App educative: servono davvero?

Cosa è possibile davvero disabilitare in Google Meet

App educative: servono davvero?

AGGIORNAMENTO 19 MARZO 2020

Importanti novità sulle limitazioni in Meet. Leggere anche questo articolo
Disattivare microfono ed eliminare utenti

Provo a scrivere questo post per cercare di fare ordine e chiarezza sulle limitazioni che è possibile creare nell’utilizzo di Google Meet.

In questi giorni sono tantissime le richieste di aiuto e chiarimento pervenute su questa questione, così come il proliferare di false notizie su funzioni al momento inesistenti.

Specifico: al momento, in quanto non è escluso che prossimamente l’applicazione possa ricevere degli aggiornamenti.

Questa guida quindi tiene conto della situazione al 15 marzo 2020.

Se non avete ancora ben chiaro come utilizzare Meet provate a dare un’occhiata agli altri due articoli che ho scritto sull’argomento:

Cosa è possibile limitare?

Al momento sono due le operazioni che possiamo effettuare per limitare accesso o funzionalità:

  • impedire di avviare una videochiamata (ma permettere di parteciparvi)
  • impedire del tutto l’utilizzo di Meet

Tutto il resto, come disabilitare un link o impedire a un utente di eliminare un altro (o di silenziarlo), non si può fare come ampiamente spiegato anche dal supporto tecnico di G Suite.
Tuttavia un utente ospite, quindi non appartenente al vostro dominio, non potrà eliminare altri partecipanti.

Impedire ad un utente di avviare una videochiamata

Dalla console di amministrazione seguire questo percorso: Applicazioni -> G Suite -> Google Hangouts – Impostazioni di Meet.

Selezionare a sinistra  l’unità organizzativa (o il gruppo) alla quale si vuole applicare questa impostazione. Sulla destra cliccare sull’ultima riga Videochiamate.

Eliminare la spunta da: Consenti di effettuare videochiamate e chiamate vocali.

Impostando in questo modo l’unità organizzativa, gli utenti contenuti al suo interno non potranno avviare per primi una videochiamata. Potranno però prenderne parte se invitati e potranno rientrare all’interno della stanza virtuale conservando il link di invito.
Quindi questa policy non disabilita i link, cosa al momento impossibile.

Impedire ad un utente di utilizzare Google Meet

Dalla console di amministrazione seguire questo percorso: Applicazioni -> G Suite -> Google Hangouts.

In alto a destra cliccare su MODIFICA SERVIZIO. Selezionare da sinistra l’unità organizzativa alla quale si intende inibire l’utilizzo di Meet e sulla destra cliccare su OFF.

Questa impostazione disabilita l’utilizzo di Meet per tutti gli utenti contenuti in quella unità organizzativa. Se l’utente prova a riutilizzare il link di una videochiamata, o a visitare il sito meet.google.com si troverà davanti ad una schermata di questo tipo:

Considerazioni

Premesso che la chiusura e il controllo mi piacciono poco (e servono a ben poco visto che gli studenti hanno molte risorse per aggirare questi sistemi), segnalo quindi che l’unica possibilità attualmente per evitare che alcuni utenti utilizzino Meet al di fuori della didattica è questa.

Alcune scuole hanno deciso di riproporre in qualche modo l’orario di lezione settimanale per cui l’admin “apre” e “chiude” Meet a partire da un certo orario di apertura delle lezioni fino a quello di chiusura. Ovviamente all’interno degli orari in cui il servizio è utilizzabile sarà possibile rientrare nei link utilizzati in precedenza. 

Ci sono anche degli aspetti negativi però.

Questo sistema impedisce di poter fissare delle lezioni in altri momenti della giornata e soprattutto non consente agli studenti di disporre di un utile strumento di comunicazione presente nella piattaforma. Infine necessita di un lavoro preciso e puntuale di uno o più admin che rispettino queste disposizioni di apertura e chiusura.

Strumento qualità di Meet

Sempre dal percorso: Applicazioni -> G Suite -> Google Hangouts -> Strumento qualità Meet, è possibile accedere a una pagina di rapporti delle videochiamate effettuate all’interno del dominio per poter scaricare statistiche di utilizzo del servizio anche molto avanzate.

Cosa è possibile davvero disabilitare in Google Meet by Luigi Parisi is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareA 4.0 International License.

Источник: http://www.luigiparisi.com/blog/2020/03/15/cosa-e-possibile-davvero-disabilitare-in-google-meet/

Le 8 migliori app educative per bambini del 2021

App educative: servono davvero?

Sappiamo quanto sia complicato, specialmente in alcune giornate, tenere occupati i bambini, soprattutto quando la scuola è finita. La noia, spesso, ti porta ad utilizzare tablet, telefoni o altri dispositivi elettronici per intrattenere i  tuoi figli.

Ma come rendere fruttuoso il tempo trascorso davanti agli schermi? Come capire quali sono le migliori appeducative che vale la pena scaricare (e persino acquistare) per stimolare i tuoi bambini e come decidere quali sono sicure e adatte ai bambini?

Ecco perché abbiamo stilato un elenco per te, con le migliori app educative per bambini del 2021. Che tuo figlio sia alla scuola primaria oppure secondaria, da questo elenco puoi scaricare app divertenti, educative che piaceranno moltissimo ai tuoi figli.

E allora, continua a leggere la nostra guida sulle 8 migliori app educative per bambini e scarica quelle più adatte ai tuoi figli.

La migliore: Khan Academy

Khan Academy è al primo posto per le app educative per bambini: ciò è in parte dovuto al fatto che è gratis ed offre un’ampia gamma di corsi a studenti di tutte le età.

I video di della Khan Academy riescono a coprire la maggior parte delle materie a diversi livelli di difficoltà: matematica, scienza e ingegneria, arte e scienze umane, economia, corsi AP e preparazione ai test.

Khan Academy è davvero molto popolare ed amata da bambini, studenti, genitori ed educatori perché i suoi video sono coinvolgenti e mirati. Quest’app aiuta il tuo bambino ad apprendere attraverso foto, video ed altre immagini e, soprattutto, gli consente di lavorare al proprio ritmo.

I corsi disponibili su Khan Academy includono anche quiz per testare la comprensione degli studenti.

Nella sua versione junior, Khan Academy Kids, si rivolge a giovani studenti dai due ai sette anni.

Perché ci piace? Khan Academy è l’app per dispositivi mobili che copre molteplici argomenti come matematica, ELA, logica e apprendimento socio-emotivo utilizzando libri, giochi, canzoni e video.

Busy Shapes: ideale per bambini più piccoli

Busy Shapes è un’app in linea che utilizza il metodo di apprendimento Montessori, pratico e autodiretto. Ecco perché quest’app è perfetta per i bambini più piccoli che hanno appena iniziato a interagire con la tecnologia poiché si basa su un meccanismo di apprendimento attivo e non meccanico.

Busy Shapes è progettata per sviluppare le capacità logiche e di ragionamento dei bambini piccoli mostrando loro come gli oggetti si relazionano gli uni con gli altri e come possono essere da loro manipolati.

Busy Shapes è semplice da utilizzare: i bambini trascinano un oggetto in un buco – vengono sfidati ad abbinare la forma dell’oggetto con il buco corrispondente – e alla fine, un altro oggetto e un altro buco appariranno in una nuova configurazione.

Quest’app “sfida” constantemente il tuo bambino: i giochi diventano, man mano, più complessi e “difficili”, offrendo nuovi oggetti e fori di diverse forme. Busy Shapes costa circa 2,50 euro.

ABCmouse: perfetta per lo sviluppo del bambino

Più che una semplice app, ABCmouse è essenzialmente un programma completo per bambini in età prescolare. Quest’app è progettata per bambini dai due agli otto anni, ma è perfetta anche per i bambini più piccoli che non hanno ancora iniziato la scuola materna.

ABCmouse include centinaia di giochi interattivi, attività e video relativi a lettura, matematica, scienze e arte. È anche un programma multipiattaforma che può essere utilizzato su un computer o un dispositivo mobile.

Poiché è un programma completo, ABCmouse non è economico: costa circa 8,20 euro al mese. Ma se tuo figlio non frequenta la scuola materna, l’app è un ottimo sostituto per prepararlo alla scuola elementare. Inoltre, potrai monitorare sempre i suoi progressi!

ABCmouse premia i progressi dei bambini con un sistema a premi: accumulando i punti, è possibile utilizzarli per acquistare oggetti virtuali. Questa funzionalità incoraggia i bambini ad utilizzare l’app e mantiene sempre vivo il loro interesse.

Prodigy: la migliore app per i bambini delle scuole elementari

Prodigy è una delle app di matematica più popolari sul mercato, soprattutto perché è impostata come un videogioco. Si tratta di un gioco educativo basato sulla fantasia che tratta argomenti di matematica per bambini dal primo all’ultimo anno delle elementari.

Prodigy è stato progettato per testare le conoscenze dei bambini piuttosto che insegnare loro argomenti di matematica per la prima volta. I bambini guadagnano incantesimi rispondendo correttamente alle domande e affrontano battaglie tra mostri mentre vanno alla scoperta di diversi mondi fantasy.

L’app di base è gratuita, ma un abbonamento a pagamento offre ovviamente più funzionalità. La tariffa premium è di circa 7,40 euro al mese, scontata se acquisti un abbonamento annuale.

Scarica Prodigy su Play Store
Scarica Prodigy su App Store

Google Arts and Culture: la migliore app per bimbi più grandi

Mentre Google Arts and Culture è diventato famoso per la sua funzione selfie, che ti consente di confrontare il tuo viso con grandi opere d’arte, il sito e l’app contengono una grande quantità di informazioni su collezioni di musei, artisti, teatro, personaggi storici ed eventi.

Google Arts and Culture è una risorsa inestimabile per gli adolescenti perché fornisce loro informazioni approfondite sull’arte basate su immagini e video.

Sebbene l’app possa davvero essere apprezzata da persone di molte età diverse, la quantità di informazioni disponibili può essere schiacciante per i bambini più piccoli che potrebbero non sapere come utilizzare i termini di ricerca in modo efficiente.

Quizlet: la migliore app educativa per adolescenti

Quest’app è una risorsa davvero importante per gli studenti delle scuole superiori perché fornisce loro diversi tipi di test, come domande vere e false e scelta multipla e, in base alle prestazioni dell’utente, aumenta la difficoltà nel tempo.

Quizlet è particolarmente utile per lo studio delle lingue straniere e la sua pronuncia audio è migliore di molte altre app!

Utilizzando quest’app, troverai ben 500 milioni set di studio archiviati già creati dagli utenti: i nuovi utenti possono cercare all’interno dei set già caricati per vedere se è già stato creato un set di studio che corrisponde alle loro esigenze.

Ovviamente – come accade con Wikipedia – i set di studio non sono verificati, quindi gli utenti devono essere consapevoli del fatto che potrebbero contenere errori. Tuttavia, Quizlet è una risorsa gratuita, quindi gli utenti dovrebbero essere in grado di soppesare i vantaggi con gli svantaggi.

Hopscotch: ideale per insegnare ai bambini la programmazione

Hopscotch è un’app di che insegna ai bambini le linee guida della programmazione. Progettata per bambini dai 10 ai 16 anni, quest’app Hopscotch è pensato esclusivamente per i dispositivi mobili (solo iPad e iPhone).

Usando Hopscotch, i bambini possono trascinare e rilasciare comandi e istruzioni in uno script per creare i propri programmi. Possono personalizzare i loro programmi scegliendo i personaggi e possono anche salvare e condividere le loro creazioni con la comunità di Hopscotch, commentare e riprodurre le creazioni degli altri.

Hopscotch è davvero un ottimo modo per i bambini di essere creativi e iniziare a imparare come funziona la programmazione per computer, senza preoccuparsi di un linguaggio di codifica tecnico e difficile. Hopscotchè è sicuramente un’ottima app per iniziare a programmare, è un punto di partenza da cui poi passare a programmi più complessi come, ad esempio Scratch.

Quali sono i pro e contro delle app educative per bambini?

Le app educative aiutano i bambini ad acquisire le competenze di cui hanno bisogno per svolgere le attività quotidiane e le future mansioni lavorative. Possono certamente anche solleticare l’interesse dei bambini per argomenti che altrimenti potrebbero trovare noiosi.

Le migliori app edicative per bambini del 2021, possono anche essere usate dagli insegnanti per variare e personalizzare i propri metodi e stili di insegnamento, in modo che gli studenti possano sfruttare i propri punti di forza e apprendere al proprio ritmo.

Ovviamente, è necessario porre sempre dei limiti anche all’utilizzo delle app che svolgono una funzione educativa. Troppo tempo trascorso dai bambini (o dagli adolescenti) davanti allo schermo potrebbe danneggiare la capacità di tuo figlio di relazionarsi con gli altri compromettendo così, inevitabillmente, le sue abilità sociali.

Ecco perché è fondamentale concordare con tuo figlio il tempo che trascorrerà “in compagnia” del tablet o dello smartphone e mantenere sempre la parola data.

Alcuni suggerimenti relativi alla durata del tempo trascorso davanti agli schermi

I bambini di età inferiore a 18 mesi non dovrebbero assolutamente utilizzare tablet e smartphone. I bimbi di di età superiore a 2 anni dovrebbero trascorrere fino a un’ora di tempo davanti agli schermi e i  genitori dovrebbero essere sempre presenti mentre i bambini più piccoli utilizzano tablet o smartphone.

Quanto costano le migliori app educative per bambini?

Alcune app educative di cui ti abbiamo parlato nei paragrafi precedenti, possono essere scaricate gratuitamente, ma queste versioni di solito offrono funzionalità limitate.

Per accedere a tutte le funzionalità dell’app, dovrai probabilmente pagare una tariffa fissa. Per acquistare un’app educativa per bambini, il costo del download una tantum di solito varia da circa 1 euro a 4 euro.

Altre app sono disponibili dietro pagamento di un canone di abbonamento mensile o annuale, che può variare da circa 4 euro a 16 euro al mese. Queste tipologie di app, di solito, includono funzionalità come un ampio programma di studi, strumenti diagnostici, rapporti sui progressi e consigli personalizzati.

Come posso monitorare le app sull’iPad di mio figlio?

Le app di controllo parentale possono essere utilizzate per vedere cosa stanno facendo i tuoi figli sui loro smartphone e tablet. Queste app ti permettono di monitorare come tuo figlio utilizza i dispositivi elettronici nonché di impostare limiti sul tempo di visualizzazione.

Le app di controllo parentale ti aiutano anche ad impedire ai bambini di utilizzare determinate app. Sebbene esistano alcune app di controllo parentale gratuite, la maggior parte di esse richiede l’acquisto di un abbonamento mensile o annuale per circa 4 euro a 16 euro al mese.

Conclusioni

Le migliori app educative per bambini del 2021 che abbiamo selezionato per te, sono davvero in grado di coinvolgere i bambini, stimolando e mantenendo sempre viva la loro attenzione.

In definitiva, esse rappresentano davvero un ottimo investimento per aiutare costantemente tuo figlio a conquistare nuove conoscenze.

Источник: https://www.genitorigeek.it/le-8-migliori-app-educative-per-bambini-del-2021/

App per studiare matematica: ecco le migliori da scaricare

App educative: servono davvero?

Tu non sei un nerd qualsiasi, non ti accontenti di poco.

Per questo sei alla ricerca di app per studiare matematica che sappiano stimolarti davvero, superando la banalità che trovi nel mondo, in cui i numeri sono relegate a cose fredde e poco significative. Per te i numeri sono tutto.

Ti stai preparando al prossimo esame di ingegneria, hai bisogno di calcolatrici super sayan e noi le abbiamo provate per te, scaricandole sui nostri smartphone. Ecco la selezione che abbiamo fatto.

App per la matematica: a cosa servono?

Installare applicazione per imparare e studiare la matematica dà molte soddisfazioni a molti livelli e in tante occasioni diverse.

Ci sono app pensate per insegnare la matematica ai bambini e altre realizzate da team di seri professionisti per consentire calcoli incredibili e formule complesse. Altre servono proprio a ricevere lezioni di matematica direttamente sul dispositivo.

Scaricare uno di questi programmi sullo smartphone ti permette di risolvere espressioni difficili e di divertirti un bel po’ a testare le tue competenze e capacità in materia.

Per questo articolo abbiamo selezionato applicazioni per studiare la matematica in modo semplice, intuitivo e divertente. Ti parleremo di:

  • iMatematica
  • Matita
  • MyScript calculator
  • OneMath
  • Giochi di matematica

Sì, abbiamo anche inserito applicazioni di giochi matematici, perché va bene studiare ma bisogna anche lasciarsi andare al meritato riposo, ogni tanto.

iMatematica

Le app di matematica per imparare non possono competere con iMatematica, che ci sentiamo di dire che è la migliore da scaricare. Tanto che viene spesso utilizzata anche nelle scuole.

Il suo compito è quello di assistere gli studenti durante il percorso di apprendimento della matematica, tramite la possibilità di ripasso, di fare esercizi e di fare ricerca su argomenti sempre a disposizione sul cellulare o sul tablet.

È scaricabile da qualsiasi dispositivo in modo gratuito e funziona sia su iOS che su Android.

Come funziona?

  • Avvia l’app e premi Inizia
  • Imposta gli obiettivi della settimana
  • Clicca su Attiva Promemoria per ricevere le notifiche
  • Clicca su Continua ed effettua la registrazione
  • Premi sull’icona Lezioni

Come in tutte le applicazioni iMatematica prevede una registrazione, dopo questa procedura che ti abbiamo indicato sarà molto semplice progredire nello studio della matematica.

Nel momento in cui hai selezionato gli obiettivi della settimana hai scelto se ricevere tre, cinque o quotidiane lezioni di matematica, ora che sono disponibili non hai più scuse per le tue lacune.

Ogni volta che accedi sull’applicazione puoi scegliere le lezioni per diversi argomenti:

  • Aritmetica
  • Algebra
  • Geometria
  • Analisi
  • Probabilità

Le video lezioni, proprio come quelle della nostra università telematica, sono di ottimo livello e riescono a fornire quel valore aggiunto per spingere il tuo apprendimento oltre il livello in cui ti trovi. Questo accade anche grazie agli esercizi che ti vengono proposti per testare il tuo avanzamento.

Inoltre l’aggiunta di una calcolatrice con diverse funzionalità, utili a tutti coloro che vogliono fare calcoli complessi, rende iMatematica ancora più completa.

Vuoi sapere a che punto sei della tua formazione? Vai alla sezione Statistiche e verifica tu stesso, prendendo visione della percentuale di apprendimento nelle singole materie e argomenti.

Matita – Matematica in tasca

Questo è probabilmente quello che stai cercando se sei veramente il nerd che dici di essere.

Se i numeri sono il tuo pane quotidiano devi scaricare Matita, la migliore app per studenti universitari che hanno bisogno di uno strumento di supporto nella realizzazione di operazione ed espressioni complesse.

La cosa comoda è che oltre ad essere gratuita non necessita di registrazione, diversamente da molte altre. Ma c’è un ma. Non richiede la registrazione perché se vuoi utilizzare le sue funzioni le devi acquistare. Ecco qualche esempio delle lezioni disponibili in questa app:

  • Precorso
  • Grafici
  • Studi di funzione
  • Matrici
  • Sistemi lineari
  • Funzioni lineari
  • Teorema spettrale

Come puoi vedere è utilissima per ripassare algebra e geometria e tutto quello che compete a queste discipline, dal calcolo combinatorio fino al calcolo integrale, gli studi di funzioni e tanto altro.

Ogni argomento è trattato in modo esaustivo, tramite video e numerosi esercizi.

Prepararsi a un esame universitario di matematica tramite questa applicazione è davvero una grande opportunità che la tecnologia di mette a disposizione.

MyScript Calculator

Hai bisogno di un’applicazione per risolvere espressioni? Eccola! Come funziona? Anziché scrivere l’espressione sulla tastiera potrai addirittura scriverla a mano sullo schermo e l’app provvederà a tradurla per te e a risolverla, ovviamente. È gratis, quindi non devi fare un grosso investimento per provarla.

La schermata all’avvio ti mostra un foglio a quadretti, proprio come quello dei quaderni di matematica.

Lì puoi scrivere l’espressione con il dito sul touch screen, vedrai comparire il risultato dell’espressione in testo digitale.

Puoi cancellare quanto hai scritto in qualsiasi momento e usare le frecce per eventualmente annullare o ripetere le ultime modifiche effettuate.

Ha diverse funzioni da esplorare, ti divertirà conoscerle e utilizzarle. Ti segnaliamo quella che serve per memorizzare il risultato ottenuto per riutilizzarlo in altre operazioni.

Che ne pensi? Può essere interessante studiare il prossimo esame di matematica insieme all’aiuto di questo programma? Noi che l’abbiamo sperimentata e provata diverse volte siamo convinti che sì, ti terrà compagnia e ti aiuterà a risolvere le espressioni in modo dinamico e veloce.

One Math

In questo caso un’app per studiare matematica solo per coloro che possiedono un cellulare con sistema operativo Android.

Chi possiede l’iPhone deve pazientare, forse un giorno sarà possibile anche per voi provare OneMath. Quest’applicazione si può utilizzare anche quando la connessione internet è spenta.

In qualsiasi momento potrai risolvere calcoli complessi.

Come funziona?

  • Accedi alla schermata principale
  • Premi il pulsante del menu
  • Scegli le funzioni

Queste funzioni sono diverse e rispondono a diverse esigenze, ad esempio Equazioni e Sistemi, serve per risolvere espressioni numeriche, Calcolatrice mette a disposizione una calcolatrice scientifica e una boleana e infine conversioni ti permette di lavorare con le basi numeriche e portare a termine diversi generi di conversioni. Esiste anche una funzione premium, in cui si aggiungono molte altre possibilità di studio e apprendimento dei segreti della matematica, come la sezione per lavorare con le matrici. Puoi scegliere tu quanto pagare l’upgrade, con una donazione libera.

App per giocare con la matematica

Ti abbiamo suggerito molte app diverse, anche se tutte accomunate da un unico grande tema di fondo: la matematica. Ma chi ha detto che bisogna solo studiare, con i numeri ci si può anche divertire. I numeri hanno un fascino nascosto, che forse non tutti sanno cogliere.

Ma chi ne apprezza le infinite combinazioni e potenzialità riconosce in essi uno stimolo enorme per attivare il cervello e costruire nuovi mondi. Ma senza dilungarci in sviolinate per questa disciplina che amiamo.

In questo ultimo capitolo vogliamo segnalare le app di giochi di matematica, ce ne sono diverse, ma ne abbiamo scelto due:

  • Re della matematica
  • Trucchi matematici

Probabilmente ti è già capitato di sentirle nominare.

La prima ti aiuta ad allargare ancora di più tutte le cose che sai di matematica mettendoti alla prova con problemi di matematica che avanzano fino a diventare sempre più difficili e sfidanti. Ha un costo, ahimè.

Ma si tratta di pochi spiccioli e visto che per te i numeri contano non fare tante storie per 2,99 euro. Strano però, per iPhone è in parte gratuita (tranne la versione PRO).

Trucchi matematici invece ti mostra come si risolvono le operazioni matematiche tramite escamotage rapidi e dinamici, capaci di attivare la risoluzione del problema in modo intuitivo. Ci sono sezioni di gioco e allenamento e puoi anche sfidare altri utenti per capire chi è che davvero se la cava meglio con i numeri.

Источник: https://foggia.unicusano.it/universita/app-per-studiare-matematica/

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: