Erbe aromatiche in cucina: le grandi alleate di dieta e salute

5 erbe aromatiche alleate della tua salute

Erbe aromatiche in cucina: le grandi alleate di dieta e salute

Saprai sicuramente che le erbe aromatiche sono il miglior ingrediente in cucina per dare sapore e profumo ai tuoi piatti in modo naturale e genuino.

Quello che forse non sai, è che queste erbe sono anche un eccezionale alleato per la tua salute e quella della tua famiglia. 

Le erbe aromatiche infatti, sono ricche di sostanze benefiche ed ognuna di esse apporta specifici benefici al nostro corpo. Avere in casa la giusta combinazione di erbe e conoscere le proprietà di ognuna, potrà aiutarti a migliorare la qualità della tua vita e dei tuoi cari. 

Vediamo di seguito 5 erbe aromatiche alleate della tua salute. 

Rosmarino

Questa pianta cresce spontanea sui litorali mediterranei ed era già usata in antichità per curare diversi disturbi in particolare quelli allo stomaco. 

Ecco i principali benefici del rosmarino: 

  • Anti diabetico: secondo un recente studio del Dipartimento di Scienze della Nutrizione dell’Università dell’Illinois, il rosmarino (insieme all’origano) sarebbe in grado di combattere il diabete di tipo 2;
  • Disturbi digestivi ed intestinali: l’olio essenziale in esso contenuto, è in grado di esercitare un’attività spasmolitica sulle vie biliari e sull’intestino tenue e di esercitare anche attività coleretica. 
  • Benessere mentale: Il rosmarino ha proprietà benefiche evidenti sul sistema nervoso: calma ansia, stress e forme depressive. Può essere utile in caso di emicrania, sciatica e diverse nevralgie. Aiuta poi a combattere problemi reumatici e muscolari in generale.
  • Antibatterico: puoi aiutarti a prevenire e combattere malattie in quanto gli vengono riconosciute importanti proprietà antibatteriche ed antisettiche, oltre ad essere un potente antiossidante. 

Salvia

La pianta è conosciuta fin dall’antichità per le sue proprietà salutari, ciò spiega il suo nome, proveniente da “salvus” che significa appunto “sano”.

Ecco i principali benefici della salvia:

  • Gengiviti e ascessi: infatti viene utilizzata anche in molti dentifrici grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e disinfettanti;
  • Disturbi da menopausa: La salvia, infatti, è ricca dienzimi, vitamina B1 e C, e di flavonoidi, in particolare isoflavoni, che hanno azione simile agli estrogeni. Proprio grazie alla presenza di questi elementi – che aiutano a riequilibrare il sistema ormonale – la salvia ha un effetto positivo nell’alleviare le vampate di calore;
  • Ritenzione idrica: L’acido carnosico e i triterpeni conferiscono alla salvia proprietà antinfiammatorie e diuretiche, ottimo rimedio naturale contro la ritenzione idrica;
  • Anti diabetico: La salvia possiede anche un’azione ipoglicemizzante: gli infusi di salvia sono utili nella cura del diabete, perché riducono il tasso di glicemia nel sangue.

Origano

L’origano è una pianta di montagna ed ha bisogno di un bel sole caldo per sviluppare tutto il proprio aroma. Ecco perché quella siciliana, è tra le migliori in assoluto. Non è soltanto una semplice erba aromatica da utilizzare in cucina, ma un vero e proprio medicinale naturale a cui ricorrere per mantenere a lungo la salute e per la prevenzione delle malattie.

Ecco i principali benefici dell’origano: 

  • Antibiotico naturale: L’olio essenziale contenuto nell’origano è il più potente antisettico naturale fino ad ora conosciuto, almeno per quanto riguarda le essenze estratte dalle piante. Tali proprietà, infatti, sono state confermate da diversi studi condotti in vitro e sono imputabili al timolo e al carvacrolo contenuti proprio nell’olio essenziale della pianta.
  • Combatte le malattie respiratorie: La sua efficacia contro lo stafilococco lo rende adatto per la cura delle malattie che interessano le vie respiratorie e che possono colpire i bronchi, i polmoni e la gola;
  • Contro gli stati influenzali: La medicina cinese, invece, utilizza da millenni l’origano come rimedio per il trattamento di raffreddori, febbre, dissenteria e vomito;
  • Antiossidante: l’olio essenziale di questa pianta ha proprietà antiossidanti ed è efficace contro almeno 10 specie di batteri e 15 specie di funghi (fra i quali numerose specie di Candida).

Timo

Il nome scientifico deriva dal greco “coraggio, forza”, che sono benefici che darebbe la pianta all’uomo. La pianta di timo era già conosciuta nell’antica Grecia dove veniva utilizzata anche come cosmetico, oltre che in cucina.

Ecco i principali benefici del timo: 

  • Contro bronchiti e tosse: l’utilizzo del timo è stato approvato per il trattamento delle affezioni delle vie respiratorie come tosse e bronchiti, grazie all’azione espettorante e antimicrobica di cui il suo olio essenziale è dotato;
  • Salute del cuore: Alcuni ricercatori serbi hanno dimostrato che il timo promuove la salute del cuore, poiché al suo interno ci sono componenti in grado di stabilizzare i livelli di colesterolo e quelli della pressione sanguigna;
  • Toccasana per stomaco e intestino: L’olio essenziale di timo favorisce la digestione e permette di eliminare facilmente l’aria dalla pancia;
  • Combattere l’anemia: È anche eccezionale per combattere l’anemia, dato che tra i minerali di cui è ricco troviamo principalmente il ferro.

Menta

È una pianta di origine europea diffusa e apprezzata in tutto il mondo sia per il suo aroma che per le sue numerose virtù salutari. È citata in molti testi mitologici e sacri e nelle raccolte mediche come un vero toccasana per il corpo e per lo spirito.

Ecco i principali benefici della menta:

  • Efficace contro nausea e vomito: grazie al mentolo, il principio attivo contenuto nella pianta, ha importanti proprietà analgesiche ed antiemetiche e può quindi essere utilizzata per combattere nausea e vomito;
  • Problemi gastrici e digestivi: è il rimedio digestivo per eccellenza. Il mentolo contenuto nella menta ha proprietà che stimolano l’attività gastrica; è quindi un valido alleato contro i problemi di digestione;
  • Salutare per il fegato: rilassa la cistifellea, migliorando il deflusso della bile e l’attività epatica;
  • Utile contro cefalee ed emicrania: agendo sul sistema neuro-vegetativo la menta va a trattare le manifestazioni fisiche e psicologiche create da squilibri nervosi che provocano emicrania e cefalee, rigidità del collo, tremore muscolare, stati di spossatezza, cali di pressione.

Una alternativa naturale ai farmaci

Come hai potuto leggere, la combinazione di queste erbe nella tua dieta, può assicurarti il benessere psicofisico che cerchi, in quanto, ognuna di queste cinque erbe, ha delle proprietà benefiche uniche e dimostrate.

A questo, aggiungiamoci che In Italia e nel mondo occidentale in generale, stiamo assistendo sempre di più ad un abuso di medicinali. In pratica prendiamo una medicina per qualsiasi problema, anche il più lieve come ad esempio un mal di testa, dolori mestruali (le donne sono riuscite a sopportarli per millenni anche senza farmaci) o un semplice raffreddore. 

Il problema dell’eccessivo uso di farmaci è rilevante soprattutto in Italia, che ad esempio si conferma il primo paese europeo per numero di morti legato all’antibiotico-resistenza: dei 33.

000 decessi che avvengono nei Paesi Ue ogni anno per infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici, oltre 10mila si registrano nel nostro Paese.

In pratica il triplo delle vittime della strada che nel 2018 sono state 3.334.

L’azione congiunta delle erbe aromatiche può davvero essere la marcia in più per la tua salute ed una valida alternativi a farmaci convenzionali che, alla lunga, possono comportare effetti collaterali anche pericolosi. 

ATTENZIONE!! Non tutte le erbe aromatiche funzionano

Come avrai certamente compreso, le proprietà benefiche delle erbe aromatiche, sono dovute sostanzialmente agli oli essenziali in esse contenute. 

Se non hai però la possibilità di avere sempre a disposizione erbe aromatiche fresche, sappi che ricorrere alle erbe essiccate, non avrà nessun beneficio per la tua salute, in quanto gli oli essenziali e gran parte dei nutrienti presenti nella pianta, vengono sottratti dal processo di essiccazione.

A meno che tu non scelga le erbe essiccate Aromathica che, grazie al loro esclusivo processo di essiccazione a freddo, non decurtano la pianta dei suoi oli essenziali. Con Aromathica potrai godere dei benefici delle erbe aromatiche, ogni volta che vuoi.

Tutte e cinque le erbe analizzate in questo articolo, sono disponibili sul nostro shop online e pronte a dare più gusto ai tuoi piatti e maggior benessere alla tua vita e quella dei tuoi cari. 

A presto.

Luciano  

Источник: https://www.aromathica.it/5-erbe-aromatiche-alleate-della-tua-salute/

Come sostituire il sale in cucina: 8 alternative naturali

Erbe aromatiche in cucina: le grandi alleate di dieta e salute

Alimento apparentemente insostituibile, il sale è il principale insaporitore alimentare, utilizzato in quasi ogni preparazione, dolce e soprattutto salata.

Insalate, fritture e soffritti: il sale è sempre presente, ma abusarne può essere molto dannoso per la nostra salute; sostituirlo è in realtà possibile senza rinunciare al gusto e alla sapidità dei nostri piatti.

La quantità consigliata al giorno è di 5 grammi ma senza rendercene conto molto spesso ne assumiamo di più, rischiando aumenti di peso, ritenzione idrica e, nei casi più gravi, problemi cardio-circolatori o di ipertensione. Come sostituirlo allora? Vediamo 8 modi semplici e salutari per preparare piatti gustosi senza avvalerci dell'aiuto del sale.

1. Spezie

Curry, cumino, coriandolo e naturalmente il più nostrano peperoncino: le spezie possono essere delle ottime alternative al sale marino per insaporire i vostri piatti e sono anche delle grandi alleate per la nostra salute, visto che spesso contengono preziosi antiossidanti. Le spezie donano non solo sapore, ma anche un profumo inconfondibile ai vostri piatti: perfette per insaporire carni bianche e rosse o ricette a base di verdure. Se non ci credete, provate il nostro pollo al curry.

2. Aglio e cipolla

Aglio e cipolla possono essere delle ottime alternative al sale: donano gusto e profumo ai vostri piatti.

Basti pensare a quanto una semplice bruschetta al pomodoro acquisti una marcia in più con dell'aglio tritato e un filo di olio extravergine di oliva, o al sapore che una cipolla di Tropea a crudo può aggiungere ad una fresca insalata mista.

Da non sottovalutare poi le proprietà benefiche di questi due ingredienti: l'aglio è ottimo contro l'ipertensione, la cipolla è ricca di vitamine e sali minerali. Il risultato: sale addio.

3. Erbe aromatiche

Baluardo della tradizione culinaria italiana, le erbe aromatiche sono un alleato fondamentale per chi preferisce non utilizzare il sale ,ma non vuole rinunciare a piatti saporiti e profumati.

Libero spazio alla fantasia nell'usare alloro, rosmarino, timo, origano, basilico, maggiorana e prezzemolo: le erbe aromatiche sono praticamente infinite e, se bilanciate nel modo giusto, rendono arrosti e sughi davvero squisiti.

4. Salsa di soia

Ingrediente fondamentale nella cucina orientale, la salsa di soia è naturalmente molto sapida perché contiene il 15% di sale: utilizzarla a crudo o in cottura rende risotti, curry e secondi piatti non solo profumati ma anche “salati”.

Validissima alternativa al sale, la salsa di soia è facilissima da trovare sui banchi dei nostri supermercati e il suo utilizzo sembra non avere alcuna controindicazione: eccezione fatta per il glutammato che a lungo andare può appensantire la nostra digestione.

5. Marinatura

Tecnica semplice e allo steso tempo efficace: marinare carne e pesce con olio, aglio, cipolla o spezie prima di metterle in padella è un'ottima soluzione per non usare il sale in cottura. Da non sottovalutare anche il fatto che la marinatura rende gli ingredienti morbidi e succosi, oltre al sapore quindi anche la consistenza del piatto non perderà di fascino.

6. Acciughe, olive e capperi

Sembrerà banale ma non lo è: la cucina, per essere saporita e bilanciata, deve essere il risultato di un equilibrio di gusti.

In molte ricette la sapidità del sale può essere sostituita da quella di altri ingredienti che risultano “già salati”: è il caso di capperi, olive e acciughe che, anche in piccole quantità, possono insaporire i vostri piatti donandogli gusto e profumo. Aggiungetele nella preparazione di sughi, piatti al forno o contorni di verdure: del sale non sentirete affatto la mancanza.

7. Alghe

Spirulina, Kombu, Nori, Spirulina: sono solo alcune delle alghe alimentari più conosciute che potete utilizzare per sostituire il sale marino nella vostre ricette.

Fresche, essiccate o in polvere, le alghe non sono solo un ottimo insaporitore alimentare, ma anche una vera e propria medicina naturale: fonte di sali minerali, calcio, ferro, proteine e iodio.

Hanno tutte un sapore molto deciso che le rende perfette per secondi di carne e pesce e verdure saltate.

8. Lievito alimentare in scaglie

Ottimo per condire primi e secondi piatti a base di carne, il lievito alimentare in scaglie non è solo un insaporitore ma anche un'ottima fonte di proteine, ferro, fibre e vitamine del gruppo B. Facile da trovare al supermercato oppure online, per le sue proprietà il lievito alimentare è molto utilizzato nelle diete vegetariane e vegane. Ma occhio a non esagerare: la dose consigliata è di massimo 5 cucchiaini al giorno.

Источник: https://www.cookist.it/come-sostituire-il-sale-in-cucina-8-alternative-naturali/

L’utilità funzionale delle spezie ed erbe aromatiche

Erbe aromatiche in cucina: le grandi alleate di dieta e salute

Ogni volta che insaporiamo i nostri cibi con erbe o spezie stiamo letteralmente “migliorando” il valore dei cibi, senza l’aggiunta di una singola caloria.

Si parte da qualcosa di ordinario e lo si trasforma in qualcosa di straordinario con l’aggiunta di colore, di sapore, di vitamine e spesso di proprietà medicinali.

Le spezie sono un’arma gustosa che la natura ci offre per rendere più sani i cibi. Il bello è che le spezie sono relativamente poco costose e sono disponibili in una grande varietà di sapori, quindi è impossibile non trovare una spezia che possa essere di gradimento per ognuno.

Impostare in cucina un armadietto con vari tipi di spezie e di erbe e utilizzarle liberamente per condire le pietanze può raddoppiare e anche triplicare la proprietà medicamentose degli alimenti di cui ci nutriamo.

Le spezie e le erbe aromatiche massimizzano le proprietà nutrienti dei cibi. Erbe e spezie contengono antiossidanti, minerali e complessi multivitaminici fondamentali per la nostra alimentazione

Le spezie e le erbe aromatiche sono termogeniche, il che significa che, naturalmente, aumentano il metabolismo, fanno bruciare più calorie e fanno accumulare meno grasso.

Alcune spezie ed erbe fanno aumentare la sensazione di pienezza e di sazietà, così inducono a mangiare di meno.

È possibile eliminare o diminuire l’uso del sale; sostituendo il sale da cucina con le spezie, si ottiene subito un miglior stato di benessere, meno ritenzione idrica e meno gonfiori.

Le spezie e le erbe aromatiche hanno reali proprietà medicinali. Studio dopo studio si dimostrano i benefici delle diverse erbe e spezie.

Uno studio presso Malmà University Hospital in Svezia, ha dimostrato che oltre due ore dopo che le persone hanno mangiato il budino di riso speziato alla cannella avevano significativamente livelli più bassi di glucosio nel sangue rispetto a coloro che avevano mangiato la versione non speziata.

Altri studi suggeriscono che la cannella può migliorare i livelli di glucosio nel sangue, aumentando la sensibilità all’insulina.

Migliorano inoltre i livelli del colesterolo e dei trigliceridi nel sangue, forse perché l’insulina svolge un ruolo chiave nella regolazione dei grassi nel corpo.

Se siamo preoccupati per alcuni problemi di salute, possiamo aggiungere ai nostri piatti determinate spezie o erbe per ottenerne un giovamento.

* Rosmarino e basilico per il loro potere anti-infiammatorio
* Cumino e salvia per la loro efficacia contro la demenza
* Pepe di cayenna e cannella per la loro capacità di combattere l’obesità
* Coriandolo e cannella per i loro poteri regolatori dello zucchero
* Noce moscata, foglie di alloro e zafferano per i loro effetti calmanti
* Curcuma per il suo aiuto a combattere il cancro
* Origano per il suo potere antifungo
* Aglio, semi di senape e cicoria per il loro benefici al sistema cardio-circolatorio * Basilico e timo per la loro capacità di proteggere la pelle
* Curcuma, basilico, cannella, timo, zafferano e zenzero per il loro potere immunostimolante
* Coriandolo, rosmarino, pepe di Caienna, peperoncino e pepe nero per la loro capacità di ostacolare la depressione.

Chi ha l’abitudine di cuocere alla griglia qualsiasi tipo di carne – hamburger, bistecche, pollo,agnello, maiale può provare diverse spezie e acquisire familiarità con il loro utilizzo. Questo semplice passo potrebbe drasticamente ridurre l’esposizione a sostanze cancerogene che si formano durante il processo di cottura.

E’ risaputo che con la cottura spinta della carne alla griglia, si formano delle sostanze nocive come le amine eterocicliche (HCAs) che sono cancerogene.

La parte della carne più dannosa per la salute è quella bruciata,quella che assume la colorazione nera.

Recenti studi hanno scoperto che l’uso delle spezie e delle erbe aromatiche riduce il rischio di contrarre il cancro del 40%.

Le tre spezie o erbe aromatiche che aggiunte alla carne prima della cottura riducono il rischio del 40% sono:

  • il rosmarino che è il più forte protettore contro l’HCAs
  • la curcuma che è la spezia gialla molto usata nella senape
  • lo zenzero o ginger cinese

    Le tre spezie possono essere impiegate assieme ma sono benefiche anche da sole.

Il rosmarino: un alleato per evitare eventuali danni della la carne cotta alla griglia

E’ un’erba aromatica fortunatamente molto diffusa e molto in uso sopratutto nei paesi del mediterraneo.

Le foglie di rosmarino contengono un olio essenziale molto pregiato; le sue proprietà principali sono dovute ad alcuni composti tra cui annoveriamo: il pinene, il borneolo, la canfora e il cineolo.

Oltre a queste sostanze le foglie di rosmarino contengono anche saponine, acido rosmarinico , flavonoidi e tannini. Molte di queste sostanze, una volta isolate e analizzate, hanno mostrato forti proprietà antiossidanti.

Già nell’epoca romana il rosmarino veniva utilizzato per uso curativo al fine di lenire il mal di denti o slogature e torcicollo; oggi lo si usa per curare la colite, la nausea, come rimedio ai dolori reumatici, le fitte cardiache o i problemi di digestione.

Nell’antica Grecia, gli studiosi portavano ghirlande di rosmarino per favorire l’apprendimento e, uno studio recente ha dimostrato che, le persone risultate migliori nei test di memoria e di attenzione, erano quelle nelle cui cabine era stato convogliato dell’olio aromatico di rosmarino nebulizzato.

Il rosmarino è spesso usato in marinate per carni e pollame, e c’è la saggezza scientifica dietro questa tradizione: l’acido rosmarinico e gli altri composti antiossidanti sono efficaci per combattere i batteri e prevenire le alterazioni della carne.

Nel mese di marzo, i ricercatori della Kansas State University hanno riferito che l’aggiunta di estratti di rosmarino nella carne macinata ha contribuito a prevenire la formazione di amine eterocicliche (HCA), che vengono prodotte quando si cucinano carni alla brace, alla griglia o fritte.

Possiamo dire che il rosmarino ha molti più effetti positivi di quello di dare gradevoli sapori ai cibi.

Utilizziamolo dunque nelle marinate di carne, e aggiungiamolo a rametti o tritato nelle pietanze che più amiamo cucinare.

Lo zenzero

In origine, lo zenzero è stato utilizzato soprattutto in Cina. In questi giorni, ci sono molte piantagioni in tutto il mondo – in particolare in Africa orientale e nei Caraibi.

Molti rami di assistenza sanitaria naturale come la terapia a base di erbe, l’aromaterapia, ayurveda e naturopatia dipendono dai molteplici benefici del ginger.

Le persone hanno sperimentato nel tempo i benefici per la salute dello zenzero ma è giunto il momento in cui la spezia venga considerata più di un ingrediente per tanti piatti, bensì anche come un potente rimedio naturale per molte patologie comuni.

Ha anche un effetto positivo sulle malattie più gravi e non può essere trascurato.

Una di queste condizioni di salute gravi dove lo zenzero è stato riconosciuto da diversi anni capace di contribuire al trattamento del cancro ovarico.

L’Università del Michigan Comprehensive Cancer Center ha scoperto attraverso le ricerche condotte che lo zenzero può anche distruggere le cellule del cancro ovarico.

Hanno scoperto che lo zenzero causa due tipi di morte cellulare – apoptosi e autofagia. “… l’apoptosi delle cellule tumorali essenzialmente porta le stesse cellule ad auto suicidarsi. L’altro tipo di morte cellulare, chiamato autofagia, si riferisce all’auto digestione delle cellule.”

Ancora più impressionante per quanto riguarda lo zenzero nella protezione contro il cancro, è la sua capacità di superare, come efficacia, pericolosi farmaci utilizzati contro il cancro.

Uno studio condotto dalla Georgia State University somministrando estratto di zenzero ai topi, ha rivelato la capacità della spezia di ridurre le dimensioni del tumore della prostata di un enorme 56% evitando i dannosi effetti collaterali causati dai farmaci impiegati normalmente nella terapia anti-cancro.

Come accennato in precedenza, lo zenzero possiede anche incredibili proprietà anti- infiammatorie. I composti anti-infiammatori capaci di ridurre significativamente l’infiammazione sono chiamati gingeroli. Questi composti rendono zenzero uno strumento straordinario utile per vari tipi di infiammazioni connesse alle nostre condizioni di salute.

Numerose ricerche hanno trovato che i composti dello zenzero sono efficaci per la riduzione del dolore e il miglioramento della mobilità per le persone affette da osteoartrite e artrite reumatoide.

In due studi clinici, è emerso che il 75% dei pazienti con artrite e il 100% dei pazienti con fastidio muscolare hanno ottenuto sollievo dal dolore e/o dal gonfiore. Dunque, oltre al dolore, i composti dello zenzero possono anche ridurre il gonfiore.

Ma i benefici per la salute dello zenzero non si fermano qui: vi sono decine e decine di altri disturbi che possono essere alleviati con il regolare utilizzo dello zenzero.

Mai provato la curcuma?

Chi si è appena introdotto nel mondo delle spezie, può non conoscere la curcuma e non avere familiarità con il suo caratteristico aroma.

Per più di 5000 anni, la curcuma è stata una parte importante delle tradizioni culturali orientali, tra cui la medicina tradizionale cinese e Ayurveda.

Apprezzata per le sue proprietà medicinali e il suo sapore pepato piccante, questa spezia di color giallo-arancio più recentemente ha guadagnato un suo posto anche nella medicina occidentale.

In India la gente chiama la curcuma “polvere santa” perché ha una vasta gamma di effetti sulla salute.

Infatti, la curcumina ha mostrato di poter influenzare più di 700 geni, con vantaggi che includono:

  • Il rafforzamento e il miglioramento della digestione
  • La funzione di sostegno per un fegato sano
  • La disintossicazione dell’organismo
  • La purificazione del sangue
  • La lotta contro il cancro, l’artrite e la malattia di Alzheimer
  • Proprietà anti-infiammatorie

Inoltre, vi sono conferme circa il ruolo positivo che la curcuma può svolgere nelle seguenti malattie:

  • Fibrosi cistica
  • Diabete di tipo 2
  • Malattia di Crohn
  • Psoriasi
  • Artrite reumatoide
  • Cataratta
  • Calcoli biliari
  • Rigenerazione muscolare
  • Malattie infiammatorie intestinali

Il sapore della curcuma migliora molti alimenti. Basta scegliere una polvere di pura curcuma, piuttosto che una polvere di curry, in quanto in almeno uno studio è stato verificato che il curry tende a contenere quantità di curcumina molto basse rispetto alla curcuma in polvere.

Se il sapore della curcuma non dovesse piacere, è possibile ottenere i benefici anche assumendo un supplemento di alta qualità, nella forma organica.

Al momento abbiamo esaminato solo alcune delle spezie e delle erbe aromatiche utili per la nosatra salute, ma in natura ne sono presenti tantissime altre, dal peperoncino alla salvia, dai chiodi di garofano all’aglio, dal coriandolo al basilico e così via …

Riprenderemo in seguito l’argomento per approfondire i benefici delle altre spezie e erbe aromatiche sulla nostra salute.

Источник: http://www.phfood.it/lutilita-funzionale-delle-spezie-ed-erbe-aromatiche/

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: