Come lavare i vestiti dei bambini: consigli per igiene e lavaggio

Perchè disinfettare i vestiti dei neonati

Come lavare i vestiti dei bambini: consigli per igiene e lavaggio
PinterestLinkedInWhatsApp

I bambini non possono ancora contare su difese immunitarie complete perchè il loro sistema immunitario non è ancora sviluppato totalmente: proprio per questo motivo bisogna prestare molta attenzione alla prevenzione e all’igiene per evitare pericolose infezioni e anche varie malattie.

Mantenere il piccolo in salute è possibile solo con tanta attenzione alla pulizia e alla santificazione costante dei suoi vestiti e di tutti gli oggetti con cui il piccolo ha contatto diretto.

I vestiti di neonati infatti oltre al semplice lavaggio nella tua lavatrice di casa dovrebbero ricevere delle attenzioni particolari per essere disinfettati a dovere in modo che il sistema immunitario dei bambini possa difendersi senza fatica.

Capire l’importanza di lavare e igienizzare bene e in profondità i vestiti del neonato è il primo passo per farlo stare al sicuro dopo la nascita. Infatti non tutte le mamme sanno che bisogna lavare gli abitini prima che vengano indossati per la prima volta.

Forse non si pensa mai troppo a quanto i negozi siano esposti a batteri, rifletti su quante mani hanno toccato quei capi per neonati, magari guardando la taglia, il prezzo, citandolo e mettendoselo tra le braccia prima di riporlo perchè magari si è scelto di acquistare altro.

Ma anche quando li metti nella busta per portarli a casa i vestiti da neonato vengono incontro con tantissimi agenti inquinanti e tu non puoi assolutamente permettere che il piccolo li tocchi con la sua pelle delicata.

  • Controlla sempre le indicazioni per il lavaggio. Valuta bene quindi le opzioni di lavaggio più indicate per il tessuto e il genere di abito.
  • Usa il detersivo da bucato non chimico per neonati, evita di lavare questi capi con il solito detersivo aggressivo che usi per tutta la famiglia
  • Fai un utile pre-ammolloin questo modo eliminerai tanti rischi e germi.
  • Lava i capi del tuo piccolino da soli senza mettere anche i vestiti tuoi o di tuoi marito o dei tuoi figli più grandi.
  • Immergi in acqua tiepida i piccoli abiti dopo averli tirati fuori dalla lavatrice.
  • Fai asciugare al sole in una situazione protetta, il sole inoltre è un validissimo disinfettante naturale

Consigli per disinfettare i vestiti dei neonati

Se puoi e hai tempo per lavare a mano il bucato del neonato è sicuramente l’opzione migliore, ti consigliamo di rifletterci molto bene. La salute del tuo piccolo è importantissima! Ti vogliamo dare una piccola routine semplice da eseguire per lavare a mano i vestiti del neonato:

1. Disinfetta accuratamente le mani dopo averle lavate

2. Misura sempre la temperatura dell’acqua che deve essere tiepida

3. Usa saponi assolutamente non chimici e extra delicati

4. Immergere in acqua sia prima sia dopo averli lavati e sciacquati

5. Asciugare al sole

Prima di fargli indossare i suoi vestitini è bene essere certa che i vestitini del neonato siano davvero asciutti o potresti farlo incorrere in malattie come febbre e mal di gola o anche in infezioni fungine se metti quei vestiti nell’armadio, che possono ammuffire o creare eccessiva umidità.

Lavare bene i vestiti dei neonati

Oltre a lavare i piccoli capi per il tuo neonato, è bene che impari anche a disinfettarli, qui di seguito alcuni facili modi per disinfettare i vestiti del fagotto di gioia che hai tra le braccia.

  1. ti consigliamo di iniziare con un pre-lavaggio per togliere le macchie strofinando forte con un detergente disinfettante per abitini da neonato, lo trovi in tutte le farmacie o nei negozi online.
  2. Rimuovi in modo molto accurato i residui di rigurgito, bava e altri eventuali fluidi corporei del piccino.In queste macchie e residui infatti potrebbero annidarsi pericolosi batteri che comporterebbero rischi per la salute del neonato.
  3. Mettili in ammollo con aceto di vino bianco, un valido disinfettante naturale.

Evita assolutamente di usare l’ammorbidente perchè può danneggiare e irritare gravemente la pelle del bambino dando vita anche a allergie precoci a causa di sostanze chimiche dannose. Non usare l’asciugatrice: è molto meglio il sole perchè disinfetta naturalmente i capi.

Se ti accorgi che il piccolo ha già delle allergie cutanee con eruzioni o eczemi allora consulta immediatamente il tuo pediatra, insieme troverete un modo per risolvere e limitare i pericoli per la pelle del tuo piccino.

Compra dei saponi per bucato extradelicati e soprattutto con delle formule specifiche per bambini molto piccoli, in caso anche quelli realizzati appositamente per i bimbi che soffrono di allergie cutanee.

Le allergie cutanee sono pericolose a tutte le età, pensa quindi cosa può succedere quando parliamo di un neonato che non ha ancora sviluppato le sue difese immunitarie. Eczemi, ulcere, tagli, piaghe: i neonati sono piccoli e delicati, proteggili con tutte le armi a tua disposizione!

PinterestLinkedInWhatsApp

Источник: https://www.mammastobene.com/disinfettare-vestiti-neonati/

Come lavare il corredino di un neonato

Come lavare i vestiti dei bambini: consigli per igiene e lavaggio

Per la salute dei nostri piccoli è fondamentale la massima igiene, da qui un occhio di riguardo per il lavaggio del loro corredino. Da uno studio dell'Unione Europea risulta che una percentuale dei nostri problemi dermatologici derivano proprio dai capi indossati.

La pelle dei neonati è delicatissima, per tale ragione il lavaggio delle tutine va effettuato con cura. Da una parte deve essere altamente igienizzante, ma dall'altra non deve lasciare sul corredino traccia di agenti chimici che potrebbero irritare la pelle dei neonati.

Rigurgiti, feci, saliva, latte, insidiano le tutine. Vediamo insieme come lavare il corredino di un neonato.

La scelta del corredino del neonato

La prima cosa che va considerata ancora prima del lavaggio è la tipologia della tutina da lavare. Se il lavaggio non deve essere aggressivo, lo stesso dicasi per i tessuti a contatto con il bambino.

Diventa, quindi, di massima attenzione per i tessuti, cotoni morbidi, traspiranti, che siano una coccola da indossare per i piccoli. Sentirsi a loro agio, nei panni da neonato, è fondamentale per la loro serenità.

Le tutine cotone neonato proposte su Il mondo di Leo puntano a essere una seconda pelle, confortevole e accogliente, coniugando funzionalità e praticità anche all'estetica. Le tutine hanno colorazioni atossiche e bottoncini nickel free.

Medesima qualità è riservata ai body, con cotone organico e altamente traspirante, come i completini per neonato tutti comodi ma soprattutto di qualità. Dunque laviamo i completini con la giusta premura, ma in primis scegliamo con cura l'abbigliamento. Fatta questa doverosa premessa, vi parlerò di come lavare gli indumenti del neonato.

Lavatrice e lavaggio a mano

Le tutine, i body e tutti capi de Il Mondo di Leo sono tranquillamente lavabili in lavatrici oltre che a mano. Questo perché noi mamme ci ritroviamo a dover lavare una mole ingente di indumenti per neonato, quindi è vitale coniugare igiene a praticità.

Poter procedere sia al lavaggio in lavatrice che a mano, questo dipenderà dalle vostre preferenze e dalle peculiarità del capo. Una tutina particolarmente delicata è preferibile lavarla a mano. Ricordo che sempre meglio lavare il corredino del neonato anche inutilizzato.

La polvere che magari ha preso l'indumento nel negozio è sempre dietro l'angolo! Inoltre, considerando il processo di produzione, spedizione, eccetera, è bene dare una lavata al corredino nuovo del bambino.

Inoltre, per chi volesse usare la lavatrice, meglio sempre lavaggi delicati (non oltre i 60°) con detersivi altrettanto delicati, per non alterare il ph dell'epidermide dei nostri piccoli. 

Potete lavare in lavatrice body in cotone neonato, ma anche tutine sempre in cotone o ciniglia, senza il timore di rovinarli. Prima però non trascuriamo la fase di ammollo e di pretrattare eventuali macchie sempre con prodotti adeguati alle esigenze dei bambini.

Quando c'è una macchia pretrattarla e usare acqua fredda, altrimenti quella calda potrebbe fissare la macchia e rendere più difficile la sua rimozione. Le macchie prima vengono trattate e meglio è, non cedete alla tentazione di usare smacchianti aggressivi.

La lavatrice è sicuramente una manna dal cielo, specie per noi mamme sprint, sempre indaffarate ma vi consiglio di lavare sempre i capi a parte, non mischiarli con quelli degli adulti in modo da preservare al massimo l'igiene.

La pelle dei più piccoli infatti è sicuramente diversa da quella degli adulti, quindi mai mescolare il bucato.

Il lavaggio a mano, sempre dopo la fase di ammollo, ve lo suggerisco per quei capi costituiti da tessuti particolari da detergere con saponi o detersivi rigorosamente delicati.

Che laviate il corredino a mano o in lavatrice fate sempre il doppio risciacquo, non solo per una pulizia più profonda, ma anche per eliminare ogni sorta di residuo di detersivo. Quindi no a cicli brevi e mai essere avari in tema di risciacqui.

Al bando l'ammorbidente

Sconsiglio assolutamente l'utilizzo dell'ammorbidente per diversi motivi. In primis, per le eventuali tracce chimiche che possono rimanere sulle tutine o body del neonato. La pelle dei piccoli si sa è delicatissima e anche una piccola traccia chimica di ammorbidente potrebbe scatenare un'allergia o una dermatite.

Inoltre, il profumo rilasciato nell'ambiente, se per noi adulti può essere gradevole, per un neonato può essere fastidioso. Come ho già detto le tutine o body devono essere una seconda pelle, quindi mettere a proprio agio il neonato e non irritarlo con tessuti urticanti, profumi molesti e agenti chimici.

Oltre all'ammorbidente non usare la candeggina essendo anch'essa molto aggressiva.

I rimedi della nonna per lavare il corredino del neonato

Ebbene sì, le nonne ne sapevano più di noi e i loro rimedi si rivelano trucchetti infallibili anche per lavare il corredino del neonato.

Questo perché loro usavano prodotti naturali, in un'epoca meno industrializzata e ciò contribuiva a una detersione del corredino del neonato senza agenti chimici.

Spesso, il problema dell'epoca moderna è che c'è tanta offerta, ma poca genuinità.

Sul dibattito riguardante gli igienizzanti vi consiglio bicarbonato o aceto che sono totalmente naturali. Questi metodi consentono di igienizzare, senza aggredire i capi e di conseguenza la pelle del bambino. Sfatiamo questo mito: per pulire a fondo non sono necessari prodotti chimici.

Il bicarbonato si può usare anche al posto dell'ammorbidente, da inserire nella vaschetta della lavatrice. Lo stesso vale per aceto bianco o per l'acido citrico. Avranno un effetto antiodore e conferiranno alle tutine del neonato morbidezza.

Chiaramente anche detersivi delicati, naturali o biologici puliscono a fondo i capi con meno rischi per la pelle dei piccoli. Ma vediamo più nel dettaglio usi e proprietà dei prodotti naturali sopra citati.

Bicarbonato

Come visto, il bicarbonato è un preziosissimo alleato per lavare il corredino di un neonato. Di solito non manca mai nelle nostre case e può assolvere importanti funzioni per il bucato dei più piccoli.

Sappiamo quanto è importante che le tutine del neonato siano sempre linde e profumate e in questo il bicarbonato ci viene in soccorso. Innanzitutto elimina gli odori sgradevoli e considerando tutti i pannolini che cambiamo non è cosa da poco. Ma un altro problema sono le macchie e gli aloni che possono rimanere sulle tutine.

Per questo nessun problema, in quanto il bicarbonato può essere utilizzato anche come smacchiante per pretrattare il capo.

Aceto bianco

Abbiamo messo al bando l'ammorbidente, un prodotto amato e utilizzato per i nostri abiti. C'è un sostituto? Certo ed è l'aceto bianco.

Utilizzatelo nella vaschetta e non preoccupatevi, anche se ha un odore forte non si trasferirà assolutamente sulle tutine del neonato. Conferirà setosità agli indumenti del neonato.

Si può utilizzarlo anche per il lavaggio a mano con ottimi risultati.

Acido citrico

Sempre più mamme fanno delle scelte green per il bucato dei loro piccoli. Molte, di fatto scelgono detersivi biologici che rispettino la pelle del bambino, ma anche la natura.

L'acido citrico è un elemento importante per chi intende fare lavaggi eco friendly. Il suo utilizzo è sostitutivo dell'ammorbidente, bandito per lavare il corredino del neonato.

L'acido citrico si può trovare al supermercato o nei negozi che vendono prodotti biologici. Si presenta in polvere e va dunque diluito nell'acqua, in genere con una proporzione di 100 ml di acido citrico per un litro di acqua.

Vi indico questa soluzione anche per disincrostare la lavatrice, naturalmente una lavatrice pulita garantisce un'igiene migliore ai completini per neonati.

Sapone di Marsiglia

Il sapone di Marsiglia è un prodotto intramontabile ed eco friendly per lavare il corredino del neonato. Per la pelle dei piccoli è un prodotto ideale, in quanto è naturale ed è composto da soda e olio d'oliva. Può essere pretrattante, da strofinare sulle macchie più ostinate o come detersivo.

Prezioso anche per l'ammollo con sale grosso e sapone di Marsiglia in scaglie. Se volete creare un detersivo fai da te, non chimico e delicato con il sapone di Marsiglia, seguite questa ricetta. Grattugiate il sapone di Marsiglia e mettete da parte.

In una pentola di acciaio bollite l'acqua, aggiungete il sapone in scaglie, il 10% rispetto al peso dell'acqua. Mescolate mentre il sapone si scioglie e frullate il tutto, con un mixer a immersione. Fate raffreddare il composto e voilà: il vostro detersivo è pronto; più che liquido avrà una consistenza gelatinosa.

Potete metterlo anche direttamente nella lavatrice. Se non volete cimentarvi con questa ricetta grattugiatelo e inseritelo nella vaschetta. Il mio consiglio è di mettere anche un cucchiaio di bicarbonato e uno di sale, il risultato sarà ottimo.

Un altro modo per usare il sapone di Marsiglia è strofinandolo su un asciugamano umido, da inserire in lavatrice. Anche qui vi suggerisco sale e bicarbonato.

Stesura e asciugatura del corredino di un neonato

Se ammollo e lavaggio vanno effettuati con la massima attenzione non sottovalutiamo la stesura e l'asciugatura. Il lavaggio del corredino di un neonato deve essere un processo accurato a 360°, affinché il piccolo indossi capi lindi.

La parola d'ordine? Noi mamme la conosciamo bene: pazienza. Da applicare anche in tema di bucato. Molto importante la stesura del corredino, se abitate in un centro urbano evitate posti dove possano assorbire polveri sottili.

Scegliete un luogo riparato, in modo tale che le tutine non siano esposte a sostanze potenzialmente nocive. Smog e inquinamento infatti potrebbero essere assorbiti dagli indumenti, oltre che potrebbero far apparire gli indumenti meno brillanti.

Il lavaggio delle tutine di un neonato deve essere sempre fatto per la prevenzione della salute e del benessere del bambino.

Inoltre, mai ritirare il bucato del neonato se non è completamente asciutto, anche un po' di umidità potrebbe creare cattivi odori o peggio ancora muffe, deleterie per l'epidermide. In vista del sole stendete al rovescio i completini del neonato, altrimenti i capi chiari potrebbero ingiallirsi o avere dei brutti aloni.

Источник: https://www.ilmondodileo.com/module-blog?id=34

Come fare il bucato dei neonati

Come lavare i vestiti dei bambini: consigli per igiene e lavaggio

Come fare il bucato dei neonati? Ecco come garantire pulizia e igiene al bucato dei nostri figli

Tutti i vestitini del neonato, nuovi o usati, vanno lavati e igienizzati a dovere. Anche dopo la nascita, quando ci troveremo a fare il bucato dei suoi capi, dovremo porre particolare attenzione e cura nel lavarli. Avere capi igienizzati e privi di aloni, soprattutto nei primi mesi, è molto importante.

Quindi come dobbiamo lavare questi minuscoli vestiti misura “Cicciobello”? Teniamo conto che la biancheria del bebè deve essere lavata in modo tale da garantire un alto livello di igiene, assicurando nello stesso tempo che non rimangano tracce di detersivo, per evitare irritazioni o dermatiti. Ecco alcuni consigli molto utili su come fare il bucato dei neonati per garantire un'ottima igiene senza rovinare i capi di abbigliamento. 

Detersivo per il bucato del neonato

La pelle del bambino (e del neonato in particolar modo) è molto sensibile e delicata. Quindi è facile che si arrossi o si screpoli, soprattutto nei primi mesi.

Per questo quando laviamo i panni dei piccoli è meglio evitare gli ammorbidenti profumati, così come i normali detersivi per il bucato, ricchi di sostanze acide e alcaline. Meglio scegliere un sapone di Marsiglia che è povero di additivi.

O ancora, utilizzare i detersivi adatti per il bucato del neonato, creati senza fosfati proprio per evitare allergie e sfoghi alla pelle del bebè.

Bucato neonato naturale

I vestitini del bebè si possono igienizzare con prodotti totalmente naturali. Una soluzione che limita al minimo il rischio di dermatiti e che permette alla mamma di lavare i vestitini con prodotti che si trovano facilmente in casa.

Per sbiancare gli abiti, ad esempio, si può utilizzare un po' di bicarbonato in aggiunta al sapone di Marsiglia.

Mentre per rendere il bucato del bebè più morbido, al posto dell'ammorbidente, sia in lavatrice che per i lavaggi a mano, si può utilizzare un bicchiere di aceto bianco.

Per togliere le macchie grasse da magliette, tutine o body, si possono usare facilmente talco o farina, succo di limone o olio di eucalipto. Basta ricordarsi che prima si interviene sulla macchia e più facilmente si riuscirà a toglierla.

Bucato neonato in lavatrice

Se decidiamo di lavare il bucato in lavatrice scegliamo un detersivo privo di fosfati (ne esistono diversi in commercio, creati per il bucato del neonato), rispettando la quantità e la dose.

Sarebbe buona abitudine aggiungere al detersivo anche un igienizzante battericida a base di ossigeno attivo, soprattutto se si effettuano lavaggi a basse temperature, che garantisca la totale igiene del lavaggio. E non sarebbe male l'idea di effettuare un doppio risciacquo, al fine di eliminare tutte le tracce di detersivo.

E' meglio fare carichi leggeri, senza pressare la lavatrice, in modo che l'acqua circoli meglio tra i capi, lavandoli e risciacquandoli in modo più efficace. Assolutamente da evitare sbiancanti e candeggianti, che causano dermatiti e allergie.

E, come già detto, meglio evitare anche l'ammorbidente, perché si insidia nelle fibre degli indumenti venendo a contatto con la pelle del bimbo. Bavaglini e indumenti coninserti di plastica vanno lavati con ciclo breve e massimo 4 minuti.

Come fare il bucato per neonati a mano

Se decidiamo di lavarli a mano basterà mettere i vestitini in ammollo in una bacinella con acqua calda per due ore, con due cucchiai di sale grosso e sapone di Marsiglia grattugiato o già a scaglie.

Dopo il periodo di ammollo strofinare delicatamente e, se appaiono ancora macchiati o particolarmente sporchi, insistiamo con il sapone di Marsiglia, con acqua ossigenata o ancora strofinando un limone sopra la macchia e lo sporco e lasciando al sole. Dopo un'ora circa risciacqueremo tutto stando attente a eliminare i residui del lavaggio.

Per sciacquarli al meglio e avere la certezza di eliminare tutti i residui sarebbe ancora più indicato fare un risciacquo in lavatrice.

Come fare il bucato bianchissimo

Nel primo anno di vita le macchie sui vestiti del bambino sono all'ordine del giorno, tra rigurgiti e residui di latte (nei primi 6 mesi con l'allattamento) e cibo (con lo svezzamento).

Se siete abituate a fare il bucato in lavatrice, è comunque utile pretrattare le macchie, per eliminarle nel modo migliore.

Sui capi bianchi, passate il sapone di Marsiglia con acqua ossigenata oppure strofinate un limone sopra la macchia e lasciate il vestitino al sole; sui capi colorati, passate il sapone di Marsiglia sopra la macchia o l'olio di eucalipto puro e lasciate asciugare al sole.

Anche per sbiancare pannolini lavabili, ciripà e lenzuolapuò essere utile fare lavaggi con bicarbonato e sapone di Marsiglia e, se è il caso, insistere strofinando sulla macchia e lasciando un po' al sole, poi lavare con aceto bianco e risciacquare abbondantemente.

Lavare il corredino del neonato

Avete preparato il corredino per il neonato oppure vi hanno regalato dei vestitini nuovi? E' molto importante lavare tutti gli indumenti prima di farli indossare al neonato.

Non solo gli indumenti intimi, ma anche vestitini, tute, ghettine e magliette. Questo perché non sappiamo come gli abiti sono stati trattati durante la produzione e il trasporto o quanto tempo sono rimasti in negozio.

Dato che la pelle del neonato è sempre così delicata, meglio igienizzare tutti gli indumenti nuovi.

Come lavare i pannolini lavabili

Avete deciso di utilizzare i pannolini lavabili come facevano le nostre mamme e le nostre nonne? Prima di tutto bisogna sapere che questi pannolini devono essere lavati 2 o 3 volte prima di iniziare ad utilizzarli.

Questi lavaggi servono per aumentare l'assorbenza dei pannolini lavabili e per eliminare eventuali residui della lavorazione. Dal momento che andranno a contatto con i genitali del bebè è fondamentale che siano estremamente igienizzati.

I pannolini lavabili raggiungeranno il massimo dell'assorbenza dopo circa 8/10 lavaggi. Quando iniziate ad utilizzarli, l'ideale è lavarli in lavatrice ad una temperatura di 60° per eliminare eventuali batteri, ma anche un lavaggio a 40° può andare bene.

In caso di episodi di diarrea o infezioni urinarie è sempre meglio prediligere un lavaggio a temperature più alte. In attesa del lavaggio, i pannolini possono essere conservati o a secco (in una apposita cesta) oppure in ammollo.

I primi mesi del neonato probabilmente dovrete fare una lavatrice a giorni alterni, mentre dopo i 6 mesi basteranno 2 lavatrici a settimana per lavare i pannolini. Per eliminare le macchie più difficili, è utile fare un prelavaggio con acqua e bicarbonato. Per asciugarli, invece, il metodo migliore è sempre stenderli al sole.

Bucato neonato separato

Altra cosa importantissima è lavare il bucato separato rispetto a tutto il resto della biancheria della famiglia. Lavare i vestiti del neonato insieme a quelli del resto della famiglia li espone al rischio di dermatiti o altre patologie simili. Stesso discorso vale per la cesta della biancheria: per i vestiti dei neonati è sempre meglio usarne una separata.

Ecco alcuni semplici consigli per ridurre al minimo le infezioni:

  • Non accumulate indumenti sporchi nel cesto dei panni troppo a lungo, per evitare che i germi presenti si diffondano
  • Per un'igiene sicura, soprattutto in presenza di biancheria per neonati, aggiungete al detersivo abituale un additivo battericida
  • Lavate subito i capi con le macchie (quelle di origine organica come quelle di latte o frutta o pappa possono sviluppare microbi)
  • Asciugate il prima possibile i panni lavati. Nella biancheria umida possono svilupparsi germi e cattivi odori
  • Evitate di riporre la biancheria ancora umida, perché potrebbe portare alla formazione di muffe
  • Ricordate che i lavaggi ad alte temperature potrebbero nel tempo indebolire le fibre dei tuoi capi
  • Ogni tanto verificate il grado di pulizia della lavatrice, in particolare delle guarnizioni, dell'oblò e del cassetto dosatore. L'accumulo di incrostazioni può facilitare la crescita di microrganismi
  • Una volta l'anno lavate anche i capi che non utilizzate mai, per evitare ingiallimenti e muffa
  • Lavate subito dopo l'acquisto gli indumenti e la biancheria dei bambini, soprattutto per i neonati

gpt inread-altre-0

Источник: https://www.pianetamamma.it/il-bambino/igiene/come-fare-il-bucato-dei-neonati.html

Come lavare i vestiti dei neonati: ecco alcuni consigli pratici

Come lavare i vestiti dei bambini: consigli per igiene e lavaggio

Una delle domande principali quando si diventa mamma è: come lavare i vestiti dei neonati? Abbiamo preparato una guida con alcuni pratici consigli da provare subito per non andare nel panico.

Come lavare i vestiti dei neonati? Siamo sicuri che almeno una volta nella vita sarà capitato anche a te di pensare a questa faccenda, soprattutto le neomamme, possono trovarsi impreparate e chiedersi se il lavaggio del bucato del bambino debba seguire regole ben precise. In questo articolo ti daremo delle risposte chiare alle domande che ti hanno sempre attanagliato, ma prima vogliamo consigliarti la visione del breve video sullo sviluppo del neonato.

Il tuo browser non può visualizzare questo video

Video di Linda Montemurro

No, non ha senso separare il bucato del bambino da quello degli altri membri della famiglia, soprattutto se si usa un detersivo adatto alle esigenze di tutti, compresa la pelle delicata come quella dei neonati.

L'attenzione da avere riguarda la selezione da fare prima del lavaggio, dividendo i capi in base allatemperatura ed ai colori.

È meglio mettere colori chiari da un lato e colori scuri dall'altro, soprattutto se si hanno vestiti nuovi i cui colori potrebbero macchiare i vestiti più chiari.

Scopri di più nell'articolo: come fare lavatrice – 7 consigli utili per non sbagliare.

Vedi anche

Tutto dipende dal tipo di capo: ad esempio i bavaglini spesso durano solo per un pasto; la biancheria intima ed il pigiama devono essere lavati ogni giorno.
I vestiti possono durare un giorno o due, soprattutto per i bambini che non si muovono molto.

Il lenzuolo dovrebbe essere cambiato più volte alla settimana perché il bambino suda molto dalla testa e passa molte ore a letto.Il sacco nanna per bambini può essere lavato ogni 3 o 4 giorni.

Naturalmente, quando il caldo aumenta e il bambino suda, è necessario aumentare la frequenza dei lavaggi.

Non è detto che il cambio di detersivo sia fondamentale, se avete un detersivo per il bucato che può essere aggressivo per la pelle del vostro bambino, dovreste pensare di passare ad un detersivo delicato, privo di fosfati e ipoallergenico.

L'ideale sarebbe che il prodotto scelto si adatti alla pelle del vostro bambino e a quella di tutti i membri della vostra famiglia. Se il detersivo che già usi risponde a tutte le caratteristiche elencate, non ci sarà bisogno di cambiarlo.

Ecco 3 detersivi acquistabili online, perfetti per il bucato dei più piccoli e dei più grandi.

L'ammorbidente sarebbe da evitare per il bucato dei bambini, soprattutto per quanto riguarda il suo uso sulla biancheria. Spesso si tratta di prodotti ricchi di allergeni e troppo aggressivi per la pelle del bambino.

Un consiglio che vogliamo darti è quello di sostituire completamente l'ammorbidente con aceto bianco:

All'ultimo ciclo di risciacquo, versate una tazza di aceto bianco distillato nella vaschetta dell'ammorbidente della lavatrice: potreste rimanere sorpresi dal risultato, e non preoccupatevi, il vostro bucato non puzzerà di aceto!

Come lavare i vestiti dei neonati: la temperatura

Naturalmente la temperatura andrà adeguata al tipo di biancheria. Ecco uno specchietto qui di seguito utile per non sbagliare.
A 90° per disinfettare: asciugamani, lenzuola, biancheria da letto e bavaglini.

Evitare di lavarli a meno di 60° perchè non sarebbero ben igienizzati.
A 60° per un lavaggio profondo: biancheria intima per bambini (body, ecc.) da preferire sempre in cotone.
A 30° per i vestiti di tutti i giorni: abiti per bambini come pigiami, pantaloni, calze e magliette.

A freddo: vestiti delicati, per esempio vestiti di lana. Possono essere lavati come i vostri, a mano o nel ciclo freddo della vostra lavatrice.
Nel congelatore: per i peluche che non possono essere lavati in lavatrice, si può usare il congelatore.

Dopo averli riposti in sacchetti di plastica, andranno lasciati per qualche ora al freddo per abbattere la carica batterica.

Sì, è uno step essenziale e dovrebbe essere automatico soprattutto per i vestiti del bambino, ma anche per quelli di tutti gli altri membri della famiglia.

I vestiti sono stati maneggiati, toccati da molte persone prima che raggiungano le mani, sono anche impregnati di molte sostanze irritanti e tossiche durante la loro fabbricazione.

Per tutti questi motivi è buona norma non saltare questo passaggio.

Anche se i vestiti sono molto macchiati, è meglio evitare di usare la candeggina per lavare i vestiti del bambino, è troppo irritante e potrebbe essere pericolosa per la pelle delicata del neonato. Prova altre soluzioni e comunque tieni presente che lavando spesso gli abiti del piccolo, le macchie tenderanno a svanire facilmente.

Proprio così: non conservare mai il bucato del bambino quando è ancora umido, anche solo parzialmente, perché questo favorirà lo sviluppo di odori sgradevoli e, peggio ancora, di muffe e funghi. Se necessario, un po' di stiratura può aiutare ad asciugare un capo ancora umido prima di rimetterlo nella cassettiera.

A cosa fare attenzione prima di lavare i vestiti dei bambini

Quando si tratta di fare il bucato, tieni presente che meno è meglio:

– Utilizzare un solo prodotto (un detergente delicato e ipoallergenico).

Nonesagerare con la quantità di detersivo, non solo non si lava meglio, ma può anche danneggiare i vestiti e la pelle.
Non riempire eccessivamente la lavatrice.
Evitare cicli brevi con il bucato del bambino e non lesinare con i risciacqui

Scopri le nostre newsletters!

Abbiamo tanto da dirti: news, tendenze e promozioni esclusive di ogni genere.

Mi iscrivo

Come lavare i vestiti dei bambini: 3 consigli utili

  • Mettete i calzini del bambino in una rete prima di lavarli, per evitare che scompaiano in modo misterioso e fastidioso.
  • Chiudete le cerniere e i velcri del pigiama e del body del vostro piccolo prima di fare il bucato. In questo modo, non si impiglieranno e non danneggeranno il resto della biancheria nel cesto.
  • Se possibile, scegliete (o cercate di far scegliere al vostro bambino) un peluche che vada in lavatrice! In questo modo potremo stare sicuri di non avere problemi di allergie ecc…

Se vuoi sapere come vestire di notte il bambino in base alla stagione, leggi il nostro articolo: l'abbigliamento più adatto al neonato di notte.

Источник: https://www.alfemminile.com/bebe-neonato/come-lavare-i-vestiti-dei-neonati-s4017369.html

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: