Aiuti alle famiglie con reddito basso

Bonus famiglie a basso reddito Isee 2021: aiuti e novità, quali sono

Aiuti alle famiglie con reddito basso

Agevolazioni isee 2021 bonus famiglie a basso reddito ISEE.

 Quali sono gli aiuti per le famiglie a basso reddito, a chi spettano e come si possono richiedere sono le domande che sempre più famiglie si pongono, visto i continui cambiamenti che avvengono nel nostro paese, vedi per esempio il Fondo nuovi nati trasformato nel nuovo bonus bebè con nuove modalità di erogazione e nuovi incentivi.

A volte quindi, è molto difficile sapersi orientare e soprattutto venire a conoscenza di alcuni diritti e prestazioni che lo Stato garantisce a sostegno del reddito delle famiglie più disagiate o comunque con più esigenze.

Per questo motivo, abbiamo voluto fare un articolo che riassumesse i più importanti interventi a favore dei contribuenti ed in primis gli aiuti alla famiglia nel 2021 in modo da avere una guida ai bonus famiglie e figli 2021 semplice che descriva brevemente, non solo quali sono questi aiuti nel 2021 ma anche come fare per accedervi e come presentare la relativa domanda.

Vediamo quindi le novità bonus famiglie 2021, i cancellati e quali riconfermati

Bonus famiglie e figli 2021: quali sono?

Bonus famiglie e bonus figli in Legge di Bilancio 2021: il governo Conte ha provveduto ad approvare all'interno della nuova Legge di Bilancio 2020, l'assegno universale di natalità per i nuovi nati da gennaio 2021 poi arriverà il nuovo assegno universale per ciascun figlio a carico dalla nascita e fino a 21 anni.

Pertanto i bonus famiglia 2021 confermati dalla legge di Bilancio 2021 sono i seguenti:

  • bonus asilo nido fino a 3.000 euro per chi ha redditi fino a 25mila euro, al di sopra sarà di 1.500 euro;
  • il bonus bebè 2021 è pari a 80 euro, 120 euro e 160 euro a seconda del reddito ISEE;
  • il congedo paternità 2021 che diventa di 10 giorni;
  • il bonus mamma domani, premio di 800 euro per le mamme in gravidanza confluirà da luglio 2021 nell'Assegno Unico.
  • nella legge di bilancio 2021 viene finanziata a partire da luglio 2021 una grande riforma per le famiglie, che prevede l’introduzione dell’assegno unico esteso anche agli autonomi e agli incapienti.

Agevolazioni isee 2021, per chi ha un basso reddito:

Agevolazioni isee 2021, Bonus famiglie per chi ha un basso reddito:

Le agevolazioni ISEE famiglie a basso reddito sono:

  • Reddito di Cittadinanza per famiglie a basso reddito: il cd. reddito di inclusione che prevede un bonus in base al numero dei componenti del nucleo familiare è stato sostituito dal nuovo reddito di cittadinanza per chi è in età lavorativa e la pensione di cittadinanza per i pensionati over 67 a basso reddito ISEE.
  • Assegno di maternità 2021 dello Stato: La domanda va presentata per via telematica all'INPS entro 6 mesi dalla nascita del bambino o in caso di adozione o affidamento, dalla data di ingresso del minore in famiglia. Per maggiori informazioni leggi, assegno di maternità Stato-INPS e Comune.
  • Assegno di maternità 2021 dei Comuni va presentata al Comune di residenza entro 6 mesi dalla nascita del bimbo e dalla sua entrata in famiglia se adottato o preso in affido. il beneficio è riconosciuto anche alle mamme extracomunitarie che, entro 6 mesi dalla nascita del bambino, presentano la documentazione per la richiesta + permesso soggiorno.
  • Assegni familiari 2021: che spettano a lavoratori dipendenti e pensionati con un reddito ISEE che rientra in specifiche soglie e fasce reddituali agevolabili per legge.
  • Riduzione retta asili nido e altri servizi educativi per l’infanzia e mense scolastiche;
  • Borse di studio e riduzioni delle tasse universitarie e del diritto allo studio.
  • Servizi socio-sanitari presso l'abitazione e domicilio.
  • Sconti telefono, luce, gas con il bonus luce e gas 2021, bonus acqua ed il bonus telefono 2021.
  • Bonus affitto 2021 per le famiglie in difficoltà economica. L'erogazione sarà previa domanda e graduatoria.

Agevolazioni ISEE 2021 famiglia e figli:

Quali sono i Bonus famiglia a basso reddito 2021?

I bonus famiglia e figli 2021 sono ogni anno confermati o modificati dallo Stato al fine di riconoscere alle famiglie una serie di agevolazioni, incentivi e bonus riservati al sostegno del reddito familiare.

Molti di questi aiuti, infatti, vengono riconfermati e aggiornanti in base alle risorse destinate ai Fondi per la famiglia dalla manovra finanziaria in questo caso la Legge di Bilancio, altri vengono modificati o cambiano semplicemente nome.

In questo periodo difficile di ristrettezza economica, tanta disoccupazione e il caro spesa, sapere quali interventi cui si ha diritto è molto importante, di certo non cambiano la vita ma sicuramente aiutano a sostenere il reddito familiare.

In questo articolo, quindi procederemo a descrivere gli aiuti 2021 alle famiglie sotto forma di bonus o di esenzione come quella prevista per l'esenzione ticket riservata però solo ad alcune specifiche categorie di cittadini che rientrano in determinate fasce di reddito ISEE e individuate da specifico codice esenzione, la richiesta va presentata attraverso il proprio medico curante.

Agevolazioni isee 2021: quali bonus sono?

Bonus famiglie e bonus figli 2021 a basso reddito: Per il 2021 il governo sta procedendo a confermare, aggiornare o modificare alcuni tipi di bonus che vengono riconosciuti ai contribuenti per sostenere il reddito familiare. Vediamo in dettaglio quali sono e come fare domanda:

  • Bonus bebè 2021 INPS: è un tipo di aiuto che il Governo ha voluto confermare anche per il 2021 alle neo mamme. Tale agevolazione, consiste in un assegno di 960,00 euro all'anno per ciascun figlio nato o adottato per la durata massima di 1 anno. Da quest'anno l'assegno natalità o bonus bebè è una sorta di Assegno Universale di Natalità che spetta a tutte le famiglie con nuovi nati, adottati o in affido a prescindere dal reddito ISEE. Per chi ha un reddito basso, l'importo dell'assegno mensile sarà di 160 euro, 120 euro per quelli medi fino a 40.000 euro e 80 euro per quelli più alti.
  • Detrazioni figli a carico: il limite di reddito per essere considerati figli a carico da quest'anno è pari a 4.000 euro fino a 24 anni e 2.840 euro per quelli con 25 anni di età. Da luglio 2021 con l'entrata in vigore dell'assegno unico, le detrazioni saranno sostituite con il nuovo bonus.
  • Per le famiglie con più di 3 figli c'è la possibilità di richiedere l'assegno terzo figlio, o meglio Assegno Nucleo Familiare concesso dal Comune ai nuclei familiari con 3 figli minorenni. Tale bonus, va richiesto tramite CAF o direttamente sul sito dell'INPS, ed è erogato direttamente dall'Istituto ma solo se la domanda è presentata entro il 31 gennaio dell'anno successivo per il quale viene richiesta l'agevolazione. Da luglio 2021 con l'entrata in vigore dell'assegno unico, l'assegno sarà sostituito con il nuovo bonus.
  • Bonus mamma domani 2021: il bonus da 800 euro per le future mamme incinte che entrano nel settimo mese di gravidanza, dovrebbe confluire nell'assegno unico universale. Da luglio 2021 con l'entrata in vigore dell'assegno unico, sarà sostituito con il nuovo bonus.
  • Bonus libri: è un'agevolazione per l'acquisto del materiale scolastico e di libri. Tale beneficio, è erogato e fissato su base regionale, per cui ogni Regione delibera ogni anno quali sono le condizioni e i requisiti di accesso da parte delle famiglie e soprattutto il limite di reddito ISEE.
  • Bonus asilo nido 2021 Inps: confermato il voucher asilo nido che spetta ai genitori quale contributo per la retta dell'asilo, sarà di 3.000 euro per le famiglie con redditi fino a 25.000 euro.
  • Nuovo congedo parentale: il CdM dell'11 luglio 2015 ha provveduto ad approvare i decreti definitivi del Jobs Act in merito alla conciliazione lavoro famiglia, estendendo il congedo parentale non retribuito dagli attuali 8 anni del figlio a 12 anni, e quello parzialmente retribuito al 30% da 0 a 3 anni fino ai 6 anni del figlio e a 8 anni per le famiglie a basso reddito
  • Congedo papà 2021 da 10 giorni.
  • Bonus figli da luglio 2021: Tra le tante novità annunciate dal governo giallorosso e poi rinviate, segnaliamo anche il bonus famiglie con almeno un figlio a carico che prevede un assegno universale al posto di tutte le 7-8 agevolazioni riservate alla famiglia, ossia, di un assegno figli a carico, che preveda il riconoscimento di un bonus fino a 240 euro.
  • Bonus nonni: il precedente governo non ha introdotto la nuova detrazione fiscale riservata ai nonni che pagano le spese sportive, universitarie, mediche o scolastiche, ecco a chi spetta il bonus nonni.

Bonus famiglie 2021: aiuti, sconti e riduzioni bolletta:

Sconti sulle bollette di casa 2021: sono agevolazioni fiscali previste per le famiglie a basso reddito che prevedono una riduzione o sconto in bolletta. I bonus confermati anche per il prossimo anno sono: bonus luce e gas.

Entrambi i bonus famiglie, vanno richiesti tramite CAF, il quale effettua invia per via telematica la domanda al distributore che dopo aver verificato il possesso dei requisiti di accesso, conferma tramite specifica comunicazione il riconoscimento del bonus e lo sconto in bolletta per 1 anno.

Il limite di reddito ISEE per accedere al contributo è pari a 8.103,5 euro e non superiore a 20.000 euro per le famiglie numerose con più di 3 figli a carico.

  • Riduzione e esenzione Canone Telefonico: Per le famiglie a basso reddito è inoltre possibile richiedere sconti sul canone telefonico Telecom o addirittura l'esenzione: Abbonamento mensile ridotto al 50% per chi ha un reddito familiare non superiore a 6.713,94 € e con una persona a l'interno del nucleo famigliare titolare di pensione di invalidità civile o assegno sociale, oppure, con più di 75 anni. Agevolazione per titolari social card riduzione del costo di abbonamento mensile della linea telefonica. Vedi anche il bonus telefono Tim.
  • Riduzione Canone RAI: dopo l'entrata in vigore del provvedimento che ha portato il canone RAI ad essere addebitato direttamente sulla bolletta della luce, in Premier Gentiloni ha firmato in data 19 febbraio 2018, il nuovo decreto Mef-Mise canone Rai che modifica il limite di reddito per chi ha più di 75 anni per poter essere esentati dal pagamento. Il nuovo limite di reddito esenzione canone RAI over 75.
  • Carta acquisti 2021 per cittadini sopra i 65 anni e bimbi sotto i 3 anni.
  • Spese detraibili affitto: è un'agevolazione che consente di detrarre dalla dichiarazione dei redditi con modello 730 o Unico per le spese di locazione dell'abitazione principale. Tale detrazione spese affitto famiglie a reddito basso consiste nel poter scaricare dalle tasse 300 euro per chi ha un reddito complessivo fino a 15.493,71 euro e 150 euro per chi è tra i 15.493,71 euro e 30.987,41 euro.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Источник: https://www.theitaliantimes.it/2021/01/24/famiglie-basso-reddito-bonus-contributi-sostegno/

ISEE basso: agevolazioni e bonus da richiedere nel 2021

Aiuti alle famiglie con reddito basso

ISEE basso: quali i bonus e le agevolazioni che è possibile richiedere nel 2021? Passiamo di seguito in rassegna gli aiuti previsti.

Chi ha l’ISEE basso ha diritto a richiedere una serie di agevolazioni. Dal bonus sulle bollette di telefono, luce e gas, fino a quelli per le famiglie con figli e per la scuola, vediamo di seguito a cosa si ha diritto.

Le agevolazioni in base al reddito non solo rivolte soltanto a chi presenta un modello ISEE pari a zero ma anche a chi non supera determinati limiti, fissati in relazione alla specifica agevolazione.

Se il reddito di cittadinanza è una delle misure più note tra quelle per le quali serve presentare il modello ISEE, non è certo l’unica.

All’elenco già folto di bonus riconosciuti alle famiglie in difficoltà, si aggiungono le novità previste dalla Legge di Bilancio 2021, basti pensare al bonus PC, tablet e smartphone riconosciuto ai nuclei familiari con ISEE fino a 20.000 euro.

L’elenco delle agevolazioni che spettano a chi presenta un modello ISEE di valore basso, anche se non pari a zero, è abbastanza lungo e comprende misure che spesso sono attivate su base comunale o regionale.

Nonostante risulti complesso racchiudere in un unico contributo tutti gli incentivi previsti dal sistema di welfare italiano per le famiglie con redditi bassi, nelle righe che seguono forniremo i dettagli su quelli più importanti che molto spesso sono sconosciute ai più.

ISEE basso, agevolazioni e bonus 2021

leggi anche

Modello ISEE 2021: documenti necessari e guida al calcolo

Partendo dalle agevolazioni sulle bollette, sono tre le misure da analizzare e per le quali sono previsti diversi limiti di reddito ISEE.

Probabilmente non tutti sanno che le famiglie in condizione di disagio economico hanno diritto ad accedere a condizioni agevolate al servizio telefonico. L’agevolazione consiste in uno sconto del 50% sul canone di accesso alla rete telefonica, che passa da 19 euro ad un massimo di 9,50 euro.

Il bonus sulla bolletta del telefono è riconosciuto da tutti coloro che hanno un reddito annuale, certificato dal modello ISEE 2021, che dovrà essere inferiore agli 8.112,23 euro.

Tra le agevolazioni rivolte a chi presenta un valore del modello ISEE basso vi sono poi il bonus gas e il bonus luce. Il limite di reddito varia in base alla composizione del nucleo familiare:

  • in genere il valore del modello ISEE non dovrà superare gli 8.107,5 euro;
  • per i nuclei familiari con più di 3 figli a carico il valore dell’indicatore ISEE non dovrà essere superiore a 20.000 euro.

L’importo dello sconto, applicato direttamente in bolletta, è calcolato secondo diversi parametri: per il bonus sulla bolletta della luce si calcola soltanto la numerosità del nucleo familiare (da un minimo di 125 euro, fino a 173 euro per le famiglie numerose).

Per quanto riguarda invece il bonus gas, il calcolo è più complesso perché è effettuato, oltre in base all’uso che se ne fa (cucina, acqua calda, riscaldamento), anche in base alla zona climatica di appartenenza.

Conto corrente gratis anche nel 2021 con ISEE fino a 11.600 euro

Anche chi ha un ISEE non eccessivamente basso ha diritto ad alcune agevolazioni: tra questa vi è la possibilità di accedere al conto corrente base gratuito.

Potranno richiedere di aprire un conto corrente a zero spese i pensionati, con trattamenti pensionistici non superiori a 18.000 euro all’anno, nonché tutti i contribuenti che presentano un modello ISEE di valore non superiore a 11.600 euro.

L’iniziativa serve appunto a garantire la possibilità di avere un conto corrente senza spese.

C’è da sottolineare, tuttavia, che il conto base a costo ridotto, così come il conto gratuito, prevede servizi limitati e i titolari potranno effettuare soltanto un determinato numero di operazioni.

Reddito di cittadinanza con ISEE fino a 9.360 euro

Non superare il valore ISEE di 9.360 euro è uno dei requisiti per richiedere il reddito di cittadinanza.

Il reddito di cittadinanza è la misura di “politica attiva del lavoro e di contrasto alla povertà, alla disuguaglianza e all’inclusione sociale” introdotta dal primo Governo Conte al fine di dare sostegno economico alle famiglie con redditi inferiori ad una certa soglia. L’importo massimo di reddito di cittadinanza che può essere riconosciuto è di 780 euro.

Il limite ISEE è solo uno dei parametri da considerare per capire se si ha o meno diritto al reddito di cittadinanza. Per beneficiarne è inoltre necessario:

  • essere in possesso della cittadinanza italiana, oppure cittadini di uno Stato membro UE. È riconosciuto anche agli stranieri in possesso di regolare permesso di soggiorno;
  • aver risieduto in Italia per almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 anni in maniera continuativa;
  • avere un patrimonio immobiliare (nel quale non è compresa la casa d’abitazione) inferiore a 30.000 euro. Sono considerati anche i patrimoni detenuti all’estero;
  • avere un patrimonio mobiliare inferiore a 6.000 euro. Questo limite è innalzato di 2.000 euro per ogni componente familiare successivo al primo (fino ad un massimo di 10.000euro). Vi è poi un incremento di 1.000 euro per ogni figlio successivo al secondo, e di 5.000 euro in caso di presenza di una persona con disabilità nel nucleo familiare;

leggi anche

Reddito di cittadinanza (RdC): la guida completa

Bonus famiglia, bebè e agevolazioni nido con ISEE basso e non

Un capitolo a parte nell’elenco delle agevolazioni per chi ha un ISEE basso è quello dedicato ai neo genitori. Con la locuzione bonus famiglia 2021 si intende l’insieme delle misure introdotte per incentivare le nuove nascite e supportare le famiglie.

Partiamo dal bonus bebè: di importo fino a 1.920 euro per le famiglie con redditi bassi, partendo da un minimo garantito di 960 euro per tutti.

Il valore ISEE non è più un requisito per potervi accedere, ma un parametro per calcolare l’importo spettante. Il bonus bebè 2021 è infatti strutturato nei seguenti tre scaglioni di importo:

  • 160 euro al mese (1.920 euro all’anno), per le famiglie con modello ISEE fino a 7.000 euro
  • 120 euro al mese (1.440 euro all’anno) per le famiglie con modello ISEE non superiore a 40.000 euro;
  • 80 euro al mese (960 euro all’anno) per le famiglie con modello ISEE superiore a 40.000 euro.

In caso di figlio successivo al primo, nato o adottato tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2021, l’importo dell’assegno di natalità sarà aumentato di un ulteriore 20 per cento.

Ulteriore agevolazione prevista è l’assegno di maternità: si tratta di un contributo gestito dai Comuni e che spetta a tutte le neo-mamme disoccupate con reddito ISEE non superiore a 17.141,45 euro. L’importo riconosciuto è pari ad un totale è di 1.713 euro, pari a 5 mensilità di 342,62 euro.

Oltre alle agevolazioni sopra riportate, vi sono altre misure di sostegno alle famiglie che possono essere richieste senza limiti di reddito e quindi senza la necessità di presentare il modello ISEE: stiamo parlando del bonus mamme domani di 800 euro e del bonus nido.

A queste si aggiungono misure come gli assegni al nucleo familiare, calcolati in base al reddito ed erogati direttamente in busta paga.

Contributo per pagare l’affitto

Chi non riesce a pagare l’affitto per problemi di natura economica può richiedere l’accesso al Fondo per la Morosità Incolpevole.

L’agevolazione, in questo caso, si rivolge agli inquilini che hanno perso il lavoro o affetti da gravi malattie. Il valore del modello ISEE non dovrà superare i 26.000 euro.

Il Fondo è gestito direttamente dalle Regioni e pertanto per fare domanda bisognerà far riferimento ai singoli bandi regionali.

Ulteriore agevolazione per pagare l’affitto in caso di ISEE basso è rappresentata dal contributo comunale di integrazione al canone di locazione.

Anche in questo caso le regole specifiche sono stabilite con bando da ciascun Comune e nella maggior parte dei casi è necessario possedere un ISEE di valore non superiore a 28.000 euro.

L’importo del contributo verrà erogato considerando la differenza tra i propri redditi e l’importo dell’affitto, nonché le ulteriori condizioni relative al proprio nucleo familiare.

Per maggiori dettagli si consiglia di rivolgersi presso l’URP del proprio Comune o di consultare il portale online.

Bonus libri, scuola e tasse in base al reddito: alcuni esempi

Il sistema di welfare italiano dedica particolare attenzione al mondo dell’istruzione. Anche chi non ha redditi alti deve aver diritto allo studio e a raggiungere i gradi più alti dell’istruzione.

Per questo, per le famiglie con redditi bassi, sono previste specifiche agevolazioni calcolate in base all’ISEE.

C’è ad esempio l’esenzione dal pagamento delle tasse scolastiche, accanto al buono per i libri scolastici disciplinato ogni anno da Comuni e Regioni.

Il diritto alle agevolazioni si estende anche agli anni universitari: oltre a poter concorrere per l’assegnazione delle borse di studio è previsto l’esonero totale dal versamento delle tasse per le famiglie con ISEE inferiore a 20.000 euro, mentre per chi ha un indicatore reddituale compreso tra 20.000 e 30.000 euro ci sono importanti sconti e riduzioni.

Agevolazioni sanità con ISEE basso: dal dentista all’esenzione ticket

Così come per l’istruzione, anche il sistema sanitario prevede specifiche agevolazioni a chi ha redditi bassi.

Tra le meno conosciute vi è sicuramente il dentista sociale, la misura che consente anche a chi ha un ISEE basso ed una situazione economia precaria di accedere alle cure dentistiche, pagando in misura inferiore rispetto agli ordinari tariffari.

Il limite di ISEE previsto è pari ad 8.000 euro ma, oltre a questo requisito generico, vi sono ulteriori casi in cui si ha diritto a pagare le cure dentistiche a prezzo agevolato:

  • soggetti attualmente esenti dai ticket sanitari per motivi anagrafici, per patologie croniche e invalidanti e inabili al lavoro con indice ISEE non superiore a 10.000 euro;
  • titolari della social card;
  • donne in gravidanza, senza limiti di reddito, ma esclusivamente per la visita odontoiatrica, ablazione del tartaro e l’insegnamento dell’igiene orale.

Sempre nell’ambito della tutela del diritto alla salute, si ricorda che è prevista l’esenzione dal ticket sanitario per specifiche categorie di contribuenti ed entro specifici limiti di reddito (senza necessità di presentare il modello ISEE.

L’esenzione dal ticket per chi ha redditi bassi spetta nei seguenti casi:

  • CODICE E01: Cittadini di età inferiore a sei anni e superiore a sessantacinque anni, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito annuo complessivo non superiore a 36.151,98 euro.
  • CODICE E02: Disoccupati e loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito annuo complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico.
  • CODICE E03: Titolari di pensioni sociali e loro familiari a carico.
  • CODICE E04: Titolari di pensioni al minimo di età superiore a sessant’anni e loro familiari a carico, appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito annuo complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico.

Come e dove fare il modello ISEE

Dopo aver fornito la lista delle principali agevolazioni, ricordiamo che per richiedere il modello ISEE è possibile rivolgersi presso un CAF e richiedere la compilazione della DSU a titolo gratuito.

Per fare il modello ISEE – richiedibile anche online- è necessario essere in possesso di alcuni specifici documenti: dai redditi, alla composizione del nucleo familiare fino alla giacenza media dei propri conti in banca.

L’ISEE può essere richiesto in tutti periodi dell’anno e il modello ha validità fino al 31 dicembre dell’anno successivo ha quello in cui è stato richiesto.

Источник: https://www.money.it/ISEE-basso-elenco-agevolazioni-bonus-sconti

Bonus famiglie basso reddito Isee 20mila euro: gli incentivi

Aiuti alle famiglie con reddito basso

Bonus per famiglie a basso reddito con un Isee inferiore a 20mila euro. Vediamo quali solo le agevolazioni per chi non ha grosse fonti di guadagno e come fare a richiedere i i sussidi confermati dalla Legge di bilancio, senza dimenticare quelli che già esistevano e sono stati prolungati.

Di certo, fra gli incentivi per le famiglie a basso reddito, ci sono i bonus occhiali e lenti a contatto, il kit di digitalizzazione e il bonus da 500 euro per mamme single che accudiscono figli affetti da disabilità.

Fra le misure di contrasto alla povertà spiccano poi il reddito di cittadinanza e il reddito di emergenza che va verso la proroga.

(Nel gruppo Telegram contenuti speciali su offerte di lavoro e bonus) (Nel gruppo whatsapp offerte di lavoro, bonus e concorsi aggiornati)

Indice:

Bonus famiglie basso reddito: calcolo Isee

L’Isee, indicatore della situazione economica equivalente, è uno strumento che permette di dimostrare se le famiglie, rispetto al reddito, hanno diritto a bonus, agevolazioni e sussidi.

Una fotografia di come “se la passa” un nucleo familiare, tenendo conto delle fonti di reddito (per esempio un lavoro), del patrimonio mobiliare e immobiliare e della composizione del nucleo familiare.

(Leggi i bonus in arrivo nel 2021)

Ecco spiegato come si calcola velocemente l’Isee, come utilizzare il modello pre-compilato messo di disposizione dall’Inps e come si presenta una Dsu (Dichiarazione sostitutiva unica) aggiornata, per continuare a ricevere i sussidi che vi spettano. (Entra nei gruppi : tutti i bonus – offerte di lavoro – pensioni)

I bonus per famiglie basso reddito: Isee fino a 20mila euro

Ecco di seguito una carrellata di bonus per famiglie con Isee inferiori a 20mila euro. Clicca su “Scopri”, accanto a ogni bonus, per scoprire come averlo.

Bonus occhiali e lenti a contatto – (Isee 10mila euro) – (Scopri di più su bonus e detrazioni fiscali)

Bonus affitto studenti fuori sede (Isee inferiore a 20mila euro) – (Scopri come averli)

Bonus smartphone o kit di digitalizzazione (Isee inferiore a 20mila euro) – (Scopri come ottenerlo)

Bonus giornali e riviste (Isee inferiore a 20mila euro) – Per il 2021 e il 2022, viene riconosciuto alle famiglie che hanno un Isee inferiore ai 20.

000 euro e che già beneficiano del bonus PC, un contributo aggiuntivo fino 100 euro per l’acquisto di abbonamenti a quotidiani, riviste o periodici anche digitali.

Si attende il decreto per capire come ottenere l’incentivo.

Bonus mamme 500 euro – (Madri single disoccupate o con un solo reddito e un figlio disabile a carico) – (Scopri come richiederlo)

Bonus acqua, luce e gas (Isee 8.265 euro annui) – (Scopri come ottenerlo).

Bonus telefono (Isee 8112 euro) – (Scopri come ottenerlo).

Carta acquisti o social card (Isee 6966,54 euro – per famiglie con bambini sotto ai tre anni o per anziani over 65) – Scopri come ottenerlo.

Bonus affitto  – Bisogna controllare se il comune di residenza ha attivato le agevolazioni. E’ stato rifinanziato un fondo per sostenere i cittadini che hanno difficoltà a pagare il canone di locazione.

Buoni spesa (Ogni comune fissa autonomamente i parametri di accesso) – (Scopri come ottenerli) – (Guarda la video-guida)

Bonus bebè pieno (Isee 7mila euro), assegno di natalità pari a 1.920 euro annui o 2.304 euro annui in caso di figlio successivo al primo; ossia, rispettivamente, a 160 euro al mese (primo figlio) o 192 euro al mese (figlio successivo al primo) – (Scopri come riceverlo)

Bonus asilo nido pieno (Entro i 25mila euro di Isee) importo massimo, che ammonta a tremila euro – (Scopri come riceverlo)

Reddito di cittadinanza (Isee inferiore ai 9.360 euro annui) – Scopri come richiederlo

Reddito di emergenza (Reddito Isee inferiore ai 15mila euro) – Scopri le ultime notizie sul Rem

Bonus Pc (Isee familiare sotto i 20mila euro) – Scopri come riceverlo e prova il simulatore di offerte per scoprire quale pacchetto ti spetta.

Источник: https://thewam.net/bonus-famiglie-basso-reddito-isee/

Altri contributi e agevolazioni economiche alla famiglia

Aiuti alle famiglie con reddito basso

Nel 2020 causa emergenza covid-19 la platea dei destinatari della carta famiglia era stata allargata alle famiglie con almeno un figlio a carico ma a partire dal 1° gennaio 2021, i nuclei familiari con meno di tre figli conviventi e minori di 26 anni non potranno più beneficiare della Carta della famiglia (articolo 90-bis, comma 1, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge n. 24 aprile 2020, n. 27)

La Carta Famiglia, è stata istituita con la legge di stabilità del 2016, partita inizialmente come un agevolazione rivolta solo alle famiglie con almeno 3 figli minori, negli anni ha subito varie modifiche ed ha allargato la fascia dei destinatari.

Il decreto attuativo 27 giugno 2019 del Ministro per la famiglia e le disabilità di concerto con il Ministro dell’economia stabilisce gli attuali criteri di accessi, le modalità di emissione e i destinatari validi per il triennio 2019-2021. La Carta della famiglia  può essere richiesta dai genitori con almeno 3 figli minori di 26 anni, conviventi, anche adottivi.

All’interno di uno stesso nucleo familiare con stato di famiglia, è importante che esista un rapporto di filiazione con almeno uno dei genitori.

La Carta famiglia deve essere richiesta on line tramite il portale dedicato https://www.cartafamiglia.gov.it/ utilizzando le credenziali SPID personali . 

Per chi non possiede ancora le credenziali Spid, può attivarle sul sito spid.gov.it. 
Per conoscere l’elenco degli esercizi commerciali che sono convenzioni consultare il sito alla sezione “Dove usare la carta” . 

Covid 19 – Buoni spesa

L’articolo 2 del decreto legge 23 novembre 2020 (101.5 KB), n. 154 recante “Misure finanziarie urgenti connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” interviene per consentire ai Comuni l’adozione di misure urgenti di solidarietà alimentare.

Viene istituito un fondo di 400 milioni di euro nel 2020, da erogare a ciascun comune, entro 7 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto legge (entro il 30 novembre 2020), ma non è previsto un termine per l’utilizzo di tale risorse in capo ai Comuni.

I comuni potranno decidere se distribuire gli aiuti in forma di buoni spesa oppure come generi alimentari o prodotti di prima necessità.

La modalità di distribuzione e i beneficiari saranno definite da ogni singolo comune applicando la disciplina dell'ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile n. 658 del 29 marzo 2020.
Per informazioni occorre rivolgersi all’Ufficio dei Servizi Sociali del proprio Comune.

Covid 19 – Bonus baby sitting per i figli conviventi minori di anni 14

decreto-legge 13 marzo 2021, n. 30 , coordinato con la legge di conversione 6 maggio 2021 n. 61 (art 2 comma 6)

Il bonus baby sitting introdotto dal decreto legge 13 marzo 2021, n.

30, è rivolto a:
– lavoratori iscritti alla gestione separata INPS, – lavoratori autonomi, personale del comparto sicurezza, difesa, soccorso pubblico e della polizia locale impiegato per le esigenze connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19,

– lavoratori dipendenti del settore sanitario, pubblico e privato accreditato, appartenenti   alle  categorie  degli  esercenti  le professioni sanitarie, degli esercenti la professione  di  assistente sociale degli operatori socio-sanitari

Il bonus può essere utilizzato per: l’acquisto di servizi di baby-sitting o in alternativa per la comprovata iscrizione dei figli ai servizi integrativi per l’infanzia, ai centri estivi, ai servizi socio-educativi territoriali, ai centri con funzione educativa e ricreativa e ai servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia fino al 30 giugno 2021.

Il bonus baby sitting viene erogato in alternativa al congedo ed è possibile scegliere la corresponsione di uno o più bonus per l'acquisto di servizi di baby sitting, nel limite massimo complessivo di 100 euro settimanali e puo' essere fruito solo se l'altro genitore non accede ad altre tutele o al congedo previsto dal medesimo decreto per situazione analoga salvo che sia genitore anche di altri figli minori di anni 14 avuti da altri soggetti che non stiano fruendo di alcuna delle misure previste dal suddetto decreto.

Requisiti: essere genitori di figli minori di 14 anni conviventi in una delle seguenti situazioni:l) l’infezione da Covid-19;2) la quarantena da contatto (ovunque avvenuto) disposta con provvedimento del Dipartimento di prevenzione della ASL territorialmente competente;3) la sospensione dell’attività didattica in presenza;

4) la chiusura del centro assistenziale diurno.

Il messaggio 26 marzo 2021, n. 1296 fornisce ulteriori dettaglia riguardo beneficiari, misura e caratteristiche del bonus.

Modalità di erogazione del bonus: il bonus per l'acquisto di servizi di baby sitting viene erogato mediante il libretto famiglia, oppure in alternativa direttamente al richiedente, per la comprovata iscrizione ai centri estivi, ai servizi integrativi per l'infanzia, i servizi socio-educativi territoriali, ai centri con funzione educativa e ricreativa e ai servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia. La fruizione  di questo bonus utilizzata per l'iscrizione ai servizi integrativi per l'infanzia e' incompatibile con la fruizione del bonus asilo nido .

Presentazione della domanda 
Il bonus può essere richiesto:

  • in modalità telematica dal sito www.inps.it – InMyINPS (sezione “Servizi online” > “Servizi per il cittadino” > autenticazione con una delle credenziali di seguito elencate > “Domanda di prestazioni a sostegno del reddito” > “Bonus servizi di baby sitting”)  autenticandosi con PIN, SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di livello 2, CNS (Carta Nazionale dei Servizi) e CIE (Carta di Identità Elettronica);
  • tramite i servizi offerti dai Patronati.

La procedura online per richiedere il nuovo bonus baby-sitting, è attiva sul sito INPS a partire dall'8 aprile 2021. 

La Regione Emilia Romagna con la  Deliberazione n. 528 del 19 aprile 2021, anche per il 2021, attraverso le risorse provenienti dal Fondo sociale europeo, sostiene le famiglie nel pagamento della retta di frequenza dei figli ai centri estivi .

I contributi sono destinati alle famiglie degli alunni con fascia di età compresa tra i 3 e i 13 anni (nati dal 2008 al 2018) della scuola dell'infanzia, primaria e secondaria  di primo grado, per la frequenza di uno dei centri estivi gestiti dal Comune oppure dei centri estivi privati aderenti al progetto, individuati da ogni Comune tramite bando. Per maggiori informazioni consultare la scheda informativa relativa ai Centri estivi .

Contributi regionali per l'iscrizione dei figli ai corsi sportivi

La Regione Emilia Romagna con il DGR Emilia Romagna n. 600 del 03/06/2020 (pdf, 628.

39 KB) ha stanziato risorse per sostenere i nuclei famigliari con figli minori tra i 6 e i 16 anni e figli con disabilità tra i 6 e i 26 anni nell’iscrizione dei propri figli a corsi, attività e campionati sportivi organizzati da associazioni e società sportive dilettantistiche. Per maggiori informazioni consultare la scheda informativa relativa a Bambini e Sport. 

Источник: https://www.informafamiglie.it/sostegno-economico-alle-famiglie/altri-contributi-e-agevolazioni-economiche-alla-famiglia

Aiuti post COVID per le famiglie con reddito basso

Aiuti alle famiglie con reddito basso

Aiuti post COVID per le famiglie con reddito basso : bonus, voucher, agevolazioni. Le misure per aiutare le famiglie con ISEE basso

Sono molti gli aiuti e le agevolazioni messe in campo dal governo durante la pandemia da COVID-19 e nella fase successiva. Molte di queste misure sono destinate alle fasce più vulnerabili della società, come le famiglie numerose e con un reddito basso.

Cerchiamo, quindi, di fare il punto su alcuni dei più interessanti aiuti post Covid per le famiglie con reddito basso per orientarci tra voucher, bonus e altre agevolazioni.

E vi consigliamo di rivolgervi ad un CAF per sapere quali sono le agevolazioni attive e quali misure sono state messe in cmapo anche dai comuni e dalle Regioni.

Reddito di Cittadinanza

Il Reddito di cittadinanza è stato introdotto nel 2019 ed è andato a sostituire il Reddito di inclusione. Viene dall'INPS per diciotto mesi attraverso una carta di pagamento elettronica e può essere rinnovato alla scadenza se sussistono i requisiti. L'importo annuo del Reddito varia in base al numero dei componenti del nucleo familiare.

A chi spetta: ai cittadini italiani, comunitari o in possesso di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, residenti in Italia da almeno 10 anni inseriti in un nucleo familiare che ha questi requisiti:

  • ISEE inferiore a 9.360,00 euro;
  • Patrimonio immobiliare (esclusa la casa di abitazione) inferiore a 30 mila euro;
  • Patrimonio mobiliare inferiore a 6 mila euro, incrementato in funzione del numero dei componenti;
  • Reddito familiare inferiore a 6 mila euro, variabile in ragione del numero dei componenti;
  • Assenza di autoveicoli immatricolati per la prima volta nei sei mesi antecedenti la domanda, nonché autoveicoli di cilindrata superiore a 1.600 cc e motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc (immatricolati nei due anni antecedenti);
  • Assenza di navi e imbarcazioni da diporto.

Reddito di Emergenza

Il Reddito di Emergenza (REM) è una misura introdotta dal “Decreto Rilancio” e serve a sostenere le famiglie che si trovano in difficoltà economica a causa dell'emergenza epidemiologica COVID-19.

L'importo del contributo varia tra i 400 e gli 840 euro al mese a seconda dei componenti il nucleo familiare.

All'inizio erabno previste solo due tranche, ma nel decreto Agosto è stato ampliato con una ulteriore quota mensile da richiedere all'INPS entro il 15 ottobre.

A chi spetta. Alle famiglie residenti in Italia che abbiano:

  • Un valore del reddito familiare inferiore alla quota mensile del REM, quindi pari ad un valore compreso tra 400 e 840 euro;
  • Patrimonio mobiliare familiare relativo all'anno 2019 inferiore a 10 mila euro, incrementato in funzione dei componenti il nucleo;
  • ISEE inferiore a 15 mila euro.

E' uno sconto per la fornitura dei servizi di acqua, luce e gas che viene riconosciuto alle famiglie con un reddito basso o che abbiano precisi requisiti.

Lo sconto è stato istituito dal Governo e dall'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, con la collaborazione dei Comuni ed è destinato a famiglie con un reddito molto basso oppure che hanno al loro interno un familiare con gravi problemi di salute che necessita dell'utilizzo costante di apparecchiature mediche elettriche.

A chi spetta. Alle famiglie che hanno:

  • un ISEE fino a 8.265 euro
  • un ISEE fino a 20.000 euro per le famiglie numerose con un numero uguale o superiore a 3 o 4 figli a carico (dipende dalla fornitura)

Voucher PC e Internet

Il bonus consiste in:

  • 500 euro euro (200 euro per l'accesso ad internet e 300 euro per l'acquisto di un nuovo tablet o pc o per il comodato d'uso) alle famiglie con Isee inferiore a 20 mila euro;
  • 200 euro per la connettività ad almeno 30 Mbps, per tutte le tecnologie, per le famiglie con Isee inferiore a 50 mila euro.

Carta della Famiglia

Il Decreto Legge n.9 del 2 Marzo, che conteneva le “Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19”, ha introdotto novità sulla Carta della Famiglia: può essere attivata anche se si ha solo un figlio ed è stato eliminato il limite dell'ISEE per il 2020.

La Carta permette alle famiglie con almeno un figlio a carico di usufruire di sconti sui loro acquisti nei negozi e sul web.

Info sulla piattaforma dedicata Carta Famiglia

Bonus Famiglia

Le tre misure – Bonus bebè 2020, bonus mamma domani, bonus asilo nido – sono ancora attive per quest'anno e si prevede di farle tutte confluire nell'Assegno Unico per i figli a carico che partirà l'anno prossimo.

gpt inread-altre-0

Источник: https://www.pianetamamma.it/la-famiglia/aiuti-post-covid-per-le-famiglie-con-reddito-basso.html

Gravidanza
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: