Come fare il bucato dei neonati a mano e in lavatrice

Come lavare il bucato dei neonati in maniera green

Come fare il bucato dei neonati a mano e in lavatrice

Lavo tutto? E con quale detersivo per non correre alcun pericolo? A quale temperatura? Come lavare bene i vestitini e i bavaglini dei neonati è una delle preoccupazioni di ogni neo mamma.

Il bucato dei neonati richiede infatti una cura e un’attenzione particolare, a partire dai detersivi: la pelle dei più piccoli è molto delicata e i detersivi che utilizziamo normalmente per il lavaggio dei nostri capi possono risultare aggressivi e causare loro dermatiti e allergie.

LEGGI ANCHE: Cosa serve veramente a un neonato? Consigli per accogliere un bebè felice senza sprechi

QUANDO FARE IL PRIMO BUCATO DEI NEONATI

Il bucato dei neonati deve iniziare già al momento della preparazione del corredo. Tutti i capi vanno lavati e igienizzati: fatelo appena li avete acquistati e preparateli per il momento dell’uso.

In questa fase è preferibile scegliere la soluzione del lavaggio naturale, senza uso di lavatrice e detersivi. Il metodo è semplicissimo: basta lasciarli in ammollo per un paio d’ore in una bacinella con sapone di Marsiglia a scaglie e un paio di cucchiai di sale grosso.

Se ci fosse una macchia più resistente, usate anche il sapone. Dopo l’ammollo, strofinate, risciacquate e mette ad asciugare.

COME FARE IL BUCATO DEI NEONATI

Quando il bebè è entrato nella vita familiare, è importante lavare i capi dei neonati separatamente rispetto a quelli del resto della famiglia ma è da sfatare la falsa convinzione secondo la quale per lavare bene i loro indumenti è fondamentale sterilizzarli a temperature elevate. Premesso che il lavaggio naturale è sempre preferibile, una volta che avete optato per la lavatrice, per ottenere risultati soddisfacenti, basta stare attorno a una temperatura tra i 30 e 40 gradi. Oltre è solo spreco.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

QUALI DETERSIVI SCEGLIERE PER IL BUCATO DEI BAMBINI?

Per scegliere il tipo migliore di detersivo per il bucato dei bambini, preferite quello liquido universale, adatto a qualsiasi esigenza di lavaggio. Il detersivo in polvere lava di più, ma va via dai tessuti con più difficoltà.

Non sprecate soldi con i detersivi baby, che tra l’altro hanno confezioni più piccole. E accertatevi piuttosto che il detersivo scelto sia neutro, senza allergenici e senza fosfati.

Non sognatevi neanche di usare sbiancanti e candeggina (sono tra le principali cause di dermatiti e irritazioni per i neonati e i bambini).

PER APPROFONDIRE: Come fare in casa gli omogeneizzati per il bebè

COSA USARE PER LAVARE IL BUCATO DEI NEONATI

Cosa usare per il bucato dei neonati?  A questo punto le scelte dipendono soltanto da voi, tra i prodotti naturali e i detersivi da inserire in lavatrice. L’importate è che tenete sempre presenti questi aspetti.

  • Per il lavaggio dei capi in lavatrice provate il nostro detersivo fai da te realizzato con il sapone di Marsiglia o in alternativa scegliete un detersivo ecologico preparato con ingredienti naturali e senza fosfati.
  • Evitate l’uso dell’ammorbidente in quanto deposita sui capi un film trasparente che può essere causa di dermatiti e allergie. Sostituitelo con l’aceto bianco o in alternativa provate la nostra ricetta per realizzare in casa un ammorbidente fai da te ecologico e naturale.
  • Evitate inoltre di sbiancare i capi con prodotti chimici e ricordate che, come hanno confermato diverse ricerche scientifiche, molte allergie sono dovute proprio ad un eccesso di pulizia: i bambini infatti non entrando in contatto con germi e batteri rischiano di non sviluppare gli anticorpi.
  • Una volta effettuato il lavaggio dei capi, fate attenzione a non stenderli all’aperto negli orari in cui vi è molto traffico e quindi una maggiore concentrazione di traffico e polveri sottili che potrebbero contaminare la fibra dei vestiti.
  • Lavate sempre prima i capi più sporchi, specie quelli con macchie di natura organica. Il resto del bucato sarà più facile e migliorerà la resa complessiva del lavaggio.

COME ORGANIZZARE IL BUCATO DEI NEONATI

Il bucato dei neonati, come qualsiasi bucato, va organizzato per evitare sprechi che possono incidere sulla qualità dei risultati.

  • Così come per il bucato degli adulti, anche per quello dei neonati è opportuno effettuare una suddivisione tra capi colorati e capi chiari in modo da evitare eventuali macchie di colore.
  • Se scegliete di lavare i capi a mano, prima di procedere con il lavaggio lasciateli in ammollo per almeno 30 minuti.
  • Una volta effettuato il lavaggio, sciacquate bene i capi in modo che non rimanga alcuna traccia di detersivo.
  • Separate in casa le ceste del bucato, sia quello sporco sia quello pulito, degli adulti da quelle dei neonati. In questo modo non correrete il rischio che qualche batterio dei vostri indumenti finisca poi per colpire il vestitino del bebè.

PER APPROFONDIRE: Biberon e microplastiche, scaldate il latte in un altro contenitore non di plastica

COME SI LAVANO I PANNOLINI LAVABILI

I pannolini lavabili non vanno mescolati alla biancheria dei neonati. E hanno bisogno di un lavaggio ad hoc in acqua fredda.

Per il lavaggio naturale, potete metterli in ammollo un paio d’ore con sapone di Marsiglia e sale grosso, e poi pulirli a fondo con uno spazzolino per le unghie, risciacquarli e asciugarli, preferibilmente al sole.

Se optate per la lavatrice, potete lavarli anche con altri indumenti, scegliendo un’alta temperatura (almeno 40 gradi), con programmi lunghi che utilizzano molta acqua. Infine, potete fare una scelta completa: un primo lavaggio in ammollo, naturale, e poi un passaggio in lavatrice con il normale bucato della casa.

QUALE LAVATRICE SERVE PER IL BUCATO DEI NEONATI?

Per il bucato dei neonati non serve una specifica lavatrice.

Utilizzate quella che avete in casa per il bucato familiare, e piuttosto state attenti che vada sempre in funzione a pieno carico.

In caso contrario state facendo un doppio spreco: di energia e di acqua. Non servono né un programma di lavaggio specifico, né un’asciugatrice, che significa solo uno spreco economico e ambientale.

NEONATI: COSA SAPERE

Источник: https://www.nonsprecare.it/come-lavare-bucato-neonati-in-maniera-igienica-ecologica

Come lavare i vestiti dei neonati: ecco alcuni consigli pratici

Come fare il bucato dei neonati a mano e in lavatrice

Una delle domande principali quando si diventa mamma è: come lavare i vestiti dei neonati? Abbiamo preparato una guida con alcuni pratici consigli da provare subito per non andare nel panico.

Come lavare i vestiti dei neonati? Siamo sicuri che almeno una volta nella vita sarà capitato anche a te di pensare a questa faccenda, soprattutto le neomamme, possono trovarsi impreparate e chiedersi se il lavaggio del bucato del bambino debba seguire regole ben precise. In questo articolo ti daremo delle risposte chiare alle domande che ti hanno sempre attanagliato, ma prima vogliamo consigliarti la visione del breve video sullo sviluppo del neonato.

Il tuo browser non può visualizzare questo video

Video di Linda Montemurro

No, non ha senso separare il bucato del bambino da quello degli altri membri della famiglia, soprattutto se si usa un detersivo adatto alle esigenze di tutti, compresa la pelle delicata come quella dei neonati.

L'attenzione da avere riguarda la selezione da fare prima del lavaggio, dividendo i capi in base allatemperatura ed ai colori.

È meglio mettere colori chiari da un lato e colori scuri dall'altro, soprattutto se si hanno vestiti nuovi i cui colori potrebbero macchiare i vestiti più chiari.

Scopri di più nell'articolo: come fare lavatrice – 7 consigli utili per non sbagliare.

Vedi anche

Tutto dipende dal tipo di capo: ad esempio i bavaglini spesso durano solo per un pasto; la biancheria intima ed il pigiama devono essere lavati ogni giorno.
I vestiti possono durare un giorno o due, soprattutto per i bambini che non si muovono molto.

Il lenzuolo dovrebbe essere cambiato più volte alla settimana perché il bambino suda molto dalla testa e passa molte ore a letto.Il sacco nanna per bambini può essere lavato ogni 3 o 4 giorni.

Naturalmente, quando il caldo aumenta e il bambino suda, è necessario aumentare la frequenza dei lavaggi.

Non è detto che il cambio di detersivo sia fondamentale, se avete un detersivo per il bucato che può essere aggressivo per la pelle del vostro bambino, dovreste pensare di passare ad un detersivo delicato, privo di fosfati e ipoallergenico.

L'ideale sarebbe che il prodotto scelto si adatti alla pelle del vostro bambino e a quella di tutti i membri della vostra famiglia. Se il detersivo che già usi risponde a tutte le caratteristiche elencate, non ci sarà bisogno di cambiarlo.

Ecco 3 detersivi acquistabili online, perfetti per il bucato dei più piccoli e dei più grandi.

L'ammorbidente sarebbe da evitare per il bucato dei bambini, soprattutto per quanto riguarda il suo uso sulla biancheria. Spesso si tratta di prodotti ricchi di allergeni e troppo aggressivi per la pelle del bambino.

Un consiglio che vogliamo darti è quello di sostituire completamente l'ammorbidente con aceto bianco:

All'ultimo ciclo di risciacquo, versate una tazza di aceto bianco distillato nella vaschetta dell'ammorbidente della lavatrice: potreste rimanere sorpresi dal risultato, e non preoccupatevi, il vostro bucato non puzzerà di aceto!

Come lavare i vestiti dei neonati: la temperatura

Naturalmente la temperatura andrà adeguata al tipo di biancheria. Ecco uno specchietto qui di seguito utile per non sbagliare.
A 90° per disinfettare: asciugamani, lenzuola, biancheria da letto e bavaglini.

Evitare di lavarli a meno di 60° perchè non sarebbero ben igienizzati.
A 60° per un lavaggio profondo: biancheria intima per bambini (body, ecc.) da preferire sempre in cotone.
A 30° per i vestiti di tutti i giorni: abiti per bambini come pigiami, pantaloni, calze e magliette.

A freddo: vestiti delicati, per esempio vestiti di lana. Possono essere lavati come i vostri, a mano o nel ciclo freddo della vostra lavatrice.
Nel congelatore: per i peluche che non possono essere lavati in lavatrice, si può usare il congelatore.

Dopo averli riposti in sacchetti di plastica, andranno lasciati per qualche ora al freddo per abbattere la carica batterica.

Sì, è uno step essenziale e dovrebbe essere automatico soprattutto per i vestiti del bambino, ma anche per quelli di tutti gli altri membri della famiglia.

I vestiti sono stati maneggiati, toccati da molte persone prima che raggiungano le mani, sono anche impregnati di molte sostanze irritanti e tossiche durante la loro fabbricazione.

Per tutti questi motivi è buona norma non saltare questo passaggio.

Anche se i vestiti sono molto macchiati, è meglio evitare di usare la candeggina per lavare i vestiti del bambino, è troppo irritante e potrebbe essere pericolosa per la pelle delicata del neonato. Prova altre soluzioni e comunque tieni presente che lavando spesso gli abiti del piccolo, le macchie tenderanno a svanire facilmente.

Proprio così: non conservare mai il bucato del bambino quando è ancora umido, anche solo parzialmente, perché questo favorirà lo sviluppo di odori sgradevoli e, peggio ancora, di muffe e funghi. Se necessario, un po' di stiratura può aiutare ad asciugare un capo ancora umido prima di rimetterlo nella cassettiera.

A cosa fare attenzione prima di lavare i vestiti dei bambini

Quando si tratta di fare il bucato, tieni presente che meno è meglio:

– Utilizzare un solo prodotto (un detergente delicato e ipoallergenico).

Nonesagerare con la quantità di detersivo, non solo non si lava meglio, ma può anche danneggiare i vestiti e la pelle.
Non riempire eccessivamente la lavatrice.
Evitare cicli brevi con il bucato del bambino e non lesinare con i risciacqui

Scopri le nostre newsletters!

Abbiamo tanto da dirti: news, tendenze e promozioni esclusive di ogni genere.

Mi iscrivo

Come lavare i vestiti dei bambini: 3 consigli utili

  • Mettete i calzini del bambino in una rete prima di lavarli, per evitare che scompaiano in modo misterioso e fastidioso.
  • Chiudete le cerniere e i velcri del pigiama e del body del vostro piccolo prima di fare il bucato. In questo modo, non si impiglieranno e non danneggeranno il resto della biancheria nel cesto.
  • Se possibile, scegliete (o cercate di far scegliere al vostro bambino) un peluche che vada in lavatrice! In questo modo potremo stare sicuri di non avere problemi di allergie ecc…

Se vuoi sapere come vestire di notte il bambino in base alla stagione, leggi il nostro articolo: l'abbigliamento più adatto al neonato di notte.

Источник: https://www.alfemminile.com/bebe-neonato/come-lavare-i-vestiti-dei-neonati-s4017369.html

Prendersi cura dei bambini: come lavare il bucato dei bimbi

Come fare il bucato dei neonati a mano e in lavatrice

La pelle del tuo bambino è delicatissima, particolarmente reattiva e sottile, oltre che permeabile e indifesa: nei primi mesi di vita, deve ancora formarsi e iniziare a compiere tutte le sue funzioni. Perciò, è importante non solo utilizzare cosmetici che rispettino il pH  della sua pelle, meno acido rispetto a quella adulta, ma anche lavare bene i suoi capi.

Quali accorgimenti per scegliere i capi dei bambini

Il corredo del bambino include una vasta gamma di indumenti: body, bavaglini, tutine, camicine, magliette, mutandine, pigiamini… fino ai pannolini lavabili (per le mamme più green e coraggiose).

Poi ci sono copertine, lenzuolini, teli da bagno e persino giochi e pupazzetti in stoffa.

I tipi di tessuti sono tanti ma, ovviamente, nella tua scelta affidati a materiali naturali! Cotone, bambù e ciniglia, sono i più morbidi e non causano irritazioni da contatto o sfregamento. Ma come lavare tutti questi capi?

Primo lavaggio dei capi del neonato

Prima del parto, è opportuno lavare tutti i capi che compongono il corredino del neonato. Bisogna eliminare qualsiasi traccia di sostanze trattanti, probabilmente usate durante la lavorazione degli indumenti, e l’eventuale polvere depositata prima dell’utilizzo.

Lavali in lavatrice. Prima igienizza la lavatrice con Percarbonato: metti circa 150 g. direttamente nel cestello, e fai un bel lavaggio a vuoto a 60 gradi.

Poi lava i capi con un detersivo liquido bucato ecologico, indicato per i capi dei bimbi. Meglio se con materie prime di origine naturale e da agricoltura biologica e a “km 0”, come il nostro Bucato Bimbi Biricco.

Questo detersivo per bucato è dermatologicamente testato e va bene anche per i capi delicati e lana. Si risciacqua facilmente.

Lavati i capi, stendili subito per farli asciugare bene e riponili in sacchetti a chiusura ermetica o come indicato dall’ospedale (che normalmente rilascia una lista delle cose da portare per il parto).

Solara Percarbonato Sbiancante PuroBiricco Detersivo per neonati

Lavaggi del corredino successivi al primo

Dividi i body e gli indumenti intimi dai capi indossati sopra, quasi sempre colorati, e lavali separatamente. Ti consigliamo il lavaggio a mano con capi molto delicati o non particolarmente sporchi.

Risciacqua bene, per evitare che restino sui tessuti residui di sapone o detersivi: insieme alla composizione delle fibre, possono scatenare reazioni cutanee allergiche sulla pelle del tuo bambino.

Altra accortezza è non eccedere nella dose e utilizzare un detersivo liquido facile da risciacquare.
Il bucato in lavatrice ha certamente un risciacquo più efficace e, in più, puoi programmare la lavatrice col doppio risciacquo.

Programma la temperatura di lavaggio secondo le istruzioni della lavatrice. La quantità del detersivo va dosata con l’aiuto di una pallina dosatrice, per evitare troppo detersivo, inutile e dannoso.

Quale detersivo per i capi dei bambini?

Liquido o in polvere, il detersivo per bucato migliore per i capi del tuo bimbo è quello ecologico e con ingredienti di origine naturale, non petrolchimica.
Il detersivo liquido per bucato è più indicato nel caso di capi delicati o poco sporchi, con lavaggi fino a 40 gradi.

Invece, il  detersivo per bucato in polvere è sicuramente più efficace nel caso di tessuti macchiati da sporco ostinato, con lavaggi oltre i 40 gradi.

Cerca informazioni sugli ingredienti, in etichetta o in rete, e, possibilmente, evita di acquistare quei detersivi che contengono:

  • sbiancanti ottici e candeggianti ottici, che si depositano sui tessuti, lavaggio dopo lavaggio, e compromettono la capacità di assorbimento in alcuni tessuti.  Questi potrebbero anche causare irritazioni, essendo a contatto 24 ore su 24 con la delicata pelle dei bimbi;
  • profumi, che potrebbero causare allergie da contatto.

Solara Polvere Lavatrice Concentrata

Come pretrattare i capi dei bambini e i pannolini lavabili

Evita il Sapone di Marsiglia, perché potrebbe rimanere su alcuni tessuti, come quelli dei pannolini lavabili, “cerandoli” e quindi facendone diminuire l’assorbenza.

Invece, sfrutta l’azione smacchiante del Percarbonato: con acqua e Percarbonato, puoi fare una “pappetta”, della consistenza di uno yogurt, da mettere sulla macchia e lasciar riposare per un paio d’ore (sui capi bianchi, no sui colorati), prima di lavare in lavatrice.

Sui pannolini lavabili il Percarbonato Officina Naturae o Solara è fantastico, perché non indurisce i capi.

Più pratico è un prodotto specifico da spruzzare sulle macchie colorate, specialmente sui pannolini lavabili, e da lasciar agire per qualche secondo prima di lavare.

Noi ti consigliamo lo Smacchiatore Igienizzante Solara: non lascia residui (non contiene profumo ed è a base di ossigeno attivo),  quindi è sicuro anche per la pelle delicata dei bambini.

Come alternativa per le macchie grasse, ti consigliamo di pretrattare con lo Sgrassatore Ecologico Solara.

Solara Smacchiatore IgienizzanteSolara Sgrassatore Universale

Come igienizzare e sbiancare i capi dei bambini e i pannolini lavabili

Se vuoi sapere come disinfettare il bucato, questi sono consigli utilissimi, prendi nota!
È inutile aggiungere il bicarbonato al lavaggio, come alcune mamme fanno: sfatiamo la teoria del binomio “bicarbonato bucato”= igiene. Il bicarbonato non igienizza, la sua azione aumenta blandamente il pH della soluzione, senza nessuna reale efficacia sul lavaggio. Al contrario può causare deposito di calcare sui tessuti, indurendoli e danneggiandoli.

Per avere una reale azione igienizzante, aggiungi, ogni tanto, al lavaggio un cucchiaio da tavola di Percarbonato, possibilmente formulato con ingredienti che impediscano il depositarsi del calcare sui tessuti, come il nostro.

Programma il lavaggio a una temperatura superiore ai 40 gradi: oltre questa temperatura si libera ossigeno attivo, ottimo disinfettante per bucato. Inoltre, elimina i cattivi odori, compreso l’odore di ammoniaca, che può rimanere a volte sui pannolini lavabili.

Un consiglio: va usato prevalentemente chiari o con colori resistenti, perché svolge anche un’azione sbiancante, che è ancora più potenziata se si stende il bucato al sole.

Ammorbidente sì o no?

Tu, mamma, vorresti per il tuo bimbo un bucato morbido ma anche un bucato profumato, come la sua pelle.

Forse non sai, però, che gli ammorbidenti contengono sostanze che si depositano sui tessuti e ne compromettono il potere assorbente.

Quelli tradizionali, poi, contengono, inoltre, addensanti, perlanti e profumi (spesso di origine petrolchimica), che possono facilmente irritare la pelle del bambino e far scaturire dermatiti.

Ti consigliamo, quindi, di sostituirli con l’Acido Citrico Anidro, un prodotto naturale dalle mille virtù. Lo puoi diluire in acqua in soluzione al 15%, per utilizzarlo in lavatrice come ammorbidente (versato nella vaschetta del risciacquo).

Non solo addolcisce l’acqua e ammorbidisce le fibre del bucato ma elimina anche i residui di detersivo e di eventuali additivi.

L’Acido Citrico è, perciò,  un ottimo decalcificante che neutralizza l’alcalinità del lavaggio e riporta i tessuti ad un pH più vicino a quello della pelle dei bimbi.

Insomma, il bucato dei capi dei bimbi sembra una faccenda complicata ma non lo è: segui i nostri consigli e ogni tuo dubbio svanirà. Ora sai quali prodotti scegliere e avrai sempre un bucato perfetto, anche con i capi di tutta la famiglia. In più, assicuri al tuo piccolo un ambiente sempre meno inquinato e più sicuro per la sua salute!

  • Tweet
  • Share 0
  • Reddit
  • +1
  • Pocket
  • LinkedIn 0

Источник: https://www.officinanaturae.com/corporate/eco-blog/come-lavare-il-bucato-dei-bimbi/

Come fare il bucato delicato dei neonati igienizzato e senza inquinare

Come fare il bucato dei neonati a mano e in lavatrice

Il bucato degli abitini di neonati e bambini richiede tutta la vostra attenzione. Deve essere ecologico e sicuro.

Ancora di più nel caso di neonati e bambini dobbiamo fate attenzione a non utilizzare prodotti che contengano sostanze potenzialmente irritanti per la pelle.

E inoltre dovremmo cercare di inquinare il meno possibile in modo che il loro futuro sia in un mondo e in un ambiente più pulito di quanto lo possiamo immaginare ora.

I consigli per il bucato dei più piccoli sono molto semplici e sono adatti anche per chi ha la pelle sensibile e per chi è alla ricerca di soluzioni green per lavare i propri abiti, ma anche federe e lenzuola. Ecco allora alcuni suggerimenti di cui tutti i genitori dovrebbero tenere conto per il baby bucato green.

Lavare gli abitini nuovi

Lavare i vestitini nuovi prima che vengono indossati è molto importante perché non sappiamo come questi capi sono stati trattati durante la produzione, le spedizioni e il periodo che hanno trascorso nei magazzini e nei negozi.

Dal momento che la pelle dei bambini è molto sensibile e tende ad assorbire tutto ciò che la tocca, meglio lavare per sicurezza gli abitini nuovi prima di indossarli la prima volta.

Così potremo eliminare eventuali sostanze indesiderate dalla loro superficie.

Sapone di Marsiglia per il bucato e per pretrattare le macchie

Per il vostro bucato a mano e per pretrattare le macchie quando si tratta degli abitini dei più piccoli (ma non solo) preferite il vero sapone di Marsiglia. Cercate sapone di Marsiglia ecologico nei negozi specializzati oppure preparate il sapone naturale in casa con soli tre ingredienti.

Il vero sapone di Marsiglia è il rimedio naturale più semplice ed efficace che possiamo avere a disposizione per pretrattare le macchie e per lavare rapidamente a mano qualche piccolo capo utile che non può aspettare il vero e proprio bucato in lavatrice. Tra l’altro potrete preparare in casa il sapone senza profumazioni, in modo da ridurre qualsiasi rischio di allergia.

Lasciare asciugare al sole abitini, lenzuolini e altri capi, soprattutto se sono bianchi, aiuta a fare scomparire eventuali aloni, come insegnano le nostre nonne. Meglio pretrattare subito le macchie quando sono ancora fresche: per facilitare il bucato intervenite il prima possibile se potete.

Leggi anche: Come fare il sapone in casa con appena tre ingredienti

Percarbonato di sodio come smacchiante e igienizzante ecologico

Il percarbonato di sodio è utile come igienizzante ecologico per il bucato in sostituzione dei comuni prodotti in vendita, per ravvivare i capi bianchi e come smacchiante in polvere per agire contro le macchie di sporco già prima del lavaggio vero e proprio. Il percarbonato di sodio è un prodotto ecologico tutto fare nel bucato dei bambini. Infatti sostituirà tutti i comuni prodotti sbiancanti e disinfettanti più utilizzati.

Aggiungete uno o due cucchiai di percarbonato di sodio durante l’ammollo dei capi, il lavaggio a mano o in lavatrice per smacchiare e igienizzare. Potrete anche pretrattare le macchie sia fresche che secche: inumiditele e poi cospargetele con il percarbonato. Lasciate agire il più a lungo possibile prima del lavaggio vero e proprio.

Leggi anche: Percarbonato di sodio: proprietà, usi e dove trovare lo sbiancante ecologico

Detersivi ecologici per il bucato dei bambini

Scegliete il più possibile detersivi ecologici per il bucato sia a mano che in lavatrice degli abitini, dei bavaglini e di tutti gli accessori dei vostri bambini.

Se i piccoli hanno la pelle sensibile ai comuni detersivi, provate ad utilizzare prodotti senza profumazione per il bucato.

Infatti è piuttosto comune che le profumazioni sintetiche dei comuni detersivi possano causare allergie.

Non esagerate con la quantità di detersivo da versare nel cestello della lavatrice in modo che il risciacquo sia più semplice.

Altrimenti, per evitare che eventuali residui di detersivo o di ammorbidente possano entrare a contatto con la pelle dei bambini, dovreste fare un risciacquo in più.

Risciacquate sempre bene anche quando vi capita di lavare qualche piccolo capo a mano.

Leggi anche: 10 detersivi davvero ecologici e 5 prodotti che in realta’ non sono green

Ammorbidente

In merito all’ammorbidente, chiedetevi innanzitutto se ne avete davvero bisogno per il bucato dei più piccoli. Se è così, potrete sostituire i prodotti comunemente in vendita con un’alternativa ecologica che non contiene profumazioni e sostanze filmanti che possono provocare allergia.

Si tratta semplicemente dell’acido citrico, un ingrediente ecologico multiuso che funziona benissimo come ammorbidente e che non lascia cattivi odori sul bucato né residui che possono causare irritazioni sulla delicata pelle di neonati e bambini. C’è chi ha sostituito l’ammorbidente convenzionale con l’aceto, ma è bene sapere che l’acido citrico è un alternativa molto più ecologica. Qui tutte le info sull’utilizzo dell’acido citrico come ammorbidente.

Leggi anche: Acido citrico: come usarlo e perché preferirlo all’aceto nelle pulizie

Pannolini lavabili

Fate molta attenzione nel lavaggio dei pannolini lavabili in modo che possano durare a lungo e mantenere il loro grado di assorbenza.

Il consiglio è di seguire bene le istruzioni per il bucato dedicate ai pannolini lavabili che vengono indicate dalle aziende produttrici in base al materiale con cui i pannolini sono realizzati.

In alcuni casi il sapone di Marsiglia potrebbe “cerare” i pannolini e ridurre il loro grado di assorbenza. Se comunque avete bisogno di pretrattare con del sapone, spazzolate e risciacquate bene in modo che non rimangano residui.

Oppure utilizzate un detersivo ecologico delicato per il bucato a mano quando si tratta di pretrattare e per la lavatrice nel caso del lavaggio vero e proprio.

Vi suggeriamo di lavare i pannolini lavabili in lavatrice e di pretrattarli semplicemente risciacquandoli con acqua fredda.

Anche l’ammorbidente classico di solito viene sconsigliato per evitare di impermeabilizzare anche soltanto in parte i tessuti assorbenti dei pannolini lavabili.

Invece viene consigliato il percarbonato di sodio come igienizzante ecologico.

Potete fare un bucato in lavatrice a 40°C per i pannolini lavabili. In ogni caso scegliete la temperatura di lavaggio più adatta in base alle istruzioni specifiche per il materiale dei pannolini lavabili che avete scelto.

Leggi anche: 10 scuse per non usare i pannolini lavabili

Leggi anche:

Detersivi fai-da-te: come autoprodurre il detersivo per la lavatrice (liquido e in polvere)
Acido citrico: come usarlo e perché preferirlo all’aceto nelle pulizie

Источник: https://www.greenme.it/consumare/detergenza/come-fare-bucato-neonati/

Come fare il bucato dei bambini

Come fare il bucato dei neonati a mano e in lavatrice

Un figlio è sempre una grande gioia, ma lo sapete meglio di noi che fin da neonati i bambini si sporcano in un lampo sopratutto fuori casa o in viaggio.

Sapete come fare il bucato dei bambini ? Spesso i detersivi che usiamo per lavare i nostri capi, sui vestiti dei più piccoli non sono indicati: allergie e dermatiti potrebbero comparire e rovinare la pelle delicata dei bambini.

LEGGI ANCHE: Come stendere il bucato

Come trattare i capi dei neonati durante il lavaggio? Come togliere le macchie ostinate? Sapone di Marsiglia, aceto, bicarbonato e acido citrico sono le risposte su come fare il bucato dei bambini.

DETERSIVI PER BAMBINI

  • Sapone di Marsiglia – Lo conosciamo benissimo e usiamo spessissimo, il sapone di Marsiglia è il più adatto quando si parla di neonati e bucato. L’utilizzo più semplice è quello di grattugiarne un paio di cucchiai da mettere direttamente nella vaschetta della lavatrice come un normale detersivo in polvere.

    Il tocco in più: se aggiungete un cucchiaio di bicarbonato e uno di sale  al sapone i capi saranno igienizzati e sbiancati.

    Una valida alternativa è il delicatissimo sapone di Aleppo con proprietà lenitive e antibatteriche : basterà strofinarlo sulle macchie e poi lavare i capi a mano o in lavatrice.

  • Aceto bianco – L’ammorbidente è l’antagonista per eccellenza della pelle sensibile perché lascia sui vestiti un sostanza che può causare dermatiti e allergie. Potete sostituirlo con 100 ml di aceto bianco versato direttamente nella vaschetta dell’ammorbidente.
  • Acido citrico – Gli abbiamo dedicato qualche giorno fa un tutorial a Detto Fatto. L’acido citrico quando parliamo di bucato ha un doppia funzione: disincrosta l’elettrodomestico e ammorbidisce la biancheria.

    Dunque anche in questo caso è ottimo da utilizzare come ammorbidente per i pagliaccetti dei più piccoli: preparate una soluzione al 15% (150g di prodotto in un litro d’acqua) ma non usatela tutta in una volta, versatene solo 100ml nella vaschetta dell’ammorbidente. Se amate la biancheria profumata vi consigliamo di aggiungere una goccia o due di olio essenziale. 

BUCATO DEI BAMBINI: COME ELIMINARE LE MACCHIE?

  • SUCCO DI FRUTTA – Mettiamo un panno pulito sotto la macchia quindi applichiamo sulla stessa un cucchiaino di glicerina. A questo punto dobbiamo lasciar agire il prodotto per 1 ora.

    Trascorso questo tempo la glicerina avrà ammorbidito la macchia quindi possiamo utilizzare il nostro caro sapone di Marsiglia liquido come pre-trattante. Strofiniamolo sulla macchia quindi laviamo il capo in lavatrice. Se possibile scegliamo la temperatura di 60° altrimenti controlliamo l’etichetta.

  • MACCHIA DI PUPU’ – Spesso riceviamo anche richieste per eliminare un’altra macchia tipica dei bambini piccoli: la macchia di pupù.

     Innanzitutto occorre strofinare il prima possibile il capo macchiato con la saponetta di Marsiglia quindi  lasciarlo in ammollo con 500 ml di acqua, 200 ml di acqua ossigenata al 3% e 1 cucchiaio di sapone di Marsiglialiquido.

    E’ una soluzione delicata e non aggressiva, adatta per la pelle dei bambini.

    Una volto tenuto in ammollo si procede con il normale lavaggio

  • MACCHIA DI PAPPA – Per togliere le macchie delle pappe dei bambini dai diversi tessuti è indispensabile utilizzare prodotti naturali senza additivi chimici: basterà, quindi, del sapone neutro e, per un effetto igienizzante ed ammorbidente, è consigliabile utilizzare del bicarbonato e dell’aceto.

    Per tessuti quali la spugna e la ciniglia, in particolare, è preferibile utilizzare, al posto dell’ammorbidente, un cucchiaio di bicarbonato sciolto in una bacinella d’acqua: l’effetto sarà lo stesso. Per igienizzare i tessuti, invece, noi vi consigliamo di aggiungere un po’ di aceto e lasciare agire per circa un’ora.

    Per i capi più delicati, come quelli in organza o seta, è obbligatorio, infine, il lavaggio a mano facendo, però, attenzione a risciacquare accuratamente i tessuti per eliminare ogni residuo.

  • MACCHIA DI LATTE MATERNO –  In questi casi pretrattare è d’obbligo. Non servono però costosi smacchiatori. Se la macchia è fresca basta strofinarla leggermente con acqua tiepida e sapone di Marsiglia, mentre se la macchia è già secca è meglio mettere l’indumento in ammollo per alcune ore con acqua e sapone di Marsiglia liquido. Dopo aver trattato le macchie potete mettere tranquillamente le tutine di spugna o cotone in lavatrice. Non serve che utilizziate lavaggi lunghi ad alte temperature, basta un lavaggio eco a 30°. In questo modo preserverete le fibre, l’ambiente e anche il portafogli (lavare a 90° costa molto!)

LEGGI ANCHE: Come eliminare le macchie di cioccolato

Se i nostri consigli su come fare il bucato dei bambini vi sono piaciuti continuate a seguirci sul nostro sito www.soluzionidicasa.com e sulla nostra pagina .

Источник: https://soluzionidicasa.com/come-fare-il-bucato-dei-bambini/

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: