Che prodotti usare per il bagnetto del bambino?

Bagnetto del Neonato

Che prodotti usare per il bagnetto del bambino?

Il bagnetto del neonato è un'abitudine importante per l'igiene, il benessere e lo sviluppo fisiologico, cognitivo, emotivo e relazionale.

Nei primi mesi di vita, infatti, questo momento rappresenta un'occasione ulteriore di scambio ed interazione tra mamma e bambino, sotto forma di coccole, contatti, giochi, gridolini e risate.

Allo stesso tempo, il bagnetto del neonato stimola i sensi dell'odorato e del tatto, risveglia l'attenzione e permette di prendere confidenza con l'acqua. Al termine della giornata, poi, non è da sottovalutare l'effetto distensivo che questo rituale può produrre, utile per preparare il bambino al momento della nanna.

Nei primi mesi di vita, la pelle del bebè ancora immatura è molto fragile e delicata, pertanto sono necessarie alcune piccole cautele, per non compromettere la barriera cutanea e/o causare arrossamenti nel corso del bagnetto.

Il bagnetto del neonato è una routine che contribuisce all'igiene quotidiana e, dal punto di vista sensoriale, favorisce lo sviluppo di tatto e odorato.

Questo momento rappresenta un ulteriore momento di contatto con la mamma ed un'occasione per prendere confidenza con l'acqua.

Al termine della giornata, il bagnetto è utile anche per rilassare il bambino.

Prima del bagnetto del neonato, è importante predisporre tutto l'occorrente: ogni cosa deve essere a portata di mano per non essere costretti a lasciare il bambino solo nella vaschetta o nel fasciatoio, nemmeno per pochi secondi.

Qual è momento giusto della giornata per fare il bagnetto?

Non c'è un orario ideale in cui fare il bagnetto al neonato, ma è possibile stabilire un momento della giornata da dedicare all'igiene, in modo che risulti più o meno sempre lo stesso (ad esempio, prima dell'ultimo pasto serale o della nanna). Quest'approccio permette di creare una piacevole abitudine: il bagnetto del neonato deve risultare una routine gradevole e rilassante anche per la mamma.

Dopo il distacco definitivo del cordone ombelicale, dunque, il bagnetto del neonato si può fare a seconda delle preferenze dei genitori e delle motivazioni di varia natura. Ad esempio, qualora si notasse che il bebè vive il bagnetto come un momento di tensione o di disagio, è meglio diradarne la frequenza o alternare delle spugnature all'immersione.

In linea generale, è bene attendere almeno due ore dopo la poppata, per essere sicuri che il bambino abbia digerito bene: durante il bagnetto, infatti, il piccolo potrebbe prendere freddo ed incorrere in una congestione.

Come anticipato, poi, il bagnetto ha un effetto distensivo e può essere un ottimo metodo per favorire il sonno del bambino.

Durata del bagnetto del neonato

In linea generale, il bagnetto del neonato non dovrebbe superare i 10-15 minuti.

Temperatura dell'acqua

L'acqua con cui fare il bagnetto al neonato va controllata utilizzando un termometro a lettura istantanea (acquistabile in farmacia) o, più tradizionalmente, con il contatto del gomito della madre o del padre. La temperatura ideale dovrebbe mantenersi il più possibile vicina ai 36° ed i 37,5°C.

Cosa è necessario

Prima di svestire il bambino per il bagnetto, occorre preparare anticipatamente tutto ciò di cui si avrà bisogno.

In particolare, il materiale che si andrà ad utilizzare e che dovrà essere a portata di mano per il bagnetto del neonato comprende:

  • Detergente delicato specifico per bambini, a pH neutro;
  • Termometro;
  • Garze ed ovatta per la pulizia del viso;
  • Creme idratanti e prodotto all'ossido di zinco;
  • Asciugamano di spugna morbida;
  • Abiti puliti (body e tutina) e pannolino.

Prima del bagnetto del neonato, è bene assicurarsi di avere tolto eventuali gioielli o monili (per non ferire o graffiare accidentalmente il bambino) ed avere le mani ben deterse.

A tal proposito, va ricordato che la trasmissione di microrganismi responsabili delle infezioni neonatali, che possono verificarsi nei primissimi giorni di vita, avviene per lo più attraverso le mani, il respiro ed il contatto di corpi estranei con la pelle o le mucose del bebè.

Allo scopo di prevenire tale evenienza, oltre all'accurata detersione delle mani, è possibile adottare alcune semplici regole d'igiene.

Ad esempio, se il genitore o chi accudisce direttamente il neonato presenta delle infezioni delle vie respiratorie (come raffreddore o influenza), è opportuno utilizzare delle mascherine sterili – a protezione della bocca e delle narici – al momento della poppata, del cambio di pannolino e del bagnetto. Il dispositivo può essere rimosso, poi, quando non si ha un contatto diretto con il bambino.

Prima del bagnetto del neonato

  • Per evitare che il bambino prenda freddo prima e dopo il bagnetto, è opportuno riscaldare sufficientemente la stanza, in modo da avere una temperatura compresa tra 20 e 22°C.
  • Se è sera, meglio regolare o schermare le fonti di luci elettrica, affinché non siano troppo aggressive.
  • La vasca per il bagnetto del neonato deve essere riempita con acqua a 37-38°C. In pratica, la temperatura dev'essere simile a quella del corpo: prima di immergere il bambino, è bene controllarla con un termometro.

A questo punto è possibile svestire il bambino, poggiandolo supino sopra un piano. Durante quest'operazione è importante prestare attenzione al capo, poiché i neonati non sono ancora in grado di controllare i loro movimenti.

  • Per prima cosa, rimuovere le maniche arrotolandole; successivamente estrarre la maglietta dalla testa, allargando al massimo lo scollo per facilitarne il passaggio. Ripetere gli stessi passaggi per togliere il body. Infine, rimuovere il pannolino.

Il bagnetto del neonato bagno può essere eseguito direttamente nella vasca di casa o in un'apposita vaschetta per bambini, mettendo sul fondo un tappetino di gomma per ridurre il rischio di scivolamento.

  • Vaschetta per bambini – La vaschetta in cui effettuare il bagnetto del neonato dovrebbe essere realizzata con materiale plastico. Questa va sistemata su un piano stabile e grande, adeguato a contenere tutto quanto occorre ed alla giusta altezza, per non affaticare la schiena della mamma. Se viene scelta quest'opzione, è bene scegliere una vaschetta anatomica, cioè che segua la forma del corpo, per evitare che il bambino scivoli di lato o si rigiri.
  • Vasca da bagno – La vasca da bagno di casa va opportunamente detersa e predisposta per le esigenze del piccolo. Se viene scelta quest'opzione per il bagnetto del neonato, è opportuno che si ponga maggiore attenzione, considerato lo spazio più ampio. Inoltre, occorre assicurarsi che il rubinetto sia posizionato il più lontano possibile e, sul fondo, è bene mettere degli asciugamani morbidi o una base in schiuma per evitare che il bambino scivoli accidentalmente.

Per il bagnetto del neonato, la quantità ideale di acqua è circa 10-15 centimetri. Una volta chiuso il rubinetto, immergere il bebè in acqua solo dopo aver verificato la temperatura.

Attenzione! Nel corso del bagnetto, non lasciare mai il bambino da solo in acqua, qualunque sia la sua età, neanche per un attimo.

A parte il rischio di annegamento che può verificarsi anche in condizioni di ridotto volume di acqua, il neonato può inalare acqua schizzata o riversata sul volto giocando con contenitori cavi.

Inoltre, il bambino scivolando può spaventarsi e procurarsi piccoli traumi.

Durante il Bagnetto del Neonato

  • Una volta preparato l'occorrente, il bambino va immerso lentamente nell'acqua, mantenendo una presa salda e sicura. Nel corso del bagnetto, la testa ed il busto vanno sorretti con l'avambraccio; la mano sinistra va nel cavo ascellare del neonato, in modo da poterlo lavare con la destra. Durante i gesti di pulizia, fare attenzione a non far colare l'acqua negli occhi.
  • Se sostenere il bambino in acqua sembra difficile, è possibile insaponarlo sul fasciatoio e risciacquarlo successivamente nell'acqua.
  • Il viso, gli occhi e le orecchie devono essere lavate con garze od ovatta imbevuti di acqua. Il resto del corpo può essere lavato con un detergente neutro.
  • Per lavare la schiena, girare il neonato, in modo che abbia la pancia appoggiata sul braccio.
  • Durante il bagnetto, è importante rasserenare il bebè parlandogli.

Dai 4-5 mesi, è possibile utilizzare una sdraietta da bagno per neonato o un adattatore per la vasca; a quest'età, infatti, il bambino saprà stare seduto autonomamente e non sarà necessario sorreggerlo in acqua.

Quali prodotti scegliere

Per il bagnetto del neonato, è importante saper scegliere i prodotti giusti.

  • Corpo. Durante il bagnetto del neonato, per la detersione è necessario usare prodotti specifici, appositamente formulati per la pelle delicata, senza sapone e tensioattivi. Per l'igiene quotidiana andrebbero comunque evitati i cosmetici che fanno schiuma e troppo profumati. Il detergente da utilizzare per il bagnetto del neonato dovrebbe avere pH tra 5.0 e 5.5. 
  • Capelli. Ogni 2-3 giorni, lavare la testa del bambino con uno shampoo adatto, che non bruci gli occhi. Per il risciacquo, è possibile utilizzare un bicchiere, la doccetta della vasca o semplicemente l'incavo della mano.

Dopo il Bagnetto del Neonato

  • Quando arriva il momento di far uscire il bambino dall'acqua, afferrarlo con una presa salda e sicura sotto le ascelle ed avvolgerlo immediatamente in un asciugamano morbido, prima di appoggiarlo sul fasciatoio. Quest'operazione deve essere eseguita nel minor tempo possibile per evitare che il neonato prenda freddo.
  • Dopo il bagnetto del neonato, la pelle va asciugata delicatamente, senza strofinare, per non arrecare lesioni o arrossamenti (se queste fossero già presenti deve essere applicata una crema all'ossido di zinco). La cute va tamponata insistendo soprattutto tra le pieghe della pelle (come cosce, ascelle, collo e dita dei piedi), dove c'è una maggiore umidità. Mentre si asciuga, è bene coccolare e stringere a sé il bambino, per rassicurarlo e consolidare il rapporto tra mamma-figlio.

Dopo la detersione ed il risciacquo con acqua, va ricordato che viso, collo e genitali devono essere sempre ben puliti e asciutti.

  • Dopo aver asciugato il bambino, è possibile idratare la sua pelle e massaggiare un prodotto emolliente specifico per il corpo.
  • Nella zona del sedere e dei genitali è consigliabile stendere una pasta protettiva per previene il rossore e le irritazioni causate dal ristagno della pipì: il prodotto va spalmato bene, massaggiandolo con delicatezza anche all'interno delle pieghe della pelle e nell'incavo delle gambe.
  • Alla fine delle operazioni, posizionare il pannolino e rivestire il neonato, partendo questa volta dal body, infilando prima la testa e poi le maniche che vanno arrotolate per facilitare l'inserimento della manina e del braccio.

Bagnetto del Neonato: ogni quanto?

La maggior parte delle ostetriche e degli altri professionisti sanitari raccomanda di fare il bagnetto ai neonati almeno 2-3 volte la settimana.

I rischi in corso del bagnetto del neonato sono diversi e comprendono cadute accidentali o lesioni cutanee, a seguito di contatto diretto con acqua troppo fredda o ad alta temperatura. Nei primi mesi di vita, poi, il bambino non è ancora in grado di regolare la propria temperatura corporea e può incorrere in un'ipotermia.

Attenzione! Il bagnetto del neonato non dovrebbe mai essere effettuato in prossimità di erogatori d'acqua (rubinetti, miscelatori ecc.) per il rischio di ustioni.

Dopo il bagnetto del neonato, l'uso del borotalco andrebbe evitato poiché potrebbe essere inalato se cosparso in quantità cospicua sul torace e sugli arti superiori o, peggio, aspirato direttamente dal contenitore, se quest'ultimo viene utilizzato per giocare.

Источник: https://www.my-personaltrainer.it/salute/bagnetto-neonato.html

Sapone per bambini: quali scegliere per il bagnetto

Che prodotti usare per il bagnetto del bambino?

La pelle dei più piccoli è molto delicata e la scelta di detergenti da usare nel bagnetto e sapone per bambini deve essere dunque fatta con cura. Ormai il consumatore odierno è molto più consapevole di un tempo e le mamme sono ovviamente ancora più attente.

La scelta di prodotti naturali e privi di sostanze chimiche va privilegiata quando si tratta della salute e dell’igiene dei bimbi. Così come l’orientamento verso prodotti di marchi conosciuti e specializzati nell’igiene infantile e nel sapone per bambini.

Oltre che, ovviamente, raccomandati da pediatri ed utilizzati persino nei reparti neonatali.

AMIDO DI RISO

Un evergreen per la pulizia e l’igiene del neonato, ideale per i primi bagnetti

Da molti considerato uno dei rimedi della nonna, l’amido di riso, pur non essendo un vero e proprio sapone per bambini, merita tuttavia la prima posizione nella nostra classifica. Detergente naturale ed assolutamente delicato, è perfetto per il bagnetto del neonato. Sarete dunque certe che nessuna allergia o irritazione potrà colpire la pelle dei bimbi se userete l’amido per il bagnetto.

PRO: La pelle del bimbo sarà naturalmente morbida e vellutata
CONTRO: Se siete amanti dei detergenti profumosi, l’amido di riso vi deluderà

 Weleda Docciashampoo Baby

Niente irritazioni e naturale delicatezza per tutti i prodotti di un brand da sempre garanzia di qualità

Dolce pulizia dalla testa ai piedi. Weleda è un marchio in accordo con uomo e natura dal 1921, che propone soprattutto cosmesi naturale bio certificata. Questo docciashampoo deterge perciò in tutta dolcezza corpo e capelli, con particolare delicatezza per gli occhi. Grazie ai pregiati oli di mandorle e sesamo, lascia la pelle morbida e vellutata e rende i capelli facilmente pettinabili.

PRO: E’ privo di conservanti, coloranti, fragranze di sintesi e oli minerali
CONTRO: Non si trova al supermercato né in tutte le farmacie od erboristerie, ma è facilmente reperibile online

Scopri su Amazon

 Baby bagnetto capelli e corpo Aveeno

Come tutti i prodotti della linea per adulti, anche per la versione baby la qualità degli ingredienti Aveeno è al primo posto

Il Bagnetto Capelli e Corpo Aveeno Baby Daily Care è un detergente ricco di Avena Colloidale naturalmente attiva ed Essenza di Avena. Deterge delicatamente e idrata la delicata pelle del bambino dalla testa ai piedi.

Questa formula delicata a base di Avena, può inoltre essere utilizzata per la detersione quotidiana, lasciando sulla pelle una sensazione di idratazione e rendendo i capelli morbidi, lucenti e facili da pettinare.

PRO: Senza sapone, senza alcool, senza parabeni, è formulato per la pelle del neonato e testato da Pediatri.
CONTRO: Il prezzo è però leggermente più alto dei comuni detergenti

 Humana Soap Ultradelicato Sapone Liquido

Non solo latte: Humana pensa anche all’igiene e alla cura del corpo dei più piccoli

Humana Baby è un sapone per bambini liquido, pensato per la detersione quotidiana sin dalla nascita, grazie alla sua formulazione particolarmente delicata con alga spirulina.

Deterge dunque la pelle rispettando la barriera cutanea naturale e senza creare irritazioni.

Testato dermatologicamente su pelli sensibili, è perciò ideale per la detersione quotidiana di mani e altre parti del corpo del neonato e del bambino.

PRO: La garanzia del marchio Humana
CONTRO: Non è sempre facile da trovare, ma potete acquistarlo online

Mustela Detergente 2 in 1 Corpo Capelli 200 Ml

Non riuscirete più a smettere di baciare il vostro dolce bimbo, profumato e pulito con Mustela

Mustela è un marchio approvato da tantissimi pediatri, specializzato nei prodotti di detersione e cura della pelle del bambino. Utilizzato ovviamente anche nei reparti pediatrici, è dunque una garanzia per mamme e piccini.

PRO: Delicato e dal profumo inebriante
CONTRO: Il prezzo piuttosto altino

Scopri su Amazon

Eucerin Baby Wash and Shampoo

Chi conosce la delicatezza del brand non resterà deluso neppure nella versione baby

Brand raccomandato da dermatologi e pediatri per le pelli sensibili e reattivi, è ovviamente ottimo anche per la pelle dei bambini. Questo detergente per corpo e capelli lascia la pelle del bimbo morbida e vellutata. E’ ricco di pro-vitamina B5 e nutre la pelle con delicatezza.

Dermatologist and pediatrician recommended brand;Gentle formula leaves skin soft and smooth;Pro-Vitamin B5 and Natural Shea Butter enriched to help nourish, and soothe baby’s delicate skin;Tear-Free and gentle enough for everyday use;Hypoallergenic, free of soap, fragrances, parabens, dyes and drying alcohols

PRO: E’ ipoallergenico, privo di sapone, fragranze, parabeni e alcool
CONTRO: E’ poco profumato

 MATERNATURA BABY – Bagno Shampoo Delicato ai Fiori di Lino

Marchio meno conosciuto dei precedenti, ma molto attento alla naturalezza dei prodotti

Maternatura Baby propone questo detergente delicato per pelle e capelli dei neonati, biologico e Vegan. Creato privilegiando l’uso di vegetali provenienti da coltivazioni biologiche, biodinamiche e selvatiche, non è testato sugli animali. Privo di parabeni, paraffina, oli minerali, OGM, SLS e SLES e DEA

PRO: E’ un detergente dermatologicamente testato e nickel tested per il benessere di tutti i tipi di pelle, anche le più sensibili
CONTRO: Non facile da reperire se non online

Scopri su Amazon

Chicco Bagno del Corpo e Capelli Baby Moments

Dove c’è un bambino… non può mancare la proposta bagno di Chicco

Un best seller dei prodotti da bagno per bambini. La sua formula deterge delicatamente la pelle dei neonati, fin dai primissimi giorni. Offre le proprietà emollienti e lenitive dell’avena. Il pH neutro iso-lacrimale non irrita gli occhi mentre l’assenza di parabeni, SLS e SLES garantisce naturalmente la cura extra per la pelle delicata dei neonati. Senza alcool e coloranti.

PRO: Clinicamente testato sulle pelli sensibili. Il prezzo conveniente
CONTRO: Se privilegiate questo tipo di prodotti, non è al 100% naturale e bio

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.

Источник: https://www.consigli.it/sapone-per-bambini-quali-scegliere/

Prodotti per igiene neonato: La lista a portata di mano

Che prodotti usare per il bagnetto del bambino?

Se l’igiene personale è importante per ognuno di noi, lo è ancor di più quella del tuo bambino. Spesso ci si chiede quali possano essere gli acquisti più indicati da fare, o quali prodotti per igiene neonato occorre veramente acquistare. Oggi proviamo a darti qualche consiglio.

Cosa tenere a portata di mano

Vista la delicata funzione a cui sono destinati è innanzitutto opportuno usare prodotti specifici, studiati per rispettare le esigenze del bambino e realizzati da aziende che sono specializzate nel settore. Vediamo da vicino cosa non deve mancare quando ti accingi a pulire il tuo bambino:

  • Cominciamo con i classici e intramontabili dischetti di cotone. In commercio ne esistono di varie dimensioni, marche, forme e prezzo. Sicuramente i più adatti sono quelli grandi e morbidi. Non usare però il cotone idrofilo normale perché è poco compatto e questo potrebbe crearti qualche problema durante il cambio del pupo.
  • Per il bagnetto del tuo bimbo non può mancare l’olio da bagno. Idoneo per il bagnetto o per pulire il suo culetto è preferibile ad un bagnoschiuma anche se specificatamente adatto ad un neonato. Un bimbo piccolo non ha bisogno di aver fatto il bagnetto ogni giorno, è opportuno inoltre non usare prodotti che potrebbero risultare aggressivi per la sua pelle. Di fatto non si sporcano, se non consideriamo l’arma chimica presente nei loro pannolini dopo che hanno fatto la pupù e se non consideriamo la loro capacità di spalmarsela a volte fin sulla schiena. Chi ha cambiato almeno una volta un pannolino sa bene di cosa parliamo. Qualche consiglio? Puoi usare un sapone di Aleppo che contiene un po’ di olio, o ancora qualche goccia di olio di mandorla, idratante, inodore e commestibile, o un cucchiaio di amido, emolliente e adatto per l’arrossamento della pelle, specialmente d’estate. La cosa importante è che l’olio sia puro, cioè con un solo ingrediente, senza profumo e senza conservante. Il più comune è sicuramente quello di riso.
  • Olio gomenolato o di niaouli. È l’unico antisettico decongestionante utilizzato per dare sollievo al naso quando è tappato, adatto per tutti. È acquistabile in farmacia e non ha età, il che vuol dire che può essere usato anche per i neonati. Se usato per loro è opportuno somministrarne una goccia alla volta affinché il liquido non fuoriesca dalle narici e provochi irritazioni nella zona peri nasale. Solitamente la dose consigliata è di qualche goccia per 3-4 volte al giorno.
  • La pasta di zinco all’acqua è una preparazione galenica a base di ossido di zinco. Si differenzia dalla pasta Hoffman per la base, di tipo oleoso nella Hoffmann, di tipo acquoso nella pasta all’acqua. Da questa diversità di composizione segue la specificità d’uso. La prima è adatta come emolliente, la seconda quando è necessario asciugare l’area infiammata. Entrambe si comprano in farmacia o in sanitaria.
  • Una spazzola Anche questa comprabile in sanitaria o in tutti i negozi che vendono prodotti per bambini. Perché lo spazzolare i capelli del pupo è una delicata carezza che non deve mancare.
  • Traverse impermeabili in cotone. Si usano solitamente al posto dell’asciugamano sopra il fasciatoio.
  • Fialette di soluzione fisiologica per il lavaggio nasale.
  • Salviettine detergenti da usare soprattutto quando sei fuori casa, per quanto delicate possano essere è sempre meglio usare l’acqua corrente quando è possibile.
  • Acqua di colonia, anche se non esiste profumo migliore dell’odore della pelle del tuo bambino.
  • Accappatoio quadrato, almeno per i primi mesi.
  • I teli in cotone risultano a volte più morbidi degli stessi asciugamani e anche più assorbenti.
  • Forbicine con punta arrotondata. Se il tuo bimbo è vivace è meglio usarle quando dorme per evitare che i bruschi movimenti lo possano ferire.

LEggi:  Passeggino Peg Perego Pliko Mini Fiat 500: Opinioni e Recensioni

Il cambio del pannolino

Per il cambio del pannolino non sono necessari molti prodotti. Basta lavare il sederino del pupo con acqua tiepida e se necessario un sapone delicato, a base di tensioattivi poco aggressivi. L’importante è diluire sempre con acqua il sapone e non versarlo mai direttamente sulla pelle del piccolo.

È utile una pasta di zinco facilmente spalmabile in caso di arrossamenti. Per il cambio, o comunque se sei fuori casa, ricorri a salviettine detergenti: delicate, emollienti e mi raccomando prive di alcool. Non abusarne, l’acqua corrente è sempre la soluzione migliore.

Medicazione dell’ombelico nel neonato

Usciti dall’ospedale, quando si torna a casa, una tra le prime cure igieniche di cui ha bisogno un neonato è la disinfezione dell’ombelico per la prevenzione delle infezioni e per favorirne una più rapido processo di cicatrizzazione.

È un’operazione molto semplice, al contrario di quello che può sembrare, che va fatta con cura. Solitamente il moncone ombelicale, chiamato anche funicolo ombelicale, cade spontaneamente dopo 7- 14 giorni formando per l’appunto la cicatrice ombelicale comunemente conosciuto come ombelico.

Diversi sono i modi per mantenere pulita questa parte, alcune mamme usano una garza imbevuta di alcol rosa, mentre altre preferiscono usare spray che si acquistano in farmacia. Un’altra tendenza è quella di comprare e utilizzare la soluzione fisiologica per la pulizia ed acqua ossigenata in caso di necessità.

LEggi:  Passeggino Cam Microair: opinioni e recensioni

Il Centro di Documentazione sulla Salute Perinatale, Riproduttiva e Sessuale sostiene che “la tendenza attuale è di gestire il moncone utilizzando meno prodotti possibile. […] Una volta assicurata l’accurata pulizia delle mani, basta controllare che il moncone sia asciutto e sostituire la garza quando questa si sporca o si bagna con le feci o le urine del neonato.”

Se si desidera poi accelerare la caduta del moncone, il centro afferma che “l’unico trattamento che sembra possa accelerare i tempi del distacco del moncone consiste nell’applicare una polvere preparata in farmacia costituita da zucchero salicilato, ma i dati a riguardo non sono ancora certi.”

Prodotti per igiene neonato: L’igiene del viso…

Il nasino dei bambini va tenuto sempre pulito per permettergli una corretta respirazione non solo per un buon riposo ma anche perché quando mangia, per succhiare bene, ha bisogno che le vie aree siano ben aperte. Per eliminare le secrezioni nasali basta usare un cotton fioc umido, scegli tu se usare acqua di mare, fisiologica o soluzioni simili.

Come lubrificante per le narici si può usare anche un po’ di olio gomenolato. In commercio esistono anche gli aspiratori con beccuccio morbido, per neonati e bimbi, adatti a aspirare letteralmente il muco, precedentemente ammorbidito con soluzione fisiologica, dal nasino del pupo.

Occorrente: cotton fioc o dischetti, soluzione fisiologica e/o aspiratore.
Anche le orecchie necessitano di cure, solitamente si puliscono ogni due giorni per permettere al cerume di spostarsi verso il padiglione auricolare, la parte più esterna dell’orecchio.

Sappiamo che non è un’operazione facilissima perché spesso in questi momenti il bimbo si muove tanto, allora mi raccomando movimenti lenti e in ogni caso pulisci solo la parte esterna dell’orecchio e il bordo interno. Ti consigliamo di non usare i cotton fioc, potrebbero spingere in dentro il cerume e premere sulla membrana del timpano. Ricordati di asciugare bene le orecchie per evitare irritazioni.

Occorrente: garza inumidita con soluzione fisiologica o cotone idrofilo asciutto.

Per gli occhi basta una un dischetto umido, acqua tiepida o soluzione fisiologica, da passare delicatamente su ciascun occhio partendo dall’interno verso l’esterno.

LEggi:  Come scegliere i bollitore elettrico

Occorrente: dischetti e soluzione fisiologica.

Il bagnetto del neonato

L’acqua in cui si fa il bagno al bambino deve essere all’incirca di 37°.

È opportuno usare un detergente non aggressivo e uno shampoo delicato, entrambi da dosare, basta poco prodotto per lavare il bambino, e da diluire con un po’ con d’acqua prima dell’uso.

Risultano utili le creme allo zinco per gli arrossamenti e per le “pieghe” delle cosce che solitamente nei primi mesi di vita del bimbo sono cicciotte.

In commercio si trovano anche mousse complete che vanno bene sia per il corpo che per i capelli, ricordati che anche queste devono essere prive di alcol e coloranti e molto delicate.

Solitamente questo tipo di prodotti mantengono il pH fisiologico e hanno un’azione emolliente.

Pe i capelli esistono vari tipi di shampoo tra i quali ricordiamo quelli adatti per l’eliminazione della crosta lattea: shampoo olio delicato e non aggressivo.

Quali prodotti e marche consigliare alle mamme?

Di questi tempi, è buona cosa documentarsi e non comprare i prodotti economici, anzi, visto che si tratta dei propri bambini la prudenza non è mai abbastanza.

Per esperienza abbiamo sentito il parere di diverse mamme anche nei forum principali relativi alla gravidanza e le preferenze ed opinioni sono quasi tutte per le seguenti marche di prodotti di igiene per i bambini:

  • Mustela (una delle migliori)
  • Aveno (linea pediatrica)

Speriamo che i nostri suggerimenti ti siano d’aiuto. Come vedi non sono necessari molti prodotti per igiene neonato, ne servono… pochi ma buoni.

I migliori prodotti Igiene neonato acquistati su Amazon

OffertaBestseller No. 1Chicco Set Igiene per Cura dei Bambini, Rosa

  • Il kit contiene tutti i prodotti necessari per la cura dei bambini
  • Composto da un pettine, una spazzola morbida, termometro, spugna naturale e un paio di forbici

OffertaBestseller No. 2Fissan Telo igienico x10

  • Il telo igienico fissan baby è un pratico telo da usare in diverse occasioni
  • Provalo non solo nel momento del cambio fuori e dentro casa

OffertaBestseller No. 5Asciugamani per Neonati Biologica & Sacca Portabiancheria | 100% Bambù | Tessuto Morbido & Delicato | 500 GSM – 10×10 in (Bianco, 6 Pacchi)

  • Источник: https://genitoriebebe.it/prodotti-per-igiene-neonato/

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: