Educazione dei figli: gli errori più comuni che fanno i genitori

Contents
  1. Errori che commettono i genitori con i figli
  2. I 7 errori che commettono i genitori
  3. 1. Proiettare le proprie ambizioni sui figli
  4. 2. Essere iperprotettivi
  5. 3. Svolgere i compiti che gli competono
  6. 4. Anteporre il ​​ruolo di amico a quello di genitore
  7. 5. Corrompere i figli, uno dei 7 errori che commettono i genitori
  8. 6. Non dedicare sufficiente tempo ai propri figli
  9. 7. Litigare sui metodi educativo, errori che commettono i genitori
  10. Educazione dei figli: i 10 errori più comuni che fanno i genitori di oggi
  11. 1 “Stai attento, così ti farai male! Non salire in piedi sull'altalena…”
  12. 2 “Quando siamo al supermercato ti compro il gioco che vuoi, promesso!”
  13. “Ma come ho fatto ad avere un figlio come te!”
  14. 4 “Tuo figlio è maleducato e dà gli spintoni alla mia bambina!”
  15. 5 “La tua maestra non capisce niente!”
  16. 6 “Non è possibile che i tuoi compagni abbiano preso un voto migliore in matematica!”
  17. 7 “Lascia, ti aiuto io a fare le equazioni, la ricerca la prepariamo insieme dopo cena…”
  18. 8 “Avevo detto che non si guarda la tv, non mi importa se te l'ha accesa il papà. Ora ci sono io e si spegne”
  19. 9 “Vuoi gli adesivi come quelli della tua compagna? Vuoi fare quello sport che fanno tutti i tuoi amici e solo tu non fai?”
  20. 10 “Ti ho spalmato la marmellata sulla fetta di pane, così non ti sporchi, non ti tagli, non ti affatichi…”
  21. Rapporto genitori-figli: errori da evitare
  22. Conflitto genitore e figlio
  23. Il rapporto genitori-figli: tra dipendenza e autonomia
  24. Consigli per coltivare un rapporto sereno genitori-figli
  25. 1. Dedica del tempo a tuo figlio
  26. 2. Stabilisci un momento per il dialogo
  27. 3. Riconosci quando è il momento di lasciar perdere

Errori che commettono i genitori con i figli

Educazione dei figli: gli errori più comuni che fanno i genitori

I genitori tentano sempre di dare il meglio di sé nell’educare i propri figli. A volte, però, nonostante le migliori intenzioni, mettono in atto provvedimenti che potremmo riunire in una lista dei principali errori che commettono i genitori, e che esamineremo nell’articolo di oggi.

Buona parte degli adulti applica sui figli le strategie educative a cui sono stati sottoposti loro da bambini, mentre altri chiedono aiuto e consigli ad altri genitori. Tuttavia, questi sforzi possono rivelarsi insufficienti.

Tutti noi vorremmo che i nostri figli sviluppassero appieno il loro potenziale. Non è certo una novità, desideriamo il meglio per loro, ma non sempre riusciamo nell’intento. Anzi, spesso finiamo proprio per ottenere il contrario.

Educare non è un compito affatto facile. Nell’articolo di oggi proveremo a capire questa meravigliosa esperienza partendo dagli errori che commettono i genitori con maggiore frequenza.

I 7 errori che commettono i genitori

Pretendiamo che i nostri figli facciano da soli le loro scelte, ma allo stesso tempo ci aspettiamo che tali decisioni siano conformi alla nostra volontà. Spesso gli errori commessi dai genitori minano l’autostima dei figli e influenzano il loro rapporto. Se non volete commettere certi errori, prima di tutto bisogna conoscerli.

1. Proiettare le proprie ambizioni sui figli

È l’errore più comune tra i genitori. Non è giusto pretendere che i nostri figli seguano il percorso accademico che avremmo voluto fare noi, considerandoli come un nostro riflesso.

Piuttosto, dobbiamo incoraggiarli a trovare la loro strada. Aiutarli a sviluppare i loro interessi e passioni. Lasciateli esplorare fino a quando non capiranno cosa amano davvero. Solo in questo modo potranno scoprire se stessi.

Leggete anche: Imparare a gestire le emozioni sin da piccoli

2. Essere iperprotettivi

È giusto preoccuparsi dei propri figli, della loro sicurezza e del loro benessere; ma essere iperprotettivi nei loro confronti può renderli adulti dipendenti e insicuri. È necessario fornire loro gli strumenti necessari affinché possano orientarsi in autonomia e prendere le decisioni più giuste.

Spesso trascuriamo il fatto che i nostri figli debbano imparare da soli. Dobbiamo lasciarli liberi di sbagliare, di cadere e rialzarsi. Ognuno di noi ha il diritto di vivere il proprio sviluppo in autonomia. Se non permettete ai vostri figli di fare le cose a modo loro, nonostante le vostre indicazioni, sarà difficile per loro maturare e affrontare appieno la vita.

3. Svolgere i compiti che gli competono

Tra gli errori che commettono i genitori vi è assumersi le responsabilità dei propri figli. Permettete ai bambini di farsi carico delle sfide e dei doveri che spettano loro e rispettateli nei tempi stabiliti. Potete essere flessibili, ma non svolgete mai per loro i compiti di cui si sono presi carico.

Se sbagliano, non rimproverateli duramente. Imparare dai propri errori è fondamentale. Sbagliare e assumersi le proprie responsabilità insegnerà loro a gestire le frustrazioni e a diventare autonomi.

4. Anteporre il ​​ruolo di amico a quello di genitore

L’amicizia è un aspetto del rapporto con i figli che non deve mai mancare. Tuttavia, comportarsi da amici può generare un’eccessiva permissività in quanto si tende a ottenere la loro approvazione. Al contrario, dovrete accettare che spesso i vostri figli si arrabbieranno.

Non sempre saranno d’accordo con le regole o le decisioni che prenderete e, nella maggior parte dei casi, non le capiranno nemmeno. Ma quando raggiungeranno l’età adulta, molto probabilmente vi ringrazieranno.

5. Corrompere i figli, uno dei 7 errori che commettono i genitori

Corrompere è uno degli errori più frequenti che i genitori commettono. “Se ti comporti bene, ti compro il gelato che ti piace tanto”, “Se fai i compiti, ti compro quel videogioco che vuoi tanto”. Vi è familiare?

A volte potrebbe funzionare, ma non è la strategia più appropriata per educarli. È un modo contorto per ottenere qualcosa che non siete stati in grado di conquistare con altri mezzi.

6. Non dedicare sufficiente tempo ai propri figli

Lo stress della routine quotidiana può ostacolare le relazioni familiari. Dovete trovare il tempo da dedicare ai vostri figli. Spesso, i genitori commettono l’errore di non trascorrere sufficiente tempo con loro o di chiedere loro cosa hanno fatto o come è andata una certa attività.

Ben peggiore è quando i bambini provano a dirci qualcosa che li preoccupa e non prestiamo loro attenzione. Questo errore causa l’allontanamento emotivo e scarsa fiducia nei confronti dei genitori.

Può interessarvi anche: Attività extrascolastiche per preadolescenti

7. Litigare sui metodi educativo, errori che commettono i genitori

Chiaramente i genitori non sempre la pensano esattamente allo stesso modo.

Nonostante ciò, avere idee diverse per quanto riguarda l’educazione dei figli può ripercuotersi sul loro sviluppo.

Se uno dei genitori assegna una punizione e l’altro l’annulla, il bambino sarà disorientato. In questo modo, i figli vengono messi di fronte al difficile compito di decidere a chi obbedire.

Di conseguenza, finiranno per perdere il rispetto per entrambi. I genitori devono essere una squadra in modo tale da forgiare legami familiari duraturi nel tempo.

Pretendere di essere genitori perfetti può trasformarsi in un onere pesante e frustrante. Ciò di cui i figli hanno davvero bisogno è essere amati, guidati e sostenuti nei loro sogni.

È di vitale importanza che i genitori incoraggino i figli ad affrontare pienamente le diverse fasi della crescita. Solo così potranno diventare adulti responsabili e felici.

Potrebbe interessarti …

Источник: https://viverepiusani.it/errori-che-commettono-i-genitori/

Educazione dei figli: i 10 errori più comuni che fanno i genitori di oggi

Educazione dei figli: gli errori più comuni che fanno i genitori

Siamo iperprotettivi, anche l'altalena ci fa paura, non riusciamo a dire “no” davanti all'ennesimo giocattolo che ci chiedono, siamo in ansia se i compagni vanno meglio a scuola, ci arrabbiamo se un bambino è maleducato con nostro figlio, siamo talmente servizievoli che gli impediamo di diventare autonomi, ma quando perdiamo la calma diciamo frasi da evitare. Ecco 10 errori che noi genitori facciamo quasi senza accorgercene.

Nessun genitore è perfetto, tutti commettiamo errori. Partendo da questa consapevolezza e con un po' di tolleranza nei nostri confronti, vediamo dove sbagliamo più frequentemente. Non con l'ambizione di diventare perfetti, ma per provare a essere genitori più consapevoli.

Ecco i 10 errori più comuni (molti ce li avete segnalati voi su ) e i suggerimenti di Roberta Mariotti psicologa e psicoterapeuta, coautrice del libro “Genitori in pratica”.

1 “Stai attento, così ti farai male! Non salire in piedi sull'altalena…”

Errore: essere iperprotettivi
“Bambini troppo protetti, rischiano di diventare adulti insicuri” dice la psicologa.

“Il bambino deve fare la sua esperienza, deve confrontarsi anche con i pericoli e provare a superarli da solo.

Nel nostro mondo occidentale non ci sono guerre, né viviamo in costante pericolo di morte, come invece era nel passato, ma le ansie genitoriali anziché diminuire sono aumentate”.

Leggi anche: Nel Galles un parco gioco ispirato a una discarica

2 “Quando siamo al supermercato ti compro il gioco che vuoi, promesso!”

Errore: non dire mai di no

“Il genitore non deve fare tutto quello che gli chiede un bambino. Ad esempio se ci fosse in ballo la sopravvivenza e ci trovassimo su una nave in mezzo al mare, non lasceremmo a un bambino il timone. La responsabilità è nostra.

Inoltre non è affatto vero che i bambini sono più felici più roba hanno. I bambini non sanno, è quindi importante che l'adulto valuti se c'è davvero bisogno di comprare qualcosa e non solo perché lo chiede il piccolo.

I bambini sono bambini e le decisioni spettano agli adulti.

“Ma come ho fatto ad avere un figlio come te!”

Errore: perdere la calma con un bambino
“Frasi di questo genere sono scorrette perché mortificano e sminuiscono il bambino. Così come anche urlare quando si è molto arrabbiati”.

Quello che bisogna fare è dare regole chiare e non comandi, cioè meglio dire: “Quando si è a tavola non si canta”, piuttosto che: “Stai zitto e mangia!”.

E se il bambino trasgredisce piuttosto che insultarlo personalmente è meglio criticare il comportamento, ad esempio “Non sono contenta di quello che hai fatto…”

4 “Tuo figlio è maleducato e dà gli spintoni alla mia bambina!”

Errore: intromettersi nelle relazioni dei figli
“Se un bambino ha un problema con un amico è giusto ascoltarlo e magari dare suggerimenti, ma non bisogna farsi prendere dall'emotività e riprendere il bambino in questione o addirittura rivolgersi ai suoi genitori. In molte situazioni i piccoli se la cavano meglio senza di noi adulti. Se ci immischiamo a risolvere i loro guai rischiamo di ingigantire un problema e rendiamo i bambini incapaci di agire”.

5 “La tua maestra non capisce niente!”

Errore: credere che il proprio figlio sia perfetto
Parlare male degli insegnanti perché hanno dato un brutto voto o hanno ripreso vostro figlio è da evitare. “In questo modo si alimenta il fatto che il bambino sia perfetto.

Il genitore, cercando di proteggerlo, in realtà rischia di crescere un piccolo arrogante” dice Roberta Mariotti.
Se davvero c'è un problema con la maestra, allora è meglio che il genitore chieda un colloquio per capire se davvero c'è qualcosa che non va.

Importante però è non coinvolgere il bambino.

6 “Non è possibile che i tuoi compagni abbiano preso un voto migliore in matematica!”

Errore: essere in competizione con gli altri genitori
I genitori spesso sono in competizione tra loro per il successo dei figli.

“Ma esagerare la competizione e magari fare confronti continui può dare al bambino l'impressione che gli altri siano più bravi”.

Se nostro figlio fa male un compito, meglio concentrarsi sul perché ha sbagliato, non cercare la perfezione ma il miglioramento. E ricordarsi che anche i veri talenti hanno fatto degli errori.

7 “Lascia, ti aiuto io a fare le equazioni, la ricerca la prepariamo insieme dopo cena…”

Errore: fare i compiti al posto suo
“I genitori dovrebbero evitare di fare i compiti al pomeriggio insieme ai figli.

Sia perché insegnare è il lavoro degli insegnanti e va lasciato a loro, sia perché bisogna dare spazio ai figli di fare e anche di sbagliare. Inoltre se i genitori si sostituiscono nel fare i compiti, la scuola perde per i ragazzi quel carattere di sfida e subentra in loro la noia e la svogliatezza”.

vai alla gallery

Accontentate sempre il vostro bambino, difendetelo anche se ha torto marcio e non rimproveratelo mai … Il tema è serissimo, cioè l'educazione dei nostri figli, ma una volta tanto…

8 “Avevo detto che non si guarda la tv, non mi importa se te l'ha accesa il papà. Ora ci sono io e si spegne”

Errore: essere in disaccordo con l'altro genitore
La mancanza di coesione genitoriale crea nei bambini disagio e confusione: non sanno più a chi fare riferimento, percepiscono una crepa nella coppia e spesso hanno la sensazione di esserne la causa. I figli si trovano a dover fronteggiare da soli le incertezze degli adulti. Quindi è molto importante che le regole educative vengano decise e portate avanti insieme da mamma e papà.

Leggi anche: Litigare davanti ai bambini, 10 cose da sapere

9 “Vuoi gli adesivi come quelli della tua compagna? Vuoi fare quello sport che fanno tutti i tuoi amici e solo tu non fai?”

Errore: anticipare i desideri dei figli
L'ansia della mamma che la figlia si senta inferiore o possa essere esclusa la porta ad anticipare continuamente i suoi bisogni.

“L'anticipazione genitoriale dei bisogni infantili impedisce ai figli di vivere i propri desideri perché i genitori, nell'ansia di soddisfarli, finiscono per soffocarli” dice il pedagogista Daniele Novara.

Quindi prima di proporre un'attività, di comprare un gioco, di dare una merenda super golosa, aspettate che sia il bambino a chiedervela, lasciate ai figli lo spazio per sentire e vivere i propri desideri.

10 “Ti ho spalmato la marmellata sulla fetta di pane, così non ti sporchi, non ti tagli, non ti affatichi…”

Errore: essere troppo servizievoli e impedire ai figli di essere autonomi

La continua assistenza ai figli non lascia loro la possibilità di sperimentare, di fare esperienza. “Nel troppo fare dei genitori i bambini diventano fragili” conclude Roberta Mariotti.

Leggi anche: 10 modi pratici per educare i bambini all'autonomia

Guarda il video: I 10 ERRORI PIÙ COMUNI DEI GENITORI DI OGGI

Aggiornato il 05.06.2018

Источник: https://www.nostrofiglio.it/bambino/educazione-dei-figli-i-10-errori-piu-comuni-che-fanno-i-genitori

Rapporto genitori-figli: errori da evitare

Educazione dei figli: gli errori più comuni che fanno i genitori

Bambini e Ragazzi

Bambini e Ragazzi

Il rapporto genitori-figli è da sempre uno dei più complessi. Come evitare, però, nell'educazione, gli errori più comuni? Ecco alcuni suggerimenti per non cadere nella trappola e vivere serenamente in famiglia.

Tatiana Berlaffa

Perché il rapporto genitori-figli deve essere così complicato?

A volte proprio non si riesce a fare a meno di litigare e di vivere dei momenti di incomprensione.

Ma, evitare di commettere gli errori più comuni e crescere dei figli sereni si può.

Stefanie Stahl, psicologa tedesca esperta nell'affrontare tematiche quali la paura dei legami e il rafforzamento dell'autostima, ci fornisce suggerimenti utili per educare al meglio le nuove generazioni nel suo libro 'Chi Ha Spento la Luce?'

Inoltre, propone ai genitori alcuni metodi per approfondire le proprie 'zone d'ombra' e coltivare un rapporto sano ed equilibrato con se stessi, innanzitutto, guarendo le proprie ferite subite nell'infanzia.

SCARICA SUBITO 3 ESTRATTI OMAGGIO DEL LIBRO!

Conflitto genitore e figlio

Senza che ce ne rendiamo immediatamente conto, può capitare che un conflitto tra genitore e figlio avvenuto durante l'infanzia segni l'intera esistenza della persona che l'ha subito. Senza ingigantire i fatti e le esperienze di ognuno, è giusto però tenerne conto e prestare attenzione alle dinamiche che può innescare.

Prendiamo per esempio Luca. 

Luca ha un attacco di rabbia ogni volta che sua moglie Marta dimentica qualcosa che per lui è importante. Ad esempio, se Marta torna dal supermercato senza il suo formaggio preferito, Luca reagisce in modo eccessivo.

In realtà, il vero problema non risiede in Marta e nella sua dimenticanza, ma nel fatto che, in passato, sua madre non prendeva mai sul serio i suoi desideri di bambino e non lo accontentava mai.

Non essendo consapevole di questa ferita, Luca continua ad arrabbiarsi e a non controllare le proprie emozioni e sentimenti.

Come fare in questo caso?

Luca è un adulto. Potrà affrontare questo problema in diversi modi:

1. In un momento di calma potrà dialogare con la moglie, cercare di capire da dove derivi la sua rabbia e, con l'aiuto di lei, scoprire ciò che si agita nel suo inconscio.

2. Potrà iniziare a tenere un diario in cui scrivere le proprie emozioni che, messe nero su bianco, gli risulteranno più chiare o gli consentiranno di conoscersi meglio. Inoltre, scrivendo ciò che sente, imparerà a rielaborarlo e, con il tempo, si sentirà sempre più a suo agio con i propri sentimenti.

3. Potrà fare degli esercizi di meditazione. Anche questi lo aiuteranno a sentirsi meglio e a conoscersi di più. Concentrandosi sul proprio respiro, coglierà il momento in cui sorgono i suoi pensieri e il momento in cui se ne vanno. Divenendo sempre più consapevole dei propri processi mentali, non ne sarà più travolto.

4. Infine, se lo riterrà opportuno, potrà anche rivolgersi ad uno specialista.

Tutti questi consigli sono utili a ciascuno di noi perché, anche se la nostra 'ferita' non è la stessa di Luca, tutti abbiamo degli ambiti 'irrisolti' che, quando sono stimolati, ci provocano dolore, sofferenza e reazioni eccessive.

Ma nel caso dei ragazzi e dei bambini? Come possiamo aiutare i figli a gestire le proprie emozioni senza che i nostri errori abbiano conseguenze sul loro futuro?

COME SUPERARE LE CONVINZIONI NEGATIVE

Il rapporto genitori-figli: tra dipendenza e autonomia

Uno dei bisogni primari del bambino è quello di sviluppare la propria autonomia. Ma è qui che, spesso, arrivano i primi conflitti.

Se i genitori sono troppo protettivi e impongono limiti e regole al bambino, quest'ultimo potrebbe crescere pieno di paure. Potrebbe anche interiorizzare il senso di ansia dei genitori e continuare ad autolimitarsi per tutta la vita. 

Oppure, al contrario, un bambino cresciuto in questo modo, quando sarà adulto, si opporrà radicalmente al modo in cui i genitori lo hanno cresciuto e svilupperà un'ossessione per l'indipendenza e la libertà magari manifestandola anche con un eccessivo uso del potere.

In psicologia, questa particolare area del rapporto genitori-figli e dello sviluppo del bambino si chiama proprio 'conflitto tra dipendenza e autonomia'.

I figli dovrebbero sviluppare una forma di 'attaccamento sicuro' nei confronti delle persone che si occupano di loro. Per favorire questo, i genitori dovrebbero soddisfare sia i bisogni di attaccamento e dipendenza dei figli che quelli di crescita libera e indipendenza.

E' importante però sottolineare che, anche se la nostra infanzia è stata felice, i rapporti genitori e figli presentano sempre aspetti complessi ed è quasi impossibile che non ci sia stato almeno un settore, nell'educazione ricevuta, che poteva essere migliorato.

Come non cadere perciò negli errori più comuni e che possono essere evitati?

Consigli per coltivare un rapporto sereno genitori-figli

Affinché il rapporto con i propri figli sia positivo e soddisfacente, i genitori hanno il dovere di occuparsi dei loro bisogni primari ma non solo.

1. Dedica del tempo a tuo figlio

Per creare un rapporto di fiducia che duri nel tempo, è necessario dedicare del tempo di qualità ai nostri figli. Se questo non è possibile perché i genitori sono troppo impegnati nel lavoro o in altro, è necessario che si preveda di avere un aiuto.

Un aiuto nelle pulizie domestiche, ad esempio, potrebbe essere un investimento da valutare poiché, pur comportando una spesa, lascerebbe il tempo libero necessario per dedicarsi ai figli.

Oppure, prevedere delle attività da fare con i figli (ad esempio, lo yoga con i bambini, il nuoto genitori-figli, equitazione o altro, sarà un modo per trascorrere del tempo insieme e per condividere anche una passione di cui poter parlare poi).

All'interno della giornata dovrebbero esserci alcuni momenti per il dialogo. Questi momenti sono preziosi ed è soprattutto importante sapersi ascoltare a vicenda. Prima si iniziano ad instaurare queste buone abitudini più sarà facile portarle avanti nel tempo anche quando nostro figlio sarà adolescente o in una fase 'difficile' della crescita.

Alcuni buoni momenti di dialogo possono essere il momento del pranzo o della cena (con attenzione a non sollevare questioni 'spinose', però, altrimenti l'atmosfera, anche del pasto, ne risentirà enormemente). Oppure, il momento prima di andare a dormire o altri.

L'importante, per sollecitare il desiderio di parlare del bambino o ragazzo è non fare domande generiche tipo 'com'è andata a scuola?'.

Domande simili potrebbero ottenere risposte quali: 'bene', e non invogliare a proseguire la conversazione.

Una domanda più precisa, invece, come: 'Qual è la cosa più bella che hai fatto oggi? Perché?' potrebbe stimolare la capacità di riflessione di nostro figlio e aiutare lui stesso (e anche noi) a conoscersi meglio e scoprire i propri gusti.

Indagare sulle emozioni che hanno accompagnato un dato avvenimento è, di solito, il modo più coinvolgente per dialogare insieme.

3. Riconosci quando è il momento di lasciar perdere

A volte, anche tra adulti, non riusciamo ad accettare che le cose stiano così e a smetterla di accanirci cercando di avere ragione a tutti i costi. Eppure, a volte, è proprio l'unica cosa da fare. Pretendere di avere ragione, quando magari l'atmosfera di una discussione si è eccessivamente surriscaldata, non porterà a nulla.

Meglio scegliere di calmarsi, di rimandare la discussione e sceglire un'altra occasione per continuare il discorso. Questo non significa fare finta che la divergeza di idee non esista. E' semplicemente un modo per non fomentare gli animi in un momento in cui non ce n'è bisogno.

Ogni relazione può essere migliorata e avere un buon rapporto genitori-figli all'insegna dell'indipendenza ma anche dell'affetto e stima reciproca si può.

SCARICA SUBITO 3 ESTRATTI OMAGGIO DEL LIBRO!

Illumina e guarisci il tuo bambino interiore e ritrova autostima, fiducia e relazioni felici.

ANCHE IN VERSIONE EBOOK

Tatiana Berlaffa Il mondo della comunicazione è il mio lavoro e la mia passione.Scrivo come blogger, giornalista freelance e social media editor.Prima di scrivere… Leggi la biografia Il mondo della comunicazione è il mio lavoro e la mia passione.Scrivo come blogger, giornalista freelance e social media editor.Prima di scrivere di qualsiasi cosa, la provo in prima persona.Sono appassionata di tematiche legate al benessere e alla crescita personale. Amo le novità, viaggiare da sola e imparare lingue straniere.Tra i miei… Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog

Источник: https://www.gruppomacro.com/blog/bambini-e-ragazzi/rapporto-genitori-figli-errori-evitare

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: