'invasione della Polonia, lo zoo si svuota per via delle bombe e degli abbattimenti degli animali perpetrati dai soldati tedeschi, diventando un deposito di armi.

Antonina e Jan rimangono a capo dello zoo, trasformandolo in un allevamento per maiali: così facendo, riescono a creare delle gallerie collegate al ghetto, dove gli ebrei vivono in condizioni disperate, e a dare loro una nuova speranza.

La tregua

Basato sull'omonimo romanzo di Primo Levi, La Tregua sposta lo sguardo ancora più in là, mettendoci di fronte a ciò che è avvenuto nella fase successiva all'Olocausto.

La pellicola, diretta da Francesco Rosi, racconta il lungo viaggio di Levi per tornare a casa: un cammino, quello da Auschwitz a Torino, fatto di mesi di spostamentie sofferenze nell'Europa centro-orientale.

La Tregua è la testimonianza delle ulteriori sofferenze inflitte a milioni di sfollati al termine della Seconda Guerra Mondiale, uomini che avevano già subito ogni tipo di orrore.

La vita è bella

Non avrebbe bisogno di presentazioni, La Vita è Bella. Il film di Roberto Benigni aiuta a non dimenticare la Shoah e la racconta in modo inedito e carico di sentimento.

La pellicola, infatti, narra dell'amore tra il cameriere ebreo Guido e la maestra elementare Dora, da cui nasce il piccolo Giosuè. La famiglia verrà deportata in un lager e Guido, pur di proteggere il bambino, fingerà di star partecipando a un gioco, dove il primo premio è un carro armato.

La storia, struggente, è liberamente ispirata a due zii di Nicoletta Braschi, che si chiamavano proprio Dora e Guido.

Storia di una ladra di libri

Basato sul libro La Bambina che salvava i libri, il film Storia di una ladra di libri parla di Liesel Meminge, una bimba tedesca che durante l'ascesa del nazismo sviluppa una grande passione per la lettura.

La bambina sarà testimone di tutti gli orrori del regime nazista e, per sfuggire e far sfuggire gli altri dalla realtà, decide di rubare i libri che il reich sta facendo scomparire dalla circolazione.

Liesel farà amicizia con un giovane ebreo, Max, e proprio con lui condividerà la passione per la lettura e per la scrittura. La guerra, però, è impietosa e i due dovranno affrontare prove dolorose.

Un sacchetto di biglie

In ultimo, tra i film da vedere sulla Shoah non dovrebbe mancare Un sacchetto di biglie. I protagonisti sono due ragazziniebrei, Joseph e Maurice, che vedono cambiare le cose intorno a loro durante l'ascesa del nazismo.

Additati, emarginati e messi da parte, i due faticano a comprendere quanto accade, avvertendo un profondo senso di ingiustizia. Le cose peggiorano quando il padre li avvisa di un'imminente partenza verso luoghi più sicuri.

La famiglia infatti si separerà e i fratellini dovranno imparare a cavarsela da soli. I piccoli fuggiranno da Parigi attraverso luoghi sconosciuti imparando a difendersi, a eludere i controlli delle SS e a scappare dalle barbarie naziste per ricongiungersi alla famiglia.

Источник: https://www.donnamoderna.com/lifestyle/film-da-vedere-sulla-shoah

Giornata della memoria 2021: tutta la programmazione in tv e in streaming

Giornata della Memoria, uno spettacolo per i bambini

Il 27 gennaio è la Giornata della memoria 2021; una data che non si può dimenticare: l’ha istituita l’ONU nel 2005 per ricordare l’ignobile sterminio degli ebrei da parte dei nazisti.

Fu proprio il 27 gennaio del 1945 che l’Armata Rossa liberava il campo di concentramento di Auschwitz. La giornata diventa una ricorrenza internazionale affinché quella tragedia non finisca, col passare tempo, nel calderone dei tanti eventi della Storia.

La Shoah è un dramma che ha lacerato l’umanità. A ricordarlo sono anche i canali televisivi che si mobilitano proprio in questa giornata con documentari e programmi di approfondimento, replicando voci di testimoni e sguardi di registi. Vi segnaliamo tutto quello che c’è da vedere oggi, 27 gennaio 2021, in tv e in streaming.

L’entrata principale di Auschwitz. (Getty Images)

Giornata della memoria 2021 sulla Rai

UnoMattina, in onda su Rai 1 dalle 6.45 dedicherà parte del palinsesto al ricordo di quel 27 gennaio 1945, quando furono spalancati i cancelli di Auschwitz e il mondo conobbe gli orrori dell’Olocausto. Anche Storie Italiane (alle 9.

55), Oggi è un altro giorno (alle 14) e Sottovoce (in nottata) offriranno spazi alle iniziative di commemorazione. Alle 10.55, in diretta dal Quirinale, andrà in onda la consueta Celebrazione del Giorno della Memoria, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il 30 gennaio alle 22.

45 invece andrà in onda Questo è un uomo con Thomas Trabacchi, una docufiction che ricostruisce, anche attraverso interviste inedite (alla storica Anna Foa, allo studioso Marco Belpoliti, a Moni Ovadia ecc.

) i momenti salienti della vita dello scrittore Primo Levi, dalla deportazione fino agli ultimi anni di vita.

Rai 2 partecipa alle iniziative della giornata con le trasmissioni I Fatti Vostri (in onda dalle 11.10), Ore 14 con Milo Infante (dalle 15.15) e Detto Fatto condotto da Bianca Guaccero.

Su Rai 3 andrà in onda, a partire dalle 13.15, una puntata speciale di Passato e Presente dal titolo Shoah. Deportati, salvati e resistenti (in replica su Rai Storia alle 20.

30), con la professoressa Liliana Picciotto e Paolo Mieli.

Insieme affronteranno alcune tappe che hanno segnato il dramma storico: dalle leggi razziali al ruolo dei fascisti nella deportazione, dalla morte degli ebrei italiani alle iniziative per il loro salvataggio, al ruolo degli stessi nella resistenza.

Rai Movie alle 14.

00 manda in onda Il diario di Anna Frank, vincitore nel 1960 di tre Oscar (Miglior attrice non protagonista, Miglior fotografia, Miglior scenografia), mentre in prima serata su Rai Premium tocca al film tv Suor Pascalina – Nel cuore della fede che racconta la vita di Josefine Lehnert (suor Pascalina), collaboratrice di Papa Pio XII, e il suo impegno per salvare gli ebrei durante l’occupazione nazista di Roma.

“Il diario di Anna Frank”.

Rai Storia e Rai Gulp

Tutto il palinsesto di Rai Storia è dedicato alla Giornata della memoria 2021. Ecco alcuni appuntamenti.

Alle 11 Sergio Zavoli, in Diario di un cronista, affronta il rastrellamento del ghetto di Roma nel 1943, mentre alle 12.

30 il documentario I bambini di Bullenhuser Damm si sofferma sulla vicenda di venti bambini ebrei che nel 1945 furono uccisi in una scuola amburghese.

Nel pomeriggio, alle 17, andrà in onda il film 1945 dell’ungherese Gábor T. Szántó, che racconta un passato con cui è difficile convivere, mentre in prima serata (21.

10) tocca al documentario Testimoni di Auschwitz, realizzato nel 2020 per il 75° Anniversario della Liberazione di Auschwitz. A introdurlo la storiografica del professor David Bidussa. Alle 22.10 Son morto che ero bambino.

Guccini va ad Auschwitz segue il viaggio di Guccini nel campo di concentramento di Auschwitz insieme a Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo di Bologna, e i ragazzi di una scuola media.

Rai Gulp (alle 17.15 e alle 20.10) trasmette La Stella di Andra e Tati, il film di animazione sulla storia vera di due bambine italiane, Alessandra e Tatiana Bucci, ebree italiane di Fiume, che avevano 6 e 4 anni quando il 29 marzo 1944 furono deportate ad Auschwitz.

Mediaset: Canale 5 e Focus

Canale 5 propone alle 23.30 il capolavoro di Roman PolańskiIl pianista, Palma d’Oro a Cannes e tre Oscar (per la regia, l’attore protagonista Adrien Brody e la sceneggiatura non originale).

Il ricordo della Shoah continua il 31gennaio con la messa in onda (alle 8.

45) del documentario I ragazzi di Windermere: a parole loro, una coproduzione BBC-ZDF che parla del progetto di riabilitazione di alcuni bambini sopravvissuti all’Olocausto, in una clinica sulle rive del Lago Windermere, in Cumbria, dopo il 1945.

Aprono la prima serata di Focus i documentari L’orrore di Natzweiler-Struthof – Storia di un campo nazista e Le donne di Ravensbruck.

Il primo racconta degli esperimenti medici condotti dai nazisti sui prigionieri, il secondo si concentra, grazie a filmati, fotografie e disegni sopravvissuti alla seconda guerra mondiale, sui campi di concentramento riservati a donne e bambini.

Chiude la giornata A German Life: La segretaria di Goebbels, intervista-shock a Brunhilde Pomsel, storica collaboratrice di Joseph Goebbels. Cinema 2 invece ospita in terza serata This Must Be The Place, primo film made in USA di Paolo Sorrentino con Sean Penn.

“Schindler’s List”

La7 e Paramount Network

Andrea Purgatori conduce una puntata speciale di Atlantide proprio sulla Giornata della Memoria. Al suo interno spazio anche ai film Eichmann e Il processo di Norimberga.

Il primo si concentra sul processo al gerarca nazista tenutosi in Israele tra la metà del 1960 e l’inizio del 1961, il secondo su quello al vice-cancelliere del Reich Hermann Göring (Brian Cox).Paramount Network invece trasmette in prima serata (21.

10) Il bambino con il pigiama a righe con Vera Farmiga, sulla toccante storia d’amicizia tra il figlio di un ufficiale nazista e un coetanee ebreo.

Giornata della memoria 2021 su Sky

Il canale Sky Cinema Collection si trasforma in Settimana della Memoria fino al 31 gennaio. Il 27 gennaio propone, in prima tv, Lezioni di persiano di Vadim Perelman, presentato all’ultimo Festival di Berlino.

Francia, 1942, Gilles (Nahuel Pérez Biscayart) viene arrestato da soldati delle SS e portato in un campo di concentramento in Germania. Riesce a scamparla giurando alle guardie di non essere ebreo, ma di origine persiana.

La bugia lo aiuterà temporaneamente, ma per salvarsi definitivamente c’è bisogno di ben altro.

Numerosi sono i titoli disponibile su Sky, tra cui segnaliamo: il classico Schindler’s List di Steven Spielberg, Jojo Rabbit di Taika Waititi che gioca tra favola e orrore, Resistance, la storia vera del giovane Marcel Marceau (Jesse Eisenberg) che nella Francia occupata dai nazisti si unì alla Resistenza per salvare centinaia di bambini ebrei, Storia di una ladra di libri con Geoffrey Rush ed Emily Watson, Woman in Gold, biopic con Helen MirrenLa tregua di Francesco Rosi, adattamento del romanzo di Primo Levi con John Turturro, Il giardino dei Finzi Contini, capolavoro di Vittorio De Sica e Sobibor, un racconto sulla drammatica rivolta nel campo di sterminio che dà il titolo al film.

“Jojo Rabbit”

Sky Arte e History

Sky Arte punta sui documentari. La serata del 27 gennaio si apre (alle 20.

15) con 1938, diversi: le leggi razziali del fascismo di Giorgio Treves sull’attuazione delle leggi razziali durante il fascismo, seguono L’uomo per bene – Lettere segrete di Heinrich Himmler, doc che rievoca i passi falsi di Himmler, uno dei maggiori responsabili degli orrori nazisti, e Chi scriverà la nostra storia, sull’archivio Ringelblum. Prosegue a tarda notte il ricordo della Shoah con Auschwitz-Il processo, sul primo processo al campo di concentramento più famoso della storia e con 1938 – Lo sport italiano contro gli ebrei.

Su History a tarda sera (22.40) andrà in onda Inferno Mittelbau Dora, documentario sull’ultimo campo di concentramento costruito dai nazisti, uno dei lager più duri della Germania, appunto il Mittelbau Dora. Anche Sky Sport e Sky Tg24 dedicano alla Giornata della Memoria studi, rubriche e approfondimenti.

“L’uomo per bene – Lettere segrete” di Heinrich Himmler.

Rai Play

Le piattaforme streaming pullulano di titoli dedicati alla Giornata della memoria 2021. C’è l’imbarazzo della scelta.

Dal 27 gennaio su RaiPlay è disponibile in esclusiva Un cielo stellato sopra il ghetto di Roma di Giulio base (andrà in onda anche su Rai 1 il 6 febbraio alle 22.50).

Il film segue un gruppo di ragazzi alla ricerca della verità dopo il ritrovamento di una misteriosa fotografia che ritrae una bambina. Sarà un viaggio nella memoria di un passato doloroso che ci porterà fino al rastrellamento del quartiere ebraico di Roma.

Su RaiPlay sono disponibili anche Bye Bye Germany, Il labirinto del silenzio di Giulio Ricciarelli e Il falsario – Operazione Bernhard di Stefan Ruzowitzky che narra la vera storia dell’Operazione Bernhard, ideata dai nazisti per mettere in ginocchio la Gran Bretagna. Da vedere il documentario #AnneFrank. Vite parallele narrato dal premio Oscar Helen Mirren.

Prime Video

Il doc con la Mirren è anche disponibile su Prime Video. Sulla piattaforma troviamo anche lo straordinario Il figlio di Saul dell’ungherese László Nemes, Palma d’Oro e Oscar per il Miglior film straniero.

Se non lo avete ancora visto trovate il coraggio di farlo, ne vale la pena. Non perdetevi nemmeno La verità negata con Rachel Weisz, nei panni di Deborah Lipstadt, la storica realmente esistita che accusò di negazionismo lo scrittore David Irving.

Fu una lunga battaglia legale.

Netflix

Su Netflix in streaming Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino che rende giustizia, a modo suo, al sopruso degli ebrei. Vale sempre la pena rivederlo.

Operation Finale con Oscar Isaac e Mélanie Laurent (anche nel film di Tarantino) racconta la caccia al criminale di guerra Adolf Eichmann, il nazista sfuggito al processo di Norimberga.

iO Donna Beauty Club

Entra in un club fatto di novità,
consigli personalizzati ed esperienze esclusive

Da tenere d’occhio anche Il fotografo di Mauthausen, Il banchiere della resistenza e la miniserie Il Boia Insospettabile, sul processo alla guardia dei campi di sterminio noto come Ivan il Terribile.

“Bastardi senza gloria”

iO Donna ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Источник: https://www.iodonna.it/spettacoli/tv/2021/01/27/giornata-della-memoria-2021-film-sullolocausto-shoah-tutta-la-programmazione-tv-e-streaming/

Film sulla Shoah per bambini

Giornata della Memoria, uno spettacolo per i bambini

Anche i più piccoli devono sapere che cosa fu l'Olocausto. Ecco una lista di titoli che mostrano che cosa è successo a portata di bambino.

Il 27 gennaio è la Giornata della Memoria, la data in cui si ricordano tutte le vittime dell'Olocausto (o Shoah) , il genocidio perpetrato dai nazisti tra il 1941 ed il 1945 nei confronti del popolo ebraico e delle altre minoranze considerate “inferiori”.

Nonostante l'orrore e l'atrocità del tema, è importante che anche i più giovani conoscano cosa accadde in quei luoghi di morte che erano i campi di concentramento (e sterminio).

Per farlo senza eccessivi traumi – crescendo avranno modo di approfondire i dettagli della barbarie nazista – il cinema può essere un valido alleato.

Ci sono infatti alcune pellicole capaci di trattare l'argomento e restituire le atmosfere dell'epoca, pur senza troppe sfumature cruente.

Jona che visse nella balena (1993)

La storia è tratta dal romanzo autobiografico di Jona Oberski Anni d'infanzia. Un bambino nei lager.

Il protagonista, Jona, ha solo sei quando viene deportato in un campo di concentramento.
La vita nelle baracche dove sono stipati i prigionieri è molto dura e Jona, che riesce a rimanere con la madre ma non con il padre (costretto ai lavori forzati), patisce freddo e fame fino alla fine della guerra.

Il finale è piuttosto tragico, ma se “filtrata” da un adulto, la visione è consigliata anche per i bambini.

La Vita è Bella (1997)

Il film cult di Roberto Benigni è sicuramente una pietra miliare del cinema italiano e può essere tranquillamente guardato anche da un pubblico molto giovane.

I più piccoli infatti possono affrontare la storia con gli stessi occhi di Giosué, il bimbo di 5 anni che si ritrova a dover vivere nelle baracche di Auschwitz dopo la deportazione di tutta la sua famiglia e che papà Guido (Roberto Benigni) cercherà di proteggere facendogli credere di essere dentro ad un gigantesco gioco.

Una storia toccante, immortale, e che mostra con una patina fiabesca la catastrofica realtà dei campi di sterminio.

Train de vie (1998)

La pellicola diretta da Radu Mihăileanu rappresenta un modo sorprendentemente riuscito di raccontare ironicamente la Shoah.

L'intera vicenda ruota attorno ad una comunità ebraica che, per evitare la prigionia nazista, organizza una finta deportazione per raggiungere la Palestina e trarsi in salvo.

Nel convoglio, reso davvero simile ai macabri treni tedeschi, si creano così situazioni assurde ed equivoci tra ebrei travestiti da nazisti (che però si lasciano prendere la mano), ebrei travestiti da prigionieri, e persino veri tedeschi che finiscono per farsi ingannare da questa combriccola ai limiti del farsesco.

Il bambino con il pigiama a righe (2008)

Un film divenuto iconico nel filone di pellicole sul tema della Shoah.

Bruno è un bambino berlinese di otto anni che si trasferisce insieme alla famiglia per seguire il padre, ufficiale delle SS, che ha ricevuto una promozione e un nuovo incarico.

Poco tempo dopo, Bruno scopre che il padre è diventato il responsabile del campo di concentramento che poco distante dalla bella casa dove abitano.

Curiosando nei dintorni, Bruno conosce così Shmuel, un altro bambino più o meno della stessa età che però vive nel campo.
Inconsapevoli della situazione che stanno vivendo, Bruno e Shmuel diventano ottimi amici. Ma tra di loro c'è sempre il filo spinato…

La chiave di Sara (2010)

Nella Parigi occupata dai tedeschi, i rastrellamenti per stanare ebrei da mandare a morire a Est si fanno sempre più frequenti.

Alla fine i soldati vengono a prendere anche la famiglia di Sarah Starzynski, una bambina di 10 anni che però, prima di venire catturata, riesce a nascondere il fratellino dentro ad un armadio.

La storia allora fa un balzo ai giorni nostri, dove una giornalista cerca di ricostruire il destino dei due bambini attraverso una scia di indizi lasciata nel corso dei decenni.

La stella di Andra e Tati (2018)

È il primo cartone animato sul tema mai realizzato in Europa.

Il film, tutto italiano, racconta la vera storia delle sorelle Bucci, Andra e Tatiana, deportate ad Auschwitz nel 1944 e salvatesi dall'immediata uccisione perché scambiate per gemelle e dunque buone per futuri esperimenti del Dottor Morte, Joseph Mengele.

Il cartone, sostenuto dal MIUR e realizzato in collaborazione con RAI e Larcadart è visibile anche su RaiPlay.

Источник: https://www.nostrofiglio.it/famiglia/film-shoah-bambini

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: