Come insegnare ai bambini a lavarsi bene le mani

Come insegnare ai bambini a lavarsi le mani

Come insegnare ai bambini a lavarsi bene le mani

Come insegnare ai bambini a lavarsi le mani? Intendiamo ovviamente in maniera corretta ed efficace, non una semplice sciacquata con l’acqua come farebbero loro se non li supervisionassimo attentamente.

Le mani, infatti, entrano continuamente in contatto con una grande quantità di oggetti e superfici e quindi di germi potenzialmente patogeni; il lavaggio delle mani è quindi importante per evitare che i bambini si ammalino o diffondano germi.

Noi di BlaBlaMamma vogliamo illustrarvi in maniera precisa ed efficace come insegnare ai bambini a lavarsi le mani in maniera corretta.

Perchè è importante insegnare ai bambini a lavarsi le mani?

Le nostre mani e quelle dei nostri bambini quotidianamente vengono in contatto con maniglie delle porte, cibi, animali, superfici dei mezzi pubblici, denaro, banchi di scuola e con una miriadi di oggetti più o meno puliti; quelle stesse mani vengono poi portate al naso, alla bocca o agli occhi. È facile capire, quindi, come un accurato lavaggio delle mani rappresenti un potente mezzo per prevenire e contenere la diffusione di malattie, convinzione avvallata anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.
Se i vostri bambini sono un po’ restii a sottoporsi a questa operazione, provate a far loro capire quanto sono fortunati: l’Unicef, infatti, riporta che nel mondo quasi 900 milioni di bambini non può usufruire del lavaggio delle mani a scuola e che addirittura nei Paesi meno sviluppati la maggior parte delle scuole non dispone di nessun servizio igienico.

Come lavare le mani con acqua e sapone?

Il lavaggio delle mani con il sapone è il più comune ed è un gesto che ripetiamo molte volte nell’arco della giornata.

Mentre insegniamo ai bambini a lavare le mani, approfittiamone per un bel ripasso anche noi adulti![ 1 ] L’Organizzazione Mondiale della Sanità ci spiega le varie fasi del lavaggio mani, un’operazione che può sembrare banale ma che, come abbiamo visto, è davvero importante:

  • bagnare bene le mani sotto il getto d’acqua;
  • applicare una sufficiente quantità di sapone;
  • strofinare bene le mani palmo contro palmo, poi sfregare il palmo destro sopra il sinistro e viceversa, intrecciando anche le dita tra loro. Frizionare infine il dorso delle dita contro il palmo opposto per raggiungere ogni parte delle mani. E senza dimenticarci del pollice, che va strofinato tenendolo stretto nel palmo della mano opposta!
  • Sciacquare attentamente le mani sotto l’acqua corrente;
  • asciugare con una salvietta monouso;
  • soprattutto se siamo fuori di casa, chiudere il rubinetto utilizzando la salvietta monouso.

L’intera operazione dovrebbe durare circa 60 secondi. Come capire se le mani sono state strofinate abbastanza? Semplice: abituate i bambini a canticchiare la canzoncina “Tanti auguri a te” dall’inizio alla fine per due volte.

Come lavare le mani con una soluzione igienizzante?

Il normale lavaggio con acqua e sapone è sufficiente per debellare germi e batteri, ma quando non è possibile effettuarlo si può ripiegare su un lavaggio mani con una soluzione igienizzante. Anche in questo caso, insegnare ai bambini i corretti passaggi può aiutare e prevenire il diffondersi di germi e batteri. Si fa così:

  • versare sul palmo della mano una quantità di gel igienizzante sufficiente a coprire la superficie delle mani;
  • strofinare palmo contro palmo, poi il palmo sinistro sopra al destro e viceversa intrecciando le mani, poi il dorso delle mani con le dita della mano opposta. Si passa poi ai pollici, da sfregare tenendoli stretti nel palmo della mano opposta, e alle dita: tenendole strette tra di loro devono essere frizionate nel palmo della mano opposta;
  • frizionare anche i polsi, usando le dita della mano opposta;
  • una volta asciutte, le mani saranno pulite. Tutta l’operazione dovrebbe richiedere circa 30 secondi.

Quando lavarsi le mani?

Insegnare come lavare le mani ai bambini è importante perchè si tratta di un’operazione da ripetere più volte nel corso della giornata. Più precisamente, le mani andrebbero lavate prima di:

  • maneggiare alimenti;
  • mangiare;
  • somministrare farmaci;
  • toccare o medicare ferite;
  • toccare una persona malata;
  • applicare o rimuovere lenti a contatto;
  • usare il bagno.

Bisogna poi lavarsi le mani dopo:

  • aver starnutito, tossito o soffiato il naso;
  • essere stati a contatto con una persona malata;
  • aver usato il bagno;
  • aver toccato un animale;
  • aver fatto giardinaggio;
  • aver toccato, maneggiato o cucinato cibo crudo, soprattutto carne, pesce e uova;
  • aver toccato monete o banconote;
  • essere stati sui mezzi pubblici;
  • essere stati in luoghi affollati.

Rispettando queste semplici norme igieniche riusciremo probabilmente ad ammalarci di meno. E voi, come avete insegnato ai vostri bambini a lavarsi le mani?

NOTE

1. Ministero della Salute, Previeni le infezioni con una corretta igiene delle mani

Источник: https://blablamamma.it/come-insegnare-bambini-lavarsi-mani/

5 consigli per insegnare ai bambini a lavarsi bene le mani

Come insegnare ai bambini a lavarsi bene le mani

Come lavare le mani nella maniera corretta? In che modo è possibile spiegare ai bambini come si fa? Ecco quali sono le linee guida, secondo il “Center for Disease Control and Prevention”, per lavare efficacemente le mani e per usare nel modo migliore il sapone. Passo dopo passo, tutte le varie “fasi” del lavaggio.

La pulizia delle mani è una delle cose più importanti che possiamo fare per evitare di ammalarci e di trasmettere germi. Molte malattie, infatti, si diffondono poiché non ci si lava le mani con sapone e acqua corrente e pulita. E questo è il primo passaggio e il più fondamentale per insegnare l'igiene personale ai bambini.

Il “Center for Desease Control and Prevention” (CDC) raccomanda a tutti di lavarsi le mani in maniera accurata per evitare di ammalarsi e di trasmettere germi ad altre persone.

Dunque, come lavare le mani nel modo giusto e come spiegare ai più piccoli come si fa? Ecco le linee guida, secondo il CDC, per un efficace lavaggio delle mani e per l'uso di disinfettante (o detergente) per le mani, elaborate sulla base dei dati di numerosi studi.

1) Bagnare le mani con acqua, chiudere il rubinetto e mettere il sapone

Il primo step è il seguente: bagnate le mani con acqua corrente, chiudete il rubinetto e mettete il sapone.

Perché? Poiché le mani potrebbero ricontaminarsi se sono inserite in una bacinella di acqua stagnante e contaminata da un uso precedente. È dunque necessario utilizzare acqua corrente e pulita.

La temperatura dell'acqua non sembra influenzare la rimozione del microbo; tuttavia, l'acqua più calda può causare più irritazione alla pelle ed è più costosa per l'ambiente.

La chiusura del rubinetto, dopo aver bagnato inizialmente le mani, consente di risparmiare acqua, ma ci sono pochi dati per dimostrare se un numero significativo di germi passa tra le mani e il rubinetto.

2) Insaponare le mani sfregandole con il sapone

Il secondo step? Unite le mani e strofinatele insieme al sapone. E assicuratevi di insaponare il dorso delle mani, le zone tra le dita e sotto le unghie.

Perché? Se le mani vengono sfregate, si crea attrito, il quale aiuta a rimuovere sporco, grasso e microbi dalla pelle. I microbi sono presenti sull'intera superficie della mano e si trovano spesso in concentrazione particolarmente elevata sotto le unghie. Quindi occorre fare attenzione a lavare tutte le zone delle mani.

3) Sfregare le mani per almeno 20 secondi

In seguito, strofinate le mani per almeno 20 secondi. Come trovare il tempo giusto? Canticchiate a mente la canzone “tanti auguri a te”, dall'inizio alla fine per due volte.

Perché? Determinare la durata ottimale del lavaggio delle mani è difficile, perché sono stati condotti pochi studi sugli impatti sulla salute dell'alterazione dei tempi di lavaggio delle mani.

È inoltre probabile che la durata “perfetta” del lavaggio delle mani dipenda da molti fattori, tra cui il tipo e la quantità di terreno (o sporcizia o altro) sulle mani e la tipologia di persona che si lava le mani.

Ad esempio, è più probabile che i chirurghi entrino in contatto con germi che causano malattie, quindi potrebbe essere necessario che si lavino le mani più a lungo di una persona che deve soltanto preparare il pranzo a casa. Tuttavia, l'evidenza suggerisce che lavarsi le mani per circa 15-30 secondi rimuove più germi dalle mani rispetto a tempi di lavaggio più brevi.

Di conseguenza, molti Paesi hanno adottato come raccomandazione quella di lavare le mani per circa 20 secondi (alcuni raccomandano altri 20-30 secondi per l'asciugatura).

4) Risciacquare le mani con acqua pulita e corrente

Successivamente bisogna risciacquare bene le mani con acqua corrente e pulita.

Perché? Il sapone e l'attrito aiutano a rimuovere dalla pelle sporco, grasso e microbi, compresi i germi che causano malattie, che vengono poi risciacquati via dalle mani. Inoltre, il risciacquo del sapone riduce al minimo l'irritazione della pelle.

Poiché le mani potrebbero ricontaminarsi se risciacquate in una bacinella di acqua stagnante e contaminata da un uso precedente, è opportuno utilizzare acqua corrente e pulita.

Sebbene alcune raccomandazioni includano l'uso di un tovagliolo di carta per chiudere il rubinetto dopo che le mani sono state risciacquate, è evidente che questa pratica porta ad un maggiore uso e spreco di acqua e di carta, e, inoltre, non ci sono studi per dimostrare che ha effetti di tutela della salute.

5) Asciugare le mani con un asciugamano pulito o con un asciugatore ad aria

Infine, asciugate le mani con un asciugamano pulito, all'aria o con un asciugatore ad aria.

Perché? I germi possono essere trasferiti più facilmente da e verso le mani bagnate; pertanto, le mani devono essere asciugate dopo il lavaggio.

Il modo migliore per asciugare le mani rimane poco chiaro perché esistono poche ricerche al riguardo e i risultati di queste sono in conflitto.

Comunque gli studi suggeriscono che è meglio usare un asciugamano pulito o farle asciugare all'aria.

Aggiornato il 24.02.2020

Источник: https://www.nostrofiglio.it/famiglia/bambini-lavarsi-bene-le-mani

Come lavarsi le mani correttamente

Il Ministero della Salute ricorda che l’intera procedura del lavaggio delle mani deve durare non meno di 40 secondi e che il sapone va steso sui palmi, sul dorso e tra le dita.

Inoltre è bene abituare i bambini sin da piccoli a lavarsi le mani prima e dopo aver mangiato, subito dopo essere andati in bagno, appena rientrati a casa dopo essere stati all’aria aperta e aver cura di lavare frequentemente le loro manine quando sono ammalati.

E allora ecco come dobbiamo lavare le mani e come insegnarlo a bambini secondo l’Organizzazione mondiale della sanità e il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie di Atlanta (CDC).

  • Utilizziamo sempre il sapone, preferendo quello liquido alla saponetta perché quest’ultima può trattenere i germi sulla sua superficie e usiamo acqua corrente preferibilmente calda.  
  •  Applichiamo il sapone su entrambi i palmi delle mani e poi strofiniamo bene per almeno 40-60 secondi il dorso, tra le dita e nello spazio al di sotto delle unghie  perché qui i germi si annidano più facilmente. Ai bambini piccoli che non sanno ancora contare possiamo insegnare a lavarsi le mani facendogli cantare per tutto il tempo una canzoncina/filastrocca che duri circa un minuto.
  • Dopo aver insaponato e strofinato bene le mani risciacquiamole abbondantemente con acqua corrente perché se sulla pelle o sotto le unghie rimangono parti insaponate, esse diventano appiccicose e trattengono batteri o virus con maggiore facilità
  • E’ preferibile asciugare le mani con carta usa e getta o con un dispositivo ad aria calda oppure con un asciugamano pulito, strettamente personale.
  • Ricordiamoci di non toccare rubinetti o maniglie con le mani appena lavate: se dobbiamo farlo usiamo una salviettina di carta che poi getteremo nella spazzatura.
  • Per prevenire eventuali irritazioni dovuti a detergenti troppo aggressivi o a lavaggi troppo prolungati, applichiamo eventualmente una crema o una lozione idratante.

Perché è importante lavare le mani

Le mani sono spesso vettori di germi e batteri perché entrano in contatto con oggetti, luoghi sporchi, bocca e naso quando siamo raffreddati o abbiamo la tosse, feci e parti intime.

In particolare le feci umane sono la principale fonte di infezioni gastrointestinali e possono contenere germi pericolosi, come quelli che provocano tifo, shigellosi, colera.

Si stima che un grammo di feci umane possa contenere fino a 10 milioni di virus e un milione di batteri.

Ecco perché lavarsi le mani è un gesto semplice ma molto importante da non trascurare dopo essere andati in bagno o dopo aver cambiato il pannolino al bebè.

Alcuni studi hanno dimostrato che nelle famiglie i cui membri avevano partecipato a programmi di sensibilizzazione del lavaggio delle mani con il sapone si registravano la metà dei tassi di infezioni gastrointestinali nei bambini rispetto alle altre famiglie.

Insomma, lavarsi le mani può essere considerato una sorta di vaccino fai da te, semplice, economico e senza effetti collaterali.

Lavarsi le mani è un gesto semplice ma importantissimo, la prima azione fondamentale per annullare il passaggio di germi.

Il 5 maggio, su iniziativa dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), si celebra ogni anno la 'Giornata mondiale sull'igiene delle mani' per ricordare che curare l'igiene delle mani è un'azione salva vita.

Il 15 ottobre si celebra la Giornata Mondiale della pulizia delle mani (Global Handwashing Day), un evento importante per rilanciare in tutto il mondo l’importanza del lavarsi le mani correttamente.

Francesca Capriati

Giornalista

Mamma blogger

Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.

Источник: https://www.paginemamma.it/come-insegnare-ai-bambini-a-lavarsi-le-mani

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: