Come portare un neonato in macchina

Viaggi lunghi in macchina con neonato

Come portare un neonato in macchina

Consigli per organizzare al meglio viaggi lunghi in macchina con neonato, da cosa tenere in macchina ai trucchi per tranquillizzare il bimbo se piange

Consigli per viaggi lunghi in macchina con neonato

Viaggi lunghi in macchina con neonato: sì o no? Prima o poi capita a tutti i neo genitori di porsi questa domanda. Ovviamente la risposta è sì, ma organizzando al meglio l'itinerario di viaggio e preparando tutto l'occorrente necessario a rendere il percorso in auto con i neonati sicuro, agevole, piacevole per tutti.

Durante un viaggio lungo, infatti, è necessario che il neonato sia disposto in massima sicurezza, è importante avere a portata di mano biberon, ciuccio e giochini per intrattenerlo o calmarlo se necessario. Ed è fondamentale avere la possibilità, nel corso dell'itinerario, di fare delle soste per cambiare il pannolino, dare da mangiare, spezzare il viaggio con i più piccoli della famiglia.

In questa guida Pianetamamma vi dà tutti i suggerimenti per progettare al meglio dei viaggi lunghi in auto con i neonati.

Neonato in auto ovetto o navicella?

Per prima cosa è fondamentale non tenere mai in braccio il bambino durante i tragitti in auto, che si tratta di brevi o lunghi viaggi. E' fondamentale che il neonato sia messo in sicurezza in auto sin dalle prime settimane di vita. 

I dispositivi sicuri e ammessi dal codice della strada sono due: navicella e ovetto. Entrambi possono essere utilizzati in auto, anche per viaggi lunghi, a patto che siano correttamente fissati al sedile all'interno dell'abitacolo.

La navicella, ad esempio, dovrà essere fissata attraverso apposito kit, che viene fornito al momento dell'acquisto della navicella o che, in alternativa, dovrà essere acquistato separatamente.

I kit per navicella comprendono degli agganci specifici per evitare che, una volta in movimento, il piccolo venga sballottolato.

La navicella, comunque, andrà posizionata parallelamente ai sedili posteriori e andrà bene per trasportare bambini fino ai 10 kg.

L'alternativa numero 2 per viaggi sicuri con i più piccoli di casa è l'ovetto. Quest'ultimo può essere fissato in vari modi all'auto, il più delle volte ha una base che viene fissata al sedile attraverso sistema isofix e permette di agganciare comodamente, con un semplice click, l'ovetto ogni qualvolta si sale in auto.

L'ovetto può essere posizionato anche sul sedile del passeggero, ma solo se gli airbag sono disattivati.

Per le prime settimane di vita, su l'ovetto va applicato un riduttore che permette al neonato di assumere una posizione corretta e non pericolosa.

Mete per viaggi con neonati in auto

Quali viaggi si possono organizzare con i neonati? Le restrizioni non sono molte, ci vuole buon senso, certamente, e scegliere mete abbastanza tranquille, che possano rispondere bene a tutte le esigenze dei piccoli.

Solitamente si suggerisce di non partire nei primi 10 giorni di vita del bambino, questo perché si tratta di una fase delicatissima, in cui potrebbe verificarsi un calo ponderale, potrebbe comparire l'ittero, è la fase in cui l'allattamento si sta avviando, dunque, solo in casi particolari, consultando prima il pediatra, si può partire in questa primissima fase della vita.

Per il resto non ci sono mete ideali. Un neonato può essere portato al mare come in montagna, anche se è forse la campagna il luogo ideale per temperature miti e altitudine media.

Si sconsiglia, infatti, di esporre i neonati al sole, e di portarli in luoghi dove le temperature sono troppo elevate, così come è sconsigliato di portare i bambini al di sotto dei 12 mesi oltre 1500 metri di altezza.

Una bella gita in campagna o sulle colline della nostra Italia, tra Lazio, Umbria, Toscana, Emilia Romagna, ad esempio, potrebbe essere un'ottima idea.

Come organizzare la macchina per un viaggio lungo con i neonati

Una volta scelta la meta e individuato il dispositivo migliore per mettere in sicurezza il neonato durante il viaggio, non resta che organizzare l'auto, inserendo al suo interno tutto l'occorrente.

Iniziamo con una accurata pulizia dell'auto: prima di mettersi in viaggio con un bimbo piccolo è bene far lavare la macchina fuori e dentro.

Cosa non va dimenticato: sicuramente l'occorrente per cambiare il neonato, dai pannolini ai cambietti necessari per tenere il bebè sempre pulito e asciutto.

Molto utili le salviette imbevute, i bavaglini (anche usa e getta), detergenti igienizzanti per poter sanificare biberon, ciuccio e altri oggetti del bambino.

Una copertina (o più di una) per coprirlo da freddo o aria condizionata. 

Non dimenticate mai il ciuccio, il pupazzetto con cui dorme o tutti quegli accessori che per il neonato sono una sicurezza al momento della ninna e non solo. 

Cosa fare se inizia a piangere e vuole stare in braccio?

Può succedere che nel bel mezzo del viaggio, magari dopo aver dormito per un po', il neonato si svegli, inizi a lamentarsi e a piangere. Cosa fare?

Per prima cosa una mamma sa sempre capire perché il proprio piccolo sta piangendo: è fame? Allora meglio accostare e allattarlo in un'area di servizio. Ha il pannolino sporco o bagnato e gli dà fastidio? Anche in questo caso è bene fermarsi alla prima area di sosta e provvedere al cambio pannolino per far ritrovare la serenità al piccolo.

Piange perché è annoiato, stanco di stare seduto nell'ovetto o coricato nella navicella? Piange perché vorrebbe venire in braccio? In questo caso è bene tirare fuori l'asso dalla manica: il ciuccio se i neonati sono abituati a prenderlo, o in alternativa quel pupazzetto, quel pezzo di stoffa che ha il potere magico di rassicurare i piccolini.

Se, nonostante, tutto questo, il neonato non si calma, potete provare con un cd musicale: preparate a casa, prima della partenza, un cd con musiche rilassanti, ninne nanne, canzoncine che siete solite cantare al neonato per farlo addormentare.

Ultima opzione può essere quella di scaricare un'app che riproduce il cosiddetto “rumore bianco”. Il “white noise” altro non è che il rumore del phon, del microonde, delle onde del mare.

Un rumore continuo e costante che ha il poterei bebè. E' chiamato così per analogia alla luce bianca, che è la somma di tutti i colori dell'iride: il rumore bianco è la somma di tutte le frequenze udibili.

Farmaci da portare in viaggio con i neonati

Quando si parte con un bambino in generale, con un neonato ancora di più, è bene portare con sé quei farmaci e parafarmaci che potrebbero tornare utili. Dalle pomate contro l'arrossamento del sederino, alla soluzione fisiologica per i lavaggi nasali, dalle creme per proteggere la pelle dal sole, a quelle per allontanare gli insetti.

Consultare il pediatra anche sulla possibilità di portare un antiepiretico, da poter somministrare in caso di febbre. Un buon consiglio, prima di partire per viaggi lunghi con neonati è quello di prendere un appuntamento con il medico del bambino, spiegargli il tipo di itinerario che farete e chiedere se potrebbe essere utile portare con sé qualche medicinale specifico.

Cosa serve per un viaggio in macchina con un neonato

Ricapitolando, dunque, per un viaggio in macchina con un neonato occorre:

  • navicella o ovetto agganciati con kit e sistemi di sicurezza ammessi dal codice della strada
  • occorrente per il cambio del piccolo: pannolini, cambietti
  • copertina per ripararlo da freddo e aria condizionata
  • salviette umidificate e fazzoletti per ogni occorrenza
  • ciuccio, biberon
  • giochini, pupazzetti per intrattenerlo
  • farmaci e parafarmaci consigliati dal pediatra

A questo elenco aggiungiamo la serenità di mamma e papà: se il piccolo avvertirà di trovarsi in un ambiente sereno, privo di ansia e paure, vivrà senza problemi il lungo viaggio in auto.

gpt inread-altre-0

Источник: https://www.pianetamamma.it/la-famiglia/guide/viaggi-lunghi-in-macchina-con-neonato.html

dove metterlo in auto?

Come portare un neonato in macchina

Scegliere la corretta e più sicura posizione in auto per il seggiolino aumenta la protezione di tuo figlio in caso di incidenti.

La domanda è apparentemente semplice: qual è il posto più sicuro per installare il seggiolino auto? Sul sedile anteriore, sul sedile posteriore sinistro, oppure destro, oppure al centro? Come accade per la maggior parte dei temi in materia di sicurezza in auto dei bambini, però, a domanda secca non corrisponde risposta facile, ma c’è bisogno di un giusto approfondimento.

In maniera quasi assolutistica si può affermare che il posto più sicuro dove montare il seggiolino auto sia il sedile centrale posteriore, lontano da eventuali urti laterali, laddove ci siano però i requisiti tecnici per l’installazione.

Deve cioè verificarsi almeno una delle seguenti condizioni:

  • il sedile posteriore centrale ha una cintura di sicurezza a 3 punti
  • il sedile posteriore centrale ha gli agganci isofix, necessari per seggiolini con questo tipo di installazione.

La regola generale è allora verificare nel libretto di istruzioni del proprio autoveicolo la compatibilità con il sistema di installazione previsto dal modello di seggiolino che si intende acquistare, proprio perché non tutte le auto hanno la predisposizione per l’installazione del seggiolino sul sedile posteriore centrale.

La maggior parte delle automobili non è dotata di agganci isofix sul sedile posteriore centrale (ma solo nei due posti laterali posteriori), non perché al centro non sia sicuro mettere il seggiolino auto, ma perché solitamente questo sedile è più stretto, ed avendo gli agganci isofix una distanza standard universale non ci sarebbe spazio sufficiente per l’installazione.

Posso mettere il seggiolino sul sedile posteriore destro?

La risposta è sì, perché l'alternativa più sicura al sedile centrale è il sedile posteriore destro, in virtù della nostra guida a sinistra, e quindi con maggiore protezione in caso di impatto frontale/laterale.

Ovviamente, in questa posizione, il seggiolino è più esposto in caso di impatto laterale destro, ma i dati ISTAT 2018 hanno evidenziato come sia proprio il laterale destro il lato meno incidentato.

Inoltre, è consigliabile usare questa sede perché normalmente, parcheggiando a bordo strada, è più sicuro far entrare ed uscire il bambino dalla macchina dal lato del marciapiede.

Posso mettere il seggiolino sul sedile anteriore?

Test e logica ci suggeriscono che i sedili anteriori siano meno sicuri di quelli posteriori. Questa posizione è in genere quella preferita dai neo genitori, che in questo modo hanno la possibilità di tenere sotto controllo il bimbo piccolo nell’ovetto, al loro fianco.

In questo caso, però, l’ovetto va installato rigorosamente in senso contrario di marcia e con l’airbag lato passeggero disattivato.

Il motivo è che in caso di incidente o apertura involontaria, l’airbag potrebbe gravemente ferire il bambino schiacciandolo contro lo schienale.

In linea generale, è consigliabile collocare anche gli ovetti per i neonati nella parte posteriore dell’auto, in senso contrario di marcia, magari con il supporto di uno specchietto retrovisore di sicurezza che aiuti i genitori a monitorare il piccolo più agevolmente.

A supporto di questo consiglio, bisogna tenere presente che i seggiolini reboard, ovvero che viaggiano in senso contrario di marcia, in caso di collisione frontale proteggono maggiormente testa e collo del bambino, le parti più vulnerabili per i bambini piccoli.

Con la normativa UN/ECE R44/04 l’obbligo di viaggiare in senso contrario di marcia è fino ai 9 kg (caso a parte è quello dei seggiolini del Gruppo 0+ il cui obbligo è fino ai 13 kg), mentre con la nuova normativa ECE/UN R129 l’obbligatorietà è fino ai 15 mesi del bambino, proprio per una maggiore sicurezza.
Discorso diverso per i bambini più grandi che viaggiano in senso di marcia: in questo caso gli airbag devono essere attivi e il sedile anteriore spostato il più indietro possibile, proprio per questioni di sicurezza (fare comunque sempre riferimento al manuale d'uso del proprio veicolo).

FOCUS: “Perchè è meglio viaggiare in senso contrario di marcia?”
FOCUS: ECE R129: leggi tutto sulla normativa
FOCUS: ECE r44 04: cosa dice e come si applica la normativa

Posso mettere il seggiolino sul sedile posteriore sinistro, lato conducente?

Questa posizione è meno consigliata rispetto al lato posteriore destro, ma comunque sempre più sicura rispetto a quello anteriore.

L'infografica: qual è la posizione più sicura per il seggiolino in auto

Ricapitolando, ecco un'infografica che schematizza quanto detto finora rispetto a quale sia la posizione più sicura in auto per l'installazione del seggiolino.

Come fare con due o tre seggiolini?

Se la famiglia è numerosa e i seggiolini da montare in auto sono due o tre, il consiglio da seguire è, laddove possibile, utilizzare il sedile posteriore centrale per il bambino più piccolo e quello meno sicuro per il più grande, non per discriminazione ma perché la struttura fisica dei neonati e la testa in particolare è molto più delicata. In questo caso, va fatta una valutazione in base anche al modello di auto a disposizione o da acquistare. Ne abbiamo parlato in maniera dettagliata nel nostro approfondimento “Tre seggiolini in auto: tutti i risultati del test TCS”.

In conclusione, il posto più sicuro per l’installazione del seggiolino in auto è il sedile posteriore centrale, ma verificate che ci siano le caratteristiche tecniche dell’auto adeguate al tipo di installazione del seggiolino che avete acquistato o che state per acquistare.

FOCUS: “Come e dove installare il seggiolino auto per bambini?”

Источник: https://www.cercaseggiolini.it/notizie-seggiolini-auto/dove-mettere-il-seggiolino-auto-806.asp

IL TRASPORTO IN AUTO DEI NEONATI: IL PRIMO STEP SI CHIAMA OVETTO

Come portare un neonato in macchina

Eccoci alla seconda puntata del nostro progetto dedicato alla sicurezza dei bimbi in auto.

Il primo seggiolino auto con cui avrete a che fare è quel “guscio” con capottina e maniglione per il trasporto comunemente chiamato “ovetto” che solitamente viene acquistato assieme a passeggino e carrozzina così da formare un sistema modulare.

Gli ovetti comunemente sono omologati fino ai 13 kg di peso del bebè (gruppo 0+) anche se parlare di chili, soprattutto prima ancora che il bimbo nasca, spesso manda in confusione i futuri genitori che si stanno informando sull’acquisto.

Secondo la nuova normativa i-Size (già in vigore e per ora in affiancamento alla vecchia normativa ECE R-44, ancora valida fino al 2018) il bimbo deve viaggiare contrario al senso di marcia fino ai 15 mesi e sicuramente l’ovetto è il dispositivo più pratico e sicuro che avete a disposizione, almeno all’inizio. Mentre la vecchia normativa prevede l’utilizzo di un seggiolino montato contrario al senso di marcia fino ai 9 kg, quella nuova si basa su età e altezze: solo a 15 mesi , stabilisce la legge iSize, il collo e l’ossatura del bimbo sono abbastanza formati per poterlo far viaggiare nel senso di marcia.

In questo momento ci troviamo quindi in un limbo in cui le due leggi si accavallano e a volte le etichette e le istruzioni non ci aiutano quindi deve prevalere il buon senso: un bimbo particolarmente in carne ma di pochi mesi, anche se pesa già 9 kg, sarà meglio farlo viaggiare ancora contrario al senso di marcia. Di contro un bimbo piuttosto esile, di circa un anno e mezzo e che pesi 9kg, può già essere messo nel senso di marcia.

Non montate mai un ovetto sul sedile anteriore se prima non è stato disattivato l’airbag!

Non tutti sanno che le migliori marche di ovetti “calzano” quasi tutte sulle migliori marche di passeggini.

Avere un passeggino di una marca e un ovetto di un’altra non è sinonimo di confusione o incapacità negli abbinamenti -della serie “una scarpa e una ciabatta” per intenderci- ma è il frutto di una ricerca del meglio per sé e il proprio bimbo. Questo perché produrre passeggini è un mestiere ma produrre sicurezza auto è un altro paio di maniche.

Per esempio l’azienda tedesca Cybex negli ultimi anni ha messo in piedi una flotta di passeggini dal design e dalle qualità invidiabili, ma nasce prima di tutto come azienda di sicurezza auto. Per questo motivo i suoi ovetti sono apprezzatissimi e vendutissimi anche sui passeggini di altri marchi, sui quali vengono comodamente agganciati mediante appositi connettori.

Assolutamente da evitare invece le carrozzine (anche se omologate) per il trasporto dei neonati in auto, non consigliate dal punto di vista della sicurezza per come il bimbo (non) è trattenuto all’interno e per il modo in cui esse vengono (non) agganciate in auto.

Non per nulla le migliori marche di passeggini non le propongono proprio perchè vogliono offrire standard qualitativi elevati su ogni prodotto e preferiscono creare connettori ad hoc per poter agganciare sui migliori passeggini i migliori ovetti e creare carrozzine comode e capienti per le passeggiate e la nanna.

Insomma, come un po’ in tutte le cose, perché un prodotto svolga egregiamente la sua funzione, dovrebbe fare solo quella!

Per la scelta dell’ovetto attenzione a:

ERGONOMIA: l’ovetto deve assicurare una postura semistesa senza incassare il bimbo: il piccolo non deve risultare piegato ne’ col peso della testa che preme sullo sterno.

SICUREZZA: controllate i punteggi di valutazione ottenuti dagli istituti di certificazione per la sicurezza nei vari test (tra i più autorevoli ADAC, TCS, STIFTUNG WARENTEST, OAMTC).

PROTEZIONE: l’ovetto deve proteggere quindi non spaventatevi se il bimbo lo riempie completamente e il seggiolino vi sembra piccolo. Rimuovete il riduttore al momento opportuno per assicurare più spazio al bimbo e non abbiate fretta di passare al gruppo successivo se il bimbo pesa già 8-9 kg ma ha solo pochi mesi.

L’alternativa è optare per un seggiolino 0-18 kg di nuova concezione, argomento del nostro prossimo post.Se il problema invece è quello di non poter vedere il bimbo girato, esistono dei pratici specchietti creati appositamente per questo scopo.

-LEGGEREZZA: essendo portato a mano per brevi tratti e spostato spesso da macchina a passeggino non deve essere eccessivamente pesante e voluminoso, questo aspetto però è secondario perché riguarda unicamente la vostra comodità.

Veniamo a cosa propone il mercato. Come appena detto una delle aziende leader nella produzione di ovetti è Cybex, che ha all’attivo in questo momento, oltre ad eventi sulla sensibilizzazione alla sicurezza (di cui alleghiamo il calendario), due veri best seller nella sua linea Platinum: Aton Q e Cloud Q.

ATON Q CYBEX

quello che si vede: è un ovetto esteticamente curatissimo nei dettagli, compatto nel volume, con un poggiatesta regolabile e un riduttore amovibile proprio per assicurare una postura quanto più stesa al neonato. Dotato di una cappottina che protegge da vento e sole, a scomparsa e pratica da aprire, viene realizzato in diversi tessuti e colori.

quello che non si vede: la scocca del seggiolino è realizzata in un materiale robusto ma flessibile per assorbire la forza di un eventuale impatto e proteggere al meglio in bimbo. A ciò si aggiunge il sistema telescopico di un’ulteriore barra di protezione lineare per gli impatti laterali.

quello che dovete sapere: è compatibile con i prestigiosi passeggini Cybex e con la stragrande maggioranza dei migliori passeggini sul mercato (marchi europei, americani e australiani)

L’ovetto CLOUD Q CYBEX mantiene la maggior parte delle caratteristiche di sicurezza di Aton Q ma in più è reclinabile (quando utilizzato fuori dall’auto) e offre ben 11 posizioni di regolazione per il poggiatesta anziché 8.

Il suo esclusivo sistema di reclinazione consente di creare un sistema modulare a duo (passeggino e ovetto) con la garanzia di dare una posizione stesa al bimbo col seggiolino agganciato al telaio senza per forza utilizzare la carrozzina.

Essendo più strutturato è compatibile solo con alcuni dei migliori passeggini sul mercato e naturalmente con i modelli di passeggini Cybex.

ISOFIX O NON ISOFIX?

Se avete una vettura provvista di agganci isofix e volete il top della sicurezza e della praticità, acquistate anche la relativa base per l’ovetto.

Solitamente gli ovetti in commercio, come i due modelli Cybex appena citati, hanno la doppia omologazione: con cinture o con base isofix acquistabile a parte con un surplus di prezzo (ottima idea regalo nelle liste nascita!).

Tuttavia un ovetto di qualità, agganciato correttamente, assicura comunque un’ottima protezione proprio perché installato contrario al senso di marcia. L’utilizzo dell’isofix diventerà obbligatorio al decadimento definitivo della legge ECE R-44, quando rimarrà in vigore esclusivamente la legge i-Size.

PER CONCLUDERE

L’ovetto è il primo sedile del vostro bimbo, forse quello più importante perché lo userete per portarlo a casa dall’ospedale e vi accompagnerà per almeno un anno e in un anno il bimbo cambia peso e forma in modo esponenziale. Ne farete un uso davvero intensivo: non fate scelte affrettate e non accettate ovetti mediocri solo perché già compresi nei sistemi modulari che avete scelto!

Calendario degli EVENTI CYBEX DEL MESE DI GIUGNO per la sicurezza dei bimbi in auto e/o la presentazione di nuovi prodotti

15 GIUGNO: ore 17.30 Centro Vicenza Fitness di Altavilla Vicentina

17 GIUGNO: dalle 16 alle 20 Acquapark di Altavilla Vicentina

20 GIUGNO: ore 16.30 Paniate – Asti

23 GIUGNO: dalle 16 alle 19 Bagni America di Finale Ligure

25 GIUGNO: ore 11 Yaya Bebè di Marghera

30 GIUGNO: ore 16.30 Faraldi e Otten di Bordighera

30 GIUGNO: ore 16.30 Baby Marketing di Salerno

Un abbraccio

Sara

Источник: https://www.chizzocute.it/trasporto-auto-neonati-ovetto/

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: