Autismo nei bambini: novità dal mondo della ricerca

Troppe false diagnosi di autismo e dislessia: i rischi per i bambini

Autismo nei bambini: novità dal mondo della ricerca

È boom di diagnosi di deficit dell’apprendimento come la dislessia o disturbi quali l’autismo; in molti casi si tratta di false diagnosi che rischiano però di appiccicare sul bambino un’etichetta che può compromettere non solo il suo percorso scolastico ma anche il suo futuro.

È quanto spiega Michele Zappella, primario del Reparto di Neuropsichiatria Infantile dell’Ospedale Generale di Siena fino al 2006 e autore del libro (Urra – Feltrinelli) Bambini, con etichetta – Dislessici, autistici e iperattivi: cattive diagnosi ed esclusione.

Un nuovo farmaco per autismo e sindrome di Down

di SIMONE VALESINI 10 Luglio 2020

“Negli anni '70-80 la prevalenza di autismo era di 4 bambini ogni 10.

000 nei diversi paesi del mondo – spiega Zappella – oggi in molti paesi occidentali il dato è aumentato in pochi anni di molte decine di volte, ad esempio una ricerca condotta in Usa stima i casi in 250 per 10 mila, ovvero un bambino su 40 sarebbe autistico, che è tantissimo”. È elevato anche il dato italiano che si aggira attorno all’1 per cento (un bambino in età scolare ogni 87).

Autismo, scoperti negli spermatozoi i biomarcatori che potrebbero determinarlo

13 Gennaio 2021

Questa impennata, spiega il neuropsichiatra infantile, coincide con l’uso crescente a scopo diagnostico di questionari o test psicologici strutturati in prove, ritenuti decisivi per la diagnosi dei Disturbi dello Spettro Autistico.

Ma spesso questi test – basati ad esempio sulla valutazione della capacità del bambino di capire gli altri o interagire con gli altri – danno diagnosi fuorvianti.

In questa dimensione, molte diagnosi possono far passare per autistici bambini che hanno altre difficoltà, come ansietà sociale, disturbi del linguaggio, difficoltà nell’uso dei movimenti della bocca per pronunciare parole e frasi.

“Inoltre – spiega – il sospetto di autismo crea nelle madri un’angoscia fortissima, tanto che 4 su 5 vanno in depressione”, con sintomi che perdurano anche a distanza di tempo dalla diagnosi. E questo può avere ricadute negative profonde sullo sviluppo del bambino.

Covid, tuteliamo anziani e persone con disturbi psichici

di Francesco Cro 25 Gennaio 2021

L’epidemia di etichette riguarda anche i disturbi dell’apprendimento, continua Zappella: ad esempio la dislessia, con prevalenza in aumento, passata da cifre poco superiori all’1% negli anni ‘70 al 3,1-3,2 fino al 4,2%, secondo i dati del Miur, relativi agli anni 2016-17.

In realtà solo in piccola parte questi bambini etichettati come dislessici sono veri casi di dislessia, spiega; gli altri hanno dei ritardi di lettura, che spesso dipendono da un insegnamento inadeguato e condizioni socio-economiche familiari precarie.

In Francia ad esempio, rileva Zappella, solo a un bambino su 5 bambini con ritardi di lettura viene diagnosticata la dislessia. Il problema è che un ritardo di lettura che si può risolvere senza problemi ha gli stessi sintomi della dislessia.

Così un cane può aiutare contro l'autismo

di Sara Sechi 06 Febbraio 2021

La cosa più grave, sottolinea l’esperto, è che la scuola che è il luogo dove il bambino con situazioni familiari svantaggiate dovrebbe essere aiutato, in realtà può finire per peggiorare le cose, segnalando il bambino come dislessico o con altri problemi di apprendimento. Infatti, ci sono altri disturbi dell’apprendimento, come quello relativo alla matematica, la discalculia, per i quali possono verificarsi problemi simili.

Fake news sui vaccini: mettono tutti a rischio e vanno punite

di Priscilla Di Thiene 18 Febbraio 2021

Fortunatamente ha seguito una traiettoria diversa in Italia il Disturbo da Deficit di Attenzione con Iperattività (Adhd), per il quale in paesi come gli Stati Uniti si registra un aumento di prevalenza, passata dal 6,1% degli anni 1997-1998 al 10,2% degli anni 2015-2016.

In Italia è invece rimasto a valori più bassi, con una media del 2,9%; è probabile che la misura legislativa che obbliga a far uso di psicostimolanti come il ritalin solo in ben precisi Centri Regionali (centri di terzo livello) abbia contribuito in maniera importante a contenere diagnosi e terapie farmacologiche.

Autismo, gli indicatori di rischio si possono individuare già nei primi 12 mesi

18 Marzo 2021

Intanto però l’epidemia di etichette nuoce ai piccoli coinvolti: la diagnosi modifica spesso l’identità del bambino, che interiorizza il suo disturbo; definisce il bambino per l’aspetto negativo che gli viene appiccicato, con un’etichetta che sembra marchiarlo nella vita e lo compromette anche nel futuro e nella vita lavorativa. Quindi l’etichetta finisce col generare un circolo vizioso che travolge il bambino, il quale si avverte senza speranza di recupero, così una diagnosi che dovrebbe essere di aiuto finisce per penalizzarlo in una sorta di self-fulfilling prophecy che coinvolge tutti, dalle famiglie agli insegnanti. L’idea stessa di inclusione scolastica si risolve in emarginazione e l’etichetta genera un senso di rassegnazione che svilisce e cancella talenti e abilità spesso presenti in bambini con difficoltà di vario tipo.

È importante, quindi, conclude Zappella, prima di formulare una diagnosi valutare tutti i possibili fattori in gioco, dall’età del bambino all’ambiente di provenienza e difficoltà emotive, non sottovalutando aspetti dello sviluppo quali ad esempio l’età cui ha cominciato a parlare.

Источник: https://www.repubblica.it/salute/2021/04/02/news/bambini_con_l_etichetta_troppe_diagnosi_di_autismo_e_disturbi_dell_apprendimento-293442791/

Autismo infantile, 10 cose da sapere

Autismo nei bambini: novità dal mondo della ricerca

L'autismo infantile è entrato nel vocabolario comune e spesso viene usato impropriamente per definire bambini con comportamenti giudicati anomali, per esempio la tendenza a isolarsi o difficoltà a interagire con il mondo che li circonda. Possono anche essere segnali di autismo ma spesso non c'entrano nulla. Il neuropsichiatra infantile Leonardo Zoccante fa chiarezza su questo disturbo

L'autismo è una condizione inscritta in quello che oggi viene definito “spettro autistico”, che comprende anche la sindrome di Asperger e il mutismo selettivo, secondo la nuova, quinta, edizione del Diagnostic and statistical manual of mental disorders (Dsm V), il manuale di riferimento per tutti i disturbi riguardanti la sfera della salute mentale.

Ecco cosa è utile sapere per non giungere a conclusioni affrettate quando il bambino assume atteggiamenti che possono essere giudicati anomali o, al contrario, per non trascurare segnali che potrebbero, invece, essere campanelli d'allarme che sarebbe opportuno ascoltare il prima possibile.

Nostrofiglio.it ha sciolti i dubbi sull'autismo e i bambini con Leonardo Zoccante, neuropsichiatra infantile dell'Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona e docente presso l'Università degli Studi di Verona, che collabora anche con la Fondazione Bambini e Autismo Onlus.

1) Più che di autismo meglio parlare di disturbi dello spettro autistico

In passato lo si riteneva lo stadio infantile della psicosi, mentre oggi si sa che l'autismo è un cosiddetto “disturbo neurobiologico”, con caratteristiche proprie e un andamento stabile, che in qualche caso può tendere al miglioramento con il passare del tempo.

Poiché l'autismo può esprimersi a vari livelli di gravità è considerato più corretto parlare di “spettro autistico”, secondo la nuova, quinta, edizione del Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (Dsm V), il manuale di riferimento per tutti i disturbi riguardanti la sfera della salute mentale.

La definizione 'spettro autistico' sottintende proprio la possibilità che vi siano forme più o meno severe.

2) I possibili sintomi dell'autismo

L'autismo è caratterizzato dall'incapacità di interagire con il mondo esterno. Si manifesta con chiusura nei confronti degli altri, mancato apprendimento del linguaggio (50% dei casi) o, inappropriato utilizzo della comunicazione verbale.

Si associano tendenza a isolarsi, ripetitività di particolari comportamenti (per esempio, dondolare con il corpo), incapacità di capire le espressioni e gli atteggiamenti che caratterizzano la normale vita sociale e affettiva (per esempio, abbracci e sorrisi).

I sintomi non sono uguali per tutti e variano anche a seconda della gravità del disturbo.

3) L'autismo non è in forte aumento ma ci sono più diagnosi

Negli ultimi anni tra la gente comune si è fatta strada l'idea che l'autismo sia in forte aumento.

In realtà non è sicuro che sia proprio così: è possibile, infatti, che il numero di casi registrati, superiore rispetto al passato, sia dovuto a una maggiore conoscenza della malattia da cui derivano più possibilità di diagnosticarla.

Attualmente si stima che il disturbo dello spettro autistico colpisca 4-6 bambini ogni mille nati. La prevalenza è nei maschi, in un rapporto 4 a 1. Dati precisi riferiti al passato non ce ne sono.

4) La prima diagnosi può essere fatta tra i due e i tre anni di vita

E' intorno ai due anni-due anni e mezzo di età che si può porre diagnosi di autismo con sicurezza, anche se alcuni segnali si possono cogliere precocemente (vedi punto successivo). Di certo il disturbo non può comparire all'improvviso dopo i tre anni di età, se prima di quest'epoca non vi è stata alcuna avvisaglia.

La diagnosi spetta al neuropsichatra infantile, a cui in genere i genitori vengono indirizzati dal pediatra di base, che di solito è il primo a rilevare l'esistenza di un problema, anche grazie a quanto racconta la mamma.

LEGGI ANCHE: Giornata mondiale sull'autismo

5) Inutile azzardare diagnosi fai-da-te. Meglio rivolgersi a uno specialista (e poi chiedere un secondo parere)

A sei-otto mesi di vita possono evidenziarsi i primi segni di autismo, anche se per azzardare un'ipotesi oltre che aspettare che il bambino diventi più grandicello, ci vuole estrema cautela e, soprattutto, l'irrinunciabile supporto di uno specialista.

Ecco quali segnali possono suggerire il problema: il bambino non tende le manine verso la mamma per essere preso in braccio; non manifesta reazioni particolari quando la mamma compare; reagisce poco ai suoni; ha un pianto difficile da interpretare; è molto irritabile.

E' però possibile che fino agli 8-16 mesi di vita (circa) il bambino abbia comportamenti quasi normali e che il disturbo cominci a manifestarsi vistosamente dopo questa epoca: in una simile eventualità si parla di “caduta delle competenze”.

6) I possibili segnali di indifferenza verso la mamma e alcuni giochi

Tra i 12 e i 24 mesi si dimostra del tutto indifferente nei confronti della madre: non piange quando lei si allontana, non le sorride quando si avvicina.

Non manifesta interesse nei confronti di giochi come il “nascondino del viso” (“bau – sette), non appare divertito se gli si cantano canzoncine.

Quando guarda un oggetto per afferrarlo non cerca con lo sguardo la collaborazione della mamma per riuscire nell'intento.

Inoltre non cerca di coinvolgerla nei giochi o quando osserva le figure di un libro.

Può non pronunciare alcun monosillabo (“ma”; “ba”; “pa”). Non comprende i divieti (“Non fare questo!”); non ubbidisce a semplici ordini (“Prendi la palla!”); non reagisce alle lodi; non esprime emozioni appropriate alle specifiche circostanze.

7) La chiusura del canale comunicativo

Dai 24 mesi in avanti diventa assolutamente inequivocabile che tutti i sistemi di comunicazione, verbale e non, sono alterati: si parla di “chiusura del canale comunicativo”. In particolare, il bambino non interagisce in alcun modo con le persone che lo circondano (non sorride, non guarda negli occhi, non dimostra gioia, sorpresa, curiosità).

Tende a non comprendere neppure uno tra i più semplici codici di comunicazione; è insofferente verso il contatto fisico; non ha mai alcun moto affettuoso; non è attratto dalla compagnia di altri bambini; può avere crisi di paura ingiustificata; è più a suo agio quando è da solo. Può non aver acquisito alcuna forma di linguaggio oppure può usare in modo ripetitivo solo poche parole o frasi.

8) Le cause dell'autismo non sono ancora del tutto chiare

Per quanto riguarda le cause non sono ancora del tutto chiare, anche se gli ultimi studi sull'argomento hanno permesso di fare un po' di luce.

L'ipotesi che oggi gode di maggiore credito è che il disturbo si sviluppi, anche in assenza di fattori scatenanti, come conseguenza di un'alterazione a livello cerebrale (da qui la definizione di disturbo neurobiologico) influenzata dalla genetica.

Questo spiegherebbe perché l'autismo nei gemelli monozigoti interessa entrambi nel 70% dei casi.

Per quanto riguarda il tipo di alterazione cerebrale, è piuttosto accreditata la teoria che sia rappresentata da un problema relativo ai cosiddetti “neuroni specchio”, cellule specializzate del cervello che governano l'empatia (capacità di comprendere gli stati d'animo dei propri interlocutore) e che, soprattutto nei primi anni di vita, consentono l'apprendimento per imitazione.

9) Smentita la correlazione tra vaccini e autismo

Per la spinosa questione della presunta responsabilità del vaccino MPR (contro morbillo, parotite, rosolia), l'intera Comunità scientifica è concorde nel respingere una simile accusa in quanto nulla è mai stato dimostrato al riguardo. Gli studi effettuati su bambini vaccinati e non vaccinati hanno evidenziato che l'incidenza dell'autismo era la stessa sui due gruppi.

La prestigiosa rivista scientifica The Lancet ha ufficialmente smentito la possibilità che vi sia un collegamento tra autismo e vaccino trivalente, mentre l'altrettanto autorevole British Medical Journal, oltre a decretare l'infondatezza della relazione autismo-vaccinazioni, ha affermato che chi sostiene il contrario sia mosso da pregiudizi ideologici e interessi economici. Per contro il vaccino, in particolare l'anti-morbillo, mette al riparo il bambino dai tutti i rischi connessi allo sviluppo di questa pericolosa malattia.

TI PUO' INTERESSARE: Vaccini e autismo: non c'è correlazione

10) La terapia di riabilitazione favorisce l'autonomia

Almeno fino a ora non è stata scoperta alcuna cura davvero efficace per contrastare l'autismo che è dunque un disturbo che perdura per tutto l'arco della vita.

Posto questo, esistono interventi di riabilitazione che possono consentire al bambino di raggiungere un certo livello di autonomia e le cui probabilità di successo sono maggiori se vengono effettuati precocemente.

I trattamenti di riabilitazione prevedono sempre il coinvolgimento dei genitori e hanno per obiettivo favorire il più possibile l'autonomia del bambino. Quando in famiglia emerge un simile problema è consigliabile prendere contatto con i servizi di neuropsichiatria infantile della ASL del proprio territorio.

Источник: https://www.nostrofiglio.it/bambino/salute/10-cose-da-sapere-sull-autismo-infantile

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: