Giochi per neonati di 4 mesi: quali scegliere e perché

I 10 Migliori Massaggiagengive per Neonati per un Sollievo Immediato

Giochi per neonati di 4 mesi: quali scegliere e perché

Il processo di formazione dei denti da latte, chiamata dentizione decidua, è lungo e fastidioso, ed è in questa fase che diventa necessario acquistare un massaggia gengive per dare benessere e pace al bambino.

A quanti mesi si usa il massaggiagengive? Il massaggia gengive per neonati viene usato già a partire dai 2 – 3 mesi di vita, per proseguire poi intorno ai 4-6 mesi quando iniziano a farsi strada i primi dentini davanti, ovvero gli incisivi centrali. Dai 6 ai 12 spuntano invece gli incisivi laterali, mentre tra i 18 e i 30 mesi, fanno la loro comparsa molari e premolari.

Nel periodo di dentizione il bambino prova dolore, fastidio e prurito su tutta la zona delle gengive, per questo, acquistare il miglior massaggiagengive è utile a dargli sollievo. Inoltre, il dentaruolo calma il bambino quando è irrequieto e irritato e può essere di grande aiuto anche per favorire un sonno tranquillo.

Abituando poi il bimbo al massaggiagengive durante la dentizione si evita di lasciare che porti alla bocca e morda qualunque oggetto o giocattolo gli capiti intorno, azione istintiva e innata già dai primi mesi.

Il massaggiagengive è anche un gioco capace di stimolare le sensazioni tattili e la vista, il bambino impara a riconoscere diverse forme, colori e la sensazione di caldo e freddo.

Come scegliere un massaggiagengive: tipologie e caratteristiche

I massaggiagengive sono disponibili in tanti modelli diversi, vediamo le caratteristiche principali che li contraddistinguono per capire come sceglierlo correttamente.

Età del bambino

I massaggiagengive hanno una struttura diversa se destinati ai bimbi più piccoli nella prima fase di dentizione.

I massaggiagengive 2 mesi e oltre, sono piccolini e morbidi, con una struttura piuttosto semplice. Alcuni hanno la forma di un ciuccio con una piccola superficie da mordere al posto della tettarella, altri hanno la forma di un piccolo cerchio con delle sporgenze.

Nella seconda fase invece, a partire dai 5- 6 mesi fino ai primi anni, i massaggiagengive si fanno un po’ più grandi e si arricchiscono di giochi e colori assortiti per poter intrattenere il bambino e stimolarlo anche dal punto di vista visivo.

Inoltre le superfici massaggianti sono suddivise in due o tre tipologie, con diverso grado di consistenza da morbida e più resistente, adatte ai denti centrali, laterali o ai molari.

Impugnatura

Quando il bimbo inizia a prendere in mano gli oggetti, il massaggiagengive con impugnatura diventa la soluzione migliore.

La forma più comune è quella ad anello che consente alle manine del bimbo di afferrarlo con comodità. I massaggiagengive per neonati hanno un corpo unico, mentre i massaggiagengive per i primi anni possono essere composti da impugnatura più altre parti mobili.

Ad ogni modo e indipendentemente dalla fase della dentizione, il massaggia gengive viene tenuto in mano dal bambino, ecco perché un buon dentaruolo deve essere sempre facile da impugnare.

Superficie massaggiante

Le superfici massaggianti hanno dei piccoli rilievi come palline o striscioline di diversa dimensione capaci di stimolare le gengive.

Oltre a mordere, il bimbo prende l’abitudine di strofinare gli oggetti avanti e indietro sulle gengive e presto riconoscerà quale parte del massaggiagengive darà più sollievo. In genere, queste superfici si trovano anche nell’impugnatura, in modo che tutto l’oggetto sia utile allo scopo.

Massaggiagengive refrigerante

Il miglior massaggiagengive per neonati è dotato di azione refrigerante. Si tratta di una parte piena di acqua o di gel che si raffredda in frigo o in freezer, in questo modo si aggiunge l’azione del freddo alla masticazione che agisce da leggero analgesico sulla parte donando un sollievo immediato e più duraturo.

Anche i dentaruoli che non hanno liquido refrigerante possono essere tenuti in frigo per una maggiore sensazione di freschezza, questa però svanirà in breve tempo rispetto ai modelli appositi.

Giochi e colori

Alcuni modelli di massaggiagengive sono dotati anche di giochi come palline, animali, sonagli per intrattenere i bimbi più grandi. Ci sono decorazioni e figure di ogni tipo e se si vuole versioni spiccatamente femminili o maschili con i classici rosa e azzurro.

Massaggiagengive con clip

Alcuni modelli di massaggiagengive sono dotati di clip e cordino da agganciare ai vestitini del bimbo. Si evita così di perdere il massaggiagengive mentre il bimbo gioca e soprattutto quando si esce all’aperto con il passeggino.

Materiali

Tra i materiali più usati per realizzare i massaggiagengive troviamo il silicone. Questo materiale è morbido e delicato sulle gengive, molto resistente ai morsi e semplice da igienizzare.

Vengono impiegati altri materiali plastici come gomma e PVC per realizzare parti più solide. La cosa importante è che i materiali e i colori utilizzati siano atossici, privi di BPA e altre sostanze potenzialmente nocive per la salute del bimbo.

Sterilizzazione e pulizia

Poter pulire il massaggiagengive in maniera rapida è un aspetto fondamentale. Alcuni modelli infatti, non possono essere inseriti nello sterilizzatore o lavati in acqua bollente. È il caso dei massaggiagengive refrigeranti in quanto il gel contenuto all’interno potrebbe rovinarsi. Si possono lavare invece con acqua tiepida e bicarbonato.

Prima dell’acquisto è bene quindi valutare come è possibile pulirlo e per sicurezza, per sterilizzare il massaggiagengive occorre sempre seguire attentamente le istruzioni dei produttori.

I migliori massaggiagengive per neonati da acquistare

Per scegliere il miglior massaggiagengive abbiamo selezionato 10 tra i migliori prodotti in commercio in una fascia di prezzo tra i 6 e i 10 euro.

I prezzi dei massaggiagengive sono accessibili a tutti, tra le migliori marche troviamo sicuramente MAM e Chicco, aziende specializzate nella produzione di articoli per bambini che effettuano tutti i test sui materiali e sul prodotto finito.

Il miglior massaggiagengive per neonati è a nostro avviso il MAM Mini Cooler, dotato di azione refrigerante, comoda clip da attaccare ai vestiti del bambino o al passeggino per tenere il dentaruolo sempre a portata di mano, adatto a partire dai due mesi.

Per i bambini dai 6 mesi in su il MAM Bite & Play è un simpatico massaggiagengive con sonaglio rotante formato da tre parti con diverse superfici massaggianti e azione refrigerante.

Il massaggiagengive Chicco Baby Senses può essere usato fino ai due anni di età, formato da un anello con 3 pesciolini colorati mobili che offrono diverse superfici da mordere.

Tra i migliori massaggiagengive per i più piccoli, il Nuby ID618 Gum-eez ha una forma simile ad un ciuccio, è molto piccolo e leggero e il bimbo lo può tenere facilmente in bocca già dai primi mesi.

Di seguito le 10 migliori offerte di massaggiagengive per bambini con le rispettive caratteristiche e prezzi.

MAM 814211 Mini Cooler & Clip

Prezzo 9,64 €

  • Dentaruolo massaggiagengive refrigerante da tenere in freezer con clip e laccetto
  • Adatto a partire dai 2 mesi
  • Anello facile da afferrare e tenere per piccole mani
  • Favorisce lo sviluppo corretto della mascella
  • Stimola l’apprendimento attivo
  • Stimola il senso del tatto, il neonato impara a distinguere il caldo dal freddo
  • Stimola la capacità motoria grazie alla forma curva
  • Raggiunge facilmente anche i molari
  • Conforme alla normativa EN 71 e privo di BPA

AngelBliss Baby Teething Toys Set

Prezzo 13,99 €

  • Set di 4 massaggiagengive
  • Realizzati in silicone alimentare
  • Morbidi e flessibili
  • 4 differenti forme: uva, arancia, banana e giraffa
  • Uva e arancia con base antiscivolo e corpo flessibile
  • Banana con spazzolino delicato per pulire la bocca
  • Giraffa con scanalature multiple adatte ai diversi periodi di dentizione
  • Design multifunzione per stimolare in maniera differente la bocca del bambino
  • Con impugnatura ergonomica facile da afferrare
  • Possono essere congelati
  • Adatto come idea regalo

Chicco Massaggiagengive Fresh Relax

Prezzo 7,00 €

  • Anello da dentizione refrigerante da tenere in frigo
  • Adatto alle specifiche esigenze dei bambini nelle diverse fasi della dentizione
  • Adatto ai bambini a partire dai 4 mesi
  • Calma il dolore alle gengive sensibili
  • Rinfresca la bocca del bambino
  • Impugnatura in gomma rigida
  • Disponibile nei colori assortiti rosa o blu

MAM Bite & Brush

Prezzo 7,25 €

  • Dentaruolo adatto a partire dai 3 mesi
  • Impugnatura ad anello che stimola le sensazioni tattili
  • Favorisce lo sviluppo della mascella
  • Stimola l’apprendimento attivo
  • Parte da masticare con morbide setole per allenare i muscoli della bocca
  • In caso di uso di gel per dentizione, favorisce la cura quotidiana dei denti

Chicco Baby Senses

Prezzo 4,99 €

  • Dentaruolo in plastica morbida
  • Facile da afferrare con la struttura ad anello
  • Parti in rilievo per stimolare le gengive
  • Adatto a partire dai 3 mesi fino a 2 anni di età
  • Realizzato in gomma
  • Parti mobili con 3 simpatici pesciolini colorati da mordere

MAM 816620 Dentaruolo Rinfrescante Unisex 

Prezzo 9,64 €

  • Massaggiagengive refrigerante ad acqua rilassa e calma
  • La forma innovativa raggiunge i denti posteriori
  • Texture per massaggiare le gengive
  • Adatto a partire dai 2 mesi
  • Realizzato senza BPA
  • Dona sollievo alle gengive
  • Favorisce lo sviluppo corretto della mascella e stimola l’apprendimento attivo
  • I diversi colori e motivi acuiscono il senso della vista
  • La forma curva stimola la capacità motoria
  • Impugnatura ad anello per afferrare e tenere con facilità il dentaruolo
  • Conforme alla normativa EN 71

Nuby Wacky Teething Ring

Prezzo 10,09 €

  • Massaggiagengive in silicone con superficie massaggiante multipla
  • Formato da diversi materiali: tessuto, gomma e silicone
  • Struttura ad anello per facile presa
  • Adatto a partire dai 3 mesi
  • Realizzato senza BPA
  • Le diverse forme e superfici sono adatte ai denti davanti, denti di mezzo e denti posteriori

Nuby ID618 Gum-eez 

Prezzo 6,90 €

  • Massaggiagengive in silicone morbido
  • Adatto per la prima fase della dentizione
  • Massaggia delicatamente i primi denti da latte
  • Si adatta alle gengive del bambino
  • Design unico per offrire comfort alle gengive e ai denti del bambino
  • Stimola labbra e lingua ad iniziare la fase di masticazione

  • Massaggiagengive a forma di elefantino
  • Allevia i fastidi della dentizione
  • Si può tenere in frigorifero per aumentare la funzione calmante
  • Adatto a massaggiare i denti frontali, incisivi e posteriori
  • Facile da impugnare anche con le manine piccole dei bimbi
  • Sterilizzabile

Potrebbero interessarti anche:

  • I 10 Migliori Ciucci per Bambini e Neonati in Caucciù e Silicone
  • I 10 Migliori Fasciatoi Pieghevoli per Neonati Con e Senza Vaschetta
  • Le 10 Migliori Palestrine per Neonati più Accessoriate e Divertenti
  • I 10 Migliori Cancelletti di Sicurezza per Bambini
  • I 10 Migliori Girelli per Bambini per Muovere i Primi Passi
  • I 10 Migliori Box per Bambini per Giocare e Riposare Sicuri

Источник: https://www.toptencasa.it/miglior-massaggiagengive/

Sviluppo del Neonato, Giochi per neonati mese per mese

Giochi per neonati di 4 mesi: quali scegliere e perché

Il gioco è il mezzo che permette ai bambini di imparare e sviluppare nuove competenze. Ricorda anche che i neonati non sono in grado di portare attenzione a lungo.

Cerca il momento giusto per il gioco, quando non ha fame né sonno, e non far durare il gioco più di 5 minuti inizialmente, per aumentare gradualmente ma sempre prestando attenzione a che non dia segnali di stanchezza o sovra stimolazione.

Ogni bambino cresce a suo ritmo, per cui la guida che ti proponiamo è indicativa, ma se ti sembra che tuo figlio non sia ancora pronto per un determinato gioco aspetta una o due settimane prima di riproporglielo.

Appena nato

Durante i primi mesi di vita, quando il neonato non ha ancora sviluppato grandi abilità motorie, il modo migliore per stimolarlo è attraverso i sensi. Poiché la sua vista non è ancora ben sviluppata è importante che gli oggetti gli vengano avvicinati.

I neonati sono particolarmente attratti dai visi umani (in particolare quello materno), ma anche dalle immagini di visi, e dai colori a forte contrasto come il bianco-nero e i colori brillanti. Il neonato iniziato fin da subito ad apprezzare i suoni e la musica.

Un oggetto che ha un movimento lento e una musica dolce è certamente più interessante di un oggetto immobile e silenzioso.

  • Libro di stoffa con motivi a contrasto: è un’esperienza visiva e tattile allo stesso tempo. In particolare le righe bianche e nere attirano la sua attenzione
  • Carillon o riproduttore musicale: fagli ascoltare tanta musica diversa

Neonato di 1 mese

  • Giostrina per culla: aggiunge una nuova dimensione al punto di vista orizzontale nel lettino
  • Sonaglio da mano: non è ancora in grado di tenerlo in mano ma glielo si può avvicinare al campo visivo e muovere gentilmente

Neonato di 2 mesi

  • Pupazzo che fa rumore: puoi usare un pupazzo che emette un rumore tramite pressione per rendere tuo figlio consapevole della relazione causa-effetto
  • Calzettini e polsiere con sonaglio: una volta capita la relazione movimento-rumore il sonaglino lo stimola a muoversi per produrre i suoni

Neonato di 3 mesi

Intorno ai 3 mesi il neonato inizia la scoperta delle sue manine. Gli piace osservarle, metterle in bocca e poco a poco imparare ad usarle per afferrare e muovere gli oggetti e toccare il tuo volto.

  • Arco giocattoli: da cui pendono delle figure in stoffa o plastica da spingere con le mani o tirare. Ci sono modelli da agganciare alla culla o al passeggino, oppure da terra, eventualmente fissati ad un morbido tappetino di stoffa
  • Tappetino: un morbido tappeto su cui passare un po’ di tummy time o stare anche a pancia in su se provvisto di un arco
  • Barra attività: si attacca al passeggino o al seggiolino auto per intrattenerlo anche fuori casa

Neonato di 4 mesi

  • Sonaglio trasparente: ai bambini piace produrre rumore e con un sonaglio trasparente può vedere come il rumore viene creato
  • Animali di plastica per il bagnetto: da prendere e strizzare per produrre il loro tipico squittio accompagnato da un gettito di acqua
  • Libri di cartone: non è mai troppo presto per iniziare a leggere una storia ma i primi libri devono essere solidi

Neonato di 5 mesi

  • Peluche: alcuni bambini a questa età iniziano a scegliere un peluche del cuore che diventa un oggetto di transizione da portare con sé ovunque per rendere ogni nuovo ambiente più famigliare.
  • Cucchiaino di silicone: prima ancora che il bambino inizi a mangiare le prime pappe può familiarizzare con il cucchiaino giocandoci aiutato dal genitore.
  • Anello dentizione: al bambino piace portare tutto alla bocca e questi anelli gli procurano anche il giusto sollievo alle gengive.

Neonato di 6 mesi

Verso i 6 mesi il bambino è in grado di stare seduto da solo e da questa nuova prospettiva si trova al centro di un mondo sensoriale in continuo cambiamento. I giochi del bambino a partire dai 6 mesi iniziano ad essere molto più vigorosi. I giochi vengono afferrati per essere sbattuti sul tavolo o a terra e tra di loro.

I suoi movimenti diventano sempre più precisi e la sua attenzione inizia a focalizzarsi su oggetti anche piccolissimi, a volte sulle etichette dei giocattoli più che sul giocattolo in sé. Il bambino inizia anche a comprendere che gli oggetti (e le persone) esistono anche quando non sono a vista, e questo significa che potrebbe iniziare a cercarli.

Il gioco del cucù e del nascondino iniziano a diventare popolari.

  • Tavolo attività: offrono esperienze multisensoriali e rafforzano la cognizione del bambino che è in grado di fare succedere delle cose muovendo gli oggetti
  • Peluche e bambole di stoffa: che diventa per lui un primo amico del cuore
  • Palla di stoffa: da spingere per stimolare il movimento del bambino o da tirare avanti e indietro tra voi due

Neonato di 7 mesi

  • Libri: la lettura inizia a diventare più interattiva; il bambino però può anche avere piacere di passare del tempo ad osservare le immagini del libro da solo
  • Oggetti casalinghi: non c’è gioco che regga la concorrenza con gli oggetti che mamma e papà usano tutti i giorni. Telefoni e telecomandi in primis, e la versione giocattolo non può esercitare lo stesso fascino. Offritegli ciotole di plastica, cucchiai di legno e magari della pasta secca da travasare

Neonato di 8 mesi

  • Mattoncini di legno o stoffa: tu li impila e lui li butta giù. Fornendo al tuo bambino una scatola si divertirà anche a riempirla e svuotarla
  • Giochi che si muovono: come animali trainabili, macchinine a spinta. La maggiore mobilità aumenta la suo curiosità verso tutto quello che si muove

Neonato di 9 mesi

Intorno ai 9 mesi potrebbe anche già essere in grado di tirarsi su in piedi aggrappandosi ai mobili.

In questo periodo i giochi che più lo interessano sono quelli interattivi: fare finta di parlare al telefono o farsi il solletico a vicenda.

La maggiore mobilità lo spinge a dare libero sfogo alla sua curiosità e cercare di afferrare o aprire qualsiasi cosa che vede. È anche normale che a questa età porti tutto alla bocca.

  • Telefono: Un telefono giocattolo potrebbe non attrarlo come uno vero ma se hai un vecchio telefonino puoi darglielo e giocare a parlare al telefono
  • Palla che rimbalza: vedere rimbalzare una palla la prima volta potrebbe dargli una grande emozione. Un’altra opzione sono anche i giochi che fanno muovere le palline al loro interno tramite l’aria

Neonato di 10 mesi

  • Gioco delle forme: potrebbe passare ore a capire come inserire le forme nel buco giusto e quando ci riesce farsi un bell’applauso
  • Giochi da spingere: un carrellino non solo può aiutarlo a muoversi intorno casa ma è un oggetto che continuerà ad accattivare il suo interesse anche quando sarà già in grado di camminare da solo

Neonato di 11 mesi

  • Mattoncini costruzioni: questa è l’età ideale per iniziare i primi giochi con i mattoncini. Devono essere grandi e con forme e colori variegati
  • Libri: Non stancano mai perché offrono sempre una nuova opportunità di apprendimento. A questa età possono interessare i libri con linguette da tirare e aprire, bottoni da spingere, etc.

Neonato di 12 mesi

  • Giochi cavalcabili: quando il bambino ha già un buon equilibrio e possibilmente ha già fatto i primi passi in solitaria un gioco cavalcabile da spingere con i piedi gli permette di muoversi velocemente e continuare a sperimentare con la sua mobilità
  • Secchiello e paletta: un po’ di sabbia e questi oggetti sono l’intrattenimento giusto per una giornata all’aria aperta

Источник: https://it.mukako.com/it/consigli-per-le-mamme/blog-giochi-neonati

Giochi bebè: 10 attività per stimolare lo sviluppo psicofisico da 0 a 12 mesi

Giochi per neonati di 4 mesi: quali scegliere e perché

Che cosa si può fare con un neonato o poco più? Come intrattenerlo in modo intelligente dalla nascita ai primi passi? Ecco 10 giochi, semplici e divertenti, adatti a favorire e stimolare lo sviluppo del bebè da 0 a 12 mesi.

Come stimolare lo sviluppo psico-fisico del bebè

Nei primi mesi di vita, ogni giorno, il bebè taglia innumerevoli traguardi sotto gli occhi amorevoli (e, spesso, sorpresi) di mamma e papà. La sua graduale acquisizione di nuove competenze passa anche attraverso la relazione con l'adulto e il 'gioco', inteso come movimento e scoperta del corpo.

Per questo, è importante offrire al bimbo, nel corso del primo anno, la possibilità di sperimentare, rispettando però, le sue naturali tappe motorie.

Ma cosa si può fare per intrattenere un neonato o un lattante, si domandano alcuni genitori a corto di idee?
Non è opportuno, per esempio, secondo la pediatra Emmi Pikler, (tra i punti di riferimento per la primissima infanzia), metterlo seduto se non ha ancora guadagnato da solo questa posizione.

Allo stesso modo, è fondamentale non anticipare le azioni del pargolo dimostrando fiducia nel suo 'fare'. Quando a 2-3 mesi cerca di allungare le mani verso un oggetto, per esempio, sta esercitando le sue capacità di problem solving (risoluzione di un problema) per afferrare quello che lo interessa.

Di fatto, proprio il movimento e la scoperta di quello che può fare con il suo corpo rappresentano per ogni piccolo la sfida principale durante il primo anno di vita.

Ecco perché è così importante non costringere il bimbo tutto il giorno dentro seggiolini, box, lettini con sbarre che lo limitano.

 E' invece opportuno stimolarlo con semplici giochi e attività.

Tra le voci autorevoli sullo sviluppo motorio, Beverly Stokes (Neonati felici in movimento, Macro edizioni) raccomanda ai genitori di creare una zona confortevole sul pavimento, con un tappeto o una coperta, dove lasciare il bebè libero di muoversi. Tra l'altro, questo spazio diventa un luogo piacevole anche per il gioco quotidiano insieme all'adulto.

Ecco 10 giochi, semplici e divertenti, adatti a favorire e stimolare lo sviluppo del bebè da 0 a 12 mesi.

vai alla gallery

Già dai primissimi mesi di vita, il gioco, inteso come ogni piccola attività che crea 'connessione' tra bimbo e genitore, è il vero 'alimento' della mente, del…

1. Il gioco con lo specchio

Età: 0-6 mesi

Tra gli infiniti cambiamenti che comporta la vita con il neonato, al neo-genitore potrebbe sfuggire l'importanza di metterlo, da sveglio, nella posizione prona e fare con lui delle semplici attività.

E' fondamentale perché stare a pancia in giù incoraggia il movimento e stimola le vie cerebrali.

Tra l'altro, facilita anche il drenaggio dei dotti tra le orecchie e il naso che si ostruiscono abbastanza facilmente causando infezioni alle orecchie.

A raccomandarlo è Margaret Sassé, esperta di prima infanzia e fondatrice dell'organizzazione Toddler Kindy GymbaROO, nel suo libro Pronti, attenti, via! (Erickson).

Un'idea semplice e divertente è appoggiare uno specchio davanti al bebè (magari sistemandolo vicino a una parete per sicurezza), mentre lui è a pancia in giù, sul lettone o su un morbido tappeto. Giocate con la sua immagine e la vostra per qualche secondo: il piccolo fa fatica a sollevare la testa, quindi è opportuno non allungare i tempi del gioco ma si può ripeterlo più volte nel corso della giornata.

2. Il gioco con il cilindro di stoffa

Età: 0-6 mesi

Per incuriosire il bebè (verso i 2-3 mesi) e stimolarlo ad allungare le braccia, è anche possibile mettergli davanti un oggetto (tipo una palla, un sonaglio o il suo giochino preferito). Va bene ripetere l'attività quando il piccolo è sveglio lasciandolo giocare massimo un minuto per volta.

3. Sul tappeto con i giochi da afferrare

Età: 0-6 mesi

Nei primi mesi di vita, secondo Elena Balsamo, pediatra ed esperta del metodo Montessori (Libertà e amore, l'approccio Montessori per un'educazione secondo natura, Il leone verde), il bebè non ha bisogno di troppe cose.

E' invece una buona idea creare un angolo con un materassino basso di gommapiuma, una vecchia trapunta o un tatami dove lui possa muoversi liberamente in completa sicurezza.

Qui è opportuno collocare alcuni oggetti (sempre a sua disposizione) come, per esempio, un foulard, qualche sonaglino, un giochino in legno e un attrezzo di uso domestico, tipo un cucchiaio che il piccolo può mettere in bocca tranquillamente.

Per giocare con il piccolo, avvicinate gli oggetti, senza metterli direttamente nelle sue mani, in modo che possa esercitare il coordinamento dei movimenti necessari per afferrare da solo l'oggetto. Riuscire nell'impresa è una grande soddisfazione per ogni piccolo e osservare i suoi 'progressi' lo è anche per il genitore!

4. Canzoni e filastrocche con il movimento

Età: 0-6 mesi

Cantare o recitare parole in rima al piccolo favorisce lo sviluppo del linguaggio ed è anche un'occasione per 'allenare' movimento e ritmo effettuando la stimolazione senso-motoria.

Intorno ai 2 o 3 mesi (ma è divertente per il bimbo anche dopo), è possibile 'mettere in scena' una filastrocca semplice – come quella qui proposta – accompagnandola con una serie di movimenti, dolci e lenti.

L'attività dovrebbe durare un paio di minuti e può essere riproposta più volte nel corso della giornata. Di fatto, la chiave di tutto è la ripetizione che i più piccoli prediligono per istinto, come spiega Margaret Sassé nel suo libro.

Ecco un esempio di una filastrocca  accompagnata da movimenti.

Giacomo e Giulia

Giacomo e Giulia salirono sulla collina per andare insieme a casa di Tina.
(Tenete il pargolo per la vita, sollevatelo un po' sopra la vostra testa senza mai perdere il contatto visivo. Lo scopo è che anche lui alzi la testa quando dite 'sulla collina').

Giacomo cadde al suoloe fece un gran bel volo.

(Mettetelo giù, per terra o sul letto, lentamente).

Giulia si spaventò e dietro di lui ruzzolò.
(Reggendolo, fatelo oscillare a destra e a sinistra).

(Da M. Sassé, Pronti, attenti, via!, Erickson)

vai alla gallery

Per la mamma, la maestra, il bagnino, le stagioni, le vacanze …: da Focus Pico tante filastrocche allegre e facili da imparare. Ricordatevi: le filastrocche e le storie in rima sono utili per…

5. Il gioco della girandola colorata

Età: 0-6 mesi

Appena nato, il bebè percepisce visivamente quello che lo circonda ma non riesce a dare un senso a quello che vede e non mette bene a fuoco. La visione, infatti, continua a svilupparsi dalla nascita in poi grazie ai messaggi che il cervello riceve dagli altri sensi (e dal movimento).

Seguire, per esempio, con lo sguardo un oggetto che si muove è tra le prime importanti conquiste del bebè.

Verso i 2-3 mesi è fondamentale avvicinare degli oggetti al piccolo (tipo, per esempio, giostrine e giocattoli appesi al lettino) per permettergli di osservarli.

In questo modo, inizia a sviluppare la percezione della profondità e il senso delle distanze.

Ogni genitore si commuove quando il piccolo muove i pugnetti e alla fine apre la mano per cercare di afferrare l'oggetto.

Un'idea semplice ed efficace per giocare con il pargolo, sdraiato su un morbido tappeto, e 'allenare' la sua vista è mostrargli una girandola colorata (è anche possibile costruirne una di cartoncino prediligendo i colori accesi, come il rosso che i piccolissimi mettono meglio a fuoco). Muovete lentamente la girandola davanti al bimbo, soffiando piano piano, in modo che possa seguirla con lo sguardo.

Anche nei mesi successivi, quando il pargolo, mentre è sdraiato,(e riesce a girarsi da solo dalla schiena alla pancia), è possibile proporre il gioco: si divertirà a tentare di toccare e fermare la girandola! 

6. Il gioco della carriola… cantando una canzoncina

Età: 6-12 mesi

Ecco un classico gioco di movimento che diverte tanto i piccoli e aiuta lo sviluppo di spalle, braccia e mani. Appoggiate il bimbo sulla pancia e sollevatelo dalle gambe invitandolo a spostarsi sulle mani cantando una canzoncina:

Rotoliamo tutti quanti, rotoliamo, rotoliamo,
rotoliamo tutti quanti tutti quanti come (nome del bambino).

(Da M. Sassé, Pronti, attenti, via!, Erickson)

Una alternativa divertente, utile se le braccia del bimbo non sono ancora abbastanza forti, è mettere sotto il pancino una piccola palla che funziona da sostegno per camminare avanti con le mani.

7. Il gioco con la scala a pioli

Età: 6-12 mesi

Ancora prima di camminare speditamente, tutti i bimbi (già intorno agli 8-10 mesi) sono affascinati dalle scale: salire sui pioli è un ottimo esercizio per migliorare la presa della mano e il tono muscolare.

Procuratevi una piccola scala verticale (la più facile su cui arrampicarsi) e aiutate il piccolo a mettere i piedi sul primo piolo (per lui è come gattonare verso l'alto! ).

Altrettanto utile e divertente, è giocare con una scala appoggiata (orizzontalmente) al pavimento, incoraggiando il bimbo ad andare avanti con mani, ginocchia e piedi. Ideale sarebbe utilizzarne una con i pioli dipinti per favorire lo sviluppo della consapevolezza cromatica.

8. Il gioco della scatolone

Età: 6-12 mesi

Quando il bimbo gattona ormai allegramente per tutta la casa e, ogni momento, sembra mettere alla prova le sue capacità motorie, troverà divertente uscire da solo da un classico scatolone di cartone.

Procuratevene uno abbastanza grande, e robusto, da infilare dentro il bimbo (con i bordi non troppo alti, in modo che il piccolo possa appoggiarsi e fare leva) e, per maggiore sicurezza, disponetelo su un tappeto (o un materassino basso).

Per rendere il gioco più eccitante, circondate la scatola con un paio di giochini e invitate il piccolo a uscire per impossessarsene.

Un'attività del genere richiede una grande 'pianificazione motoria' ed è utilissima per stimolare il bimbo a trovare una soluzione migliorando le sue capacità di coordinamento.

9. Il gioco delle coppie

Età: 6-12 mesi

Ogni azione per il bimbo è una meravigliosa scoperta: esercitare le attività-base del lavoro umano (aprire e chiudere, infilare e svuotare, riempire e svuotare, tirare e spingere, costruire e distruggere) è fondamentale per la crescita come già sosteneva Maria Montessori.

Per stimolare il bimbo a riconoscere i colori, per esempio, un'idea semplice e divertente (di ispirazione montessoriana) è quella di invitarlo a individuare le coppie di oggetti dello stesso colore.

Basta scegliere un numero pari di oggetti di uso comune (cucchiaio, spazzolino da denti, guanto da forno, pettine…), che possano accoppiarsi per colore (tipo spazzolino e cucchiaio blu, pettine e guanto da forno rosso).

Disponete la selezione (non troppo ampia per non confondere il bimbo) in un cestino e mettete davanti al piccolo altre ciotole e contenitori per separare gli oggetti.
A questo punto, invitatelo a esplorare la raccolta di oggetti e a separare quelli dello stesso colore, mostrando prima l'operazione un paio di volte.

10. Il gioco Cucù Settete con i suoi giochi

Il tradizionale gioco del Cucù Settete – che ogni genitore ben conosce (esiste in quasi ogni lingua) e diverte tanto il piccolo – aiuta a capire che la mamma non scompare quando non è sotto gli occhi.

Il concetti della permanenza degli oggetti (ovvero se non vedo una cosa, esiste lo stesso) è una grande conquista per ogni pargolo.

L'evoluzione del classico Cucù in una versione più 'complessa', adatta ai più grandicelli, è quindi utilissima.

Basta prendere 2-3 giochini noti al bimbo, per esempio, un piccola palla, un peluche e un oggetto di uso quotidiano (tipo il suo cucchiaio) e coprirli, a turno, con un lenzuolino.

In modo un po' teatrale, prendete la palla ed esclamate: 'Guarda la tua palla rossa!'.

Poi, nascondetela sotto il lenzuolo e, sorridendo, chiedete al pargolo 'E adesso dove è la tua palla?'…

Ripetete il gioco con ogni oggetto lasciando che il piccolo tocchi il lenzuolo e muova tutto liberamente, pronunciando anche il nome della cosa nascosta.

Источник: https://www.nostrofiglio.it/giochi/giochi-per-neonati/giochi-per-stimolare-lo-sviluppo-del-bebe-da-0-a-12-mesi

Giochi per neonati: ad ogni mese il giusto gioco | PG Magazine

Giochi per neonati di 4 mesi: quali scegliere e perché

Crescere giorno dopo giorno, vuol dire, per i più piccini, fare piccole grandi scoperte nel mondo. Colori, sensazioni, suoni: tutto è nuovo e meraviglioso. In questo senso, un buon metodo di interazione per i genitori è giocare con i propri figli e acquistare fin da subito dei giocattoli adatti alla crescita: dal corredino per i neonati fino ai primi passi.

Stai cercando articoli per neonati e bambini?

Trova vicino a te

Il graduale apprendimento delle capacità, del proprio corpo e del mondo nei primi mesi di vita, passa anche attraverso i giochi per neonati.

Ogni giorno mamma e papà giocano e interagiscono con il loro piccolo, ma a volte non sanno bene quali giochi sono adatti a lui e lo possono aiutare per conoscere e conoscersi.

Infatti, ogni mese di vita, i bambini acquistano delle capacità nuove e per questo è indispensabile aggiungere dei nuovi giochi per metterle in allenamento, come, ad esempio, i tanto colorati lego.

Le loro tappe motorie naturali vanno rispettate e per questo nella scelta dei giochi bisogna ben valutare il grado di difficoltà a cui li si mette davanti. Per loro è importante sperimentare, provare e mettersi alla prova: per questo alcuni esperti suggeriscono di stimolarli con giochi da esterno e in casa e attività adatte.

Premessa: giocare con un neonato

Prima di farti un elenco è bene fare alcune premesse generali. Devi ricordare che i bambini così piccoli non sono capaci di mantenere a lungo l’attenzione e per questo i giochi devono essere brevi, massimo di cinque minuti.

Meglio farli al momento giusto, cioè non quando ha fame o sonno, ma quando è tranquillo e vispo.

Tieni conto che nessuno meglio di te conosce il tuo bimbo, quindi le seguenti sono solo idee indicative: se non lo vedi pronto per un gioco, aspetta un po’ a presentarglielo o, allo stesso modo, se lo ritieni pronto passa già a quello del mese successivo.

0-3 mesi

Durante i primi tre mesi il piccolo non ha grandi abilità motorie e quindi le attività devono puntare principalmente ai sensi. In questi primi mesi amano i forti contrasti di colore, come il bianco e il nero e i colori vivaci. A quest’età apprezzano la musica e i suoni, in particolare quelli lenti, dolci, costanti.

A questo proposito i giochi per neonato ideali per questi mesi sono:

  • libricini di stoffa colorati;
  • pupazzi rumorosi;
  • carillon musicali e giostrine per culla, sempre con la musica;
  • tappeti morbidi, con arco di giochi;
  • sonaglini classici, che muoverà l’adulto visto non saprà tenerli in mano, o su polsiere/calzettini.

4-6 mesi

Con i 4 mesi il bimbo scoprirà le sue manine che amerà osservare e che piano, piano imparerà ad usare per toccare cose, afferrarle, muoverle. Iniziano i primi denti.

I giochi per un neonato di 4 mesi sono:

  • arco giocattoli;
  • peluche;
  • libri di cartone,
  • animali di plastica per il bagno;
  • cose da mettere in bocca: il cucchiaino di silicone, l’anello per la dentizione.

L’uso delle mani dev’essere controllato per assicurarsi che il bambino le abbia pulite e che non ci siano rischi d’igiene per il piccolo qualora le infilasse nella bocca giocando.

6-9 mesi

Dai 6 mesi il bimbo è capace di stare seduto da solo e gli si apre una nuova prospettiva. I giochi sono più apprezzati e ci gioca davvero, rigirandoli ed esplorandoli.

Perfetti quindi:

  • tavoli per attività multisensoriali;
  • peluche e bambole,
  • palle e giochi che si muovono;
  • libri con le figure;
  • oggetti che richiamano la quotidianità, come quelli di mamma e papà;

9-12 mesi

Dai 9 mesi il bambino può anche essere che sappia sollevarsi in piedi, aggrappandosi alle cose. I suoi giochi preferiti sono quelli interattivi. Ben vengano:

  • telefoni,
  • giochi cavalcabili,
  • giochi con le forma,
  • il carrellino da spingere, per imparare così a camminare;
  • costruzioni;
  • libri sensoriali tutti da esplorare, che sono anche fra i giochi della Montessori consigliati per i 9 mesi.

Источник: https://www.paginegialle.it/magazine/shopping/giochi-per-neonati-come-scegliere-i-piu-adatti-in-base-all-eta-3102

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: