Come instaurare un buon rapporto con la maestra

Genitori e insegnanti: un’alleanza necessaria

Come instaurare un buon rapporto con la maestra

Valentina Nichil, psicologa dello sviluppo e dell'educazione

Oggi le famiglie si confrontano con il mondo della scuola già nei primi anni di vita del bambino ed è quindi importante che insegnanti e genitori riescano a collaborare in modo sereno ed efficace a un progetto educativo comune.

Quando un genitore iscrive il proprio bambino a scuola compie un atto di grande valore simbolico, quello di affidare all’insegnante il compito di affiancarlo nell’educazione del figlio.

Dall’altro versante, l’insegnante investito di questo ruolo si aspetta di essere riconosciuto come un punto di riferimento per le famiglie e di avere con loro un rapporto sereno basato sulla condivisione del percorso formativo del bambino.

È importante che alla base di questo scambio reciproco ci sia una comunicazione chiara e funzionante, ma spesso ciò risulta difficile, faticoso e problematico. Nella maggior parte dei casi, i problemi derivano da incomprensioni legate ad ansie e paure che i genitori provano nei confronti degli insegnanti, e viceversa.

Le paure dei genitori

Lavorando presso lo sportello d’ascolto psicologico in diverse strutture scolastiche ho modo di confrontarmi con le difficoltà dei genitori. Molto spesso ciò che mi chiedono indirettamente è di trovare una maniera per comunicare con gli insegnanti.

Una delle convinzioni più diffuse è che esprimere disaccordo o perplessità su quanto stabilito dagli insegnanti possa avere degli effetti negativi sul loro rapporto con il bambino. «Noi genitori dobbiamo stare in silenzio anche se non siamo convinti di ciò che fa l’insegnante, perché altrimenti la farà scontare ai nostri figli!».

Questo tipo di affermazione – che esprime chiaramente la paura di rivendicazioni – porta a evitare il confronto tra gli adulti, che rimarranno sulle loro posizioni scomode senza trovare un punto in comune. La conseguenza di una comunicazione assente, però, purtroppo non è solo questa.

«A mio figlio non interessa ciò che dico io, ascolta solo quello che dice l’insegnante», o ancora, «Ma chi si crede di essere quell’insegnante, forse si sente migliore di me?».

Quando un genitore avverte l’impossibilità di collaborare con l’insegnante e quindi di condividere valori e contenuti educativi, la paura che ne scaturisce è di perdere la posizione principale di punto di riferimento per il bambino. Ne consegue che l’insegnante diventa più un nemico da cui stare alla larga che qualcuno di cui ci si può fidare.

Talvolta i genitori provano sentimenti di inadeguatezza, si sentono sbagliati, pensano di non saper educare i propri figli quando per esempio vengono comunicate loro delle difficoltà o dei cattivi comportamenti da parte del bambino. Provano un forte senso di colpa perché pensano di star fallendo come genitori e si sentono angosciati dalla possibilità che il figlio sia giudicato in modo ingiusto, non sia compreso nei suoi bisogni e per le sue potenzialità.

Scarica lo speciale

Attività Montessori

Grazie!

Controlla la tua casella di posta elettronica, tra qualche minuto riceverai il PDF. Se non trovi il messaggio nella posta in arrivo, controlla nella cartella di posta indesiderata.

Buona lettura

Il team di Uppa

SPECIALE

Attività Montessori

Una raccolta di attività ispirate al metodo Montessori da preparare in casa con oggetti di uso quotidiano

Scarica il PDF

Speciale

Attività Montessori

Una raccolta di attività ispirate al metodo Montessori da preparare in casa con oggetti di uso quotidiano

Scarica il PDF

Cosa temono gli insegnanti?

Una delle difficoltà degli insegnanti riguarda la scarsa fiducia che i genitori hanno nei loro confronti. «Sarebbe bello se i genitori potessero stare un giorno in classe con noi» mi disse un giorno un insegnante, manifestando il desiderio di mostrare alle famiglie che il loro compito non è affatto semplice.

Far fronte alle esigenze di ogni singolo bambino con l’idea che faccia parte di un insieme più grande da gestire è spesso faticoso e non sempre di facile riuscita. Di frequente anche gli insegnanti provano frustrazione di fronte alla possibilità di star sbagliando qualcosa nel portare avanti il proprio compito.

Essere giudicati di continuo, attaccati e non compresi nelle loro difficoltà li porta inevitabilmente a mettersi in una posizione di difesa nei confronti dei genitori; genitori che, non rispettando il ruolo degli insegnanti, rischiano di dare un cattivo esempio ai propri figli, i quali si comporteranno in egual modo quando saranno in classe. Ma allora che cosa fare?

Affrontare le paure venendosi incontro

Alcuni genitori, come pure gli insegnanti, a volte contrastano le proprie paure sottraendosi alle situazioni scomode, nelle quali potrebbero sentirsi in imbarazzo o in dovere di dare spiegazioni. Evitano il confronto («Non ho nulla da dire») con la fuga («Meglio che vada via!»).

Altri invece si scontrano in modo aggressivo svalutando il ruolo dell’altro («Quell’insegnante non è capace di far nulla») e non considerandolo. Come abbiamo visto, rimanere sulle proprie posizioni non favorisce nessuno, tantomeno i bambini che sono i primi a risentire dei rapporti ostili tra gli adulti.

Una via di uscita da questo tipo di situazioni è offerta dall’affrontare le proprie paure, riconoscendole e mostrandole all’altro; un altro che in questo caso non è un avversario da combattere ma qualcuno con cui allearsi per raggiungere obiettivi comuni.

Non si tratta di un’impresa facile, ma nemmeno impossibile.

Costruire un buon rapporto

Spesso ci si vergogna di manifestare le proprie difficoltà, mentre dire chiaramente a un insegnante che si è preoccupati per il rapporto che ha instaurato con il proprio figlio, e farlo senza usare l’aggressività, sarà utile a far riflettere l’insegnante su ciò che il genitore gli ha indicato.

Chiedere consiglio a un insegnante su come affrontare alcune tematiche educative non significa dichiararsi un cattivo genitore, anzi. La capacità di chiedere aiuto all’altro presuppone una grande apertura a ricevere nuovi suggerimenti e a migliorarsi.

Dimostrare all’altro disponibilità al dialogo, al confronto, a collaborare insieme coordinandosi è una delle strategie migliori per creare un buon rapporto. La relazione tra genitori e insegnanti va costruita giorno dopo giorno venendosi incontro nelle difficoltà, rispettando il ruolo dell’altro e dimostrando fiducia in quello che fa.

Per far ciò, è necessario che scuola e famiglia siano convinte che una buona azione educativa dipende da entrambe: scuola e famiglia hanno bisogno l’una dell’altra.

Bibliografia:

Источник: https://www.uppa.it/educazione/scuola/genitori-e-insegnanti-alleanza-necessaria/

Genitori e insegnanti: come costruire un clima di fiducia reciproco

Come instaurare un buon rapporto con la maestra

La scuola come punto di riferimento e luogo di condivisione di idee ed obiettivi sembra ormai, in un contesto di sempre più diffusa burocratizzazione, un’utopia. Si dimentica infatti che essa è soprattutto il luogo della cultura, che vive del confronto, del rapporto vivo con il sapere e con la società, della crescita con gli altri attraverso le identità ma anche le diversità.

 
6 spunti per migliorare la fiducia tra docenti e famiglia

L’alleanza educativa che dovrebbe stringersi tra gli adulti di riferimento degli alunni viene spesso a mancare: insegnanti e docenti in mancanza di fiducia reciproca si trovano soli e divisi in questa sfida.

  • Una scuola che si fa comunità educante dovrebbe invece attivare il dialogo anche con le famiglie, oltre che con il territorio, e stringere patti educativi facendosi guidare anche da esperti del settore.
  • L’attivazione delle famiglie nel percorso scolastico è fondamentale e dovrebbe superare i colloqui scuola-famiglia, che dovrebbero trasformarsi da momenti puramente informativi a confronti pedagogici. 
  • Per costruire questo clima maggiormente collaborativo bisognerebbe prevedere dei momenti periodici di incontro e confronto, come ad esempio tavoli territoriali permanenti a cui partecipano comitati genitori e istituzioni. 
  • Per accrescere la partecipazione delle famiglie ai momenti istituzionali bisognerebbe fare in modo che questi non siano i soli momenti di confronto: è importante prevedere anche occasioni piacevoli di condivisione per fare in modo che docenti, genitori e studenti possano conoscersi anche sotto luci nuove, travalicando i soliti ruoli. 
  • In molte scuole si coinvolgono alunni e famiglie attraverso progetti di riqualificazione che, oltre a migliorare l’offerta formativa, rispondono concretamente ai bisogni e contribuiscono a rafforzare il senso di appartenenza di tutte le sue parti. 
  • Come teorizzato nel Manifesto di Fuoriclasse in Movimento per rendere la scuola vera comunità educante è auspicabile che si organizzino attività dedicate ai piccoli e ai grandi, per promuovere momenti formativi e/o conviviali. Gli incontri dovrebbero essere organizzati a turno da studenti, insegnanti e genitori negli ambienti scolastici, per l’occasione aperti al territorio. 

Il riscontro positivo sugli alunni

Questi momenti hanno un’influenza molto positiva anche sugli studenti e sulla loro motivazione, soprattutto quando sono coinvolti in modo attivo nel processo.

Gli alunni si sentono, infatti, ascoltati nelle loro esigenze e protagonisti di un possibile cambiamento in positivo; possono poi constatare l’allineamento educativo delle loro figure di riferimento e vivere insieme a docenti e genitori il prendersi cura della scuola, intesa innanzitutto come bene comune.

La testimonianza di una docente

La docente Paola Benini così racconta la riapertura della biblioteca scolastica nella scuola secondaria di I grado dell’Istituto Comprensivo “Sibilla Aleramo” di Torino, un momento di lavoro ed una sfida che ha coinvolto alunni, famiglie e docenti.

“La biblioteca era alloggiata in un’aula luminosa ed ampia ma disadorna; aveva pochi libri, vecchi e perlopiù rovinati e soprattutto era chiusa da tantissimi anni. Era dunque necessario riaprirla e farla rivivere rendendo evidente il suo carattere di luogo delle idee in cui la fantasia e le creatività trovano casa.

Per riuscirci l’insegnante di arte ed immagine ha realizzato con gli alunni del laboratorio un murales grandissimo che riassume la nostra idea di lettura come superamento dei confini angusti imposti dall’isolamento geografico e culturale.

L’opera era bellissima ma non bastava: servivano nuovi scaffali e, soprattutto, nuovi libri.

Attraverso il progetto Fuoriclasse in Movimento i ragazzi hanno adottato la biblioteca di cui si sono sentiti per la prima volta responsabili; hanno dunque coinvolto i genitori chiamandoli a collaborare ad un progetto comune, espressione di un bisogno e di un sogno.

La risposta è stata entusiasmante: un gruppo di genitori, insegnanti ed educatori del progetto hanno lavorato insieme donando un po’ del loro tempo per montare nuovi scaffali, donati da una storica libreria del centro, pulire e selezionare i testi.

La biblioteca era dunque pronta ma le serviva un nome; anche questa volta gli alunni si sono attivati attingendo dal loro immaginario e ideando anche un logo. Howgard library: la fabbrica delle storie. Alla fine dell’anno è stato dunque possibile inaugurare la nostra biblioteca con una bellissima festa cui hanno partecipato moltissimi tra alunni e genitori, felici di essere stati protagonisti di una bella storia a lieto fine”. 

Docenti e genitori hanno anche partecipato a momenti formativi congiunti, tenuti da una delle referenti di Torino Rete Libri, sulla gestione di una biblioteca scolastica, il sistema di catalogazione e possibili collaborazioni con le risorse del territorio. L’obiettivo comune è che questa biblioteca possa essere un luogo vivo e vissuto, non solo da studenti e docenti, ma da tutto il territorio.

Источник: https://www.savethechildren.it/blog-notizie/genitori-e-insegnanti-come-costruire-un-clima-di-fiducia-reciproco

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: