Consigli per le foto ricordo di famiglia

Foto ricordo per la famiglia

Consigli per le foto ricordo di famiglia

Come documentare, raccogliere e organizzare le foto ricordo per la famiglia. I consigli di una mamma per cogliere gli attimi più belli vissuti con i figli e fissarli in un'immagine

Anche chi non era mai stata particolarmente appassionata di fotografia, una volta diventata mamma lo diventa. Dal primo momento in cui vediamo in faccia il nostro bambino, nasce spontanea e irresistibile la voglia di fermare il tempo, cogliere quell’attimo che passa sempre troppo in fretta. 

Qual è il primo oggetto che vi viene in mente di salvare se la vostra casa fosse in fiamme? In molti risponderebbero “l’album con le foto di famiglia”.

Le immagini che catturano i più bei momenti passati insieme sono grado di trasmetterci più emozioni di qualsiasi libro o film strappalacrime: perché è la nostra vita che vediamo scorrere tra le pagine.

Per questo è importante sapere come documentare le occasioni importanti – il primo giorno di scuola, il Natale, i compleanni, le gite – e anche raccogliere e organizzare le nostre foto.

Come documentare, raccogliere e organizzare le foto 

Quali sono i momenti che vorreste non fossero mai dimenticati nella vostra storia familiare? Probabilmente ci sono le feste comandate, i compleanni, gli anniversari, i traguardi più importanti.

Ma ci sono anche ricordi più personali: una gita al parco in una giornata di sole.

La prima volta in cui il nostro bambino ha visto le bolle di sapone, o ha affondato i piedini nella sabbia, al mare.

Da quando abbiamo lo smartphone con noi, probabilmente non c’è un singolo momento importante che non sia stato documentato: basti sapere che che, nel giro di un decennio, pare in media si scattino intorno al 70% di foto in più – e 10 anni fa c’erano già i cellulari! Non c’è da meravigliarsi se, soprattutto noi mamme, siamo letteralmente sommerse dalle immagini, e riordinarle è una di quelle classiche incombenze che teniamo a procrastinare.

  1. La prima cosa da fare per riordinare definitivamente le foto è recuperarle e metterle tutte insieme. Si parla di quelle già stampate, e che magari sono finite in fondo ad un cassetto col rischio di rovinarsi, e soprattutto di quelle digitali. Le prime, in mancanza di negativi, vanno scansionate per averne delle copie, soprattutto se sono importanti.
  2. In seguito si deve procedere ad ordinarle in senso cronologico in cartelle sul pc, prima di fare una copia di sicurezza su un hard disk esterno. Durante questo lavoro, è necessario eliminare quelle bruttine, sfocate, insignificanti.

    Probabilmente questo lavoro vi impegnerà per diverse sere, e vi accorgerete che è impensabile stampare tutte le foto e conservarle negli album.

  3. Quindi stabilite degli obbiettivi. Vi interessa un album per il battesimo? Per il primo anno di vita? Per le vostre vacanze? Datevi un obbiettivo realistico e stampate di conseguenza le relative immagini.

  4. Per quanto riguarda invece le foto che sono già stampate, ma che non volete mettere nell’album né incorniciare, acquistate una o più scatole apposite da fototeca: solo in questo modo si conserveranno bene nel tempo. Ricordate che le foto di famiglia sono uno dei più bei “complementi d’arredo”.

    Internet e social come Instagram e Pinterest pullulano di idee bellissime e facili da realizzare. Ad esempio potete creare una parete di immagini con cornici diverse, oppure disposte a formare una sagoma geometrica o un cuore.

    Potete farle stampare su tela e farne dei bei quadri per la sala da pranzo o il salotto, o creare su una parete un “albero genealogico” della famiglia attaccando le foto su un albero dipinto o un wall sticker. O potete creare uno scrapbook. Una cornice digitale, inoltre, permette di esporre tante foto contemporaneamente ed è un bellissimo regalo per i nonni.

I trucchetti per fare belle foto ai bambini

Inoltre, proprio per l’importanza delle foto di famiglia è bene tenere a mente alcuni trucchetti per gli scatti ai bambini.

  • Il primo è quello di mettersi sempre alla loro altezza. Certo, prendere il bambino dall’alto può essere simpatico qualche volta, ma in generale è meglio accovacciarsi e addirittura fare qualche scatto prendendoli dal basso verso l’alto. Provare per credere! Se invece dello smartphone avete una fotocamera che permette di controllare la messa a fuoco, puntate sugli occhi o sull’occhio più vicino. Questo trucchetto di solito rende l’immagine subito più attraente.
  • È poi risaputo che la bellezza di una foto sta in gran parte nella scelta della luce, ma anche lo sfondo ha la sua importanza. Spesso i bambini hanno abiti colorati, con fantasie o personaggi, quindi è bene avere uno sfondo il più possibile “pulito”. Fate in modo che non ci siano di mezzo cartelli, pali della luce, passanti. Se è una foto di compleanno, ad esempio, fate in modo che il bimbo abbia davanti la torta e poco altro, spostando tovaglioli appallottolati, bicchieri sporchi e quant’altro. Se state fotografando due bambini insieme, un bel trucchetto che rende l’immagine più “vera” è fare in modo che non guardino tutti e due verso l’obbiettivo, ma che uno sia girato verso l’altro.
  • E fate tante foto, soprattutto quando non se ne accorgono! Di solito sono le più belle., Infine, veniamo alla luce.
  • Va utilizzata quanto più possibile la luce naturale, quindi se siete in un ambiente chiuso sfruttate un’ora luminosa della giornata e chiedete al bambino di avvicinarsi alla finestra, spegnendo le luci artificiali. Più in generale, per “buona luce” si intende una luce interessante: di solito sono da preferire le più “morbide”, quindi è anche da evitare il sole a picco di mezzogiorno.
  • Per quanto riguarda la composizione della foto, è un aspetto oggetto di milioni di regole e anche opinioni contrastanti. Un buon punto di partenza, però, è non mettere mai il bambino al centro dell’immagine, e osservare la regola dei terzi.

Quando rivolgersi a un fotografo professionista

Non c’è bisogno di dire che questi trucchetti, naturalmente, non vi rendono fotografe ;-)! E in alcuni casi può valer la pena rivolgersi ad un professionista, soprattutto se stiamo parlando di foto importanti oppure che volete usare per arredare la casa, stampandole su tela o comunque in grande formato.

Inoltre, una motivazione banale e un po’ sottovalutata è che rivolgendosi ad un fotografo, soprattutto per eventi importanti e unici come un battesimo, ci permetterà di avere foto tutti insieme, e soprattutto per come interagiamo veramente, e non solo brutte foto in posa fatte da qualche parente.

Le immagini avranno una migliore messa a fuoco, una luce ottimale – anche in termini dell’illuminazione dei soggetti – e soprattutto avranno un senso artistico che chi non svolge questa professione non riuscirà ad improvvisare.

In questo senso, va detto che ogni fotografo ha un proprio stile personale e cercare quello che ci rispecchia di più ci permetterà di avere alcune immagini di famiglia evocative ed emozionanti.

gpt inread-altre-0

Источник: https://www.pianetamamma.it/la-famiglia/foto-ricordo-per-la-famiglia.html

Come fotografare la mia famiglia? [foto di famiglia]

Consigli per le foto ricordo di famiglia

Se hai cercato su google queste parole (foto di famiglia) o se il titolo del nostro blog ti attirato allora vuol dire che questo argomento ti sta a cuore. Bene, molto bene! Sta molto a cuore anche a noi!

Ed è per questo che vogliamo aiutarti a realizzare bellissimi reportage di famiglia dandoti qualche piccolo consiglio.

In questo articolo non troverai complicate regole tecniche su come impostare la tua reflex con gli ISO, i tempi e i diaframmi migliori, anche perché per poter dare correttamente questo tipo di indicazioni bisogna avere delle condizioni ben precise ma troverai 5 semplici consigli che tutti possono mettere in pratica.  

Ecco 5 consigli per migliorare le tue foto di famiglia

In realtà si tratta di semplici trucchi, piccole cose a cui basta semplicemente prestare un attimo di attenzione per poter migliorare le tue foto di tutti i giorni. Niente di impegnativo e stressante ma sono particolari che fanno la differenza. E allora… pronti… via! Si parte.

Consiglio n. 1: tieni la fotocamera (o il telefonino) a portata di mano

Questo consiglio è forse il più facile da seguire: chi di noi oggi non ha con sé il suo smartphone? Certo sarebbe meglio avere una fotocamera ma con i progressi tecnologici fatti dai nostri cellulari negli ultimi tempi possiamo anche concedervi di usarli per fare le foto di famiglia. 

Dicevamo che la fotocamera (reflex, compatta o mirrorless non importa) sarebbe meglio ma in questo caso avere confidenza con il vostro apparecchio è fondamentale.

Per poter cogliere l’attimo, e con i bambini di attimi da cogliere ce ne sono sempre in abbondanza, dovete avere la prontezza di riflessi necessaria e soprattutto saper scattare in tempo zero.

E questo non lo potete fare se dovete guardare attentamente la vostra macchina fotografica per poterla accendere.

A prescindere dal mezzo utilizzato vi suggeriamo di controllate che l’obbiettivo sia pulito. Soprattutto con gli smartphone è un attimo avere la lente piena di ditate e questo andrebbe a rovinare irrimediabilmente la foto. 

Altra cosa da tenere d’occhio, questo soprattutto in caso di fotocamera, sono le batterie e le schede di memoria. Sarebbe un peccato avere la memory-card piena mentre tuo figlio sta muovendo i suoi primi passi, non pensi? 

Consiglio n. 2: stai attento alla luce nelle tue foto di famiglia

Una cosa fondamentale a cui prestare attenzione quando si scattano le foto di famiglia, ma non solo, è la luce. Sembra banale ma per chi non scatta spesso fotografie, per lavoro o per passione, non è poi così scontato. 

Sia che utilizziate uno smartphone o una macchina fotografica la luce è tutto. Sicuramente può cambiare in maniera decisiva le vostre immagini e prestarvi un minimo di attenzione vi ripagherà con risultati entusiasmanti.

Nella pratica, a meno che non siate in grado di prevedere il risultato degli scatti finali, evitate gli estremi. Evitate di scattare fotografie in luoghi troppo bui, e se proprio non potete farne a meno, portate il vostro soggetto vicino ad una fonte di luce o fatelo voltare in quella direzione.

Anche una bella giornata di sole con la luce molto forte potrebbe essere difficile da gestire: se il vostro bimbo sta giocando all’ombra ma lo sfondo è inondato di sole prima di fare click puntate il cursore della messa a fuoco, sia con la fotocamera che con lo smartphone, sul vostro soggetto e date il tempo allo strumento di misurare correttamente la luce. Scattate la foto solo dopo qualche istante.

Prestate attenzione anche al controluce, situazione in cui è molto semplice incappare: spesso finestre o lampioni illuminano da dietro i nostri soggetti e il risultato finale è che i volti siano molto scuri o che dietro la testa ci siano antiestetici aloni di luce. In questo caso basta spostarsi di poco o far girare i soggetti per avere foto nettamente migliori.

Consiglio n. 3: cerca angolazioni interessanti

Spesso nella fretta di fare click ci dimentichiamo di controllare l’inquadratura che facciamo. E a volte basta veramente poco per avere fotografie più gradevoli e non banali.

Prima di scattare concedetevi un attimo per pensare a come potreste rendere migliore la vostra foto, pensate a come sarebbe la vostra foto scattata dal basso, dall’alto o dall’altro lato: migliorerebbe? Allora provate. 

Se fotografate i vostri bimbi abbassarsi e riprendere la scena dal loro punto di vista è sicuramente una mossa vincente, eviterete le pericolose deformazioni provocate dagli obbiettivi (si anche quelli dello smartphone lo fanno) e avrete uno scatto più coinvolgente.

Inoltre cambiare spesso l’angolo di ripresa e il livello di zoom vi permetterà di spezzare la monotonia quando mostrerete le foto ai vostri amici e di avere una buona varietà di foto da usare per creare fotolibri o album che raccontino l’evento che state riprendendo.

Consiglio n. 4: stampa le tue foto

Questo può sembrare un consiglio “interessato” da parte di un fotografo, ma vi assicuriamo che non è così. Chi ci conosce sa che abbiamo cambiato attività e non ci occupiamo più della stampa delle fotografie ma di servizi fotografici, ma non per questo abbiamo cambiato idea sull’importanza di avere una foto stampata anzi… 

Abbiamo scritto, e sicuramente ne scriveremo ancora, un articolo sull’importanza delle foto stampate che potrete trovare a questo link. 

Per riepilogarne brevemente il suo contenuto possiamo dirti che toccare una foto con mano è come annusare un buon libro, che è meravigliosamente tangibile, che già per il solo fatto di averla vista stampata questa immagine ti rimarrà in testa molto di più di quelle che hai nel telefono.

Possiamo dirti che nel tuo telefonino hai migliaia di foto ma se ti chiedessimo di elencarcele saresti in grado? Ti sei mai preoccupato di quanto dureranno le tue foto se non le stampi? Sei sicuro che quelle che hai nel tuo telefono o nel tuo PC sopravvivranno al cambio di modello e che arriveranno anche su quello nuovo?

Cosa succederebbe se il tuo telefono si rompesse o se lo perdessi?

Non diciamo che siano tutte da stampare, ma per quelle veramente importanti forse ne varrebbe la pena.

Consiglio n. 5: divertiti

L’ultimo consiglio, ma non il meno importante, è quello di divertirti mentre scatti le tue foto. Sicuramente se ci metti il cuore, il sorriso e la gioia le tue foto te lo restituiranno amplificato. Sii felice di catturare questi momenti, un domani potresti avere un piccolo rimpianto per non averlo fatto.

Spesso la scusa di fare delle foto ai tuoi bambini diventa motivo per passare del tempo con loro, dedicandogli tutta la tua attenzione. Avrai modo di osservare come si muovono, piccoli gesti o particolari che magari prima ti erano sfuggiti. E in più li avrai immortalati nella loro essenza più vera.

Perché rivolgersi ad un fotografo professionista per avere una foto di famiglia?

Se hai letto i nostri consigli immaginiamo che per te che l’argomento fotografia di famiglia sia importante e quindi possiamo provare a farti riflettere anche sull’idea di rivolgerti ad un professionista per avere un ricordo ancora più prezioso e particolare. Rivolgersi ad un fotografo specializzato in questo ramo fotografico può essere l’arma vincente per avere fotografie emozionanti, coinvolgenti e che riescano ad esprimere la vostra famiglia nella sua essenza più profonda.

Non parliamo solo di qualità nel senso di pura tecnica ma anche di empatia, di visione artistica e del modo in cui creare le situazioni ideali per poter mettere tutti a proprio agio e scattare foto veramente speciali.

Perché il fai da te non sempre funziona per le fotografie di famiglia?

Il motivo te l’ho spiegato qualche riga più in alto, per avere delle fotografie speciali, sotto tutti i punti di vista, la professionalità e l’esperienza sono quel valore aggiunto che fa davvero la differenza.

E poi avevi mai pensato al fatto che nelle tue foto di famiglia, se le scatti tu, tu non ci sei? E che comunque sia mancherebbe sempre un componente, quello che fa la foto.

Vuoi guardare alcuni dei nostri servizi fotografici?

Perché una semplice fotografia di famiglia si può trasformare in un tesoro?

Attraverso i consigli che vi abbiamo dato e le riflessioni fatte in questo articolo vogliamo sottolineare che è veramente importante fotografare la tua famiglia e mettere su carta questi ricordi.

Che sia tu a farlo, che tu ti rivolga a noi o che tu faccia entrambe le cose, l’importante è non far passare il tempo senza fare di tanto in tanto delle istantanee che potrete guardare in futuro con affetto.

I tuoi bambini, un domani, potrebbero non conservare traccia nella loro memoria del tempo trascorso insieme e la fotografia sarà lo strumento, forse l’unico, che li aiuterà a mantenere vivi questi ricordi.

Il tempo passa così veloce da non permetterci di memorizzare tutti i passaggi che attraversiamo e la fotografia ha un potere enorme nel fermarli e conservarli per sempre. 

Iscriviti alle nostre Newsletter >>

Quanto siete disposti a pagare per questi valori?

Se vuoi un ricordo che emerga e diventi veramente importante per voi puoi valutare di fare uno dei nostri servizi di famiglia. Solo le fotografie di famiglia migliori passeranno indenni attraverso lo scorrere del tempo ma per farlo devono essere realizzate con gli strumenti giusti e dalle persone giuste.

Questi strumenti, ma soprattutto questa visione, sono frutto di una preparazione professionale che richiede un impegno costante che mettiamo e garantiamo in ogni servizio.

Il nostro studio è pronto ad aiutarvi a realizzare le VOSTRE FOTO DI FAMIGLIA mettendovi a disposizione tutto il necessario per guidarvi e affiancarvi in questa bella avventura. 

Queste sono fotografie di qualità che meritano fotografi di qualità!

Vuoi prenotare un servizio fotografico? >>

Источник: https://www.robertobulgheroni.it/come-fotografare-la-mia-famiglia/

Album fotografico di famiglia: come insegnare le emozioni ai nostri figli

Consigli per le foto ricordo di famiglia

Home » Album fotografico di famiglia: come educare i bambini ad emozioni e ricordi

C’era una volta…l’album fotografico di famiglia. Appunto, una volta! Perché ormai con le macchine fotografiche digitali e i cellulari, si fanno migliaia di foto ma è come non averne nessuna.

Nella migliore delle ipotesi, le foto vengono salvate sul pc. A volte vanno perse con il cambio del telefono o con la rottura dell’hard disk. E comunque ogni volta che si ha voglia di guardarle sono ammucchiate da qualche parte senza una cronologia precisa.

Io tengo moltissimo ai ricordi e sto abituando le mie figlie a capire che anche una semplice foto può essere preziosa. Pensate all’emozione che si prova quando per caso si ritrova una fotografia ‘antica’.

Magari un ritratto con i nonni o una gita con gli amici. O il primo giorno di scuola, il soffio della candelina, il Natale in famiglia… Potrei continuare all’infinito ma insomma ci siamo capite, mai sottovalutare l’importanza delle foto.

Per i bambini è fondamentale che qualcuno li aiuti ad avere una memoria storica. Come ben saprete, loro vivono nel presente.

Ci metteranno un po’ per capire il concetto di tempo che scorre, di passato e di futuro.

Noi genitori non dobbiamo pretendere che imparino precocemente il concetto ‘tempo’ ma possiamo accompagnarli ad acquisire una coscienza temporale ed emozionale.

Non pensiate che anche se piccoli non abbiano memoria. Anzi, ne hanno certamente più di noi. Solo che non sanno riconoscerla ed esprimerla.

Personalmente, ho constatato che dai due anni circa, se stimolati nel modo giusto i bimbi ricordano molti eventi vissuti.

La mia prima figlia, Alice (2 anni e mezzo) mentre sfogliamo l’album di famiglia parla di aneddoti non documentati sulle foto ma avvenuti in quell’occasione.

Gli strumenti per insegnare ai bambini le emozioni ed i sentimenti sono variegati. Ma un album fotografico di famiglia è certamente un oggetto da non farsi mancare.

Attraverso le fotografie, i ricordi sono concentrati e in poche pagine è possibile ripercorrere molte fasi importanti. Partendo da una foto, si passerà a raccontare l’evento ritratto. Si ricorderanno le sensazioni provate. Si riconosceranno le persone presenti, il paesaggio e i dettagli.

I bambini immagazzineranno tutte queste informazioni che serviranno ad avere un linguaggio più forbito e una capacità empatica strutturata.

Da quando ho conosciuto Alessandro (il mio adorato compagno), ho iniziato a stampare le foto dei nostri viaggi, delle serate con gli amici, degli anniversari… Ho documentato avvenimenti importanti o semplici momenti di quotidianità. E ho iniziato ‘La Meravigliosa Storia della nostra Famiglia’.

Poi è arrivata la prima gravidanza, è nata Alice. Poi ancora la seconda gravidanza ed è arrivata Susanna. Ed ovviamente è stato un tripudio di gioie e di fotografie indimenticabili.

I ricordi importanti non si dimenticano mai ma ogni tanto rivedere una foto fa rivivere delle sensazioni viscerali. Il cuore sembra scoppiare e l’occhio si fa lucido.

La felicità è racchiusa nelle piccole cose e una fotografia, nel tempo, acquisirà un valore inestimabile.

Dopo essermi abbandonata al romanticismo, vediamo la parte pratica. Pronte con colla e forbici?

Ecco i miei trucchi per creare un album fotografico di famiglia da tramandare da genitore a figlio

  • Ogni due-tre mesi, scaricare le foto dai cellulari dopo averle scremate.
  • Catalogare le foto in cartelle diverse. Cartella singola per eventi importanti (compleanni, vacanze, giorni speciali).

    Cartella miscellanea per tutte quelle foto della vita quotidiana che spesso ritraggono i momenti più belli e divertenti.

  • Eliminare le foto venute male o ripetitive.
  • Salvare i video in una cartella a parte.
  • Per sicurezza, sarebbe meglio salvare le foto anche su un hard disk esterno.

    Se il pc dovesse rompersi, i vostri ricordi staranno comunque al sicuro.

  • Scegliere le foto da stampare cercando di focalizzare quelle più simboliche.

Una volta stampate le foto, con pazienza dovrete procedere ad inserirle nell’album in ordine cronologico.

Io preferisco gli album in carta, dove è possibile scrivere delle didascalie. Però, in mancanza di tempo, andranno benissimo anche quelli con le tasche trasparenti.

Noi quattro, ogni tanto, ci mettiamo sul divano e sfogliamo ‘La Meravigliosa Storia della Nostra Famiglia’. Devo dire che da quando ci sono le due principesse gli album si stanno accumulando in quantità. Tra poco avremo bisogno di una libreria solo per loro.

Guardare insieme le nostre foto è davvero un momento magico. Di solito lo facciamo la sera, prima delle ninne e devo dire che è anche un’attività rilassante per le bimbe.

Con questo articolo ho voluto condividere con voi mamme una mia mania, le fotografie. Non sono un’aspirante fotografa e dunque il nostro album fotografico di famiglia è ben lontano da essere qualcosa di professionale. Ma per noi ha un valore inestimabile e lo amiamo così, casalingo, vissuto e a tratti kitsch.

Se anche voi volete cimentarvi nella creazione della storia della vostra famiglia, qui sotto troverete qualche consiglio. Io acquisto di tutto su Amazon e ogni tanto faccio scorta di album fotografici. Per i nostri ricordi ho scelto degli album di colore rosso, e voi quale sceglierete?

Album fotografiche con tasche per i ricordi di famiglia

Avendo il terrore di perdere tutte le nostre foto a causa della rottura del pc, ogni tanto salvo tutto anche su un hard disk esterno. Sembrerà una mossa maniacale ma vi assicuro che potrebbe davvero essere utile averne uno.

Il mio compagno perse tutti i video del papà che purtroppo ora non c’è più e per riaverli ha dovuto pagare 500€. Mio ‘suocero’ aveva una bellissima voce a cantava anche in pubblico. Per noi, era troppo importante riavere le sue riprese per farle vedere alle nostre bimbe che non hanno potuto conoscerlo.

Per questo vi dico con il cuore: i ricordi non hanno prezzo. Custoditeli con cura.

Hard disk esterno: come mettere al sicuro fotografie e documenti importanti

Ho pensato di darvi questi due consigli d’acquisto per hard disk esterno solo per rendere l’idea di cosa stiamo parlando. Ovviamente potrete scegliere tra modelli che abbiano anche capacità maggiori di archiviazione. I due scelti da me sono tra i più venduti su Amazon e hanno un prezzo più che ragionevole per contenere i vostri preziosi ricordi.

Dopo aver condiviso con voi abitudini e ricordi della mia famiglia, aspetto le foto dei vostri album! Ci vediamo sulla pagina di MestiereMamma o sul gruppo Le mamme di MestiereMamma.

Leggi anche…

VI SVELO IL MIGLIOR AEROSOL PER BAMBINI: VELOCE E… SILENZIOSO!

Источник: https://www.mestieremamma.it/album-fotografico-di-famiglia/

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: