Curare piccoli disturbi: i fiori di Bach

Contents
  1. Fiori di Bach per Ansia Stress e Depressione: Come Funzionano
  2. Fiori di Bach per l’ansia, ma cosa sono?
  3. Quali sono gli utilizzi dei Fiori di Bach
  4. Come funzionano i Fiori di Bach
  5. Come utilizzare i Fiori di Bach per l’ansia
  6. I Fiori di Bach per l’ansia
  7. Fiori di Bach per l’ansia: le tipologie
  8. Agrimony
  9. Chicory
  10. Rock Rose
  11. Heather
  12. White Chestnut
  13. Mimulus
  14. Conclusioni
  15. Fiori di Bach per i bambini
  16. 
Aiutano ad affrontare positivamente ansie, paure e difficoltà a concentrarsi
  17. Quali Fiori di Bach scegliere per i nostri bambini e ragazzi a scuola
  18. Come assumere i Fiori di Bach: diluire, mescolare e conservare
  19. Una bella notizia!
  20. Fiori di Bach: un rimedio naturale per i disagi dei bambini
  21. I disagi dei piccoli
  22. Cos’è la floriterapia? Su cosa si basa?
  23. I fiori di Bach sono utili nei bambini?
  24. I fiori possono aiutare contro alcuni disagi dei piccoli?
  25. Come si assumono?
  26. Si possono assumere insieme ad altri farmaci?
  27. Fonte:
  28. Fiori di Bach: cosa sono e come usarli
  29. Fiori di Bach, cosa sono
  30. Come sono fatti i fiori di Bach
  31. Come si usano
  32. Come agiscono i fiori di Bach
  33. Rimedi floreali di Bach: benefici per chi intraprende un percorso di dieta.
  34. 1 – Scleranthus: per chi alterna rigore e abbuffate
  35. 2 – Heather: per chi non si concentra e riempie i vuoti mangiando o fumando
  36. 3 – Agrimony: per chi allenta la presa di sera
  37. 4 – Holly: per chi usa le dipendenze come ansiolitico
  38. 5 – Impatiens: per la fame nervosa e la dipendenza compulsiva
  39. Elenco dei cinque fiori di Bach più utilizzati
  40. Fiori di Bach: cosa sono, come si usano, funzionano davvero?
  41. Fiori di Bach a cosa servono
  42. Cosa sono i fiori di Bach
  43. Il rimedio universale: Rescue Remedy
  44. Come assumere i fiori di Bach
  45. I fiori di Bach per l’ansia
  46. I fiori di Bach per dimagrire
  47. I fiori di Bach per bambini
  48. Quali sono i fiori di Bach per bambini
  49. I fiori di Bach in gravidanza
  50. Fiori di Bach elenco
  51. Domande e risposte fondamentali sui fiori di Bach
  52. Fiori di Bach: ma funzionano davvero?
  53. I fiori di Bach: esistono controindicazioni?
  54. Fiori di Bach o fiori australiani? Similitudini e differenze
  55. I fiori di Bach: dove trovarli? A che prezzo?
  56. Altri approfondimenti

Fiori di Bach per Ansia Stress e Depressione: Come Funzionano

Curare piccoli disturbi: i fiori di Bach

I fiori di Bach per l’ansia, sono un rimedio naturale da prendere in considerazione.

I problemi di ansia sono talvolta davvero invalidanti perché non consentono a chi ne soffre di poter vivere una vita serena.

Per curare l’ansia esistono molteplici farmaci che, però, come tutti i prodotti farmaceutici hanno comunque degli effetti collaterali.

Per questo motivo spesso si ricorre a rimedi omeopatici che possano aiutare a stare meglio senza avere un impatto negativo sullo stato di salute generale.

In tal senso i Fiori di Bach possono essere un grande aiuto, pur non trattandosi pienamente di un rimedio omeopatico.

Non li hai mai utilizzati e vuoi saperne di più? Eccoti qualche maggiore dettaglio su che cosa sono e come funzionano.

Leggi anche -> Corso online “Fiori di Bach”.

Fiori di Bach per l’ansia, ma cosa sono?

Il concetto di Fiori di Bach è strettamente legato alla floriterapia, ossia una serie di rimedi naturali che sfruttano le capacità energetiche dei fiori selvatici. Non tutti i fiori, infatti, possono andar bene a questo scopo ma occorre raccogliere solo una certa tipologia ed esclusivamente alle prime ore del mattino.

I fiori devono poi essere immersi nell’acqua portata ad ebollizione, così da riuscire a ricavarne tutte le sostanze necessarie per creare degli estratti che saranno utilizzati per stimolare l’organismo a fornire determinate risposte.

Questi fiori sono stati in un certo senso scoperti da Edward Bach che aveva individuato 38 miscele diverse per aiutare ad affrontare altrettante emozioni che nell’essere umano portano a situazioni di difficoltà. Nel corso dei secoli, poi, le teorie di Bach sono state rielaborate e completate e oggi esistono centinaia di essenze che possono aiutare pazienti di ogni età a vivere meglio e più serenamente.

Quali sono gli utilizzi dei Fiori di Bach

La floriterapia si basa sul principio che i fiori possano contribuire a raggiungere uno stato di benessere immediato grazie alla loro carica energetica. Essa non deve essere confusa con la fitoterapia che invece si occupa di sfruttare le sostanze terapeutiche che sono contenute nei fiori per agire sul disturbo specifico.

Per tale motivo i Fiori di Bach si differenziano anche dall’omeopatia che sfrutta elementi naturali per una cura dei disturbi del corpo.

Questi fiori, invece, partono dal presupposto che non si possa curare il corpo se prima non ci cura l’anima e proprio per questo quelli di Bach si occupano solo dell’aspetto energetico del fiore e possono essere utilizzati in abbinamento alla medicina tradizionale senza alcuna controindicazione.

Per lo stesso motivo possono essere assunti pure se si stanno prendendo altri rimedi omeopatici perché i Fiori di Bach operano su un piano completamente diverso.

Come funzionano i Fiori di Bach

Un tempo si pensava che i Fiori di Bach avessero sulla psiche dei pazienti una sorta di effetto placebo: la persona che li assumeva si convinceva della loro efficacia e di conseguenza si ottenevano degli effetti positivi.

In realtà le numerose ricerche scientifiche che sono state effettuate negli ultimi anni hanno dimostrato che i Fiori di Bach funzionano veramente e sono efficaci anche sugli animali.

Gli estratti dei Fiori di Bach mirano a ripristinare il perfetto equilibrio fra la mente e il corpo e ci riescono perché sfruttano la parte più potente di una pianta, ossia il suo fiore che è quello che racchiude anche il seme.

Il sistema nervoso di un essere umano è fatto di scambi cellulari ma anche di connessioni elettriche per questo agendo proprio sul sistema nervoso e sulla psiche si può inviare al resto dell’organismo un messaggio positivo che contribuirà a far migliorare il benessere generale dell’individuo e, di conseguenza, creerà un ambiente-corpo che favorirà la guarigione anche del resto dell’organismo o della sua parte malata.

Come utilizzare i Fiori di Bach per l’ansia

Come hai già potuto comprendere, i Fiori di Bach agiscono sulle emozioni e, come saprai, le emozioni dell’uomo sono tantissime, quindi è fondamentale conoscerli bene per capire quale sia la miscela migliore per operare sull’emozione specifica. Per questo motivo di solito chi vuole provare un percorso a base di Fiori di Bach si rivolge ad un esperto del settore per avere le indicazioni su cosa, quanto e come assumerli.

Di solito i Fiori di Bach si utilizzano diluendo poche gocce di estratto in acqua e bevendo questo mix secondo le indicazioni dell’esperto.

Il concetto di personalizzazione è molto importante perché solo chi conosce profondamente questi fiori e i loro effetti sull’animo può trovare l’equilibrio indispensabile fra le diverse tipologie di effetti.

In generale la dose consigliata per una situazione standard è quella di quattro gocce per tre o quattro volte al giorno ma solo uno specialista saprà consigliarti dose e misture più idonee.

I Fiori di Bach per l’ansia

I Fiori di Bach sono particolarmente indicati per combattere gli stati d’ansia proprio perché agiscono sulla parte emozionale dell’individui.

Ansia, stress, depressioni, attacchi di panico sono sintomi legati soprattutto ad un malessere interiore, qualcosa che rode dentro e che spesso poi porta con sé anche altre patologie, spesso molto più gravi.

Fin dai primi episodi di ansia, quindi, è opportuno intervenire per evitare che la situazione diventi ancora più grave. Individuando il mix giusto di Fiori di Bach si potranno ottenere risultati importanti fin dai primi giorni di utilizzo.

Ascoltando le richieste dei miei clienti e lettori, in collaborazione con Erboristeria La Sibilla, abbiamo creato il kit fiori di Bach per l’ansia.

Il Kit aiuta a combattere gli stati d’ansia attraverso il riequilibrio energetico emozionale.

In questo modo puoi ordinarlo online senza aver paura di sbagliare, ma se hai necessità di una consulenza più approfondita puoi sempre richiedere una consulenza a distanza con me.

Fiori di Bach per l’ansia: le tipologie

Ogni estratto di Fiori di Bach agisce su un’emozione e una componente diversa, quindi è importante trovare la combinazione più adatta per il singolo e specifico caso.

Tuttavia è anche importante conoscere i principali effetti di ognuno di essi per sapere cosa conterrà il mix scelto da un esperto.

In linea generale questi sono i Fiori di Bach più adatti per l’ansia e la depressione.

Agrimony

È l’ansiolito per eccellenza, ottimo per combattere il tormento interiore e per aiutarti a far uscire la verità che è nascosta dentro di te e che stai soffocando, ricavando solo malessere.

Chicory

Questo fiore è perfetto per chi non riesce a vivere serenamente i rapporti umani, in particolare per chi ha sempre il timore di perdere le persone amate.

Rock Rose

L’estratto di questo fiore è quello più indicato per gli attacchi di panico in quanto la sua assunzione tiene sotto controllo spaventi improvvisi e quella sensazione di angoscia che deriva dalle situazioni di pericolo.

Heather

Se hai paura di restare sola e il pensiero della solitudine ti fa venire la tachicardia, allora questo Fiore di Bach è perfetto perché agisce proprio sul senso di abbandono ed è usato pure con i bambini che non riescono a staccarsi dalla mamma.

White Chestnut

Questa miscela ti eviterà di essere sopraffatta dalle preoccupazioni e dai continui rimurginii. Con il Withe Chestnut potrai trovare finalmente un po’ di pace interiore e raggiungere un ottimo livello di relax.

Mimulus

Assumilo prima di un esame all’università: ti permettere si essere più rilassata perché agisce sulla paura del giudizio esterno.

Conclusioni

I fiori di Bach per l’ansia sono sicuramente un rimedio naturale da prendere in considerazione, ma bisogna sempre affidarsi ad un terapista di fiducia.

Studiosilviagiovetti.it effettua consulenze online via skype e nella nostra Accademia del Naturale troverai anche il corso online “Fiori di bach” per approfondire questa affascinante pratica.

Se vuoi prenotare una consulenza online o avere più informazioni sul corso puoi scrivermi qui:

Spero che l’articolo ti sia piaciuto, ti lascio con questo mio video sui Fiori di Bach. Buona visione.

Источник: https://studiosilviagiovetti.it/fiori-di-bach-ansia/

Fiori di Bach per i bambini

Curare piccoli disturbi: i fiori di Bach

I Fiori di Bach sono particolarmente indicati in età pediatrica: i bambini e i ragazzi reagiscono, infatti, alle essenze floreali con maggiore immediatezza rispetto agli adulti, i cui stati d’animo e comportamenti sono spesso molto radicati.

Requisito indispensabile per un sano sviluppo psichico è che il bambino impari precocemente a vincere stati d’animo negativi quali la paura, l’insicurezza, la mancanza di autostima o lo scoraggiamento. Solo così sarà in grado di condurre una vita serena.

Nella realizzazione di questo percorso i Fiori di Bach possono essere un valido aiuto sia per i genitori che per i bambini: abbiamo chiesto alla Farmacista Naturopata Carla Bruno, (operativa presso Antica Farmacia della Vigna di Portacomaro) di spiegarci il perchè.


Lo scoprirai nelle righe che seguono, prosegui nella lettura!


Aiutano ad affrontare positivamente ansie, paure e difficoltà a concentrarsi

I bambini, talvolta, possono maturare un senso di paura della scuola: nella maggior parte dei casi si tratta di una condizione passeggera che insorge con l’inizio dell’anno scolastico o poco prima dei compiti in classe e degli esami.

Spesso il bambino è ansioso perché la scuola sta per cominciare, oppure per un cambiamento di classe o di scuola; in altri casi la paura diventa uno stato permanente, perché si pretende troppo da lui o per rapporti difficili con compagni ed insegnanti.

I bambini, per loro natura, difficilmente sono consapevoli dei propri timori e così manifestano l’ansia con sintomi fisici come disturbi del sonno, mal di testa, “mal di pancia”.

Verificato che le cause non siano organiche, la miscela floreale sarà un valido aiuto per riequilibrare lo stato d’animo e far “scomparire” i sintomi fisici!

Leggi anche: 5 consigli per affrontare i disturbi del sonno nei bambini

Quali Fiori di Bach scegliere per i nostri bambini e ragazzi a scuola

Walnut: per facilitare il cambiamento, che sia una classe nuova o una scuola nuova, ma anche semplicemente il nuovo ritmo.
Gentian: per acquisire un atteggiamento positivo nei confronti delle novità, per il bambino che si scoraggia facilmente; per aiutarlo negli insuccessi.

Honeysuckle e Red chestnut: per sciogliere i legami troppo stretti con la casa o la scuola e la classe dell’anno precedente.

Mimulus: contro la paura delle novità, per il bambino che si preoccupa molto “prima”, per il “mal di pancia” del mattino prima della scuola, per la difficoltà a fare colazione.
Rock rose: quando la paura si manifesta con ansia molto forte.

Larch: per una maggiore fiducia in sé stessi.
White chestnut: per i disturbi del sonno, quando i pensieri e le preoccupazioni diventano un tormento e non lasciano riposare bene (in questo casale ideale l’abbinamento con Mimulus).

Chestnut bud: è il fiore della consapevolezza e dell’apprendimento
Clematis: per i sognatori ad occhi aperti, per quei bambini che, persi nelle loro fantasie, trasalgono quando sono richiamati dagli insegnanti.

Leggi anche: Che cosa sono e a cosa servono i Fiori di Bach?

Come assumere i Fiori di Bach: diluire, mescolare e conservare

Una volta scelti il Fiore o l’associazione floreale, si può cominciare la cura. E’ possibile preparare da soli la miscela o farsela preparare in farmacia.

Per i bambini ed i ragazzi è preferibile diluire le essenze floreali (2 gocce per essenza) in acqua, meglio se minerale: la miscela così preparata, non contenendo alcool come conservante, va tenuta in frigo e va rinnovata ogni 15 giorni.

La posologia classica è: 4 gocce, direttamente sotto la lingua 4 volte al dì, mattino, mezzogiorno, sera, prima di coricarsi, possibilmente lontano dai pasti.

Una bella notizia!

I Fiori di Bach non hanno effetti collaterali: non se ne sono mai riscontrati nel corso del lungo periodo in cui se n’è fatto uso. Non si rilevano inoltre interazioni con i medicinali classici o fitoterapici.

Buon anno scolastico a studenti e genitori con i Fiori di Bach!

AUTORE: Carla Bruno – Farmacista Naturopata – Master in Nutrizione Clinica.
e-mail: carla-bruno@alice.it – Antica Farmacia della Vigna, Comune di Portacomaro (AT)
(riproduzione riservata 2017)


Источник: https://www.fondoassistenzaebenessere.it/fiori-di-bach-bambini/

Fiori di Bach: un rimedio naturale per i disagi dei bambini

Curare piccoli disturbi: i fiori di Bach

I  fiori di Bach, con la loro sottile azione vibratoria riequilibrante, sono ideali per i bambini (dalla nascita fino all’adolescenza).

I disagi dei piccoli

L’ambiente familiare, la scuola, il contesto sociale e le nuove esperienze durante la crescita possono creare disturbi nei bambini che possono reagire in modi diversi per manifestare i loro piccoli (o grandi) disagi emotivi.

Cos’è la floriterapia? Su cosa si basa?

La Floriterapia è un metodo di cura naturale introdotto negli anni ‘30 dal medico gallese Edward Bach. Si  basa sull’utilizzo di fiori/alberi selvatici per curare emozioni e stati d’animo negativi, disordini della personalità, disarmonie del carattere e disturbi fisici di origine psicosomatica.

Si tratta di una cura dolce, naturale e dunque olistica, in quanto considera l’essere umano nella sua indivisibile totalità di parti fisiche, psichiche e spirituali, dalla cui armonia ed equilibrio dipendono la Salute e il benessere della persona.

I fiori di Bach sono utili nei bambini?

L’azione vibratoria e sottile dei fiori di Bach è ideale come metodo di prevenzione e di cura nei bambini e adolescenti che a volte manifestano con dei sintomi i loro piccoli/grandi disagi.

Basti pensare alla nascita di un fratellino, un conflitto fra genitori, una perdita affettiva, un trasloco, le paure legate alle prove scolastiche, problemi relazionali con compagni e insegnanti; tutte situazioni molto comuni, ma che spesso provocano nel bambino (e non solo) momenti di paura, sofferenza, disagio.

I fiori di Bach, attraverso le loro capacità riarmonizzanti, sciolgono dolcemente i blocchi emotivi donando fiducia, serenità e fiducia interiore.

I fiori possono aiutare contro alcuni disagi dei piccoli?

PAURA

Se il bambino (anche neonato) è spaventato e ha gli incubi, i fiori di Bach ideali sono Mimulus, Aspen, Rock Rose (che lavorano sulle emozioni della paura).

ATTENZIONE

Il bambino piange spesso in quanto vuole stare sempre in braccio necessita di fiori di Bach come Heather e Chicory(che modulano le emozioni di ricerca dell’attenzione).

STATI ECCITATORI

I bambini sovra-eccitati, che non dormono, necessitano di fiori come Impatiens e Vervain per riequilibrare eventuali nervosismi o la mancanza di calma nell’affrontare le situazioni.

CAMBIAMENTI

Durante il periodo della dentizione il fiore di Bach Walnut è molto utile in quanto supporta il bambino in questa fase di evoluzione e cambiamento. Questo fiore è consigliato ogni qualvolta ci sia un grande cambiamento da affrontare (scuola materna, scuola primaria, trasloco, fratellino)

PIANTO E RABBIA

Il bambino fa i capricci? Certamente tutti sappiamo che può essere una modalità di ricerca di attenzione e di “manipolazione” per ottenere ciò che vuole; Chicory è certamente un fiore che può essere dato per “staccare” questa modalità e, se il bambino associa anche il pianto incontrollato e rabbioso con trattenimento del fiato fino a diventare cianotico, il fiore di Bach Holly (che lavora su rabbia, gelosia, invidia) è l’ideale.

TIMIDEZZA

Il bimbo è timido, arrossisce o balbetta? Mimulus è il fiore di Bach che lavora sulla timidezza e le paure, menteCentaury è il fiore che fortifica il bambino che ha la tendenza a sottomettersi.

AGGRESSIVITÀ

Anche il bambino che esterna atteggiamenti “violenti” o prepotenti e rissosi sta esternando un disagio che può essere affrontato con Vine (bambino eccessivamente dominante) o Holly (gelosia, rabbia).

INTROVERSIONE

Se invece il bambino èintroverso, chiuso, riservato che tende a tenere a distanza gli altri bambini e a giocare da solo, Water Violet è il fiore per agevolare  la socializzazione.

Come si assumono?

Somministrazione: la stessa degli adulti, ovvero 4 gocce per 4 volte al giorno direttamente dal contagocce sublinguali oppure diluite in un succo, spremuta, tisana tiepida.

Se si tratta di neonati, si consiglia l’uso esterno del rimedio: si inumidiscono con qualche goccia le labbra, le tempie, i polsi o si diluiscono 10 gocce della preparazione nell’acqua del bagnetto.

Si possono assumere insieme ad altri farmaci?

I fiori di Bach possono essere associati ai farmaci tradizionali e ai prodotti fitoterapici e a quelli omeopatici.

Non esiste pericolo di sovradosaggio e di intossicazione.

Fonte:

Rimedi naturali per il bambino

Источник: https://iltuobimbo.it/bambini-in-salute/fiori-bach-un-rimedio-naturale-disagi-dei-bambini/

Fiori di Bach: cosa sono e come usarli

Curare piccoli disturbi: i fiori di Bach

I fiori di Bach sono 38 rimedi floreali (+ 1, il rescue remedy) utilizzati in floriterapia e individuati dal medico immunologo Edward Bach nel 1930.

Sono conosciuti principalmente come sostegno naturale contro stati emotivi negativi e ricorrenti (ansia, depressione, panico, paura, tristezza…) non patologici. Appartengono al mondo della salutogenesi e, in presenza di patologie, sono un efficace sostegno del tono dell’umore.

Si presentano come soluzioni idroalcoliche d’essenze floreali e fanno parte di quei rimedi ‘vibrazionali’ che lavorano sugli stati d’animo.

Sono molto usati anche durante le diete dimagranti e nella lotta al fumo proprio per la loro capacità di fornire un supporto positivo alle emozioni che si scatenano durante simili percorsi esistenziali. Scopriamo cosa sono esattamente i fiori di Bach.

Fiori di Bach, cosa sono

Secondo il medico inglese Bach: “La malattia è la concretizzazione di un atteggiamento mentale”.

Il metodo di guarigione creato dall’immunologo inglese, infatti, usa le “forze naturali” di alcune varietà di fiori selvatici.

L’obiettivo è modificare gli stati mentali negativi: modificando questi stati, la malattia cesserà di esistere.

Secondo i cultori del metodo, i fiori agiscono in maniera molto sottile sugli stati mentali ma anche sul corpo, indirettamente. È la mente della persona che cambia prospettiva e permette al corpo di guarire.

Bach, così come Samuel Hahnemann, padre dell’omeopatia, vedeva i sintomi della malattia come una sorta di campanello d’allarme. Sono i sintomi ad avvisare la persona della necessità di un cambiamento: dalla dieta allo stile di vita, passando per l’attività fisica e, soprattutto, per la modifica degli atteggiamenti mentali negativi.

Come sono fatti i fiori di Bach

Le soluzioni di fiori di Bach tradizionali sono normalmente delle miscele di brandy (30 ml) e acqua, in proporzione 50 e 50.

All’interno della frazione idrica è diluita la tintura madre, cioè il materiale floreale: oggi i prodotti che trovi in erboristeria sono fatti con altri liquidi rispetto al brandy.

Solitamente si usa l’alcol puro, cosa che rende la percentuale alcolica nella maggior parte delle miscele di Bach compresa tra il 25 e d il 40%.

Molti erboristi però consigliano un consulto in base al quale possono identificare i fiori adatti al paziente specifico e anche personalizzare le modalità di assunzione, che possono variare. Secondo le prescrizioni originali del dottor Bach, vanno messe 4 gocce sotto la lingua per 4 volte al giorno.

Le gocce possono essere non diluite oppure diluite in una miscela personalizzata, e per questo è fondamentale la consultazione con l’erborista o il farmacista.

I fiori di Bach vengono spesso trattati come rimedi omeopatici, perché sono diluiti in acqua; tuttavia non si adattano perfettamente al concetto di omeopatia e non rispettano tutti i principi dell’omeopatia. Appartengono di più al mondo dell’immunologia.

Come si usano

Per scegliere i fiori di Bach più adatti è sempre bene affidarsi ad un medico naturopata oppure alla vostra erborista di fiducia: ogni fiore, infatti, ha caratteristiche uniche. Ad ogni modo, in generale, i fiori di Bach possono essere usati da soli o in associazione ad altri fiori, senza nessuna controindicazione.

Il prodotto più conosciuto è il Rescue Remedy: un mix “pronto per l’uso” che contiene parti uguali di Stella di Betlemme, Clematis, Rock Rose, Impatiens e Cherry Plum.

I Fiori di Bach si possono anche usare al bisogno, seguendo le pulsioni dell’utilizzatore, il quale può consumare la soluzione nel momento in cui ne sente di più la necessità, non superando però le cinque gocce per volta.

Come agiscono i fiori di Bach

Non sono indicati per sintomi generici ma sono scelti in base a come i disturbi si manifestano, suggerendo una via d’uscita a comportamenti compulsivi e senso di malessere. Il “prontuario” di questi rimedi naturali floreali si concentra sull’individuazione della “tipologia” di persona e su quali caratteristiche emozionali il rimedio deve far vibrare.

I fiori di Bach agiscono sulle emozioni positive che vengono evocate durante un trattamento, un cambio di abitudini quotidiane o durante le diete dimagranti, favoriscono un atteggiamento mentale che porta a resistere agli attacchi compulsivi e spinge ad essere più attivi, anche come attività sportiva. 

Si trovano in farmacia e in erboristeria dove il vostro specialista potrà rispondere ai vostri dubbi. Non ci sono controindicazioni, effetti collaterali, salvo eventuali allergie all’alcol, che, nel caso, viene sostituito da aceto di mele, né interazioni con farmaci.

Le gocce vanno versate sotto la lingua e si trattengono almeno dieci secondi in bocca prima di deglutirle.

Le energie sottili dei Fiori di Bach sono considerate in floriterapia uno strumento più che un rimedio, per cui sono efficaci se chi le utilizza mette a nudo, almeno con se stesso, le proprie emozioni. Capita, compresa e accettata l’emozione si può scegliere il fiore più consono che potrà agire con efficacia.

Non esistono effetti collaterali nell’utilizzo dei fiori di Bach. Se, per errore, viene ingerito un fiore o una miscela di fiori sbagliata per il caso specifico, questa semplicemente non agisce. Equivale a non aver preso nulla.

Gli unici casi nei quali si possono riscontrare delle controindicazioni sono nelle persone allergiche all’alcol e nei bambini, poiché le miscele sono abitualmente preparate con base alcolica. In questi casi, di bambini o adulti allergici all’alcol, per le miscele l’erborista utilizzerà aceto di mele invece del brandy.

Rimedi floreali di Bach: benefici per chi intraprende un percorso di dieta.

Quando sono indicati i fiori di Bach durante questi percorsi esistenziali?Sono davvero efficaci? Per individuare il rimedio adatto bisogna individuare, per esempio, il proprio modo di comportarsi, a tavola, col fumo, e il proprio stile di vita in genere.

1 – Scleranthus: per chi alterna rigore e abbuffate

L’ansia di raggiungere velocemente l’obiettivo, per esempio il peso ideale, ti porta a scegliere regimi molto rigidi.

Per esempio, nel caso della dieta, per esempio, alterni periodi di dieta severa ad altri di eccessi.

Dimagrisci velocemente e, altrettanto rapidamente, recuperi peso.

Scleranthus aiuta a scegliere cosa mangiare, inoltre stabilizza e migliora il tono dell’umore.

2 – Heather: per chi non si concentra e riempie i vuoti mangiando o fumando

Non consumi molte calorie ai pasti ma ingrassi per gli snack e li usi come diversivo per non concentrarti sui problemi. Grissini, noccioline, patatine, ovvero qualsiasi cosa si possa mangiare parlando o facendo qualcos’altro.

Quando il fuori pasto non è l’eccezione ma la regola, Heather calma i bisogni compulsivi e sviluppa le capacità di ascolto e di comprensione.

3 – Agrimony: per chi allenta la presa di sera

Introversa e precisa, la persona Agrimony riesce a seguire il regime scelto e intrapreso durante il giorno.

Ma quando il sole tramonta e la stanchezza prende il sopravvento, le frustrazioni la portano verso la trasgressione alle regole che si è data, per esempio si scatena il bisogno di cibi molto dolci, in particolare cioccolato o bevande caloriche.

Agrimony rimuove il blocco psicologico che impedisce di mostrarti come sei realmente. Inoltre, trasmette ottimismo e aiuta a recuperare fiducia in te stesso, anche la notte, quando le difese sono più basse.

4 – Holly: per chi usa le dipendenze come ansiolitico

Dopo un litigio, un episodio di stress, di rabbia inespressa, arriva il desiderio irrefrenabile delle vecchie, cattive abitudini.

Si ripensa ai torti, rimuginando continuamente sulle parole dette, e ci si orienta verso cibi salati e calorici o verso il fumo coatto.

Holly trasmette l’energia vibrazionale per riuscire ad esprimere, quando serve, quei pensieri e anche quelle azioni che non si ha il coraggio di far emergere, placando così il legame dipendenza-rabbia.

5 – Impatiens: per la fame nervosa e la dipendenza compulsiva

Quando sono indicati i rimedi floreali di Bach in una persona che soffre, per esempio, di fame nervosa?

Quando è necessario prendere consapevolezza che è proprio questo l’ostacolo per ottenere l’obiettivo, il dimagrimento sperato, in questo caso.

Impatiens è il fiore per le persone che sanno tutto di rischi, danni, calorie, regole e diete ma falliscono perché incapaci di controllarsi.

Diventano impulsivi, irritabili, impetuosi, attivi ma inclini alla depressione.

I benefici diImpatiens sono il controllo della fame nervosa, delle abitudini compulsive e la comprensione dei meccanismi che le scatenano.

Rende consapevoli della propria capacità di essere pazienti.

Elenco dei cinque fiori di Bach più utilizzati

  1. Gentian, per chi è depresso. Rimedio per chi si scoraggia facilmente, si perde d’animo e si deprime per questo. Effetto: arrivare al traguardo finale di un progetto, superare la depressione e accettare la tristezza, come una semplice fase della giornata.
  2. Cherry Plum, per chi soffre di ansia e crisi di panico.

    Quando l’ansia sfocia spesso nel panico, Cherry Plum è il fiore da utilizzare. Effetto: placa l’ansia, produce rilassamento muscolare con recupero energetico, opera una diminuzione sensibile dei disturbi circolatori, normalizza il respiro e la pressione.

  3. Centaury, per chi ha paura degli altri.

    Ansiosi di piacere, i tipi Centaury sono quieti, gentili, spesso timidi, convenzionali. Apparendo servili, possono risultare docili e facili da dominare. Si legano a personalità forti e hanno tendenza al martirio e al vittimismo. Effetto: fiducia in sé, riuscire a resistere ai cambiamenti, anche se ci vorrà molto tempo e impegno.

  4. Chestnut Bad, per chi è troppo preoccupato per il futuro. Rimedio per coloro che non riescono a imparare dall’esperienza e perseverano nel ripetere gli stessi errori. Effetto: flessibilità e cooperazione con se stessi e con gli altri. Accettazione dei tempi e delle modalità necessari a realizzare i propri obiettivi futuri.
  5. Crab Apple, per chi soffre di sensi di colpa. È un fiore depurativo, purifica chi ha la sensazione di essere sporco, contaminato, tanto da provare disprezzo di sé. Effetto: riuscire ad accettare e a controllare le proprie ossessioni, diventare capaci di condividere con gli altri i propri problemi e gradire il loro sostegno.

L’articolo è stato scritto in collaborazione con l’erborista Alessia Onorati della Piccola Erboristeria.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Condividilo su Pinterest!

Источник: https://www.melarossa.it/salute/fiori-di-bach/

Fiori di Bach: cosa sono, come si usano, funzionano davvero?

Curare piccoli disturbi: i fiori di Bach

Scopriamo i fiori di Bach, 39 rimedi floreali che possono aiutare a riequilibrare l’energia e controllare ansia, attacchi di panico e depressione: vediamo come si usano e quante gocce servono.

I fiori di Bach, conosciuti anche come floriterapia, sono una rimedio naturale basato sulle sostanze energetiche estratte da fiori selvatici raccolti in luoghi incolti nelle prime ore del mattino, lasciati in immersione in acqua di fonte esposta al sole oppure fatta bollire.

Fiori di Bach a cosa servono

Il metodo di estrazione dei principi curativi dai fiori, l’azione e l’efficacia furono studiati e perfezionati Nel secolo scorso il medico inglese Edward Bach abbandonò la medicina ufficiale per cominciare a seguire l’omeopatia e approfondire l’analisi delle cause psicologiche delle malattie.

In seguito ai suoi studi, mise a punto un metodo di estrazione dei principi curativi dai fiori, studiandione e perfezionandone l’azione e l’efficacia.

Fondò, quindi, la floriterapia, che si differenzia dalla fitoterapia perché si serve di estratti che racchiudono la forza energetica del fiore, mentre la fitoterapia sfrutta le sostanze terapeutiche e agisce sul disturbo.

I fiori di Bach non sono neppure un metodo omeopatico, che analizza invece malattia e sintomi e solo dopo gli aspetti psicologici, infatti la floriterapia da precedenza agli stati d’animo che influenzano il malessere e, intervenendo sui primi, incide sulla malattia.

Secondo il dottor Bach la cura della malattia che prescinde dalla cura dell’anima non porta alla guarigione definitiva.

ESPLORA: potrebbe interessarti approfondire anche le varie medicine alternative

Cosa sono i fiori di Bach

I fiori di Bach sono 39 infusioni conservate in alcool chetrasmettono al paziente l’energia del fiore e ristabiliscono l’armonia tra mente e corpo.

Per affrontare la floriterapia e per l’autoprescrizione, occorre conoscere il proprio stato d’animo. Sette sono le tipologie di stati d’animo tra cui scegliere la propria: paura, incertezza, solitudine, disinteresse per il presente, disperazione, tendenza a lasciarsi influenzare dalle idee altrui, eccesso di preoccupazione per gli altri.

Ad ogni fiore corrispondono diverse miscele, ad esempio per la solitudine sono indicati Water Violet, Impatiens e Heather, per la paura Rock Rose, Mimulus, Cherry Plum, Aspen e Red Chestnut.

SPECIALE: Come combattere l’ansia, sintomi e rimedi naturali

Il rimedio universale: Rescue Remedy

Esiste poi il rimedio universale composto da 5 infusioni miscelate, si chiama Rescue Remedy ed è una sorta di pronto soccorso adatto sia a gravi che leggeri stati d’ansia: dal tremore improvviso alla crisi respiratoria dalla tachicardia ai sudori freddi.

Si tratta di una miscela di Rock Rose, Cherry Plum, Star of Betlehem, Clemantis e Impatiens che, agendo in sinergia tra loro, costituiscono una sorta di ‘pronto soccorso’ naturale per affrontare meglio il momento difficile.

Come assumere i fiori di Bach

Questa terapia si esegue diluendo alcune gocce (in genere 4 gocce del fiore prescelto) con contagocce da 30 ml con acqua minerale naturale, a cui si può aggiungere 1-2 cucchiaini di brandy.

In caso non si abbia l’acqua a disposizione, si possono assumere le gocce sublinguali anche 3 volte al giorno per almeno 2-3 settimane, o più spesso in caso di emergenza. Di solito negli adulti si calcolano dalle 4 alle 6 settimane perché la terapia faccia effetto.

Scopri anche: Attacchi di panico sintomi rimedi e consigliUn rimedio 100% naturale: i fiori di Bach

I fiori di Bach per l’ansia

I fiori di Bach intervengonosugli stati d’animo legati all’ansia e allo stress. Ecco i principali:

  • Rock Roseè l’estratto dall’eliantemo, ideale per le paure da eventi improvvisi,  compresi gli attacchi di panico con tachicardia, senso di oppressione al petto e tremori.
  • Cherry Plum, che si ricava dal mirabolano, è indicato nei casi di forte emotività perché non si riesce a controllare tutto, per ritrovare calma e tranquillità.
  • Star of Bethlhemaiuta in caso di stress, consola e rende più realisti nell’affrontare la causa dello stress.
  • Oak, ricavato dai fiori della quercia, è indicato per l’ansia che accompagna chi tende ad assumersi troppe responsabilità per non deludere gli altri.

I fiori di Bach per dimagrire

Potete usare ti fiori di Bach per dimagrire, ma attenzione, non aspettatevi il miracolo, soprattutto se continuate ad abbuffarvi e non fate dello sport.

La floriterapia vi aiuterà a ritrovare la giusta serenità e a rilassarvi, in particolare come coadiuvante per affrontare una dieta, seguiti da un dietologo o un nutrizionista.

Ma per seguire il regime alimentare che più fa per voi potete trovare la forza di volontà, la pazienza e l’autocontrollo con i fiori di Bach, che vi possono aiutare a trovare fiducia e positività.

  • Centaury, vi aiuterà a resistere i cibi.
  • Cherry Plum è utile a controllare il desiderio compulsivo di cibo, e Cerato serve a ritrovare fiducia se si è già fallito nelle precedenti diete dimagranti.
  • Chestnut Bad può aiutare chi inizia la dieta in modo troppo rigido.
  • Crab Apple chi tende alla bulimia.

     

  • Holly è d’aiuto a chi vuole dimagrire per essere come le persone magre.
  • Impatiens controlla la fame nervosa.
  • Mimulus, che è indicato per chi è ostacolato dagli altri nel suo proposito di dimagrimento.
  • Mustard serve a chi mangia per depressione o per riempire il senso di vuoto.

SPECIALE: Erbe rilassanti, quali sono realmente efficaci contro lo stress?

I fiori di Bach per bambini

Sono adatti a tutti, anche ai neonati e ai bambini più grandicelli perché non hanno nessun effetto collaterale. Inoltre possono essere assunti anche assieme a farmaci tradizionali ed omeopatici, basterà sostituire l’alcol per i neonati e i bimbi con acqua, in questo caso la preparazione dura 4 o 5 giorni e poi va rifatta.

Nei bimbi le tensioni a livello familiare o per questioni scolastiche o problemi con gli amici possono generare ansie mascherate in comportamenti o sintomi differenti e non direttamente riconducibili al problema, come asma o pipì a letto; è  dunque possibile ricorrere alla floriterapia.

Il dosaggio è lo stesso degli adulti, tuttavia nei neonati si possono versare 2 gocce del flaconcino in un bicchiere d’acqua e se ne somministra al bambino un sorso ad intervalli regolari che variano da un quarto d’ora per i casi più urgenti a mezz’ora. Se si tratta di bambini piccoli le gocce possono essere somministrate nel biberon sia diluite con acqua che con camomilla o succo, purché non siano calde.

Ai neonati si può dare il ciuccio prima immerso in acqua bollita con 2 gocce del fiore scelto; se sono allattati al seno le gocce possono essere diluite e applicate sui capezzoli della mamma prima della poppata.

I fiori per i disturbi non acuti vanno assunti quattro volte al giorno nella dose di quattro gocce e l’orario migliore sarebbe al mattino a digiuno, prima dei due pasti principali e prima di coricarsi.

Quali sono i fiori di Bach per bambini

I bambini reagiscono molto velocemente ai fiori, e i fiori possono agire da pochi giorni fino a 3 settimane.

Ecco alcune miscele utili:

  • Vine, Chicory e Heather sono adatti al bambino che vuole molte attenzioni
  • Mimulus è perfetto per chi è timido e pauroso
  • Holly invece per soffre di forte gelosia e Vervain per chi è particolarmente vivace.
  • Rock Rose è il fiore dei bambini che soffrono di paure varie
  • Water Violet è adatto al piccolo un po’ solitario.

I fiori di Bach in gravidanza

I fiori di Bach costituiscono l’unico rimedio che non conosce controindicazioni durante la gravidanza.

Si tratta di un rimedio naturale utile nell’aiutare a gestire quei cambiamenti e quegli scossoni emotivi tipici di questa fase. Non a caso, sono molte le persone che dicono di avere scoperto questo rimedio in gravidanza.

Fiori di Bach elenco

Se vogliamo fare un elenco dei fiori del dottor Bach, vi rimandiamo a questa immagine che indica anche i principali disturbi e come vi agiscono.

Domande e risposte fondamentali sui fiori di Bach

Vediamo ora le domande che vengono più comunemente rivolte sui fiori di Bach e le relative risposte. Cominciamo ovviamente dalla classica domanda da un milione di dollari.

Fiori di Bach: ma funzionano davvero?

Questa è una questione molto controversa e tutti gli studi sperimentali fatti sulla loro efficacia faticano a fornire una risposta valida universalmente.

A seconda di come vengono condotti gli esperimenti, si oscilla tra un semplice effetto placebo a un “qualcosa in più”, ma che non trova spiegazione scientifica vera e propria. Ricordiamoci sempre che siamo nel campo delle medicine alternative e che le variabili individuali sono tantissime.

Spesso inoltre capita che venga sbagliato fiore da assumere e che il paziente si convinca che sono tutti siano generalmente inefficaci.

Ricordiamo comunque una cosa fondamentale:  i fiori di Bach non devono e non possono mai sostituire terapie mediche di qualsivoglia tipo.

Possono rivelarsi un utile supporto per disturbi di vario tipo (e poi, perché fare a meno dell’effetto placebo, se anche fosse?), ma in ogni caso vanno seguite le terapie mediche che vengono prescritte. 

I fiori di Bach: esistono controindicazioni?

Premessa importante: i fiori di Bach non interferiscono con altre sostanze. Né con farmaci perché agiscono ad un livello diverso, non hanno controindicazioni per bambini né anziani, anche i veterinari li prescrivono per curare gli animali.

La terapia deve durare almeno dai 20 ai 30 giorni con l’assunzione di dosi prestabilite per quattro volte al giorno, per ogni dose occorrono due o quattro gocce di rimedio versate in acqua minerale naturale o poste sotto la lingua.

Possono avere anche un uso esterno versati nell’acqua prima di immergersi nella vasca da bagno, oppure per massaggi, impacchi e pomate.

Fiori di Bach o fiori australiani? Similitudini e differenze

Molti di voi avranno sentito parlare anche dei fiori australiani come rimedio alternativo a quelli di Bach. Non è la stessa cosa, benché si tratti di un rimedi simile. Le differenze infatti non mancano.

Oltre alla diversa provenienza geografica ed alla storia molto più recente che caratterizza i fiori australiani, questi ultimi tendono ad agire più rapidamente rispetto ai fiori di Bach. Ma non è affatto detto che siano “meglio”. Sono diverse le combinazioni e sono diversi – anche a livello individuale – gli effetti. Il terapista di fiducia vi dovrà guidare verso le migliori soluzioni.

I fiori di Bach: dove trovarli? A che prezzo?

I fiori di Bach sono venuti in erboristeria, in farmacia e online a prezzi che variano dai 5 ai 10 euro a bottiglietta, a seconda dei marchi, e in cofanetti che li contengono tutti e 39  d un prezzo più attraente che acquistati singolarmente.

Esistono anche confezioni da borsetta e accessori per la diluizione, oltre a manuali per l’utilizzo dei vari fiori.

Altri approfondimenti

Ti potrebbe interessare anche:

Источник: https://www.tuttogreen.it/cosa-sono-i-fiori-di-bach-floriterapia/

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: